Conferenza Episcopale Italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Conferenza Episcopale Italiana
Arcidiocesi e sedi.jpg
Suddivisione delle province ecclesiastiche in territorio italiano.
AbbreviazioneCEI
TipoConferenza episcopale
Affiliazione internazionaleConsiglio delle conferenze dei vescovi d'Europa
Fondazione8 gennaio 1952 a Firenze
Sede centraleItalia Circonvallazione Aurelia 50, 00165 Roma
Area di azioneItalia, San Marino
PresidenteItalia cardinale Gualtiero Bassetti
Lingua ufficialeitaliano
Membri232 (2021)
Sito web

La Conferenza Episcopale Italiana (CEI) è l'assemblea permanente dei vescovi italiani. Dal 24 maggio 2017 è presieduta dal cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo metropolita di Perugia-Città della Pieve.

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

La CEI nasce a Firenze l'8 gennaio 1952 sotto forma di assemblea dei presidenti delle conferenze episcopali delle regioni conciliari italiane.

A differenza delle conferenze episcopali degli altri Paesi, quella italiana è l'unica[1] il cui presidente non viene eletto dai membri ma è nominato personalmente dal papa in qualità di primate d'Italia sulla base di una terna presentata dall'assemblea.[2]

Le Conferenze episcopali nazionali furono organi fortemente voluti dal cardinale Giuseppe Siri, arcivescovo di Genova per quaranta anni, uno dei massimi esperti di tomismo a livello mondiale. Lo stesso Siri fu uno dei primi presidenti di tale organo, in carica dal 12 ottobre 1959 al 1965.

È un organismo che assume rilievo particolare nei rapporti tra lo Stato italiano e la Chiesa cattolica, ovvero nei rapporti tra politici membri delle istituzioni italiane e vescovi cattolici italiani.

La CEI opera come una persona giuridica (pubblica) avente sede in Roma i cui membri di diritto sono gli arcivescovi e i vescovi, di qualsiasi rito, delle diocesi e delle altre chiese cattoliche particolari italiane, i vescovi coadiutori ed ausiliari nonché i vescovi titolari che dal Vaticano o dalla stessa CEI hanno ricevuto uno speciale ufficio stabile a livello nazionale.

La CEI è articolata in conferenze episcopali regionali che dipendono da quella nazionale, e fa parte del Consiglio delle conferenze dei vescovi d'Europa. Suoi compiti specifici sono:

  • studiare i problemi che interessano la vita della Chiesa cattolica in Italia;
  • dare orientamento nel campo dottrinale e pastorale;
  • mantenere i rapporti con le pubbliche autorità dello Stato italiano.

Per quanto riguarda il terzo punto, è interessante notare che il concordato tra Italia e Vaticano ha affidato alla CEI il compito di gestire direttamente i termini dell'accordo (v. ad esempio l'art. 13, n. 2); poiché l'attuazione di numerose norme è rinviata a intese successive tra le parti, è previsto che i rapporti relativi si instaurino tra autorità governative e Conferenza episcopale (anziché, come un tempo, direttamente con il Vaticano), a conferma dell'importanza data a questo organismo particolare di governo ecclesiastico.

La CEI gestisce i fondi dell'otto per mille destinati alla Chiesa cattolica dai cittadini italiani.

Il territorio di competenza comprende la Repubblica Italiana e la Repubblica di San Marino. È editore di TV2000, un'emittente televisiva autonoma, e di InBlu, network di radio. La CEI collabora inoltre con la Rai per la realizzazione del programma televisivo A sua immagine e con Mediaset per la realizzazione del programma televisivo Le frontiere dello spirito.

Consiglio episcopale permanente[modifica | modifica wikitesto]

Il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana

Presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Segreteria[modifica | modifica wikitesto]

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti delle conferenze episcopali regionali[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti delle commissioni episcopali[modifica | modifica wikitesto]

Organismi[modifica | modifica wikitesto]

Commissioni episcopali[modifica | modifica wikitesto]

Dottrina della fede, l'annuncio e la catechesi[modifica | modifica wikitesto]

Liturgia[modifica | modifica wikitesto]

Servizio della carità e della salute[modifica | modifica wikitesto]

Clero e vita consacrata[modifica | modifica wikitesto]

Laicato[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia, giovani e vita[modifica | modifica wikitesto]

Evangelizzazione dei popoli e cooperazione tra le Chiese[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Educazione cattolica, scuola e università[modifica | modifica wikitesto]

Problemi sociali e lavoro, giustizia e pace[modifica | modifica wikitesto]

Cultura e comunicazioni sociali[modifica | modifica wikitesto]

Migrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Consiglio per gli affari giuridici[modifica | modifica wikitesto]

Consiglio per gli affari economici[modifica | modifica wikitesto]

Collegio dei revisori dei conti[modifica | modifica wikitesto]

Commissione mista Vescovi - Religiosi - Istituti secolari[modifica | modifica wikitesto]

Comitato scientifico e organizzatore delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani[modifica | modifica wikitesto]

Fondazione di Religione "Santi Francesco d'Assisi e Caterina da Siena"[modifica | modifica wikitesto]

Altri organismi[modifica | modifica wikitesto]

Commissione presbiterale italiana
Consulta ecclesiale degli organismi socio-assistenziali
Centro Universitario Cattolico
Comitato per gli studi teologici e di scienze religiose
Comitato per i Congressi eucaristici nazionali
Comitato per gli interventi caritativi a favore del Terzo Mondo
Consiglio nazionale della scuola cattolica
Comitato per la promozione del sostegno economico alla Chiesa Cattolica
Comitato per la valutazione dei progetti di intervento a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto
Fondazione Migrantes
Fondazione "Comunicazione e cultura"
Fondazione "Missio"

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Vicepresidenti[modifica | modifica wikitesto]

Vicepresidenti per l'Italia settentrionale[modifica | modifica wikitesto]

Vicepresidenti per l'Italia centrale[modifica | modifica wikitesto]

Vicepresidenti per l'Italia meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Segretari generali[modifica | modifica wikitesto]

Uffici e servizi pastorali[modifica | modifica wikitesto]

  • Ufficio catechistico nazionale
  • Ufficio liturgico nazionale
  • Ufficio nazionale per la pastorale della salute
  • Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia
  • Ufficio nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese
  • Ufficio nazionale per l'educazione, la scuola e l'università
  • Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro
  • Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali
  • Ufficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici
  • Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport
  • Ufficio nazionale per i problemi giuridici
  • Servizio nazionale per la pastorale giovanile
  • Servizio nazionale per il progetto culturale
  • Servizio per gli interventi caritativi a favore dei Paesi del terzo mondo
  • Servizio informatico
  • Servizio per la promozione del sostegno economico alla Chiesa cattolica
  • Servizio nazionale per l'edilizia di culto
  • Servizio nazionale per l'insegnamento della religione cattolica
  • Osservatorio giuridico-legislativo
  • Economato e amministrazione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oltre all'Italia ci sono al mondo solo altri due casi in cui i vescovi non votano per il proprio presidente. Uno è il Belgio, dove tale ruolo spetta all'arcivescovo in carica di Malines-Bruxelles e l'altro è la conferenza dei vescovi latini nei paesi arabi, presieduta "ex officio" dal patriarca latino di Gerusalemme.
  2. ^ Il papa conferma il suo luogotenente in Italia. URL consultato il 26 maggio 2015 (archiviato il 26 maggio 2015).
  3. ^ Saluto del Card. Ugo Poletti al termine del suo mandato e funzioni di Pro-Presidente del Card. Salvatore Pappalardo, su chiesacattolica.it, 17 gennaio 1991. URL consultato il 25 gennaio 2021.
  4. ^ Incarico ricoperto durante il ricovero del cardinale Gualtiero Bassetti, ai sensi del can. 452§1-2 del Codice di diritto canonico.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Conferenza Episcopale Italiana, Dalla parola alle opere. 15 anni di testimonianze del Vangelo della carità nel Terzo Mondo, su chiesacattolica.it.
  • Umberto Folena, La vera questua. Analisi critica di un'inchiesta giornalistica, Milano, Avvenire Nuova Editoriale Italiana, 2008.
  • Curzio Maltese, La questua - Quanto costa la Chiesa agli italiani, Feltrinelli, 2008. ISBN 88-07-17149-X
  • Francesco Sportelli, La Conferenza Episcopale Italiana 1952-1972, Congedo Editore, Galatina 1994
  • Francesco Sportelli, L'identità della CEI. Fra ricerca strutturale e stabilità istituzionale (1952-1972), in Vita e Pensiero, 3 (1993), pp. 186–196
  • Francesco Sportelli, I vescovi italiani al Vaticano II: il ruolo della Conferenza Episcopale Italiana, in Rivista di scienze religiose, 23 (1998), pp. 37–90
  • Paolo Gheda, Il card. Giuseppe Siri e la Conferenza Episcopale Italiana al Concilio Ecumenico Vaticano II, in «Synaxis» (2005) XXIII/3, pp. 69–104
  • Paolo Gheda, La Conferenza Episcopale Italiana e la preparazione del Concilio Vaticano II, in P. Chenaux (a cura), La PUL e la preparazione del Concilio, Atti del Convegno internazionale di studi (Città del Vaticano 27 gennaio 2000), Mursia, Roma 2001, pp. 99–119
  • Francesco Sportelli, CEI – Conferenza Episcopale Italiana, in Le diocesi d'Italia. Dizionario storico, vol. I, Le regioni ecclesiastiche, a cura di E. Guerriero, L. Mezzadri, M. Tagliaferri, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 2007, pp. 278–286
  • Francesco Sportelli, La Cei e la collegialità italiana, in Cristiani d'Italia. Chiese, società, stato. 1861-2011, vol. II, a cura di A. Melloni, Treccani. Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma 2011, pp. 839–850

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122048662 · ISNI (EN0000 0001 2149 6875 · LCCN (ENn79084315 · GND (DE127537-9 · BNF (FRcb14416266j (data) · BAV (EN494/10561 · WorldCat Identities (ENlccn-n79084315
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo