Renato Cortesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Renato Cortesi (Bergamo, 28 luglio 1939) è un attore, doppiatore, dialoghista e direttore del doppiaggio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo avere frequentato la scuola del Piccolo Teatro di Milano, comincia giovanissimo l'attività di attore al Teatro Universitario in opere di Thorton Wilder, Jonesco, Mrozek. Ha doppiato in ben 13 film Gérard Depardieu e altrettante volte André Dussollier. Ha anche prestato la voce a William Hurt in Brivido caldo e Stati di allucinazione, a Liam Neeson in Vite sospese, a Jeff Bridges in C'è un fantasma tra noi due, a Jean Claude Dreyfus ne La nobildonna e il duca, e a Bill Daily nella serie Strega per amore.

Tra gli attori doppiati Rutger Hauer, Brad Dourif, Dan Aykroyd, Geoffrey Rush, Burt Reynolds, Viggo Mortensen, Ben Kingsley, Jim Belushi in Una poltrona per due, Derek Jacobi ne Il gladiatore di Ridley Scott e Gene Hackman nel ridoppiaggio di Superman.

Ha inoltre doppiato personaggi della Walt Disney: Lafayette ne Gli Aristogatti, Pippo nei cartoni degli anni ottanta, e Tigro in Winnie Pooh.

Cortesi ha fatto il doppiatore in nove film di Federico Fellini; in particolare nel film Roma ha doppiato Peter Gonzales, che interpretava Fellini da giovane. Nel 2004, unico attore italiano invitato, riceve a Berlino un Premio nel Gran galà del Doppiaggio.[senza fonte]

Cortesi ha svolto anche attività teatrale, iniziando dal teatro universitario. Nel 1966 a Roma collabora con Renzo Ricci.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]