Robert Aldrich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il vescovo inglese del XVI secolo, vedi Robert Aldrich (vescovo).

Robert Burgess Aldrich (Cranston, 9 agosto 1918Los Angeles, 5 dicembre 1983) è stato un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense ricordato principalmente per il film Che fine ha fatto Baby Jane? (Whatever happened to Baby Jane?) del 1962.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò studiando come attore all'"Academy Studios", dove avrebbero studiato anche alcuni dei più grandi attori americani, e partecipò con una piccola parte al film di Joseph Losey, La grande notte (The Big Night, 1951), anche se la sua vocazione era quella di regista. In tale ruolo si conquistò il successo, dopo una dura gavetta come sceneggiatore ed aiuto-regista, quando appena trentenne diresse Vera Cruz (Vera Cruz, 1954), dirigendo attori quali Gary Cooper e Burt Lancaster. Con Lancaster girò L'ultimo Apache (Apache, 1954) e Dieci secondi col diavolo (Ten Seconds to Hell, 1959).

Come a John Ford, anche a Robert Aldrich piacque la contrapposizione tra virilità maschile e fragilità femminile e lo evidenziò in Foglie d'autunno (Autumn Leaves, 1956) con Joan Crawford. Ma fu la critica all'ipocrisia e alla corruzione dell'America di quel periodo a caratterizzare il suo cinema degli anni cinquanta, in film come Un bacio e una pistola (Kiss Me Deadly, 1955) e Il grande coltello (The Big Knife, 1955).

Negli anni sessanta firmò film come L'occhio caldo del cielo (The Last Sunset del 1961), western con Rock Hudson, Kirk Douglas e Dorothy Malone; Che fine ha fatto Baby Jane? (What Ever Happened to Baby Jane? del 1962), film del terrore con Bette Davis e Joan Crawford; Piano... piano, dolce Carlotta (Hush... Hush, Sweet Charlotte del 1964), sempre con la Davis; e il film antimilitarista Quella sporca dozzina (The Dirty Dozen del 1967), con attori come Lee Marvin, Ernest Borgnine, Charles Bronson e John Cassavetes.

Sul finire del decennio il regista sferrò attacchi al decadente mondo dello spettacolo (Quando muore una stella, The Legend of Lylah Clare del 1968; L'assassinio di Sister George, The Killing of Sister George del 1968), alla cinica borghesia statunitense (Grissom Gang (Niente orchidee per Miss Blandish) del 1971) e al corrotto mondo politico (Ultimi bagliori di un crepuscolo, Twilight's Last Gleaming del 1976). Presidente della Screen Directors Guild dal 1975 al 1979, il suo ultimo film fu California Dolls (All the Marbles...) nel 1981.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Aiuto regista[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Leone d'argento per Il grande coltello
Nomination Leone d'oro per Il grande coltello
Orso d'argento per il miglior regista per Foglie d'autunno
  • 1956 - Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia
Premio Pasinetti per Prima linea
Nomination Leone d'oro per Prima linea
Nomination Palma d'oro per Che fine ha fatto Baby Jane?
Nomination Miglior regista cinematografico per Che fine ha fatto Baby Jane?
Nomination Miglior regista/produttore (6º posto)
  • 1967 - Laurel Awards
Nomination Miglior regista/produttore (6º posto)
  • 1968 - Directors Guild of America Awards
Nomination Miglior regista cinematografico per Quella sporca dozzina
  • 1968 - Laurel Awards
Nomination Miglior regista/produttore (4º posto)
  • 1970 - Laurel Awards
Nomination Miglior regista/produttore (10º posto)
  • 1982 - Hochi Film Awards
Miglior film straniero per California Dolls

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN15032507 · ISNI (EN0000 0001 2276 873X · LCCN (ENn79012888 · GND (DE119406659 · BNF (FRcb14653105h (data)