Carlo Ghidelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Ghidelli
arcivescovo della Chiesa cattolica
CarloGhidelli.jpg
Mons. Carlo Ghidelli in visita al Santuario di Corbetta nel 2010
Coat of arms of Carlo Ghidelli.svg
Vobiscum sum
Titolo Lanciano-Ortona
Incarichi attuali Arcivescovo emerito di Lanciano-Ortona
Incarichi ricoperti Assistente ecclesiastico generale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore
Arcivescovo di Lanciano-Ortona
Presidente della Conferenza Episcopale dell'Abruzzo-Molise
Nato 24 aprile 1934 (82 anni) ad Offanengo
Ordinato presbitero 28 giugno 1958
Nominato arcivescovo 25 novembre 2000 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Consacrato arcivescovo 14 gennaio 2001 dal cardinale Giovanni Battista Re

Carlo Ghidelli (Offanengo, 24 aprile 1934) è un arcivescovo cattolico e biblista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi nel seminario di Crema, è stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1958 e incardinato nel clero della diocesi cremasca; ha conseguito la laurea in teologia presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma e successivamente la licenza in Sacra Scrittura presso il Pontificio Istituto Biblico di Roma.

In diocesi, ha svolto il suo servizio come docente nel seminario (1958-1982), è stato segretario del vescovo Carlo Manziana (1964-1982) e assistente dell'Azione Cattolica (1976-1983).

Come biblista, è stato docente nella Facoltà teologica dell'Italia settentrionale di Milano (1970-1982). Nel 1983 lascia i vari incarichi e tutti gli impegni pastorali per assumere il delicato ruolo di sottosegretario della Conferenza Episcopale Italiana, che svolge fino al 1986, quando viene nominato assistente ecclesiastico generale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore nella sua sede di Milano, incarico che ricopre fino al 2000.

Il 25 novembre 2000 papa Giovanni Paolo II lo elegge arcivescovo di Lanciano-Ortona. Il 14 gennaio 2001 viene ordinato vescovo dal cardinale Giovanni Battista Re (co-consacranti Enzio d'Antonio e Angelo Paravisi) prendendo possesso dell'arcidiocesi nello stesso giorno. In tale veste è anche presidente della Conferenza Episcopale Abruzzese e Molisana dal 2004 al 2011.

L'11 ottobre 2010 papa Benedetto XVI accoglie la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Lanciano-Ortona per raggiunti limiti d'età, e da quel momento Ghidelli risiede a Milano.

È membro del Centro Studi dell'Unione Apostolica del Clero (UAC)[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Biblista noto in campo nazionale e internazionale, ha collaborato alla traduzione interconfessionale della Bibbia in lingua corrente, nonché all'attuale revisione della Bibbia promossa dalla CEI. Ha approfondito in particolare lo studio dell'opera lucana (Vangelo e Atti degli Apostoli). Ha all'attivo numerose pubblicazioni, tra cui:

  • Commento al Vangelo di Luca (1972);
  • Commento agli Atti degli Apostoli (1982);
  • La Chiesa vive, Per una rilettura teologico-pastorale degli Atti degli Apostoli (1978);
  • Magnificat (1990);
  • Comunicare. Note bibliche per la vita sulla lettera pastorale "Effata" (Apriti) del cardinale C.M. Martini, Milano, Paoline, 1991. ISBN 88-315-0579-3.
  • Esperienza di preghiera. Seguendo il Vangelo di Luca, Torino, Paoline, 1992. ISBN 88-215-2319-5.
  • Il Dio vivo, Colloqui sulla Trinità alla scuola di san Paolo (1992);
  • Vangelo e vita universitaria (1992);
  • Beatitudini evangeliche e spiritualità laicale (1996);
  • La Parola e noi. Verso il Terzo Millennio con gli Atti degli Apostoli (1999);
  • Dio è padre e madre, Meditazioni bibliche (2000);
  • Spiritualità coniugale (2001).
  • Vangelo di Luca. Nuovissima versione dai testi originali (introduzione del cardinale Carlo Maria Martini), Cinisello Balsamo, San Paolo, 2002. ISBN 88-215-4514-8.
  • Le tappe della lettura della Bibbia. Come leggere una pagina biblica, come leggere una parabola, un discorso, un miracolo, con Carlo Buzzetti, Cinisello Balsamo, San Paolo, 2003. ISBN 88-215-4929-1.
  • Mio dolce Maestro. Introduzione alla lettura del vangelo apocrifo di Tommaso, Ortona, D'Abruzzo edizioni-Menabò, 2003.
  • La Societa biblica britannica e forestiera. 200 anni di storia in Italia, con Domenico Maselli, Roma, Societa biblica britannica & forestiera, 2004. ISBN 88-237-5020-2.
  • Racconti dell'infanzia del Signore di Tommaso filosofo israelita, Ortona, Menabò, 2005. ISBN 88-86396-65-1.
  • Lettere sulla famiglia, Leumann [Rivoli], Elledici, 2006. ISBN 88-01-03534-9.
  • Viva ed efficace. Quindici metafore della parola di Dio, Cinisello Balsamo, San Paolo, 2008. ISBN 978-88-215-6318-8.
  • La gioia e il coraggio dell'ecumenismo, Roma, Societa Biblica Britannica & Foresteria, 2009. ISBN 978-88-237-5018-0.
  • Paolo maestro di vita cristiana. La pedagogia dell'Apostolo, Brescia, La scuola, 2009. ISBN 978-88-350-2447-7.
  • Omaggio a Dante Alighieri. Lectio Dantis nella Concattedrale di Ortona, Ortona, Opera della basilica di San Tommaso Apostolo, 2010.
  • Lettere pastorali dell'arcivescovo Carlo 2000-2010, Lanciano, Curia arcivescovile, 2010.
  • La famiglia. Una pagina di vangelo, Torino, Elledici, 2011. ISBN 978-88-01-04800-1.
  • Una parola per te. Per conoscere e capire la Bibbia, Milano, Centro Ambrosiano, 2011. ISBN 978-88-8025-080-7.
  • Libertà evangelica. Carlo Manziana, a cura di Carlo Ghidelli, Brescia, La Scuola, 2011. ISBN 978-88-350-2675-4.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Assistente ecclesiastico generale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore Successore Stemma UCSC.png
- 1986 - 2000 Gianni Ambrosio
Predecessore Arcivescovo di Lanciano-Ortona Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Enzio d'Antonio 25 novembre 2000 - 11 ottobre 2010 Emidio Cipollone
Predecessore Presidente della Conferenza Episcopale dell'Abruzzo-Molise Successore Mitra heráldica.svg
- 4 gennaio 2004 - 4 gennaio 2011 Tommaso Valentinetti
Controllo di autorità VIAF: (EN66515793 · LCCN: (ENn78029691 · ISNI: (EN0000 0001 1661 8495 · GND: (DE1022205218 · BNF: (FRcb12210730v (data)