Luigi Squarzina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Luigi Squarzina (Livorno, 18 febbraio 1922Roma, 8 ottobre 2010) è stato un drammaturgo e regista teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò a Roma, al Liceo Classico Tasso, dove ebbe come compagni di classe Vittorio Gassman e Luigi Silori [1].

Considerato uno dei protagonisti del teatro italiano del Novecento, ha messo in scena alcuni tra gli spettacoli più importanti della storia del teatro italiano come l'Amleto di Shakespeare con Vittorio Gassman (1952), Madre Coraggio di Bertolt Brecht con Lina Volonghi (1970), Le Baccanti di Euripide (nel celebre allestimento del 1968 dove il coro era formato da un gruppo di hippies).

Tra i testi teatrali da lui scritti, spiccano L'esposizione universale (Premio Gramsci 1948), Romagnola (Premio Marzotto 1958), Siamo momentaneamente assenti (Premio Idi 1992)

È stato direttore artistico del Teatro di Genova (dal 1962 al 1976, assieme a Ivo Chiesa) e del Teatro Argentina di Roma (dal 1976 al 1983).

Nel 2003 ha vinto il Premio DAMS alla carriera (assegnato dal Rettore dell'Università di Bologna) e nel 2006 gli è stato assegnato il Premio Galeone d'oro alla carriera al Premio Nazionale Letterario Pisa.

La regia teatrale[modifica | modifica sorgente]

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ G. Ravetta, Un liceo per la Capitale. Storia del Liceo Tasso, Viella editore