Henrik Ibsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Ibsen" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Ibsen (disambigua).
Henrik Johan Ibsen

Henrik Johan Ibsen [ˈhɛnɾik ˈipsən] (Skien, 20 marzo 1828Oslo, 23 maggio 1906) è stato un drammaturgo, poeta e regista teatrale norvegese.

Firma di Ibsen

È considerato il padre della drammaturgia moderna, per aver portato nel teatro la dimensione più intima della borghesia ottocentesca, mettendone a nudo le contraddizioni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'infanzia e l'adolescenza[modifica | modifica wikitesto]

Silhouette della famiglia Altenburg/Paus
Hedvig Altenburg, nonna materna di Ibsen

Henrik Johan Ibsen nacque a Skien, cittadina della Norvegia sudorientale, nel 1828, da una famiglia di discendenza danese e tedesca. Il padre, Knud Plesner Ibsen, era un ricco armatore, e la madre, Marichen Cornelia Martine Altenburg, era figlia di uno degli uomini più facoltosi di Skien, proprietario, tra le altre cose, di una grande casa in città, di una distilleria a Lundetangen e di una fattoria in campagna. Le sue due navi erano impegnate nel commercio di legname.[1] I suoi beni passarono alla vedova e quindi a Marichen, quando quest'ultima sposò Knud, il 1º dicembre 1825. Con il matrimonio, come volevano le leggi vigenti, tutto divenne proprietà del marito.[2]

Henrik era il figlio cadetto, anche se il primogenito Johan, di due anni più grande, morì il 14 aprile 1828. Gli Ibsen ebbero altri quattro figli: nel 1830 nacque Johan Andreas, nel 1832 l'unica femmina Hedvig Kathrine, nel 1834 Nicolai Alexander e nel 1835 Ole Paus. Nonostante il padre avesse rapidamente fatto fortuna con il suo multiforme commercio, tanto da figurare, nel 1833, come sedicesimo contribuente di Skien, subì un rovescio finanziario ancor più repentino. Ridotto in povertà, attorno al giugno 1835 si trasferì con la famiglia a Venstøp, piccolo villaggio a quattro chilometri di distanza, in una fattoria che aveva acquistato due anni prima. Knud, dopo il trasferimento, provò a salvare la disastrosa situazione finanziaria con modesti commerci, destinati, negli anni successivi, a fallire anch'essi.[3]

Henrik era un bambino solitario e molto introverso, che rifuggiva la compagnia dei coetanei. Era solito rinchiudersi in una stanza della fattoria per leggere, improvvisare spettacoli con il suo teatro giocattolo, disegnare e dipingere (la pittura fu sin dalla tenera età l'altra grande passione di Ibsen). Con il suo atteggiamento, si esponeva alle prese in giro degli altri bambini, che lanciavano palle di neve e pietre contro la sua stanza, finché Ibsen usciva a cacciarli in malo modo.[4] Molti anni più tardi Thalie Kathrine Ording, coetanea del drammaturgo e sua vicina di casa a Venstøp, ritrarrà il ragazzino Henrik come «sgradevole» e «veramente odioso. Malevolo e crudele. Era anche solito picchiarci. Quando crebbe divenne di aspetto molto gradevole, ma non piaceva a nessuno per la sua cattiveria. Nessuno voleva stare con lui, che se ne stava sempre per conto proprio».[5]

La tenuta di Venstøp

Ibsen frequentò una scuola elementare della sua città natale, percorrendo quotidianamente a piedi i chilometri che la separavano dalla fattoria di Venstøp. Maturò un precoce interesse per la medicina, ma al termine delle elementari, anziché iscriversi (forse per mancanza di disponibilità economica) all'istituto che avrebbe assecondato questo proposito avviandolo verso studi universitari, seguì per un paio d'anni una scuola privata, retta da due giovani teologi, John Hansen e W.F. Stockfleth. Lì studiò il latino e il tedesco, dimostrando particolare interesse per la storia antica e gli studi biblici.[6]

Nel 1843 la famiglia fece ritorno a Skien, ma già nel dicembre, in seguito al dichiarato fallimento dell'attività del padre, che era nel frattempo diventato un commerciante in legname, Ibsen dovette abbandonare gli studi e, per sostenere la famiglia, recarsi a Grimstad - località che a quel tempo «non aveva più di 800 abitanti»[7] -, dove lavorò fino al 1850 come assistente nella farmacia di Jens Arup Reimann. Questi viveva con la famiglia nello stesso edificio della farmacia, dove anche Ibsen fu alloggiato. Henrik dovette condividere la stanza con i tre figli più grandi dei Reimann maturando, nella continua, forzata convivenza con altre persone, un bisogno di solitudine e di spazi che lo caratterizzerà poi sempre fortemente.[8]

La farmacia dei Reimann a Grimstad. Ibsen abitò in questo edificio dal 1843 al 1847

Come rivela una lettera del 20 maggio 1844 all'amico Poul Lieungh, Ibsen si trovava bene presso i Reimann: «sono molto contento e non mi sono mai pentito di essere venuto qui, perché Reimann è molto buono con me, e fa tutto il possibile per stimolare il mio interesse nel lavoro in farmacia, che all'inizio non era granché piacevole».[9]

Come era avvenuto a Skien, anche a Grimstad il futuro drammaturgo fuggì il più possibile la compagnia dei coetanei, incorrendo nelle loro prese in giro e nei loro sospetti. Quando aveva finito di lavorare, si ritirava in solitudine fino a notte fonda per leggere, dipingere, abbozzare le sue prime poesie e prepararsi all'esame d'ammissione per la facoltà di medicina.[10] Dotato di acuto spirito di osservazione, cominciò presto a studiare con occhio critico gli avventori della farmacia, da cui trasse materia per attaccare, nei componimenti dell'epoca, l'ipocrisia e i rapporti sociali.[11]

Fu un ragazzo dalla precoce virilità, con una folta barba già in età adolescenziale. Nel 1846 Ibsen, appena diciottenne, ebbe una relazione con una delle donne di servizio della farmacia, la ventottenne Else Sophie Birkedalen, che il 9 ottobre diede alla luce il figlio Hans Jacob.[12]

Da una lettera spedita a una sua cugina, sappiamo che egli non si trovava più bene presso i Reimann. I debiti contratti dal proprietario della farmacia, già cospicui quando Ibsen cominciò l'apprendistato, andarono aggravandosi progressivamente, e Reimann si diede all'alcol, dimostrandosi, dopo Knud, un'altra deludente figura paterna. Nell'agosto 1846 vendette la sua attività all'asta; il nuovo proprietario la cedette a sua volta, nel marzo 1847, quando un giovane farmacista benestante, Lars Nielsen, la rilevò. Dalla nuova situazione Ibsen provò un senso liberatorio, sentendosi sollevato dall'atmosfera difficile venutasi a creare in casa Reimann. Nielsen spostò l'attività a Østregata, un quartiere più centrale, dove le condizioni di lavoro erano migliori e dove Ibsen, in virtù di un esame superato nella vicina Arendal, divenne "assistente qualificato", ed ebbe così un aumento di stipendio.[13]

Le prime opere[modifica | modifica wikitesto]

A quest'epoca risale l'amicizia con Christopher Due, appena giunto a Grimstad come impiegato della dogana. La fama del giovane Ibsen cominciò a crescere nella cittadina, dove si faceva notare per l'intelligenza e lo spirito sarcastico e anticlericale. La farmacia di Østregata diventò così un luogo di ritrovo per i giovani che avevano velleità intellettuali. Intanto Ibsen scriveva versi, alcuni satirici e pungenti, altri - che mostrava solo a Due - più "seri". Fu grazie all'intercessione di Due, divenuto corrispondente da Grimstad per il neonato giornale Christiania-Posten, che Ibsen poté vedervi pubblicata il 29 settembre 1849 la sua prima composizione, la poesia I Høsten (In autunno).[14]

Nel 1848 si applicò agli studi liceali e sognò di dedicarsi alla carriera politica. Tra l'inverno del 1848 e il successivo, Ibsen scrisse il suo primo dramma, Catilina, in tre atti e in versi. Lo affidò all'amico Ole Schulerud, uno studente di legge che si recava a Christiania (così si chiamava, all'epoca, Oslo), e che lo presentò all'unico teatro cittadino. L'opera fu rifiutata, ma Schulerud, fermamente convinto del talento e delle capacità del drammaturgo, la pubblicò a sue spese. Uscì nell'aprile 1850, in qualche centinaio di esemplari.[15]

Marcus Thrane

Ibsen, la cui povertà era ormai estrema (tra il mantenimento del figlio e gli studi non gli rimanevano nemmeno i soldi per vestirsi),[16] scelse di lasciare l'angusto luogo per tentar fortuna nella capitale. Il 12 aprile Catilina apparve nelle librerie; il giorno seguente Ibsen partì alla volta di Christiania.[17]

Arrivò il 28 aprile 1850 in una città che contava 30000 abitanti. Fu alloggiato dalla signora Sæther, zia di Schulerud, che oltre al nipote ospitava anche Theodor Abildgaard, uno studente di legge che introdusse Ibsen nell'ambiente delle Associazioni operaie di Marcus Thrane (1817-1890), un socialista norvegese recentemente rientrato dalla Francia, dove era rimasto conquistato dagli ideali rivoluzionari del 1848. Ibsen tenne alcune lezioni presso la scuola domenicale delle Associazioni, finché Abildgaard e Thrane, il 7 luglio 1851, furono arrestati (e presto sarebbero stati condannati ai lavori forzati).[18]

Nel frattempo Ibsen seguiva i corsi dell'istituto Heltberg per prepararsi all'examen artium, il superamento del quale costituiva un prerequisito per l'ammissione all'università. In questa scuola conobbe, tra i discenti, i futuri scrittori Aasmund Vinje (1818-1870) e Bjørnstjerne Bjørnson. Il secondo, insignito nel 1903 del Premio Nobel per la letteratura, rimarrà uno dei più stretti amici di Ibsen, mentre il primo introdusse a sua volta il giovane drammaturgo nella temperie politica del tempo.[19]

Il mancato superamento dell'esame, causato dalla bocciatura in greco e matematica, fu compensato dai primi successi come drammaturgo. Rielaborando un testo già avviato a Grimstad, Ibsen compose Il tumulo del guerriero (Kjæmpehøjen), atto unico in versi che fu accettato dal teatro di Christiania, e rappresentato il 26 settembre 1850.[20] L'opera, ambientata nel decimo secolo, propone la contrapposizione tra lo spirito vendicativo dei vichinghi e il perdono cristiano.[21]

Gli anni di Bergen[modifica | modifica wikitesto]

Johan Ludvig Heiberg

Nel 1851 Ole Bull lo volle alla direzione del Norske Theater di Bergen, dove aveva lavorato come maestro di scena. Il neonato teatro si proponeva di far vivere, attraverso le opere, la storia e le tradizioni patrie, in una parola l'identità norvegese. Ibsen fu ospitato da Helene Sontum, proprietaria di una delle più rispettabili pensioni cittadine. L'incarico, che gli garantiva una paga stabile, paragonabile a quella di un insegnante, rappresentò un significativo miglioramento delle sue condizioni economiche.[22]

Per quanto Bergen fosse la più popolosa e fiorente città del Regno e sua capitale, non aveva ancora molto da offrire a livello culturale, e tutti, al Norske Theater, erano piuttosto inesperti. Così, per migliorare la sua formazione, il comitato del Norske finanziò a Ibsen e a una giovane coppia della troupe, i coniugi Brun, un viaggio a Copenaghen e Dresda. Il 15 aprile 1852 salpò alla volta della capitale danese, culturalmente molto vivace. Ibsen si stabilì in una stanza nelle vicinanze del Teatro Reale, diretto da quel Johan Ludvig Heiberg che dal 1825 aveva cominciato ad assurgere a maggior gloria delle scene danesi, e che accolse calorosamente Ibsen, offrendogli un lasciapassare per accedere gratuitamente alle rappresentazioni. Presso il Teatro Reale Ibsen compì la maggior parte dei suoi studi, durante il soggiorno a Copenaghen. Il vecchio direttore Thomas Overskou (1798-1873) gli mostrò il backstage spiegandogli il funzionamento dei macchinari. Durante le sei settimane di permanenza in terra danese, il Teatro Reale mise in scena diverse opere shakespeariane, tra cui un Amleto dai tratti realistici e poco accademici, in linea quindi con quella che sarà la produzione ibseniana maggiore. A Copenaghen Ibsen incontrò anche Hans Christian Andersen.[23]

Partito il 6, giunse a Dresda il 9 giugno, dove continuò il suo apprendistato. Durante il soggiorno trascorse un'esistenza molto solitaria, visitando le bellezze cittadine e scrivendo. Il periodo in Sassonia funse da ispirazione per una raccolta di poesie, I Billedgalleriet, in cui evocherà la perdita della fede ma al tempo stesso la possibilità di stabilire un contatto con il divino attraverso la contemplazione dei capolavori artistici di Raffaello, Correggio o Murillo. La raccolta fu scritta più avanti e pubblicata nel 1859.[24]

Tornato a Bergen, mandò in scena La notte di San Giovanni (Sancthansnatten), commedia romantica in 3 atti che Ibsen forse cominciò a redigere in collaborazione con uno studente di Christiania, Christian Bernhoft, che poi defezionerà. L'opera fu scritta tra la primavera e l'estate, principalmente durante il soggiorno continentale. La notte di San Giovanni è una storia d'amore ambientata nel Telemark coevo, in cui è evidente l'influsso shakespeariano del Sogno di una notte di mezza estate, oltre che di autori scandinavi quali Hostrup, lo stesso Heiberg e Paul Botten-Hansen.[25]

Il nazionalismo, pur trovandovi spazio, risulta subordinato all'affinamento artistico e alla perizia nei dialoghi, che Ibsen cura, alla ricerca di un proprio stile e di una propria identità letteraria. La prima rappresentazione, il 2 gennaio 1853, vide il tutto esaurito, ma all'unica replica, il 5 gennaio, l'afflusso di pubblico fu più ridotto.[26] Se l'accoglienza di pubblico non fu buona - partirono fischi durante la prima -, è altresì vero che nessun dramma, al teatro di Bergen, andava mai oltre le due serate, e spesso anzi ci si fermava alla prima. La critica, non entusiasta, lasciò comunque intravedere qualche apprezzamento.[27]

Trasferitosi in una dépendance del teatro, dove avrebbe vissuto per quattro anni, nella primavera del 1853 Ibsen conobbe la quindicenne Rikke Holst, che subì il fascino del solitario, malinconico, scontroso e appassionato drammaturgo. Presto i due si fidanzarono, ma la forte opposizione del padre di lei pose fine all'idillio.[28]

Non era un periodo facile: Ibsen non riusciva ad imporsi come drammaturgo e veniva anche criticato dal comitato del teatro, in una lettera che gli rimproverava una gestione insoddisfacente. Per l'opera da rappresentare il 2 gennaio 1854, Ibsen riprese in mano Il tumulo del guerriero, sottoponendolo a una radicale revisione, riducendo l'afflato lirico di oehlenschlaegeriana matrice e curando maggiormente la verosimiglianza storica. I personaggi acquisivano una loro identità più marcata e anche l'opposizione fra cristianesimo e paganesimo si faceva più definita e drammatica. Nonostante ciò, la pièce ebbe un'unica rappresentazione, che i giornali passarono praticamente sotto silenzio. Il Bergenske Blade, tuttavia, la pubblicò come supplemento.[29]

Nel corso del 1854 nuovi nomi cominciarono a lavorare per il teatro di Bergen. Tra questi, il più importante per la carriera ibseniana fu un uomo d'affari, Peter Michael Blytt (1823-1897), a cui il drammaturgo sottopose in settembre un manoscritto, attribuendone la paternità a un autore di Christiania. La tragedia era stata in realtà scritta da Ibsen, che, timoroso, voleva mandare avanti un suo testo proteggendosi con l'anonimato. Blytt fu entusiasta dell'opera, Donna Inger di Østråt (Fru Inger til Østråt), pièce ambientata nel primo Cinquecento, in un contesto di forti tensioni politiche in cui la protagonista combatte a fianco dei rivoltosi svedesi e norvegesi contro l'aristocrazia danese, ma è dilaniata interiormente, in quanto l'amato figlio è frutto di un matrimonio con quella stessa aristocrazia. Storia nazionale e introspezione psicologica affiorano quindi nuovamente in Ibsen, nella sua opera più shakespeariana. Le tracce del realismo psicologico sono un'evidente eredità del viaggio continentale; il dramma idealista del passato si manifesta ancora, ma la transizione verso quello realistico si fa più concreta. La tragedia aprì la nuova stagione, il 2 gennaio 1855, con due rappresentazioni, la prima delle quali apprezzata dal pubblico.[30]

Nel 1857 venne nominato direttore del Kristiania Norske Theater. Nello stesso anno si fidanzò con Suzannah Daae Thoresen, figliastra della scrittrice Anna Magdalene Kragh, e la sposò dopo pochi mesi. In quegli anni compose i drammi Gildet på Solhaug (Una festa a Solhaug, 1856), Olaf Liljekrans e Hærmændene paa Helgeland (I guerrieri di Helgeland, 1857).

A una fase posteriore della sua intensa produzione letteraria risalgono opere come Terje Vigen (1862), Kjærlighedens Komedie (La commedia dell'amore, 1862) e il dramma storico Kongs-emnerne (I pretendenti al trono, 1863).

Il viaggio in Europa e la fase romantica[modifica | modifica wikitesto]

Ibsen a Dresda nel 1870

Nel 1864 Ibsen pubblicò il dramma I pretendenti al trono, che aveva scritto in sei settimane. Nello stesso anno, intanto, scoppiò la guerra dello Schleswig-Holstein, in merito alla quale Ibsen era a favore dell'intervento scandinavo. Indignato della neutralità del suo Paese, il 2 aprile partì per l'Italia con la sua famiglia, dopo la chiusura del teatro di Bergen. In Italia visitò Roma dove scrisse un dramma, Brand (1866). L'anno seguente, dopo un viaggio tra Ischia e Sorrento compose il Peer Gynt (1867), dramma in versi di genere fantastico e di difficile messa in scena, reso famoso anche dalle musiche che Edvard Grieg scrisse appositamente per la sua prima rappresentazione (Kristiania, 24 febbraio 1876).

La fase romantica ibseniana si conclude con la commedia brillante De unges Forbund (La lega dei giovani, 1869) e con il dramma Kejser og Galilaer (Cesare e Galileo, 1873). Dal 1868 al 1874 risiedette a Dresda, poi tornò di nuovo a Roma.

La fase del teatro sociale[modifica | modifica wikitesto]

La fase più squisitamente sociale del teatro ibseniana ha inizio con Samfundets støtter ("I pilastri della società", 1877), seguito da Et dukkehjem ("Casa di bambola", 1879), scritto ad Amalfi e imperniato su una figura femminile (Nora) che si ribella al marito ma soprattutto alle ipocrite leggi della società in cui vive. Seguono altri capolavori, come Gengangere ("Gli spettri", 1881), En folkefiende ("Un nemico del popolo", 1882), Vildanden ("L'anitra selvatica", 1884), Rosmersholm ("La casa dei Rosmer", 1886), Fruen fra havet ("La donna del mare", 1888) e Hedda Gabler (1890).

Nel 1891 Ibsen lasciò definitivamente Roma. A questo periodo risalgono i drammi Bygmester Solness ("Il costruttore Solness", 1892) e Lille Eyolf ("Il piccolo Eyolf", 1894). Dopo il ritorno a Kristiania, Ibsen scrisse i suoi ultimi lavori, John Gabriel Borkmann (1896) e Når vi døde vågner ("Quando noi morti ci risvegliamo", 1899).

Nel 1900 Ibsen venne colpito da paralisi. Morì sei anni dopo a Kristiania, il 23 maggio 1906.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Henrik Ibsen ritratto nel 1895 da Eilif Peterssen.

Riferimenti nelle scienze e nell'arte[modifica | modifica wikitesto]

A Ibsen è stato intitolato il cratere Ibsen, sulla superficie di Mercurio.

A Ibsen ha dedicato uno studio lo psicologo e filosofo Ludwig Binswanger, Henrik Ibsen. La realizzazione di sé nell'arte, Quodlibet, Macerata, 2008.

Il quadro di George Grosz Le Colonne della Società è un evidente riferimento all'omonima opera di Henrik Ibsen.

Lo scrittore italiano Scipio Slataper incentrò la tesi di laurea su Ibsen, discussa pochi anni dopo la morte del drammaturgo norvegese e data poi alle stampe in un volume con rimaneggiamenti.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Dannebrog
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce dell'Ordine della Stella Polare

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Ferguson, Ibsen, London 1996, p. 4.
  2. ^ R. Ferguson, cit., pp. 3-4.
  3. ^ R. Ferguson, cit., pp. 4-6.
  4. ^ R. Ferguson, cit., p. 7.
  5. ^ Norden, 16 ottobre 1920.
  6. ^ N. Rhodes, Ibsen and the Greeks, Lewisburg-London 1995, pp. 23-24; R. Ferguson, cit., p. 10.
  7. ^ H. B. Jaeger, Henrik Ibsen. A Critical Biography, Chicago 1901, p. 32.
  8. ^ R. Ferguson, cit., p. 13.
  9. ^ Hundreårsutgave [edizione completa delle opere ibseniane], Oslo, Gyldendal, vol. XVI, 1940, p. 23.
  10. ^ R. Ferguson, cit., p. 14.
  11. ^ R. Carusi, La vita, in Henrik Ibsen, Verona 1977, pp. 16-18.
  12. ^ R. Ferguson, cit., p. 15.
  13. ^ R. Ferguson, cit., p. 17.
  14. ^ R. Ferguson, cit., pp. 17-19; P. E. Larson, Ibsen in Skien and Grimstad, Grimstad 1999, p. 108.
  15. ^ R. Ferguson, cit., pp. 25-31.
  16. ^ R. Ferguson, cit., p. 29.
  17. ^ (EN) Torstein Velsand, Henrik Ibsen. The Man and His Plays.
  18. ^ J. De Decker, Ibsen, Paris 2006, pp. 33-37; R. Ferguson, cit., p. 33.
  19. ^ J. De Decker, cit., pp. 34-35.
  20. ^ D. Thomas, Henrik Ibsen, London 1983, p. 5.
  21. ^ R. Ferguson, cit., pp. 35-36.
  22. ^ I. de Figueiredo, Henrik Ibsen, New Haven-London 2019, pp. 87-89.
  23. ^ R. Ferguson, cit., pp. 44-49.
  24. ^ R. Ferguson, cit., pp. 49-51.
  25. ^ I. de Figueiredo, cit., pp. 104-105.
  26. ^ R. Ferguson, cit., pp. 53-55.
  27. ^ I. de Figueiredo, cit., pp. 105-106.
  28. ^ I. de Figueiredo, cit., pp. 106-108.
  29. ^ I. de Figueiredo, cit., pp. 108-110.
  30. ^ I. de Figueiredo, cit., pp. 111-113.
  31. ^ Radiocorriere TV, anno 42, n. 9, ERI, 1965, p. 37.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Boccardi, La donna nell'opera di Henrik Ibsen, Milano, Max Kantorowicz, 1893.
  • Roberto Carusi (testi di), Henrik Ibsen, Verona, Arnoldo Mondadori, 1977 [1ª ed. 1968].
  • (FR) Jacques De Decker, Ibsen, Paris, Gallimard, 2006.
  • (EN) Ivo de Figueiredo, Henrik Ibsen. The Man and the Mask, New Haven-London, Yale University Press, 2019.
  • (EN) Robert Ferguson, Henrik Ibsen. A New Biography, London, Richard Cohen Books, 1996.
  • (EN) Halvdan Koht, The Life of Ibsen, tradotto da Ruth Lima McMahon e Hanna Astrup Larsen. W. W. Norton & Company, Inc., New York, 1931.
  • (EN) Henrik Bernhard Jaeger, Henrik Ibsen. A Critical Biography (trad. dal norvegese di William Morton Payne), Chicago, A. C. McClurg & co., 2ª ed. [1ª ed. 1890], 1901.
  • (EN) Frank Laurence Lucas, The Drama of Ibsen and Strindberg, London, Cassell, 1962.
  • (EN) Michael Meyer, Ibsen, Stroud, History Press Ltd., 2004.
  • (EN) Toril Moi, Henrik Ibsen and the Birth of Modernism. Art, Theater, Philosophy, Oxford e New York, Oxford UP, 2006 ISBN 978-0-19-920259-1.
  • (EN) Norman Rhodes, Ibsen and the Greeks. The Classical Greek Dimension in Selected Works of Henrik Ibsen as Mediated by German and Scandinavian Culture, Lewisburg-London, Bucknell University Press-Associated University Press, 1995.
  • Scipio Slataper, Ibsen, Torino, Bocca, 1916.
  • (EN) David Thomas, Henrik Ibsen, London, Macmillan, 1983.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71378383 · ISNI (EN0000 0001 2138 5710 · SBN IT\ICCU\CFIV\008640 · Europeana agent/base/60040 · LCCN (ENn79070050 · GND (DE118555286 · BNF (FRcb119081540 (data) · BNE (ESXX883971 (data) · ULAN (EN500330924 · NLA (EN35217716 · BAV (EN495/124393 · CERL cnp00395290 · NDL (ENJA00444186 · WorldCat Identities (ENlccn-n79070050