Montecassino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montecassino
Monte Cassino Opactwo 1.JPG
L'Abbazia di Montecassino, posta sulla sommità del rilievo e ricostruita dopo la distruzione a seguito dei bombardamenti alleati.
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Frosinone Frosinone
Comune Cassino
Altezza 520 m s.l.m.
Coordinate 41°29′25.84″N 13°48′48.73″E / 41.49051°N 13.813537°E41.49051; 13.813537Coordinate: 41°29′25.84″N 13°48′48.73″E / 41.49051°N 13.813537°E41.49051; 13.813537
Altri nomi e significati Abbazia di Montecassino
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Montecassino
Montecassino
L'abbazia di Montecassino distrutta a seguito dei bombardamenti alleati
La vista che si ammira da Monte Cassino

Montecassino è un rilievo di 520 m di altitudine, situato nella provincia di Frosinone e posto a circa 130 km a sud-est di Roma e a 2 km da Cassino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Attorno all'anno 529, San Benedetto da Norcia stabilì su questo rilievo il proprio primo monastero, dal quale derivò l'ordine benedettino.

Durante la seconda guerra mondiale, il luogo divenne celebre come teatro dell'omonima battaglia di Montecassino, svoltasi nel 1944, e che provocò fra l'altro la distruzione del complesso a causa dei bombardamenti alleati. L'abbazia fu successivamente ricostruita dopo la fine del conflitto.

Il luogo è stato visitato da varie autorità ecclesiastiche, inclusa una visita di Papa Benedetto XVI nel maggio 2009.

Nel 2011 è stato pubblicato dal Club Alpino Italiano il libro "Sentieri per Montecassino, guida all'escursionismo culturale della montagna".[1]

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 maggio 2014, nel settantesimo anniversario del bombardamento dell'abbazia, per la prima volta, è giunta su Montecassino la sesta tappa del 97º Giro d'Italia.[2] La tappa in programma inizialmente di 247 km, si rilevò la più lunga del giro, allungata di 10 km, per una frana nel comune di Polla.

L'ascesa a Monte Cassino, presenta un dislivello di 445 m, in 8,5 km di strada, raggiunta con pendenze medie del 5 % e massime del 10 %, in periodi primaverili ed estivi è un percoso molto battuto dai cicloamatori.

Giro[modifica | modifica wikitesto]

La salita è stata scalata una volta al Giro d'Italia:

2014 - 6ª tappa: Sassano - Monte Cassino vinta da Michael Matthews.

Monte Cassino nel 2011 ospitò già un arrivo di tappa, al Giro d'Italia dilettanti, detto anche Giro Baby e Girobio, la partenza della tappa era dalla città di Benevento, vinta da Winner Anacona ciclista colombiano.[3].

Cronoscalata[modifica | modifica wikitesto]

Si svolge annualmente una cronoscalata con partenza da Cassino e arrivo su a Monte Cassino, valida per Campionato Nazionale di Cronoscalata Csain.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Gazzetta di Cassino, Presentato Sentieri per Montecassino, 16 marzo 2011, pag. 6
  2. ^ Percorso tappa 06° - Giro d'Italia 2014 - Gazzetta dello Sport
  3. ^ Alfredo Giuliano, GS DPG Castelforte-Pontecorvo, Tour-Giro-Vuelta.net, Giro.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michela Cigola, L'abbazia benedettina di Montecassino. La storia attraverso le testimonianze grafiche di rilievo e di progetto. Cassino, Ciolfi Editore, 2005. ISBN 88-86810-28-8
  • Salvatore Capaldi, Sentieri per Montecassino, Club Alpino Italiano, 2011
  • Tommaso Breccia Fratadocchi, La ricostruzione dell'Abbazia di Montecassino, Roma, Gangemi editore, 2014, ISBN 978-88-492-2911-0.
  • Giovanni Carbonara, Iussu Desiderii. Montecassino e l'architettura campano-abruzzese nell'XI secolo, Roma, Ginevra Bentivoglio Editoria, 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Template interprogetto vuoto e senza dati da recuperare da Wikidata

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN304919998