Pino Locchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pino Locchi

Pino Locchi, diminutivo di Giuseppe Locchi (Roma, 10 novembre 1925Roma, 21 novembre 1994), è stato un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Padre dell'attrice teatrale Marina Locchi, la sua fama è dovuta principalmente al doppiaggio di Sean Connery, Tony Curtis, Roger Moore, Charles Bronson, Elvis Presley, Terence Hill, Sidney Poitier, Jean-Paul Belmondo e molti altri.


Doppiatore di Goldrake

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Debutta giovanissimo, ad appena sei anni, con il documentario Il Natale di Bebè, prodotto per la Cines e diretto da Carlo Campogalliani, e continua poi a recitare da bambino, con notevole disinvoltura, in parecchi film dell'inizio del sonoro, anche se spesso in ruoli minuscoli, fra i quali il figlioletto di Napoleone (il Re di Roma) in Campo di maggio di Giovacchino Forzano (1935).

Continua l'attività di attore bambino nel cinema fino al 1942, senza diventare celebre come i vari Cesare Barbetti, Paolo Ferrari, Corrado Pani ed Elio Sannangelo dell'epoca, e successivamente si dedica anche al teatro su invito di Forzano, facendo parte di prestigiose compagnie come la Cervi-Pagnani, Stival, Ruggeri, Cimara e quella del Teatro Eliseo.

Dopo aver svolto un'intensa attività radiofonica entra a far parte di una compagnia di doppiaggio dove diventa una delle "voci" più richieste per attori stranieri e non soltanto.

Pino Locchi è famoso per essere stato il doppiatore ufficiale di Sean Connery, oltre ad aver prestato la voce anche a Tony Curtis, Sidney Poitier, Martin Balsam, Roger Moore e George Lazenby (questi ultimi due, come Connery, nel ruolo di James Bond) e di Anthony Perkins nel celeberrimo Psycho di Alfred Hitchcock. È stato anche la voce di alcuni "duri" del cinema come Charles Bronson, Steve McQueen, Clint Eastwood, Kirk Douglas, Burt Lancaster e Charlton Heston, ma anche di attori di straordinaria bellezza come Robert Wagner, Omar Sharif, John Gavin e Richard Burton (in Mia cugina Rachele e Il letto di spine). È conosciuto anche per aver doppiato Richard Crenna (Il colonnello Samuel Trautman in Rambo e Rambo II - La vendetta), Michael Caine, John Derek, Jeffrey Hunter, Cliff Robertson (ne I tre giorni del Condor) e il cantante Elvis Presley nella parte recitata dei suoi film.

Oltre ad aver doppiato attori di livello internazionale, Pino Locchi è stato anche il doppiatore di alcuni attori italiani, infatti è sua la voce di Terence Hill nella maggior parte dei film girati in coppia con Bud Spencer (doppiato da Glauco Onorato) come Lo chiamavano Trinità..., Continuavano a chiamarlo Trinità, Chi trova un amico, trova un tesoro e Il mio nome è Nessuno. Altri attori italiani da lui doppiati sono Maurizio Arena, Giuliano Gemma, Maurizio Merli e i cantanti Claudio Villa e Teddy Reno. Doppia anche alcuni personaggi nei film di animazione della Disney: il bulldog Toughy in Lilli e il vagabondo (doppiaggio originale), Caio in La spada nella roccia, Gas Gas in Cenerentola (riedizione del 1967), l'Orso Marinaio in Pomi d'ottone e manici di scopa, l'orso Baloo ne Il libro della giungla, Little John in Robin Hood (entrambi questi personaggi sono doppiati da Phil Harris nelle edizioni originali dei film) e Re Tritone nel film La sirenetta. Muore a seguito di due infarti il 21 novembre 1994, all'età di 69 anni. Il suo ultimo doppiaggio è stato Caro zio Joe del 1994.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi Disney[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Film TV e sceneggiati[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio di Oliver Hardy[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Volumineide, rivista di Michele Galdieri, regia di Galdieri, prima al Teatro Lirico di Milano il 3 febbraio 1942
  • Maya, regia di Orazio Costa, prima al Teatro Eliseo di Roma il 24 novembre 1945

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN89840126 · BNF: (FRcb16056380s (data)