Regione ecclesiastica Puglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regione ecclesiastica Puglia
Regione ecclesiastica della Chiesa cattolica in Italia
Arcidiocesi metropolitane delle Province ecclesiastiche
Arcidiocesi di Bari-Bitonto (5 suffraganee)
Arcidiocesi di Lecce (4 suffraganee)
Arcidiocesi di Foggia-Bovino (4 suffraganee)
Arcidiocesi di Taranto (2 suffraganee)
Conferenza episcopale
Presidente Francesco Cacucci, arcivescovo metropolita di Bari-Bitonto
Vicepresidente Donato Negro, arcivescovo di Otranto
Segretario generale Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo
Regione ecclesiastica Puglia.PNG
Parrocchie 1.060
Sacerdoti 1.765 secolari e 789 regolari
Diaconi 254 permanenti
Abitanti 4.224.534
Superficie 19.763 km²
Dati dall'Annuario pontificio

La Regione ecclesiastica Puglia è una delle sedici regioni ecclesiastiche in cui è suddiviso il territorio della Chiesa cattolica in Italia. Il suo territorio coincide con quello dell'omonima regione della Repubblica Italiana.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Questa regione ecclesiastica comprende 19 diocesi che formano 4 province ecclesiastiche, secondo la seguente articolazione:

Conferenza Episcopale Pugliese (C.E.P.)[modifica | modifica wikitesto]

La Conferenza Episcopale Pugliese (C.E.P.) è un organo collegiale che riunisce tutti i vescovi delle diocesi afferenti alla Regione ecclesiastica Puglia. La sede dell'assemblea è nella città di Bari. La sede legale è Molfetta, presso il Seminario regionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con la Circolare della Congregazione dei Vescovi e Regolari del 24 agosto 1889 vennero istituite le Conferenze Episcopali Regionali[1]. Il contenuto della circolare riportava un riferimento di Papa Leone XIII in cui invitata l'episcopato italiano a riunirsi

« ...almeno una volta l’anno per appianare e risolvere con mutuo consiglio le difficoltà che incontrano nel governo delle rispettive diocesi, per promuovere in tutto la regolarità e la uniformità della ecclesiastica disciplina, e per emettere, ove le circostanze lo richiedessero, atti collettivi di qualsiasi specie. »

(Leone XIII[2])

Secondo la circolare del 1889, le «Puglie» comprendevano «le provincie ecclesiastiche di Bari, Brindisi, Manfredonia, Otranto, Taranto, Trani-Barletta, più le sedi immediatamente siggette di Foggia, Gravina e Montepeloso (Irsina), Molfetta-Giovinazzo e Terlizzi, Monopoli, Nardò, Troia e l'Abazia nullius di Altamura e Acquaviva[3]». La Puglia ecclesiastica non coincideva con quella amministrativo-civile, poiché alla conferenza dei vescovi pugliesi non partecipavano le diocesi di Capitanata facenti parte della provincia beneventana. La prima conferenza dell'episcopato pugliese si tenne a Bari il 14 ottobre 1892, a tre anni dalla circolare romana e dopo che si erano riuniti già in Conferenza i vescovi sardi (1890), veneti (1890), umbri (1891), siciliani (1891) e piceni (nel marzo del 1892). La prima conferenza fu presieduta dall'allora arcivescovo di Bari-Canosa, Ernesto Mazzella e ebbe come segretario Casimiro Gennari, vescovo di Conversano[4][5][6].

Presidenti della Conferenza Episcopale Pugliese[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, dal 2008 è presidente monsignor Francesco Cacucci, arcivescovo metropolita di Bari-Bitonto, vicepresidente monsignor Donato Negro, arcivescovo di Otranto, e segretario monsignor Michele Castoro, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo.

Membri principali[modifica | modifica wikitesto]

Arcivescovi metropoliti[modifica | modifica wikitesto]

Arcivescovi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Arcivescovi emeriti[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi emeriti[modifica | modifica wikitesto]

Diocesi pugliesi soppresse[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. G. Feliciani, Le Conferenze Episcopali, Bologna 1974
  2. ^ Il testo della istruzione è in Leonis XIII, P.M., Acta, IV,1890, pp. 184-190 e in Il monitore ecclesiastico, 1899, I, pp. 173-175.
  3. ^ S. Palese, Seminari, cit. p. 370.
  4. ^ Cfr. Francesco Sportelli, Cultura ecclesiastica ed episcopato pugliese (1892-1908), pag. 421
  5. ^ Vescovi e regione in cento anni di storia (1892-1992) Raccolta di testi della Conferenza Episcopale Pugliese, a cura di S. Palese e F. Sportelli, (Società e religione, 16), Galatina 1984, doc. 4, pag. 22-23
  6. ^ Vito Angiuli, La catechesi nella diocesi di Bari: dagli inizi dell'Ottocento al Vaticano II (1823-1962), Edipuglia, Bari 1997, ISBN 88-7228-177-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]