Burt Reynolds

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Burt Reynolds ai Premi Emmy 1991

Burton Leon Reynolds Jr. (Lansing, 11 febbraio 1936) è un attore, regista e sceneggiatore statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Burt Reynolds nel ruolo del tenente Dan August (1972)

Di origini irlandesi e cherokee da parte di padre, Reynolds debutta in televisione, interpretando tra la fine degli anni cinquanta e i primi anni sessanta diverse serie, per divenire popolare con Hawk l'indiano (Hawk). Per il cinema partecipa allo spaghetti western Navajo Joe di Sergio Corbucci, che egli stesso definisce il film più brutto a cui abbia mai preso parte, al punto da consigliarne la proiezione solo sugli aerei e nelle carceri, dove gli spettatori non hanno via d'uscita e sarebbero costretti a guardarlo.[1]

Il grande successo arriva nel 1972 con Un tranquillo weekend di paura (Deliverance), nel quale interpreta un tizio che, con alcuni amici, partecipa a un'escursione in canoa sulle rapide di un'amena regione americana, dove diviene bersaglio di alcuni balordi, che trasformano la breve vacanza in un incubo. Nel 1974 è protagonista di Quella sporca ultima meta (The Longest Yard) di Aldrich, nel ruolo di un giocatore di football, sport del quale era stato realmente un buon giocatore come halfback durante gli studi alla Florida State University.

Negli anni ottanta partecipa a film di discreto successo come La corsa più pazza d'America (The Cannonball Run). Nel 1997 recita in Boogie Nights - L'altra Hollywood (Boogie Nights), per il quale viene candidato al premio Oscar come migliore attore non protagonista. Nel 2002 è guest-star in un episodio della serie televisiva X-Files. Dal 1976 al 2000 ha collezionato anche 5 esperienze di regia senza ottenere grande successo.

Ha prestato la sua voce nei videogiochi Grand Theft Auto: Vice City e Grand Theft Auto: Liberty City Stories per doppiare Avery Carrington, mentre in Saints Row: The Third ha doppiato il sindaco della città di Steelport. Ha partecipato alla serie TV My Name Is Earl nei panni di Chubby, ricco magnate proprietario di fast food, strip club, rivendite di auto.

Era stato preso in considerazione nel 1968 per interpretare l'horror Rosemary's Baby - Nastro rosso a New York, nel 1977 per la parte di Rocky e per il ruolo di Ian Solo in Guerre stellari, nel 1983 per il ruolo di Garreth in Voglia di tenerezza (andato a Jack Nicholson) e nel 1988 per Trappola di cristallo (Die Hard), ruolo poi affidato a Bruce Willis.[senza fonte]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Reynolds si è sposato due volte: la prima con l'attrice Judy Carne dal 1963 al 1965, la seconda con Loni Anderson dal 1988 al 1995. Con quest'ultima ha adottato nel 1988 un figlio, Quinton.

Ha inoltre avuto una breve relazione con l'attrice Inger Stevens, durata fino alla morte di lei, avvenuta nel 1970, per suicidio. È stato legato per molti anni all'attrice Sally Field e alla cantante Dinah Shore. Negli anni settanta le cronache rosa parlarono di un suo flirt con la tennista Chris Evert. Dal 1998 è fidanzato con la cameriera Pam Seals.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Burt Reynolds nel 2011

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Burt Reynolds è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 ha conquistato un Razzie Awards quale peggiore attore dell'anno per la sua interpretazione in Un piedipiatti e mezzo (Cop and ½), e nel 1996 quale componente della peggior coppia cinematografica con Demi Moore per Striptease.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Burt Reynolds, disponibile qui; ultimo accesso il 30 gennaio 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN85052594 · LCCN: (ENn79134867 · ISNI: (EN0000 0001 1030 3468 · GND: (DE11925168X · BNF: (FRcb13898955h (data)