Arcidiocesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un'arcidiocesi o archidiocesi è una diocesi il cui ordinario gode del titolo di arcivescovo. È la diocesi più importante (metropolia) di una provincia ecclesiastica: l'arcivescovo che la regge ha il titolo di metropolita.
Un'arcidiocesi può essere così chiamata anche solo per motivi storici o di prestigio, a prescindere dalla posizione nell'organizzazione amministrativa.

Nel 2009 esistevano nel mondo 4 arcidiocesi maggiori, 540 arcidiocesi metropolitane e 77 arcidiocesi non metropolitane.[senza fonte]

Chiesa cattolica[modifica | modifica wikitesto]

Nella circoscrizione ecclesiastica cattolica sono arcidiocesi tutte le sedi metropolitane che non siano sedi patriarcali o arcivescovili maggiori, ossia le diocesi a capo di una provincia ecclesiastica. Inoltre, alcune diocesi suffraganee o immediatamente soggette alla Santa Sede sono sedi arcivescovili: molte di queste sono state sedi metropolitane in passato, altre lo sono a puro titolo onorifico. Circa la metà delle arcidiocesi non metropolitane si trova in Italia, della restante metà la stragrande maggioranza si trova nel resto d'Europa.

Autorità[modifica | modifica wikitesto]

Il vescovo che guida un'arcidiocesi è sempre un arcivescovo, mentre non è sempre vero il contrario. Alcuni arcivescovi guidano delle sedi vescovili e godono del rango arcivescovile a titolo personale, per concessione della Santa Sede. Correttamente sono chiamati arcivescovi-vescovi.

Anche il vescovo coadiutore di un'arcidiocesi è chiamato arcivescovo coadiutore, mentre il vescovo ausiliare di un'arcidiocesi non ha una particolare distinzione dal vescovo ausiliare di una diocesi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]