Galeazzo Sanvitale (arcivescovo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Galeazzo Sanvitale
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Bari e Canosa
Nato 26 novembre 1566
Ordinato presbitero 1582
Nominato arcivescovo 15 marzo 1604
Consacrato arcivescovo 4 aprile 1604
Deceduto 8 settembre 1622

Galeazzo Sanvitale (Parma, 26 novembre 1566Roma, 8 settembre 1622) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Luigi Sanvitale, conte di Fontanellato, Noceto e Belforte, e di Corona Cavazzi della Somaglia.

Entrò presto nello stato ecclesiastico: fu cameriere d'onore di papa Sisto V e referendario di Segnatura sotto il pontificato di Clemente VIII.

Il 15 marzo 1604 fu eletto arcivescovo di Bari e Canosa e il 4 aprile successivo ricevette la consacrazione episcopale dal cardinale Girolamo Bernerio, vescovo di Albano. Lasciò il governo dell'arcidiocesi nel 1606.

Fu incaricato da papa Paolo V di coordinare e sovrintendere ai lavori per il ripristino dell'acquedotto che portava a Roma le acque dalle sorgenti attorno al lago di Bracciano.

Nel 1621 papa Gregorio XV lo nominò maestro di casa e prefetto dei Sacri Palazzi Apostolici.

Morì nel 1622, prima di essere creato cardinale: i suoi funerali furono celebrati nella chiesa di San Gregorio al Celio, dove venne anche sepolto.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]