Vescovo ausiliare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vescovo ausiliare è, nella Chiesa cattolica, vetero-cattolica o anglicana, un ulteriore vescovo assegnato ad una diocesi come supporto ad un vescovo diocesano impossibilitato a svolgere il proprio compito o come ausilio per le diocesi molto estese.

Nella Chiesa cattolica[modifica | modifica wikitesto]

Fermo restando che l'ordinario di una qualsiasi diocesi è unico, e che, viceversa, ogni vescovo ha una singola diocesi di assegnazione e una singola sede episcopale, il vescovo ausiliare risponde all'autorità espicopale del rispettivo ordinario diocesano, che ha facoltà ovvero riceve da superiori autorità ecclesiastiche il mandato di delegargli -in modo non irrevocabile- specifiche attività, che comunque restano nella competenza e nella potestà decisionale concorrente dell'ordinario diocesano.
In altre parole, il vescovo ausiliare non può esautorare di diritto o di fatto la piena giurisdizione dell'ordinario su specifiche attività o aree territoriali della sua diocesi.

Normativa canonica[modifica | modifica wikitesto]

Il Codice di diritto canonico della Chiesa cattolica esplicita ruoli e funzioni dei vescovi ausiliari ai canoni 403-411:

  • spetta al vescovo diocesano fare richiesta di avere un vescovo ausiliare, per motivi pastorali (art. 403, §1); in casi particolari, «anche di carattere personale», la Santa Sede può nominare un ausiliare «fornito di speciali facoltà» (art. 403, §2);
  • il vescovo ausiliare prende possesso della diocesi secondo il medesimo atto formale previsto per i vescovi eletti, ossia tramite presentazione della «lettera apostolica di nomina al Vescovo diocesano, alla presenza del cancelliere di curia, che mette agli atti il fatto» (art. 404, §2);
  • il vescovo ausiliare ha l'obbligo di risiedere in diocesi (art. 410);
  • come tutti i vescovi, anche gli ausiliari hanno l'obbligo di presentare la rinuncia al loro ufficio al raggiungimento dei 75 anni d'età (art. 411 e 401).

Poiché ad ogni vescovo deve essere assegnata una distinta sede episcopale, ai vescovi ausiliari è assegnata una sede titolare, ovvero un titolo vescovile estinto.[1]

In passato i vescovi ausiliari erano anche chiamati vescovi suffraganei, senza alcun riferimento al concetto di diocesi suffraganea.

Dal punto di vista della disciplina sacramentale, sono vescovi a tutti gli effetti e possono di diritto conferire tutti i sacramenti, purché in conformità al diritto canonico, come è richiesto a qualsiasi altra tipologia di vescovo.

Spetta loro l'appellativo di Eccellenza Reverendissima, comune a tutti i vescovi.

Diocesi cattoliche con maggior numero di vescovi ausiliari[modifica | modifica wikitesto]

Alcune diocesi hanno più vescovi ausiliari. Fra quelle che attualmente hanno un maggior numero di vescovi ausiliari si annoverano:[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Normalmente anche quando un vescovo viene trasferito dal governo di una diocesi all'incarico di ausiliare, gli viene assegnata una sede titolare. Invece Alfonso de Jesús Hinojosa Berrones il 31 maggio 1985 divenne vescovo emerito di Ciudad Victoria e vescovo ausiliare di Monterrey, senza che gli fosse assegnata una sede titolare: vedi Necrologio, AAS 109 (2017), p. 334
  2. ^ L'elenco è aggiornato al 20 marzo 2021, data dell'ultima variazione.
  3. ^ Non sono qui considerati il vicario generale per la Città del Vaticano, il vicario generale per la diocesi di Roma e il vicegerente, che per la particolare situazione della diocesi di Roma hanno potestà ordinaria, seppure vicaria.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4132954-5