Camillo Di Pietro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Camillo Di Pietro
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Camillus di Pietro - Historical accounts of Lisbon college.jpg
Ritratto del cardinale Di Pietro
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato10 gennaio 1806 a Roma
Ordinato diacono2 giugno 1839
Ordinato presbitero16 giugno 1839
Nominato arcivescovo8 luglio 1839 da papa Gregorio XVI
Consacrato arcivescovo14 luglio 1839 dal cardinale Chiarissimo Falconieri Mellini
Creato cardinale19 dicembre 1853 da papa Pio IX
Pubblicato cardinale16 giugno 1856 da papa Pio IX
Deceduto6 marzo 1884 (78 anni) a Roma
 

Camillo Di Pietro (Roma, 10 gennaio 1806Roma, 6 marzo 1884) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Roma il 10 gennaio 1806 da Domenico e da Faustina Caetani. Il padre era nipote di Michele Di Pietro, un cardinale fra i consiglieri più ascoltati di Pio VI e figlio di Panfilo, un mercante di campagna originario di Introdacqua vicino a Sulmona nell'Abruzzo aquilano.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Studiò nel Collegio Romano e vi conseguì la laurea in filosofia; passato poi nel Seminario romano, il 30 agosto 1827 ebbe l'onore di sostenere una pubblica disputa "de historia ecclesiastica" davanti a Leone XII e nel 1830 fu prescelto come oratore per i funerali di Pio VIII. A quell'epoca il Di Pietro, laureato anche in diritto canonico e civile, aveva già intrapreso quella carriera prelatizia che si sarebbe sviluppata per un decennio portandolo, attraverso una lunga serie di incarichi, al sacerdozio ed alla porpora: prelato domestico nel 1829, ponente di S. Consulta (1829-32), delegato apostolico prima ad Orvieto (1833) e quindi a Spoleto (1834-35), uditore di S. Rota dal 1835 al 1839.

Ministero episcopale e cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Fu promosso all'Ordine dei suddiaconi, poi dei diaconi, infine dei preti; nel 1839 fu nominato arcivescovo di Berito inpartibus.

Giuseppe Gioachino Belli in un sonetto gli indirizza una invettiva ("ch'hai de pietra er cognome com'er grugno, / botte de furberia scerta in ner mazzo...") per come il giovane prelato aveva affrontato in una questione d'affari il commediografo G. Giraud.

Fu Nunzio apostolico presso la corte borbonica di Napoli e la corte portoghese a Lisbona.

Nunzio apostolico per tanti anni, fu elevato al rango di cardinale da papa Pio IX nel concistoro del 19 dicembre 1853 e nominato in pectore; la nomina fu resa pubblica nel concistoro del 16 giugno 1856. Il 17 febbraio 1857 ricevette la berretta cardinalizia con il titolo di San Giovanni a Porta Latina.

Fu trasferito alla diocesi di Porto e S. Rufina (12 marzo 1877) e poi a quella di Ostia e Velletri (15 luglio 1878).

Alla morte di Pio IX presenziò come sottodecano alla Congregazione preparatoria dell'elezione del nuovo papa. Leone XIII lo nominò camerlengo il 28 marzo 1878.

Morì il 6 marzo 1884 all'età di 78 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89029889 · ISNI (EN0000 0000 6256 2720