Diocesi di Oria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Oria
Dioecesis Uritana
Chiesa latina
Oria Basilica Cattedrale.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Taranto
Regione ecclesiastica Puglia
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Vincenzo Pisanello
Vicario generale Franco De Padova
Sacerdoti 118 di cui 76 secolari e 42 regolari
1.422 battezzati per sacerdote
Religiosi 45 uomini, 197 donne
Diaconi 5 permanenti
Abitanti 177.743
Battezzati 167.800 (94,4% del totale)
Superficie 921 km² in Italia
Parrocchie 43
Erezione VII secolo
Rito romano
Cattedrale Santa Maria Assunta
Santi patroni San Barsanofio
Indirizzo Largo Cattedrale 9, 72024 Oria [Brindisi], Italia
Sito web www.diocesidioria.it
Dati dall'Annuario pontificio 2014 * *
Chiesa cattolica in Italia
Francavilla Fontana, Santa Maria delle Grazie.
Villa Castelli, San Vincenzo de' Paoli.
Latiano, Santa Maria della Neve.
Ceglie Messapica, Collegiata Maria Vergine Assunta, affresco di Domenico Carella.

La diocesi di Oria (in latino: Dioecesis Uritana) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Taranto appartenente alla regione ecclesiastica Puglia. Nel 2013 contava 167.800 battezzati su 177.743 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Vincenzo Pisanello.

Patrono della diocesi è san Barsanofio.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende 11 comuni della Puglia:

Sede vescovile è la città di Oria, dove si trova la basilica cattedrale dedicata a Maria Santissima Assunta in Cielo. A Francavilla Fontana sorge la basilica minore del Santissimo Rosario.

Il territorio si estende su 921 km² ed è suddiviso in 43 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione petrina, comune a molte città della Puglia, attribuisce la diffusione del cristianesimo nella terra di Oria al passaggio e alla predicazione dell'apostolo Pietro che, nel suo viaggio da Antiochia a Roma, approdò nel golfo di Taranto e da qui raggiunse Oria dove vi predicò il vangelo e consacrò il primo vescovo.[1] «Quasi sicuramente però l'incontro di questi territori con il cristianesimo è da attribuire sia alla presenza proprio a Oria di una fiorente comunità ebraica, sia al passaggio in queste zone dell'ultimo tratto dell'Appia, la più importante delle vie consolari romane, che non smise di fungere da arteria di comunicazione di uomini, esperienze, merci ed eserciti anche dopo la caduta dell'impero romano.»[2]

L'esistenza invece di una diocesi a Oria è da mettere in relazione con la distruzione della città di Brindisi da parte dei Longobardi (668-677), che causò il trasferimento della sede dei vescovi brindisini a Oria.[3] L'esistenza certa di un Uriatensis episcopus è attestata in un documento di papa Adriano I del 785.[4] Il primo vescovo di Brindisi a Oria fu Magelpoto, nome di origine longobarda, la cui iscrizione dedicatoria, databile all'VIII secolo, è stata trovata nel 1942. Tra i vescovi di questo periodo il più noto è Teodosio (o Teodoro), il cui episcopato è durato per circa trent'anni, dall'865 all'895: durante il suo episcopato convivevano nella diocesi di Oria il rito bizantino e il rito latino, seguiti rispettivamente dai fedeli di ceppo bizantino e longobardo.

Verso la fine del X secolo i rapporti tra bizantini e latini divennero più conflittuali ed ebbero una crisi in occasione dell'assassinio del vescovo Andrea nel 979 da parte di un funzionario dell'imperatore d'Oriente. Questo determinò forse l'allontanamento dei vescovi da Oria, perché il successore Gregorio I, nei suoi atti si nominò episcopus Ecclesie Brundisine et Monopolitane seu Stunense civitatis, ossia vescovo di Brindisi e Monopoli o della città di Ostuni. A partire dal successivo vescovo, Giovanni (primi decenni dell'XI secolo), è documentata l'elevazione della sede ad arcidiocesi metropolitana, con due diocesi suffraganee, Ostuni e Monopoli.

A partire dal 1089 con Godino, gli arcivescovi ricevettero in più occasioni l'ordine di trasferire la propria residenza a Brindisi, città che i Normanni, nuovi padroni della regione, avevano ricostruito dopo l'abbandono durato diversi secoli. Le reiterate disposizioni dei pontefici sono indizio che gli arcivescovi erano restii a ritornare a Brindisi. La bolla papale del 1089 attesta che la sede vescovile era stata in passato trasferita a Oria per la distruzione di Brindisi e che quindi non era mai stata eretta una diocesi a Oria, che invece era stata sede "momentanea" dei vescovi brindisini.[5] A causa delle proteste del clero e dell'università oritana, i papi dovettero intervenire in più occasioni per confermare la supremazia di Brindisi e la sottomissione di Oria agli arcivescovi brindisini.[6]

L'inasprirsi dei rapporti tra Oria e Brindisi nella seconda metà del XVI secolo determinarono i pontefici a dividere definitivamente le due città. L'8 maggio 1591, con la bolla Regiminis Universae Ecclesiae di papa Gregorio XIV, fu eretta la diocesi di Oria con territorio sottratto all'arcidiocesi di Brindisi e la nuova sede episcopale fu resa suffraganea dell'arcidiocesi di Taranto. La divisione poté essere attuata anche grazie alla decisione dell'arcivescovo Giovanni Carlo Bovio che più di vent'anni prima aveva provveduto a costruire un palazzo vescovile ad Oria, oltre a risiedere per diverso tempo nella città.

Fu nominato primo vescovo il teatino Vincenzo Del Tufo, che governò la diocesi solo per quattro anni. Il successore Lucio Fornari (1601-1618) indisse una visita pastorale della diocesi; altri vescovi, soprattutto religiosi, si impegnarono per la riforma della diocesi in attuazione dei decreti tridentini. Nel 1743 un terremoto danneggiò pericolosamente la cattedrale romanica fatta edificare dall'arcivescovo brindisino Pellegrino I nella prima metà del XIII secolo; la completa ricostruzione in stile barocco fu avviata durante l'episcopato di Castrese Scaia (1746-1755). Alla fine del Settecento si distinse in particolare il vescovo Alessandro Maria Calefati 1781-1794), erudito e storico, che ebbe cura di raccogliere tutta la documentazione relativa alla Chiesa di Oria.

L'Ottocento fu travagliato per la vita della diocesi, che vide lo scontro tra clero riformista e clero tradizionalista. Emblema di questo scontro le vicende del vescovo filo-borbonico Luigi Margarita (1851-1888), che fu costretto ad abbandonare per un certo periodo la diocesi a causa delle accuse di simonia rivoltegli da una parte del suo clero.

L'inizio del Novecento è caratterizzato dal lungo episcopato di Antonio di Tommaso (1903-1947) e dalla presenza in diocesi di due santi, il laico Bartolo Longo, nativo di Latiano, beatificato da papa Giovanni Paolo II, e il sacerdote Annibale Maria di Francia che fece di Oria uno dei centri per la diffusione del carisma della congregazione rogazionista.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Prelati originari della diocesi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2013 su una popolazione di 177.743 persone contava 167.800 battezzati, corrispondenti al 94,4% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 148.600 150.000 99,1 172 83 89 863 130 168 21
1969 161.430 161.664 99,9 166 63 103 972 134 297 29
1980 171.500 173.436 98,9 133 58 75 1.289 95 343 35
1990 175.000 178.486 98,0 127 54 73 1.377 90 280 42
1999 177.600 180.571 98,4 108 56 52 1.644 6 65 268 40
2000 178.700 181.694 98,4 109 59 50 1.639 6 63 265 42
2001 178.700 181.694 98,4 110 62 48 1.624 6 59 236 42
2002 178.700 181.694 98,4 114 67 47 1.567 6 58 236 42
2003 178.700 181.694 98,4 109 62 47 1.639 6 64 235 42
2004 178.700 181.694 98,4 121 63 58 1.476 6 59 236 42
2013 167.800 177.743 94,4 118 76 42 1.422 5 45 197 43

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Errico, Cenni storici sulla Città di Oria e del suo insigne Vescovado, pp. 137 e seguenti.
  2. ^ Da Beweb - Beni ecclesiastici in web.
  3. ^ Per maggiori dettagli su questo periodo vedere: arcidiocesi di Brindisi-Ostuni.
  4. ^ Dal sito web della diocesi.
  5. ^ Giovanni Antonucci, Sull'origine della diocesi di Oria, in Rinascenza salentina, I (1933), pp. 315-316.
  6. ^ Pedío, La Chiesa di Brindisi dai Longobardi ai Normanni, pp. 44-47.
  7. ^ Fu l'immediato predecessore di Teodosio.
  8. ^ I vescovi Giovanni I e Paone (o Paolo), inseriti in alcune cronotassi tra i vescovi brindisini, furono in realtà arcivescovi di Bari a cui i papi concessero di portare il titolo di Brindisi. Così scrive Carito: «L'egemonia di Bisanzio sul Salento determina il tentativo di comprendere le diocesi salentine nel patriarcato di Costantinopoli. Roma, a salvaguardia dei propri diritti, attribuisce il titolo della sede di Brindisi ai vescovi di Canosa [con sede a Bari]. Si hanno così vescovi residenti la cui elezione è confermata da Bisanzio e vescovi nominali cui il titolo è conferito da Roma» (Gli arcivescovi di Brindisi dal VII al X secolo, in Parola e storia, II (2008), n. 2, pp. 289-308).

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi