Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia
Dioecesis Arianensis Hirpinus-Laquedoniensis
Chiesa latina
Basilica Cattedrale di Ariano Irpino.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Benevento
Regione ecclesiastica Campania
Mappa della diocesi
Vescovo Sergio Melillo
Vicario generale Antonio Blundo
Sacerdoti 52 di cui 41 secolari e 11 regolari
1.423 battezzati per sacerdote
Religiosi 13 uomini, 70 donne
Diaconi 8 permanenti
Abitanti 74.750
Battezzati 74.000 (99% del totale)
Superficie 780 km² in Italia
Parrocchie 43 (4 vicariati)
Erezione X secolo (Ariano)
XI secolo (Lacedonia)
in plena unione dal 30 settembre 1986
Rito romano
Cattedrale Santa Maria Assunta (Ariano Irpino)
Concattedrali Santa Maria Assunta (Lacedonia)
Santi patroni Ottone Frangipane
San Nicola di Bari
Indirizzo Piazza Plebiscito 13, 83031 Ariano Irpino [Avellino], Italia
Sito web www.diocesiarianolacedonia.it
Dati dall'Annuario pontificio 2013 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Italia
Il santuario di Santa Maria di Carpignano

La diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia (in latino: Dioecesis Arianensis Hirpinus-Laquedoniensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Benevento appartenente alla regione ecclesiastica Campania. Nel 2012 contava 74.000 battezzati su 74.750 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Sergio Melillo.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende 24 comuni, di cui 20 sono in provincia di Avellino, 3 in provincia di Benevento ed 1 in provincia di Foggia. Oltre alle città di Ariano Irpino e Lacedonia, la diocesi comprende i comuni di: Anzano di Puglia (FG), Bonito, Carife, Casalbore, Castel Baronia, Castelfranco in Miscano (BN), Flumeri, Ginestra degli Schiavoni (BN), Greci, Grottaminarda, Melito Irpino, Montaguto, Montefalcone di Val Fortore (BN), San Nicola Baronia, San Sossio Baronia, Savignano Irpino, Scampitella, Trevico, Vallata, Vallesaccarda, Villanova del Battista e Zungoli.

Sede vescovile è la città di Ariano Irpino, dove si trova la cattedrale di Santa Maria Assunta. A Lacedonia sorge la concattedrale, anch'essa dedicata a Santa Maria Assunta. Sempre all'Assunta è dedicata l'ex cattedrale della diocesi di Trevico.

Il territorio si estende su un territorio di 786 km² ed è suddiviso in 43 parrocchie, raggruppate in quattro foranie: Ariano, Ufita, Lacedonia-Baronia, Fortore-Miscano-Cervaro.

Otto sono i santuari riconosciuti come "santuari diocesani":[1]

  • Madonna del Carmine a Montefalcone di Val Fortore;
  • Santa Maria della Libera;
  • Santa Maria delle Fratte a Castel Baronia;
  • Salus Infirmorum a Valleluogo (Ariano Irpino);
  • San Liberatore a Ariano;
  • Santa Maria a Anzano di Puglia;
  • Santa Maria di Carpignano (Grottaminarda)
  • Madonna di Fatima a Ariano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale diocesi nasce nel 1986 dall'unione di due antiche sedi vescovili, Ariano e Lacedonia, la prima documentata nel X secolo, la seconda nell'XI secolo.

Ariano Irpino[modifica | modifica wikitesto]

Incerte sono le origini e la diffusione del cristianesimo nel territorio di Ariano. Priva di fondamento è la tradizione che fa di san Liberatore, martirizzato durante la persecuzione di Diocleziano (inizio IV secolo), il primo vescovo di Ariano.[2]

La diocesi è documentata per la prima volta nel X secolo. Con la bolla Cum certum sit di papa Giovanni XIII del 26 maggio 969, il pontefice eresse Benevento a sede metropolitana e concesse all'arcivescovo Landolfo I la facoltà di consacrare i suoi vescovi suffraganei, tra cui quello di Ariano.[3]

Il primo vescovo conosciuto di Ariano è Bonifacio, il cui nome appare in un diploma del mese di agosto 1039.[4] In un precedente documento del 1016, l'arciprete Pietro agisce in qualità di rector episcopii sancte sedis Arianensis: le informazioni desunte da questo diploma non consentono tuttavia di stabilire se l'arciprete agiva in nome del vescovo di Ariano oppure se in quell'occasione la diocesi era vacante.[5]

Dopo Bonifacio è noto il vescovo Mainardo I, documentato in cinque occasioni da ottobre 1069 a novembre 1080. Fece costruire un nuovo battistero nella cattedrale, come testimoniato da una iscrizione oggi conservata all'interno dell'edificio; prese parte alla consacrazione della chiesa di Montecassino da parte di papa Alessandro III e ad un concilio provinciale a Benevento; nel 1080, da una dichiarazione fatta da Mainardo a favore del monastero di Santa Sofia a Benevento, si evince che altri vescovi lo avevano preceduto sulla sede arianese, ma dei quali non si conoscono i nomi, ad eccezione di Bonifacio.

Incerto è il successore di Mainardo I. Sono storicamente documentati Sarulo nel 1093 e Gerardo nel 1098. Una atto notarile riporta la concessione fatta dal vescovo Orso a mastro Amuri della chiesa di San Gregorio, con l'obbligo di versare un censuo annuo alla diocesi; il documento fu redatto nel primo anno di episcopato di Orso nell'undicesima indizione, che corrisponde o al 1087 o al 1102.[6]

Al vescovo Orso Leone (1449-ca.1463) si deve la ricostruzione della cattedrale distrutta dal terremoto del 5 dicembre 1456 e la celebrazione di diversi sinodi diocesani; la sua memoria è stata perpetuata dai fedeli con una targa nel palazzo episcopale. Nicola Ippoliti (1480-1481) costruì la facciata della cattedrale, ornata delle statue dei patroni della diocesi, Ottone Frangipane e Eleazario, e della Madonna Assunta. L'edificio fu solennemente consacrato nel 1512 dal vescovo Diomede Carafa, che ampliò anche il palazzo vescovile. La cattedrale subì continui interventi di restauro a causa dei terremoti degli anni 1626, 1688, 1694, 1702 e 1732.

Una platea redatta nel 1517, nonché una Visitatio urbana anni 1591 sub episcopo Alfonso Ferrera, permettono di ricostruire l'inventario dei beni della Chiesa di Ariano e il numero delle parrocchie della diocesi con le rendite di ciascuna di esse.[7] All'epoca del vescovo Alfonso Herrera (Ferrera) (1585-1602), la diocesi comprendeva «un numero di circa ottomila abitanti e una comunità religiosa formata da centoventi sacerdoti, quaranta monaci e sedici monache benedettine; vi erano cinque monasteri maschili: cistercensi, francescani, benedettini, agostiniani e domenicani».[8]

A Donato Laurenti (1563-1584) si deve l'istituzione del seminario, ricostruito da Ottavio Ridolfi nel 1617. Laurenti si impegnò inoltre per la promozione e l'attuazione in diocesi delle direttive del concilio di Trento.

Grande figura di vescovo arianese fu Filippo Tipaldi (1717-1748): dopo l'ennesimo terremoto ricostruì il seminario e la cattedrale nelle forme che oggi conosciamo; visitò più volte la diocesi e celebrò diversi sinodi diocesani; impose l'obbligo dell'insegnamento della dottrina cristiana in tutte le parrocchie; istituì corsi di preparazione per i maestri di religione nelle scuole; fu il primo ad occuparsi della cura dell'archivio diocesano. «Nel 1736 la diocesi contava 18.150 abitanti e le chiese soggette alla sua giurisdizione raggiungevano le 80 unità, con 350 ecclesiastici e 10 conventi maschili».[8]

Tra i vescovi dell'Ottocento si ricorda in modo particolare Domenico Russo (1818-1837), che si impegnò soprattutto per la formazione del clero e dei fedeli; a questo scopo istituì per la sua diocesi le missioni popolari affidate ai Missionari del Preziosissimo Sangue, tra i quali operò anche il fondatore san Gaspare del Bufalo.

Nel 1914 il territorio di Roseto Valfortore passò dalla diocesi di Ariano a quella di Lucera.[9]

Nel Novecento, al vescovo Giuseppe Lojacono (1918-1939) si deve la celebrazione del primo congresso liturgico diocesano, la fondazione dell'Azione Cattolica diocesana e l'istituzione del bollettino diocesano, mentre il successore Gioacchino Pedicini diede vita al primo congresso eucaristico diocesano (1949).

Al momento dell'unione con Lacedonia la diocesi di Ariano comprendeva 15 comuni: Ariano Irpino, Anzano di Puglia, Bonito, Buonalbergo, Casalbore, Castelfranco in Miscano, Ginestra degli Schiavoni, Melito Irpino, Montaguto, Montefalcone di Val Fortore, Sant'Arcangelo Trimonte, Scampitella, Vallesaccarda, Villanova del Battista e Zungoli.

Lacedonia[modifica | modifica wikitesto]

La sede vescovile di Lacedonia è documentata storicamente a partire dall'XI secolo. Il primo vescovo attribuito da alcuni autori a questa sede è Simeone, che, secondo un diploma del 1059, avrebbe preso parte alla consacrazione dell'abbazia di Monticchio, dopo aver partecipato al concilio di Melfi; tuttavia alcuni storici ritengono falso il documento relativo all'abbazia di Monticchio e dunque incerta la reale esistenza di Simeone.[10]

Secondo Paul Kehr[11], sono solo tre i vescovi attribuibili a Lacedonia per l'XI e il XII secolo: Desiderio, il cui nome appare in due diplomi del 1082 e del 1085 in relazione alla donazione della chiesa di Santa Maria di Giuncara al monastero di Cava; Giacinto, che 1108 donò allo stesso monastero la chiesa lacedoniese di San Nicola; e Angelo, che prese parte al concilio lateranense del 1179. A questi vescovi Kamp aggiunge un anonimo, documentato in un diploma di Cava del 1185.

La diocesi era suffraganea dell'arcidiocesi di Conza ed era costituita da due soli centri abitati: Lacedonia e Rocchetta Sant'Antonio.

I vescovi di Lacedonia più noti sono Guglielmo di Nardò (1392-1396), Antonio Dura (1506-1538), Gianfranco Carducci (1565-1584), il matematico Marco Pedacca (1584-1602), che per primo cercò tra mille difficoltà di applicare i decreti del concilio di Trento; l'erudito Giacomo Candido (1606-1608), amico e discepolo di san Filippo Neri; Gian Gerolamo Campanili (1608-1625), che indisse l'unico sinodo diocesano (1614) di cui si conservano gli atti; Giacomo Giordano (1651-1561), che fece costruire il palazzo episcopale e pianificò la costruzione della nuova cattedrale; Benedetto Bartolo (1672-1684), che fu rapito da dei briganti e riscattato dalla marchesa di Carpi; Giambattista Morea (1684-1711), che soppresse alcune festività di origine pagana che venivano celebrate alla vigilia dell'Epifania e pose la prima pietra della nuova cattedrale.

Il 27 giugno 1818, in forza della bolla De utiliori di papa Pio VII, la diocesi di Trevico venne soppressa ed il suo territorio, costituito dai comuni di Trevico, Carife, Castel Baronia, Flumeri, San Nicola Baronia e San Sossio Baronia, fu incorporato in quello della diocesi di Lacedonia.

Tra i vescovi dell'Ottocento si ricordano Vincenzo Ferrari (1819-1824), che fondò a Lacedonia il Monte frumentario, a favore dei contadini e contro l'usura; Michele Lanzetta (1834-1842), che istituì nell'episcopio il seminario diocesano; Giovanni Maria Diamare (1885-1888), che per favorire il livello culturale del clero, istituì incontri di formazione mensili denominati "Accademia morale teologica del clero"; e Diomede Falconio, delegato apostolico in Canada e negli Stati Uniti d'America e poi cardinale nel 1911.

Giulio Tommasi, già arcivescovo di Conza e vescovo di Sant'Angelo dei Lombardi e Bisaccia, fu nominato nel 1928 anche vescovo di Lacedonia, unendo in persona episcopi le quattro sedi. Alla sua morte (1936), e dopo quattro anni di sede vacante, Lacedonia riebbe un proprio vescovo.

Il 30 aprile 1979 Lacedonia passò dalla sede metropolitana di Conza a quella di Benevento.

Nel 1983 la diocesi cedette il comune di Rocchetta Sant'Antonio, che le era da sempre appartenuto fin dall'XI secolo, alla diocesi di Ascoli Satriano.[12]

Ariano Irpino-Lacedonia[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 maggio 1974 Agapito Simeoni fu nominato vescovo di Ariano Irpino e di Lacedonia, unendo così in persona episcopi le due diocesi, entrambe vacanti da diversi anni.

Il 30 settembre 1986, in forza del decreto Instantibus votis della Congregazione per i Vescovi, l'unione è divenuta piena e la diocesi ha assunto il nome attuale.

Il vescovo Eduardo Davino ha istituito l'Ufficio diocesano dei beni culturali ecclesiastici e ha contribuito all'apertura del Museo degli argenti e del museo diocesano d'arte sacra nell'ex chiesa dell'Annunziata di Ariano.

Nel 1997 e nel 1998, con due decreti della Congregazione per i Vescovi[13], sono stati rivisti i confini delle diocesi dell'Irpinia e del beneventano. La diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia ha acquisito i comuni di Greci e Savignano Irpino dall'arcidiocesi di Benevento, Grottaminarda dalla diocesi di Avellino, e Vallata dall'arcidiocesi di Sant'Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia, e contestualmente ha ceduto i comuni di Sant'Arcangelo Trimonte e Buonalbergo all'arcidiocesi di Benevento.

Cronotassi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Ariano[modifica | modifica wikitesto]

  • Bonifacio † (menzionato nel 1039)[14]
  • Mainardo I † (prima del 1069 - dopo il 1080)[14][15]
  • Orso † (1087 o 1102 - ?)[14]
  • Sarulo † (menzionato nel 1093)[14]
  • Gerardo † (menzionato nel 1098)[14]
  • Anonimo † (menzionato nel 1119)[14]
  • Riccardo † (prima del 1122 - dopo gennaio 1134)[14]
  • Pagano † (menzionato nel settembre 1136)[14]
  • Guglielmo † (menzionato nel 1164)[14]
  • Bartolomeo † (prima del 1178 ? - dopo il 1179)[14]
  • Anonimo † (menzionato nel 1194)[16]
  • Anonimo † (menzionato nel 1198)[14]
  • Anonimo † (menzionato nel 1215 e nel 1216)[16]
  • Anonimo † (menzionato nel 1226)[16]
  • Mainardo II † (menzionato nel 1238 circa)[16]
  • Ruggero † (menzionato nel 1248)[16]
  • Riccardo de Rocca † (prima del 1250 - 1254 deposto)[16]
  • Giacomo I † (16 ottobre 1256 - ?)[16]
  • Pellegrino † (menzionato nel 1267)[16]
  • Anonimo † (menzionato come vescovo eletto nel 1272)[16]
  • P. † (prima del 1278 - dopo il 1280)[16]
  • Pietro † (menzionato nel 1289)[16]
  • Raone de Leonibus † (menzionato nel 1290)[16]
  • Ruggero de Vetro ? † (menzionato nel 1291)[17]
  • Raino (o Raymo) † (prima del 1300 - dopo il 1307)[18]
  • Rostagno † (circa 1309 - ? deceduto)
  • Lorenzo † (1º marzo 1320 - ?)
  • Roberto, O.F.M. † (menzionato nel 1342)
  • Giovanni † (prima del 1349 - ? deceduto)[19]
  • Tommaso † (27 maggio 1356 - ? deceduto)
  • Dionisio, O.E.S.A. † (10 gennaio 1364 - ? deceduto)[20]
  • Simone † (25 ottobre 1372 - 21 aprile 1373 nominato vescovo di Muro Lucano)[21]
  • Domenico, O.Carm. † (21 aprile 1373 - ?)
  • Geroaldo (o Gerardo) † (prima del 1382 - 1390 deceduto)
    • Giovanni da Padula † (menzionato nel 1386) (antivescovo)
  • Luca, O.S.B. † (21 febbraio 1390 - maggio 1400 deceduto)
  • Donato † (19 giugno 1400 - prima del 15 settembre 1406 nominato vescovo di Trevico)
  • Angelo de Raimo, O.S.B. † (28 luglio 1406 - 1432 deceduto)
  • Angelo Grassi † (27 aprile 1433 - 30 aprile 1449 nominato arcivescovo di Reggio Calabria)
  • Orso Leone † (14 maggio 1449 - dopo il 1456)
  • Giacomo Porfida † (8 aprile 1463 - 1480 deceduto)
  • Nicola Ippoliti † (14 luglio 1480 - 5 settembre 1481 nominato arcivescovo di Rossano)
  • Paolo Bracchi † (5 settembre 1481 - 1497 deceduto)
  • Nicola Ippoliti † (10 gennaio 1498 - 1511 deceduto) (per la seconda volta)
  • Diomede Carafa † (9 aprile 1511 - 12 agosto 1560 deceduto)
  • Ottaviano Preconio, O.F.M.Conv. † (13 giugno 1561 - 18 marzo 1562 nominato arcivescovo di Palermo)
  • Donato Laurenti † (30 gennaio 1563 - 1584 deceduto)
  • Alfonso Herrera, O.S.A. † (25 febbraio 1585 - 20 dicembre 1602 deceduto) [22]
  • Vittorino Manso, O.S.B. † (20 dicembre 1602 succeduto - 3 aprile 1611 deceduto)
  • Ottavio Ridolfi † (1º ottobre 1612 - 20 marzo 1623 nominato vescovo di Agrigento)
  • Paolo Cajatia † (15 aprile 1624 - marzo 1638 deceduto)
    • Sede vacante (1638-1642)
  • Andrés Aguado, O.S.A. † (26 maggio 1642 - 10 luglio 1645 deceduto) [23][24]
    • Sede vacante (1645-1650)
  • Alessandro Rossi † (14 febbraio 1650 - agosto 1656 deceduto)
    • Sede vacante (1656-1659)
  • Lodovico Morales, O.S.A. † (10 marzo 1659 - 7 febbraio 1667 nominato vescovo di Tropea) [25]
  • Emmanuele Brancacci, O.S.B. † (16 marzo 1667 - 1688 deceduto)
  • Giovanni Bonella, O.Carm. † (28 febbraio 1689 - 5 aprile 1696 deceduto)
  • Giacinto della Calce, C.R. † (3 giugno 1697 - luglio 1715 deceduto)
  • Filippo Tipaldi † (14 giugno 1717 - 20 febbraio 1748 deceduto)
  • Isidoro Sánchez de Luna, O.S.B. † (6 maggio 1748 - 22 aprile 1754 nominato arcivescovo di Taranto)
  • Domenico Saverio Pulci † (20 maggio 1754 - ottobre 1777 deceduto)
  • Lorenzo Potenza † (1º giugno 1778 - 26 marzo 1792 nominato vescovo di Sarno)
  • Giovanni Saverio Pirelli † (26 marzo 1792 - prima del 12 marzo 1803 deceduto)
    • Sede vacante (1803-1818)
  • Domenico Russo † (6 aprile 1818 - 6 febbraio 1837 deceduto)
  • Francesco Capezzuti † (15 febbraio 1838 - 22 gennaio 1855 deceduto)
  • Concezio Pasquini † (21 dicembre 1857 - 9 gennaio 1858 deceduto)
  • Michele Caputo, O.P. † (27 settembre 1858 - 6 settembre 1862 deceduto)
    • Sede vacante (1862-1871)
  • Luigi Maria Aguilar, B. † (27 ottobre 1871 - 17 settembre 1875 nominato arcivescovo di Brindisi)
  • Salvatore Maria Nisio, Sch.P. † (17 settembre 1875 - 10 giugno 1876 dimesso).[26]
  • Francesco Trotta † (26 giugno 1876 - 1º giugno 1888 nominato vescovo di Teramo)
  • Andrea d'Agostino, C.M. † (1º giugno 1888 - 14 febbraio 1913 deceduto)
  • Giovanni Onorato Carcaterra, O.F.M. † (13 marzo 1914 - 27 maggio 1915 nominato vescovo titolare di Ipso)
  • Cosimo Agostino † (1º giugno 1915 - 30 marzo 1918 deceduto)
  • Giuseppe Lojacono † (4 novembre 1918 - 1º giugno 1939 dimesso)
  • Giocchino Pedicini † (8 agosto 1939 - 22 novembre 1949 nominato vescovo di Avellino)
  • Pasquale Venezia † (11 febbraio 1951 - 2 giugno 1967 nominato vescovo di Avellino)
    • Sede vacante (1967-1974)
  • Agapito Simeoni † (9 maggio 1974 - 2 gennaio 1976 deceduto)
  • Nicola Agnozzi, O.F.M.Conv. † (24 marzo 1976 - 30 settembre 1986 nominato vescovo di Ariano Irpino-Lacedonia)

Vescovi di Lacedonia[modifica | modifica wikitesto]

  • Simeone ? † (menzionato nel 1059)[27]
  • Guiberto (o Guberto) † (1070 - 1080)
  • Desiderio † (prima di novembre 1082 - dopo maggio 1085)[28]
  • Giacinto I † (menzionato nel 1108)[28]
  • Giovanni † (1175 - 1177)
  • Angelo † (menzionato nel 1179)[29]
  • Anonimo † (menzionato nel 1185)[29]
  • Guglielmo † (prima del 1212 - dopo il 1221)[29]
  • Antonio I ? † (menzionato nel 1265)[30]
  • Ruggero Centumficus di Santa Sofia † (? - dopo febbraio 1266 dimesso)[29][31]
    • Sede vacante (1266/68-1272/73)[29]
  • Daniele † (prima del 1290 - dopo il 1304)[29]
  • Nicolò I de Arnoldo † (prima del 1321 - 1345 deceduto)
  • Francesco de' Marzii, O.F.M. † (23 febbraio 1345 - ? deceduto)
  • Paolo de' Manassi, O.F.M. † (18 maggio 1352 - 1385 deceduto)
  • Antonio II † (circa 1386 - 1392 deceduto)
  • Guglielmo di Nardò, O.F.M. † (24 gennaio 1392[32] - 24 gennaio 1396 nominato vescovo di Gallipoli)
  • Giovanni I, O.F.M. † (24 gennaio 1396 - 1399 deposto)
  • Jacopo de Marzia † (10 marzo 1399 - ?)
  • Adinolfo † (3 dicembre 1401 - circa 1417 deceduto)
  • Giacinto II † (23 dicembre 1417 - ? deceduto)
  • Nicolò II † (11 ottobre 1424 - ? deceduto)
  • Antonio III † (11 ottobre 1428 - ? deceduto)
  • Giovanni II † (? - 1452 deceduto)
  • Giacomo Porfida † (11 agosto 1452 - 8 aprile 1463 nominato vescovo di Ariano)
  • Petruccio de Migliolo † (30 gennaio 1463 - 1481 deceduto)
  • Giovanni dei Porcari † (27 agosto 1481 - 1486 deceduto)
  • Niccolò de Rubini † (2 giugno 1486 - 8 agosto 1505 deceduto)
  • Antonio Dura † (29 luglio 1506 - 1538 dimesso)
    • Antonio Sanseverino † (25 febbraio 1538 - 24 settembre 1538 dimesso) (amministratore apostolico)
  • Scipione Dura † (23 settembre 1538 - 1551 deceduto)
  • Paolo Cappelletto † (24 luglio 1551 - 1564 dimesso)
  • Gianfranco Carducci † (26 maggio 1565 - 22 febbraio 1584 deceduto)
  • Marco Pedacca, O.S.B. † (14 marzo 1584 - 27 gennaio 1602 deceduto)
  • Giovanni Paolo Pallantieri, O.F.M.Conv. † (27 novembre 1602 - 1606 deceduto)
  • Giacomo Candido † (13 novembre 1606 - 22 settembre 1608 deceduto)
  • Gian Gerolamo Campanili † (24 novembre 1608 - 27 gennaio 1625 nominato vescovo di Isernia)
  • Ferdinando Bruni, O.F.M. † (6 ottobre 1625 - 1648 deceduto)
  • Gian Giacomo Cristoforo † (12 aprile 1649 - 8 maggio 1649 deceduto)
  • Ambrosio Viola, O.P. † (11 ottobre 1649 - 1º ottobre 1651 deceduto)
  • Giacomo Giordano † (28 ottobre 1651 - 9 novembre 1661 deceduto)
  • Pier Antonio Capobianchi † (12 marzo 1663 - 9 settembre 1672 dimesso)
  • Benedetto Bartolo † (12 settembre 1672 - 18 settembre 1684 nominato vescovo di Belcastro)
  • Giambattista Morea † (2 ottobre 1684 - 11 dicembre 1711 deceduto)
    • Sede vacante (1711-1718)
  • Gennaro Scalea † (24 gennaio 1718 - 27 febbraio 1736 nominato vescovo di San Severo)
  • Claudio Domenico Albini † (27 febbraio 1736 - 25 luglio 1744 deceduto)
  • Tommaso Aceti † (7 settembre 1744 - 10 aprile 1749 deceduto)
  • Nicolò de Amato † (21 luglio 1749 - 31 agosto 1789 deceduto)
    • Sede vacante (1789-1798)
  • Francesco Ubaldo Romanzi † (29 gennaio 1798 - 30 ottobre 1816 deceduto)
    • Sede vacante (1816-1819)
  • Vincenzo Ferrari, O.P. † (4 giugno 1819 - 3 maggio 1824 nominato vescovo di Melfi e Rapolla)
  • Desiderio Mennone, C.SS.R. † (24 maggio 1824 - 11 aprile 1825 deceduto)
    • Sede vacante (1825-1828)
  • Giuseppe Maria Botticelli, O.M. † (23 giugno 1828 - 25 ottobre 1832 deceduto)
  • Michele Lanzetta † (20 gennaio 1834 - 25 aprile 1842 deceduto)
  • Luigi Giamporcaro † (19 giugno 1843 - 17 giugno 1844 nominato vescovo di Monopoli)
  • Luigi Napolitano † (20 gennaio 1845 - 26 novembre 1857 deceduto)
  • Francesco Maiorsini † (20 giugno 1859 - 27 ottobre 1871 nominato arcivescovo di Amalfi)
  • Benedetto Augusto † (22 dicembre 1871 - 16 dicembre 1879 deceduto)
  • Pietro Alfonso Iorio (Jorio) † (27 febbraio 1880 - 27 marzo 1885 nominato arcivescovo di Taranto)
  • Giovanni Maria Diamare † (27 marzo 1885 - 1º giugno 1888 nominato vescovo di Sessa Aurunca)
  • Francesco Niola † (1º giugno 1888 - 14 dicembre 1891 nominato arcivescovo di Gaeta)
  • Diomede Angelo Raffaele Gennaro Falconio, O.F.M.Ref. † (11 luglio 1892 - 29 novembre 1895 nominato arcivescovo di Acerenza e Matera)
  • Nicolo Zimarino † (29 novembre 1895 - 6 dicembre 1906 nominato vescovo di Gravina e Irsina)
  • Gaetano Pizzi † (27 agosto 1907 - 5 novembre 1912 nominato vescovo di San Severo)
  • Cosimo Agostino † (28 luglio 1913 - 1º giugno 1915 nominato vescovo di Ariano)
  • Francesco Maffei † (22 maggio 1916 - 24 giugno 1926 dimesso)
  • Giulio Tommasi † (20 gennaio 1928 - 15 agosto 1936 deceduto)
    • Sede vacante (1936-1940)
  • Cristoforo Domenico Carullo, O.F.M. † (2 febbraio 1940 - 31 gennaio 1968 deceduto)
    • Sede vacante (1968-1974)
  • Agapito Simeoni † (9 maggio 1974 - 2 gennaio 1976 deceduto)
  • Nicola Agnozzi, O.F.M.Conv. † (24 marzo 1976 - 30 settembre 1986 nominato vescovo di Ariano Irpino-Lacedonia)

Vescovi di Ariano Irpino-Lacedonia[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2012 su una popolazione di 74.750 persone contava 74.000 battezzati, corrispondenti al 99% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
Diocesi di Ariano Irpino
1905 50.400  ?  ? 128 125 3  ?  ?  ?  ? 25
1950 62.000 62.406 99,3 48 39 9 1.291 10 96 24
1959 63.300 63.500 99,7 43 33 10 1.472 12 112 30
1969 63.300 63.500 99,7 46 31 15 1.376 16 78 24
1980 42.800 43.000 99,5 21 21 2.038 72 30
Diocesi di Lacedonia
1905 28.000  ?  ?  ?  ?  ?  ?  ?  ?  ? 11
1950 34.673 35.948 96,5 31 29 2 1.118 3 30 11
1970 30.350 30.447 99,7 20 14 6 1.517 6 26 13
1980 26.000 26.300 98,9 18 11 7 1.444 7 19 13
Diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia
1990 64.728 64.926 99,7 52 33 19 1.244 20 82 35
1999 71.000 71.177 99,8 47 36 11 1.510 14 63 43
2000 69.711 70.611 98,7 50 37 13 1.394 16 71 43
2001 69.745 70.748 98,6 41 31 10 1.701 13 67 43
2002 69.236 69.599 99,5 48 37 11 1.442 14 70 43
2003 71.329 71.942 99,1 50 39 11 1.426 14 68 43
2004 72.902 74.055 98,4 51 38 13 1.429 16 63 43
2006 73.524 74.200 99,1 75 57 18 980 20 54 43
2012 74.000 74.750 99 52 41 11 1.423 8 13 70 43

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco dal sito web della diocesi.
  2. ^ Vitale, Storia della regia città di Ariano e sua diocesi, pp. 188-189.
  3. ^ Kehr, Italia pontificia, IX, pp. 54-55, nº 15.
  4. ^ Kehr, Italia pontificia, IX, p. 137.
  5. ^ Massa, Vivere «secundum Langnobardorum legem» ad Ariano Irpino, pp. 13-14.
  6. ^ Massa, Vivere «secundum Langnobardorum legem» ad Ariano Irpino, pp. 112-114.
  7. ^ Massa, Vivere «secundum Langnobardorum legem» ad Ariano Irpino, p. 15, nota 65.
  8. ^ a b Dal sito Beweb - Beni ecclesiastici in web.
  9. ^ AAS 6 (1914), p. 188.
  10. ^ Tra questi D'Avino (Cenni storici…, p. 284, nota) e Kehr (Italia pontificia, IX, 1962, p. 503, nº 1 e nota).
  11. ^ Italia Pontificia, vol. IX, 1962, p. 510.
  12. ^ AAS 75 (1983), pp. 780-781.
  13. ^ AAS 90 (1998), pp. 58-60 e 239-240.
  14. ^ a b c d e f g h i j k Massa, Vivere «secundum Langnobardorum legem» ad Ariano Irpino, tabella 2, pp. 128-130.
  15. ^ Gams inserisce al 1080, ma con il beneficio del dubbio, un vescovo di nome Giovanni, ignoto a tutti gli altri autori. Mainardo è documentato ancora a novembre del 1080.
  16. ^ a b c d e f g h i j k l Kamp, Kirche und Monarchie…, vol. I, pp. 223-228.
  17. ^ Vescovo inserito nella cronotassi di Ariano da Ughelli (Italia sacra, VIII, col. 216), ma senza alcuna indicazione documentaria.
  18. ^ Questo vescovo fu eletto per la sede di Siponto nel 1300, ma il papa non acconsentì a questo trasferimento. Eubel chiama questo vescovo Raone arianensis (Hierarchia catholica, I, p. 453, nota 3) e potrebbe essere lo stesso già documentato nel 1290 (Kamp).
  19. ^ Secondo Gams e Cappelletti, tra Giovanni (1344) e Tommaso (1356) esiste un vescovo Raimondo (menzionato nel 1349), cui succede un Giovanni II, trasferito a Dulcigno il 19 novembre 1354. Ughelli mette Raimondo (1349) prima di Giovanni (1356), seguito da Tommaso (1358). Per Eubel invece, in assenza di Raimondo, esiste un unico Giovanni, alla cui morte succede Tommaso; anche Vitale mette un solo Giovanni documentato dal 1344 al 24 marzo 1356, con esclusione dunque di Raimondo.
  20. ^ Rafael Lazcano, Episcopologio agustiniano, Agustiniana, Guadarrama (Madrid) 2014, vol. I, p. 522. Secondo le bolle pontificie citate da Eubel, Simone succede a Dionisio per la morte di quest'ultimo. Ughelli, e gli autori che ne dipendono, inserisce un vescovo Giacomo, trasferito a Frigento il 16 gennaio 1370.
  21. ^ La cronotassi dei vescovi dopo Simone è abbastanza confusa. Gams riporta questa sequenza: Domenico, trasferito da Muro Lucano il 21 aprile 1373; Geroaldo, documentato nel 1382 e morto nel 1390; e Giovanni da Padula, menzionato come intruso nel 1386. Eubel invece riporta questa sequenza: Geraldino, confermato da Gregorio XI il 27 aprile 1373 e trasferito a Castro di Puglia il 19 marzo 1390; Domenico, vescovo di Muro Lucano, di obbedienza avignonese, trasferito da Clemente VII l'11 giugno 1386; Giovanni da Padula, documentato nel 1382, vescovo di obbedienza romana.
  22. ^ Lazcano, o. c., vol. I, p. 522-523.
  23. ^ Lazcano, o. c., vol. I, p. 523-525.
  24. ^ Dopo Aguado, Gams inserisce il vescovo Paolo Palumbo (1645-1647) trasferito da Cassano all'Jonio. Secondo Eubel invece Paolo Palumbo muore nel 1648, quando era ancora vescovo di Cassano all'Jonio. Anche Vitale (op. cit., p. 238) non accenna alla presenza di Palumbo ad Ariano.
  25. ^ Lazcano, o. c., vol. I, p. 526.
  26. ^ Il 26 giugno successivo è nominato vescovo titolare di Amorio.
  27. ^ Questo vescovo avrebbe preso parte alla consacrazione dell'abbazia di Monticchio nel 1059, dopo aver partecipato al concilio di Melfi. Secondo D'Avino, «il documento dal quale si vuole raccogliere la esistenza di tale Simeone è così evidentemente bugiardo da non aver bisogno di molta critica per riconoscerlo tale» (Cenni storici…, p. 284, nota). Simeone è escluso anche da Cappelletti, Gams, Kehr.
  28. ^ a b Leone Mattei Cerasoli, Di alcuni vescovi poco noti, 2, in Archivio storico per le province napoletane, 44 (nuova serie 4), 1919, pp. 310-311.
  29. ^ a b c d e f Kamp, Kirche und Monarchie…, vol. 2, pp. 753-755.
  30. ^ Prima di Ruggero, molti autori inseriscono il vescovo Antonio nel 1265 (D'Avino al 1255); secondo Kamp questo vescovo è da escludere perché documentato da un diploma spurio. Kamp, Kirche und Monarchie…, vol. 2, p. 754, nota 10.
  31. ^ Il 26 agosto 1275 fu nominato vescovo di Rapolla. La bolla di nomina si riferisce a Ruggero come a un quondam episcopus Laquedonensis (cioè ex vescovo di Lacedonia); questo esclude, come hanno fatto molti autori, che Ruggero sia stato trasferito direttamente da Lacedonia a Rapolla nel 1275. La diocesi inoltre risulta essere vacante tra il 1266/68 e il 1272/73 (Kamp).
  32. ^ Questa è la data dell'elezione riportata da Gams; Eubel ha invece la data dell'8 giugno 1392, quando il vescovo pagò la tassa dovuta alla Santa Sede per la sua elezione.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Per Ariano Irpino[modifica | modifica wikitesto]

Per Lacedonia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • «Ariano sacra», Portale dei Beni Culturali della Diocesi di Ariano-Lacedonia
Controllo di autorità VIAF: (EN308189845
Diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi