I protagonisti (film 1992)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I protagonisti
I protagonisti (film 1992).png
Tim Robbins in una scena del film
Titolo originaleThe Player
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1992
Durata124 min
Generecommedia, drammatico
RegiaRobert Altman
SoggettoMichael Tolkin (romanzo)
SceneggiaturaMichael Tolkin
ProduttoreDavid Brown, Michael Tolkin, Nick Wechsler
Produttore esecutivoCary Brokaw
Casa di produzioneAvenue Pictures, Spelling Entertainment, David Brown Productions, Addis-Wechsler
FotografiaJean Lépine
MontaggioGeraldine Peroni, Maysie Hoy
Effetti specialiJohn C. Hartigan
MusicheThomas Newman
ScenografiaStephen Altman, Ken Kaufman, Jerry Fleming, Susan Emshwiller
CostumiAlexander Julian
TruccoDeborah K. Larsen
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

«Non avrei potuto fare I Protagonisti se non avessi fatto Tanner '88. E non saremmo qui a parlare de I protagonisti se l'avessi fatto come era nel libro. Ho usato un miscuglio di dramma e commedia, di realtà e satira, di fiction e non fiction: tutti gli strumenti utilizzati nella lavorazione di Tanner '88. Peccato non l'abbia visto nessuno.»

(Robert Altman)

I protagonisti (The Player) è un film del 1992, diretto da Robert Altman.

Presentato in concorso al 45º Festival di Cannes, ha vinto il premio per la miglior regia e il premio per la migliore interpretazione maschile.[1] Altman inoltre è stato candidato all'Oscar per Miglior regista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Griffin Mill è un produttore, potente, ricco e riverito, ai vertici di una compagnia cinematografica. Ascolta le storie degli sceneggiatori e decide quali hanno il potenziale per essere trasformate in film, dando il via libera solo a 12 proposte su 50.000 ogni anno. Il suo lavoro è minacciato quando il dirigente emergente Larry Levy inizia a lavorare in studio.

Un giorno Mill inizia a ricevere delle lettere anonime che lo minacciano di morte. Indagando risale a David Kahane, uno sceneggiatore a cui mesi prima aveva promesso una chiamata, mai effettuata. Lo cerca e la ragazza di Kahane, June Gudmundsdottir, racconta a Mill che Kahane è in un teatro a Pasadena. Lo trova qui mentre guarda Ladri di biciclette. Griffin cerca di ammorbidirlo, ma lo scrittore non sta al gioco. Tra i due scoppia una lite e lo sceneggiatore viene ucciso. Mill poi sistema la scena per farlo sembrare una rapina fallita.

Il giorno successivo, dopo che Mill è in ritardo a una riunione, il capo della sicurezza dello studio, Walter Stuckel, lo affronta sull'omicidio e dice che la polizia sa che è stato l'ultimo a vedere Kahane vivo. Alla fine della loro conversazione Mill riceve un fax dal suo stalker. Quindi, Mill ha ucciso l'uomo sbagliato e lo stalker, a quanto pare, lo sa. Anche i detective Avery e DeLongpre sospettano che Mill sia colpevole di omicidio. Mill, intanto, partecipa al funerale di Kahane e inizia una conversazione con Gudmundsdottir.

Mill riceve una cartolina dallo stalker che suggerisce di incontrarsi al bar di un hotel. Mentre Mill sta aspettando, viene messo alle strette da due sceneggiatori, Tom Oakley e Andy Sivella, che propongono "Habeas Corpus", un dramma legale senza grandi star e con un finale deprimente. Poiché Mill non è solo, il suo stalker non compare. Dopo aver lasciato il bar, Mill riceve un fax in macchina, consigliandogli di guardare sotto l'impermeabile dove scopre un serpente a sonagli vivo in una scatola che lo colpisce con l'ombrello.

Mill dice a Gudmundsdottir che la sua esperienza di pre-morte gli ha fatto capire che prova dei sentimenti per lei. Temendo che Larry Levy continui a invadere il suo lavoro, Mill invita i due scrittori a lasciargli "Habeas Corpus", convincendolo che il film sarà un candidato all'Oscar. Il piano di Mill è di lasciare che Levy guidi il film attraverso la produzione e farlo fallire. Mill interverrà all'ultimo momento, suggerendo alcune modifiche per salvare il botteghino del film, permettendogli di reclamare la sua posizione in studio. Dopo aver convinto Sherow a partire per New York per affari in studio, Mill porta Gudmundsdottir a un banchetto di premiazione di Hollywood e la loro relazione sboccia.

Dopo che Sherow affronta Mill sulla sua relazione con Gudmundsdottir, Mill recide freddamente la loro relazione di fronte a due scrittori. Mill porta Gudmundsdottir in un isolato resort di Desert Hot Springs e, mentre fanno l'amore, Mill confessa il suo ruolo nell'omicidio di Kahane, e Gudmundsdottir risponde dicendo che lo ama. L'avvocato di Mill lo informa che il capo dello studio Joel Levison è stato licenziato e che la polizia di Pasadena vuole che Mill partecipi a una formazione.

Nel frattempo si assiste a varie vicende del mondo hollywoodiano: chi perde il proprio potere e la propria influenza nell'ambiente cinematografico in poco meno di un'ora; un regista che sembra assolutamente onesto, ma che per fare il suo film accetta di essere sepolto dai compromessi...[2]

Un anno dopo, i pezzi grossi dello studio stanno guardando la fine di "Habeas Corpus", realizzato con un inedito finale hollywoodiano e con attori famosi nei ruoli principali. Il piano di Mill per salvare il film ha funzionato e lui è il capo dello studio. Gudmundsdottir è ora la moglie di Mill ed è incinta di suo figlio. Sherow si oppone al nuovo finale del film e viene licenziato da Levy. Mill la respinge quando lei gli fa appello per la sua cessazione. Mill riceve una presentazione al telefono da Levy e da un uomo che si rivela come lo scrittore di cartoline. L'uomo lancia un'idea su un dirigente di studio che uccide uno scrittore e se la cava con un omicidio. Colpito, Mill fa un patto allo scrittore per mettere in piedi un film se però può garantire un lieto fine in cui il dirigente convive felicemente con la vedova dello scrittore. Il titolo del film sarà "I protagonisti".

Genesi[modifica | modifica wikitesto]

Questo è il film che segna il ritorno sulla scena mondiale da parte di Altman. Dopo anni di produzioni a basso costo e di sperimentazione, con questo film sul mondo del cinema Hollywoodiano il regista statunitense torna a imporsi sulle scene maggiori. Dopo il relativo successo di Vincent & Theo (film sui fratelli Van Gogh finanziato in Europa) Altman decide di tornare a lavorare negli Stati Uniti iniziando a comporre la sceneggiatura di America oggi. Dapprima l'interesse delle major è relativamente scarso. La scrittura della sceneggiatura viene finanziata dalla Paramount, la quale però una volta conclusa la rifiuta.

Nel frattempo l'indipendente Avenue Entertainment offre al regista l'adattamento del romanzo Il giocatore (The Player) di Michael Tolkin, una satira sul mondo di Hollywood scritto nel 1988 da Tolkin. L'opera si delinea immediatamente dal potenziale esplosivo. Nel giro di un anno la selezione degli attori è terminata ed il cast comprende i volti di mezza Hollywood: una carrellata tra i volti noti che affollano i bar e gli studios, da Julia Roberts a Bruce Willis, da Susan Sarandon a Peter Falk, oltre alle icone altmaniane Elliott Gould, Karen Black, Cher, Jack Lemmon, Mimi Rogers e altri ancora. Il passaparola in Hollywood riattira l'interesse della distribuzione ed il film viene selezionato per il Festival di Cannes.

Tematiche e tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Altman ritorna sulla grande scena dipingendo una Hollywood, come dirà lui stesso, "luogo di tagliole con personaggi seduti nei loro uffici, preoccupati solo a far profitto e con nessun senso di vergogna. Nel passato si cercava un buon attore, un buon regista, ed un bravo scrittore, ora prima decidono come vendere un film, ed una volta venduto cercano di farlo".

Il film si avvicina, abbandonate le claustrofobiche produzioni degli anni '80, alle prime produzioni altmaniane, affresco corale e tagliente di un universo sconosciuto ai più: corale come M*A*S*H, noir come Il lungo addio. Esemplare il piano sequenza iniziale di ben nove minuti e mezzo durante il quale si discute di celebri piani sequenza, intervallati da zoomate attraverso le finestre (anche questa citazione del maestro Orson Welles) all'interno degli studi dove si discute, alla maniera hollywoodiana, di cinema-produzione.

Interessante anche il finale nel quale lo scrittore telefona a Griffin proponendogli la trama del film, che in realtà è il film che si è appena finito di vedere (rimando esplicito a M*A*S*H, in cui nel finale gli altoparlanti annunciano "il film che avete appena visto è M*A*S*H", iniziando quindi ad elencare il cast: la finzione che si riproduce senza soluzione di continuità).

Nel film si compiono in realtà due omicidi: oltre quello dello scrittore ucciso per sbaglio da Griffin, il vero grande morto è il mito di Hollywood, e con lui tutto il mondo ed il modo di fare arte da parte dell'industria. Subito dopo si scaglierà infatti contro un altro colosso dell'Arte-industria: quello della moda in Prêt-à-Porter, per il quale - a differenza dell'autoironia con il quale venne accettato nei cantieri Hollywoodiani The Player - verrà attaccato e boicottato da un mondo che non può accettare, dicendo di fare arte, di essere una mera industria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1992, su festival-cannes.fr. URL consultato il 21 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2015).
  2. ^ I protagonisti, su mymovies.it. URL consultato il 21 febbraio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN207949316 · GND (DE4744111-2 · BNF (FRcb16743065b (data)
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema