Renzo Ricci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renzo Ricci nel 1930 durante la lavorazione di Corte d'Assise.

Renzo Ricci (Firenze, 27 settembre 1899Milano, 20 ottobre 1978) è stato un attore e regista teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il teatro moderno, volto così fortemente all'introspezione dei personaggi, trova in Renzo Ricci uno dei più attenti precorritori. Formatosi all'Accademia dei Fidenti, inizia a lavorare da professionista nel 1915 nella celebre Gramatica-Carini-Piperno. Si sposa con l'attrice Margherita Bagni, figlia di Ambrogio Bagni e Ines Cristina (la loro figlia, Nora Ricci, sarà anch'essa un'importante attrice di prosa e prima moglie di Vittorio Gassman), poi con Eva Magni, con cui formerà stabilmente una compagnia di giro nel secondo dopoguerra.

Laura Adani e Renzo Ricci nella commedia teatrale Noi giovani di Giuseppe Adami 1938

Da sempre attento ai problemi moderni della regia, è diretto da Guido Salvini (ne La nave di Gabriele d'Annunzio, che apre la stagione del rinnovamento registico italiano, nel 1938) e da Renato Simoni (nell'Adelchi di Alessandro Manzoni del 1940), nonché da Luchino Visconti (nel celebre Troilo e Cressida al Giardino di Boboli a Firenze, 1949).

Nel 1946, propone al giovane Giorgio Strehler di riallestire Caligola di Albert Camus (da lui presentato in prima mondiale a Ginevra, al Théâtre de la Comédie). Con Strehler Ricci sarà inoltre, al Piccolo Teatro, Riccardo III nel 1950, Firs ne Il giardino dei ciliegi di Anton Cechov (1972) e il plenipotenziario nel Balcone di Jean Genet, nel maggio 1976, che sarà anche la sua ultima interpretazione.

Sempre alla ricerca di esperienze nuove e attuali, si crea un repertorio vasto e impegnato, che comprende i maggiori autori: Shakespeare, Pirandello, Shaw, Ibsen, Bernstein, Coward, Guitry, Boudet, Anouilh, Albert Camus, Odets, Fabbri, Eliot, O'Neill. Di quest'ultimo propone in prima italiana Lungo viaggio verso la notte, del quale curò anche la regia (con la collaborazione di Virginio Puecher) nel 1957.

Svolse, anche se in modo discontinuo, l'attività di doppiatore dalla metà degli anni 30 agli anni 60.

È sepolto a Firenze, sua città natale, nel cimitero monumentale delle Porte Sante.

Il teatro[modifica | modifica wikitesto]

Eva Magni e Renzo Ricci negli studi di Radio Rai 1957

Prosa radiofonica RAI[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Mariella Lotti, Sergio Tofano e Renzo Ricci in una locandina del film Turbamento di Guido Brignone (1942)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN42024187 · ISNI: (EN0000 0001 1628 7331 · SBN: IT\ICCU\UBOV\487127 · LCCN: (ENno2007012731 · GND: (DE142602787 · BNF: (FRcb138377424 (data)