Lo strano amore di Marta Ivers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo strano amore di Marta Ivers
Lo strano amore di Marta Ivers.png
Sam (Van Heflin), Martha (Barbara Stanwick) e Walter (Kirk Douglas) in una scena del film
Titolo originale The Strange Love of Martha Ivers
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1946
Durata 116 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, noir
Regia Lewis Milestone
Soggetto John Patrick
Sceneggiatura Robert Rossen
Produttore Hal B. Wallis
Casa di produzione Paramount
Fotografia Victor Milner
Montaggio Archie Marshek
Musiche Miklós Rózsa
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Doppiaggio originale:

Lo strano amore di Marta Ivers (The Strange Love of Martha Ivers) è un film del 1946 diretto da Lewis Milestone.

Fu presentato in concorso al 2º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marta, una ragazza adolescente, vive con la zia bisbetica e più volte tenta di scappare di casa. Un giorno viene aiutata dal suo amico Sam, ma i due vengono ritrovati con la complicità di Walter e del padre (tutore di Marta) a bordo di un treno in procinto di partire. Una sera, durante un temporale, mentre Marta e Walter erano a casa, entra dalla finestra Sam con l’intenzione di portar via Marta. Si danno appuntamento al treno ma Marta non andrà mai poiché la zia intuisce tutto e si reca dalla nipote per chiedere spiegazioni , ma durante il diverbio, Marta perde le staffe e la colpisce con un oggetto di metallo, la zia cade dalla scale e muore. Da quel momento Marta , il suo tutore e Walter stabiliscono, per il bene di tutti, che la zia è stata colpita da uno sconosciuto introdottosi in casa all’improvviso. Nel contempo Marta eredita tutti i beni della zia e si sposa con Walter, divenuto procuratore della città. Dopo circa 18 anni Sam si ritrova per puro caso a passare da quelle parti e costretto a fermarsi per la riparazione della sua auto alloggia per qualche tempo in città. Conosce Irene, una ragazza molto bella di cui s’innamora. Ritrova il suo amico Walter e la moglie Marta, che nel frattempo è diventata ricca. Marta riscopre vecchi ricordi della sua adolescenza e cerca di riconquistare Sam sparlando di suo marito, che si ubriaca spesso. Intanto Walter, in qualità di procuratore, scopre che la moglie di nascosto vede Sam. Per paura di perderla Walter organizza una spedizione punitiva nei confronti di Sam facendolo allontanare da sua moglie. Ma lui ritorna sul posto e, ancora più convinto, restituisce i pugni a Walter. I due coniugi da quel momento faranno di tutto affinché non emerga la verità sulla morte della zia. Dopo aver inutilmente tentato di corrompere Sam, trovano nel suicidio l’unica salvezza ai loro errori. Sam nel finale ritrova la sua Irene che nel frattempo aspettava di ripartire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 1947, festival-cannes.fr. URL consultato il 25 gennaio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN196913040 · GND: (DE4644221-2 · BNF: (FRcb14665504z (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema