Manduria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manduria
comune
Manduria – Stemma Manduria – Bandiera
Manduria – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of Arms of Apulia.svg Puglia
ProvinciaProvincia di Taranto-Stemma.png Taranto
Amministrazione
SindacoGregorio Pecoraro (M5S) dal 05-10-2020 (3° mandato)
Territorio
Coordinate40°24′10″N 17°38′03″E / 40.402778°N 17.634167°E40.402778; 17.634167 (Manduria)Coordinate: 40°24′10″N 17°38′03″E / 40.402778°N 17.634167°E40.402778; 17.634167 (Manduria)
Altitudine79 m s.l.m.
Superficie180,41 km²
Abitanti30 895[1] (01-01-2020)
Densità171,25 ab./km²
FrazioniSan Pietro in Bevagna, Torre Colimena, Uggiano Montefusco
Comuni confinantiAvetrana, Erchie (BR), Francavilla Fontana (BR), Maruggio, Oria (BR), Porto Cesareo (LE), Sava
Altre informazioni
Cod. postale74024
Prefisso099
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT073012
Cod. catastaleE882
TargaTA
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona C, 1 174 GG[2]
Nome abitantimanduriani
Patronosan Gregorio Magno, Immacolata Concezione, San Pietro per la frazione di San Pietro in Bevagna, San Carlo Borromeo, San Nicola di Bari per la frazione di Uggiano Montefusco.
Giorno festivo3 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Manduria
Manduria
Manduria – Mappa
Posizione del comune di Manduria all'interno della provincia di Taranto
Sito istituzionale

Manduria (Μανδόριος o Μανδόνιον in greco antico, Manduria o Manduris in latino), ex Casalnuovo, è un comune italiano di 30 895 abitanti[1] della provincia di Taranto in Puglia.

La cittadina è situata nel Salento settentrionale, nota come "Città dei Messapi" e del "Vino Primitivo". Il nome Manduria potrebbe derivare dall'indoeuropeo mandus che significa "cavalli" (i messapi erano abili allevatori di cavalli) o molto più probabilmente l'etimologia della parola ricorda mand-Uria cioè avanti a Oria, città confinante con Manduria e capitale politica della Dodecapoli messapica, secondo questo filone di pensiero Manduria rappresentava un avamposto tra il centro messapico e la nemica Taranto. Il nome potrebbe anche richiamare il nome del mandorlo, albero molto caro agli abitanti in quanto presente nel fonte Pliniano e di conseguenza sullo stemma.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Geografia della Puglia.

La città è situata sugli appennini tarantine a 79 m s.l.m., ma nel territorio è situato anche il Monte Bagnolo, al confine col comune di Sava. Il territorio si estende inoltre su una fascia costiera lunga 18 km, tramite alcune frazioni. In esso scorre il fiume Chidro, uno dei più importanti fiumi del Salento, che oltre ad essere un Sito di Importanza Comunitaria è compreso nella "Riserva Naturale Orientata del Litorale Tarantino Orientale". Presso la frazione di Borraco scorre anche il fiume Borraco.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

La città di Manduria sorge in una fertile piana che si estende ad est sino alla cittadina di Oria e ad ovest verso le basse colline del "Diavolo" che fungono da spartiacque tra il microclima costiero e quello più continentale dell'entroterra. Il "Monte dei Diavoli" ("Lu monti ti li tiàuli" in dialetto Manduriano) è il più alto del territorio coi suoi 117 m dal livello del mare.

La temperatura media annua si attesta sui 16,5°-16,7°. D'inverno non sono rari episodi di gelo notturno specie durante periodi anticiclonici, d'estate sovente il termometro può superare i 40° con picchi eccezionali di 43°-44° quando si verificano caldi e secchi venti settentrionali.

La piovosità media nel periodo 1961-1990 è stimata in 610 millimetri, la nevosità fra 3 e 4 centimetri annui.

Il 28 ottobre 2018, intorno alle ore 20:00, una tromba d’aria di grado compreso tra EF0 e EF1 si è abbattuta nel comune recando ingenti danni a case, chiese e auto, facendo volare alberi e creando parecchio disagio tra i cittadini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia del Salento e Storia della Puglia.
La parte del Fonte Pliniano posta più in superficie, con il mandorlo, ritratta anche nello stemma cittadino

Fondata dai Messapi, (gli antichi cittadini),porta ancora numerose testimonianze del suo antico passato, tra le quali le mura megalitiche, circondate dai resti del fossato che circondava la città, e la necropoli. Affrontò varie guerre con la vicina Taranto, durante una delle quali trovò la morte Archidamo III nel 338 a.C., re di Sparta, alleato dei Tarantini.[3]

Manduria intorno al 266 a.C. entrò a far parte dei domini di Roma assieme agli altri centri messapici del Salento, a seguito della presa di Brindisi. Durante la discesa di Annibale in Italia, Manduria si schierò tra le città ribelli a Roma e per questo la repressione fu molto dura: le fonti storiche riferiscono della deportazione di migliaia di uomini (Q. Fabius consul oppidum in Sallentinis Manduriam vi cepit. Ibi ad tria milia hominum capta et ceterae praedae aliquantum)[4].

A Manduria vi passava la via Traiana Sallentina o via Sallentina, strada romana che iniziava dalla via Appia nei pressi di Taranto, giungeva a Manduria e si dirigeva ad Avetrana, Nardò, Alezio, Ugento per terminare ad Otranto. Era larga almeno 4 metri e lastricata. Sulla Tavola Peutingeriana oltre al tracciato si leggevano anche le distanze in miglia: "Taranto XX Manduris XXIX Neritum" (20 miglia tra Taranto e Manduria e 29 miglia tra Manduria e Nardò).

Distrutta nei secoli successivi dai Saraceni, venne rifondata nell'XI secolo con il nome di Casalnuovo, occupando solo parzialmente la vecchia città di Manduria ed espandendosi verso occidente, lasciando inedificata la zona orientale già destinata all'antica necropoli.

La cittadina di Casalnuovo in Terra d'Otranto fu infeudata alla famiglia Hugot (dal 1339), alla quale successero i De Tremblay (XV secolo) e quindi i De Raho, i Montefuscoli, i Dentice, i Castromediano, i Bonifacio, i Borromeo, i Chyurlia ed infine gli Imperiali di Francavilla, che la tennero sino alla fine del secolo XVIII.

Con decreto reale del 17 novembre 1789 Ferdinando I di Borbone, re delle Due Sicilie, le restituì il suo antico nome di Manduria. Il 14 febbraio 1895 Umberto I re d'Italia, concesse al comune di Manduria il titolo di città. Lo stesso anno il comune deliberava che una lapide murata sotto l'arco di Porta Napoli ricordasse le date memorabili della città.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Centro storico[modifica | modifica wikitesto]

Scorcio del centro storico.

Il centro storico di Manduria si sviluppa in una serie di stradine strette e contorte, in cui è molto facile perdersi se non si conosce bene il luogo.

Tra i monumenti principali che si trovano in questa area vi sono la chiesa collegiata romanica (meglio conosciuta come chiesa Madre), il ghetto ebraico di epoca medievale, la torre dell'orologio, palazzi gentilizi costruiti in varie epoche e tratti dell'antica cerchia muraria messapica.

Recentemente alcuni scavi hanno portato alla luce tombe, vasi e monete del periodo romano; ciò è accaduto anche altre volte vista la storia millenaria della città.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Madre (XV secolo)[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della Chiesa Madre

Ogni manduriano guarda a questo edificio come al monumento più insigne della città, senza celare la fierezza per questa nobilissima chiesa, pregevole esempio di architettura religiosa pugliese che, all'evidente impianto romanico, fonde influssi ed elementi tardo-gotici e catalaneggianti. L'edificio fu realizzato nello stesso luogo dell'antica chiesa medievale, molto più piccola, limitata quasi soltanto allo spazio dell'attuale presbiterio. A questa chiesa precedente appartenevano i due leoni stilofori oggi collocati ai lati del Portale; la loro fattura lascia immaginare l'importanza di quello che dovette essere un piccolo - grande gioiello architettonico di molti secoli fa, poi andato perduto. La costruzione della chiesa attuale fu iniziata invece sul finire del XV secolo ed ultimata entro la seconda metà di quello successivo, forse nel 1562. Non si conosce il nome dell'architetto, pur se lo splendido Portale col soprastante rosone della facciata, e il Fonte Battesimale (datato 1534), risultano opera del maestro Raimondo da Francavilla.

L'edificio, di pianta quadrata, si compone di cinque navate, la centrale, col soffitto ligneo a cassettoni restaurato nel 1938, si continua col presbiterio ad un'alta, elegante abside esagonale. La navata centrale è sorretta, come le altre, da colonne che si presentano più alte e possenti terminandosi negli originali capitelli compositi. In coincidenza del presbiterio restano i basamenti di pilastri polistili appartenenti alla chiesa dell'XI secolo. DI particolare interesse sono le volte delle più piccole navate laterali d'influsso catalano ed anche il pulpito ligneo del 1608, indicato fra i monumenti di interesse nazionale.

Il campanile della Chiesa Madre

L'interno della "Collegiata" è di particolare suggestione, ogni suo spazio ed elemento meriterebbe sottolineatura, legato com'è al passato di Manduria. I due "cappelloni", uno dedicato al S.S. Sacramento e l'altro al patrono S. Gregorio Magno. Ma l'attenzione si sofferma anche sulla facciata dal frontone cuspidato, con lo splendido rosone e il bel Portale sormontato dalla lunetta con l'altorilievo della Trinità cui la chiesa è dedicata.

Il campanile, incorporato fra le navate a destra e il presbiterio, è composto da cinque piani sovrapposti, con finestra monofore, colonnine che decorano queste ultime e gli spigoli, mascheroni e decorazioni zoomorfe e mitologiche, è un manufatto architettonico che desta l'interesse degli studiosi.

Chiesa di San Francesco[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di San Francesco

Le origini della chiesa e del convento francescano si devono al vicario provinciale padre Luca da Lecce, in carica tra il 1474 e il 1483. Dai lavori di restauro del 1964 si è scaturito che si configurava in un vano rettangolare raggiungendo l'altezza dell'attuale trabeazione, con copertura in legno, di cui sono rimaste le buche nelle pareti. Intorno al 1592, con la venuta a Manduria dei padri della Serafica Riforma, si procedette ai lavori di ristrutturazione del convento e della chiesa, in particolare sotto le novità architettoniche del XVII secolo. Nel 1608 venne abbattuta la copertura lignea, sopraelevando e rinforzando i muri perimetrali esistenti, creando il nuovo presbiterio, che allora comprendeva l'attuale abside e parte dell'attuale coro. Nel 1633 costruirono un diaframma in mezzo al presbiterio e dietro l'altare maggiore venne inflessa una volta intermedia, dove furono ricavati i due vani per i coni inferiore e superiore. Il campanile barocco, probabilmente, fu eretto nella prima metà del XVIII secolo e su di esso furono sistemate tre campane. Nel presbiterio sono notevoli le diciotto statue lignee a mezzobusto e il Crocifisso ligneo, risalenti al XVII secolo.[5]

Ex Chiesa di Santa Croce[modifica | modifica wikitesto]

Facciata dell'ex chiesa di Santa Croce

Chiamata anche Chiesa del Camposanto vecchio, la chiesa di Santa Croce è così conosciuta perché, secondo alcune fonti locali, dentro di essa era custodita una pesantissima croce in legno, portata da un "P. Cappuccino di S. Vito" sulle spalle. La chiesa è composta di una sola navata, lunga 12 m e larga 9 m, con due altari, di cui quello sinistro dedicato ai santi Marco Apostolo e Biagio vescovo e martire, successivamente demolito, mentre l'altare principale era dedicato ai ss. Innocenti e, ancor prima, alla ss. Croce. Col tempo la chiesa acquisì maggior rinomanza grazie all'allora vescovo di Oria Tommaso Maria Franca, che concesse l'uso della chiesa come sede di un pio sodalizio legato alla figura e al culto di San Rocco. La siffatta congrega esercitò sin dal 1698 gli atti religiosi e caritatevoli nei confronti dei più poveri e nel 1803 ricevette il Regio assenso da parte del re di Napoli Ferdinando IV. Con la creazione del Camposanto comunale nei pressi della chiesa e convento dei Padri Cappuccini, nel 1839 la vicina chiesa di Santa Croce fu adibita a deposito mortuario. Nel 1865 il colera devastò la città di Manduria al punto che il Camposanto si mostrò insufficiente e si fece ricorso alle tombe presenti nella chiesa dei Cappuccini. Intanto si costruì il nuovo Camposanto più a nord e la chiesa riprese il principale ufficio di deposito nel 1870. Con un decreto reale si proibì, però, la tumulazione, surrogando a questo l'inumazione, e nel 1893 si sospese il seppellimento nel Camposanto, così che la chiesa di Camposanto vecchio fu affidata dal Municipio alle cure dei Reverendi Frati Minori Osservanti.[6]

Chiesa del Carmine[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa della Madonna del Carmine

La chiesa del Carmine, con l'attiguo convento degli Scolopi, venne fondata per volere del sacerdote Giacomo Antonio Carrozzo. La costruzione del convento ebbe inizio nel 1696, mentre i lavori per la chiesa iniziarono cinque anni dopo e terminarono nel 1741, come si legge nel timpano sulla facciata. Inizialmente fu dedicata ai santi Pietro e Paolo, ma nel 1834 la Congrega della Vergine Santissima del Carmine chiese all'allora vescovo Guida di professare il culto nella chiesa degli Scolopi. La struttura ha una pianta ovoidale posta in largo e una facciata con balaustra, con il secondo piano arretrato. Il portale d'ingresso è delimitato da una larga fascia snellita da una linea di dentelli e al di sopra dell'architrave da una coronatura con fastigio ad arco e il timpano. Sul prospetto inferiore si trovano due nicchie con le statue di Santa Irene e Santa Barbara, sulla balaustra sono collocate le statue dei quattro evangelisti e sulla sommità della facciata vi è la statua della Madonna del Carmine con ai lati San Pietro e San Paolo. All'interno si trovano quattro altari minori dedicati ai santi Lorenzo, Nicola da Mira, Filippo Neri e alla Madonna di Caravaggio, mentre l'altare maggiore è dedicato al Santissimo Sacramento. La cupola, ellittica, presenta sei finestre ed è coperta (nel tamburo) da elementi floreali e fogliati in stucco bianco, oltre a putti e fregi. Su di essa sono visibili, ma solo in parte, dieci affreschi ovali e due orizzontali, che evidenziano scene del Vecchio e Nuovo Testamento, attribuiti a Diego Oronzo Bianchi. Delle numerose tele, circa quaranta, presenti nella chiesa, molte sono state dipinte dai pittori Gaetano, Diego e Pasquale Bianchi, costituendo la più ampia collezione della famiglia Bianchi del Sud Italia. Di Gaetano, in particolare, sono il dipinto dei santi Pietro e Paolo e un altro sulla Madonna del Carmine (1688).[7]

Chiesa di San Pietro Mandurino[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Pietro Mandurino

La piccola chiesa rupestre intitolata a San Pietro Mandurino si colloca nel parco archeologico a nord dell'abitato, ergendosi sopra una vecchia cripta ipogea accessibile da una scalinata nella roccia. La chiesa superiore è strutturata su due campate orientate est-ovest (secondo rito greco), di cui la prima (entrando) con una cupola a thòlos, mentre la seconda con una volta a botte di traverso, costruita dopo che era crollata la seconda cupola, per poi terminare con un abside. È comunque incerta la datazione della chiesa per via di pesanti interventi per volere del vescovo di Oria Labanchi nel Settecento. Si ipotizza che sia stata costruita in quell'arco di tempo tra il X e il XII secolo. La cripta ipogea, invece, era probabilmente una tomba a camera di età classica, riutilizzata per esigenze di culto bizantine. Il vano centrale è scandito da tre pilastri, mentre un vano più piccolo si apre di fronte alla scalinata (di lato alla cripta). Le pareti presentano diverse nicchie scavate nella roccia con affreschi di santi dipinti nei restauri del XVIII secolo, senza però conservare le decorazioni originarie. Durante i lavori di ristrutturazione degli anni '70 sono stati riscoperte nella chiesa superiore alcune sepolture risalenti al Medioevo.[8]

Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli[modifica | modifica wikitesto]

Cupola della chiesa di Santa Maria di Costantinopoli

Tra le chiese barocche più notevoli di Manduria si trova quella di Santa Maria di Costantinopoli, attigua all'ex convento degli Agostiniani che, soppresso l'ordine nel 1809, ha ospitato per molti anni la Caserma dei Carabinieri. La costruzione della chiesa avvenne tra il 1644 e il 1718. Nel 1813 vi si trasferì la Congregazione di san Rocco, precedentemente con sede nei pressi di san Antonio. Dopo essere stata, dalla seconda metà dell'Ottocento, parrocchia succursale, nel 1928 fu eretta a parrocchia. Presenta un notevole esterno, considerando la facciata a due piani e la cupola maiolicata, mentre dall'interno, con una navata in pianta a croce latina, presenta un fastoso altare maggiore con la statua della Madonna di Costantinopoli del 1725, oltre ai due altari dedicati alla Madonna della Sanità e alla Madonna della Consolazione.[9]

Convento dei Passionisti[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di San Paolo della Croce, convento dei Passionisti

La chiesa dei Padri Passionisti è composta da tre navate a pianta greca e illuminata da dodici finestre. La facciata presenta due coppie di lesene ioniche ai lati del portale, più un'altra coppia alle estremità, mentre sul portale si trovano il lunotto e, più in alto, l'architrave con il timpano. L'altare maggiore, in marmo, è stato lavorato a Napoli da un artigiano di nome Evangelista e conserva l'affascinante tela del 1882, che rappresenta Gesù in atto di mostrare il suo cuore a Santa Margherita Alacoque, ed è attribuito a Giovanni Gagliardi, nipote del più noto Pietro Gagliardi.[10]

Chiesa di Santa Lucia (XIX secolo)[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di Santa Lucia

La chiesa di Santa Lucia è una chiesa in stile neoclassico datata al 1894. Tuttavia già prima di essere edificata, sullo stesso luogo esisteva un'altra chiesa dedicata alla Natività di Maria, di epoca cinquecentesca. La facciata presenta un portale riccamente decorato con un fastigio curvilineo. L'edificio è inoltre sormontato da una grande cupola con lanterna, fiancheggiata da due piccoli campanili. L'interno è a pianta centrale e presenta cinque altari: quello maggiore dedicato al Patrocinio di Maria Vergine, il secondo a Santa Lucia, il terzo a San Trifone, il quarto a San Francesco di Paola mentre il quinto alle Anime Purganti.

Chiesa di San Benedetto (XVI secolo)[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di San Benedetto

La chiesa di San Benedetto risale al XVI secolo ed è costituita da una facciata divisa in due piani: nel piano inferiore abbiamo un portale con fastigio curvilineo, nella parte superiore invece troviamo un finestrone con due nicchie ai suoi lati, nelle quali vi sono le statue di San Giovanni e San Benedetto. Il timpano culmina con una statua dell'Immacolata e ai lati con le statue di Santa Fara e Santa Scolastica. Nella chiesa è custodito il corpo di San Florenzo Martire, portato a Manduria nell'Ottocento.

Chiesa dell'Immacolata (XVII secolo)[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa dell'Immacolata fu edificata presumibilmente nel Seicento a sostituzione della cappella della Madonna delle Grazie preesistente. La chiesa è in stile barocco e all'esterno presenta un portale con un fastigio con la statua dell'Immacolata. Interessante è poi l'interno con un altare barocco riccamente decorato, abbellito da altri tre altari laterali.

Parrocchia - Oratorio San Giovanni Bosco[modifica | modifica wikitesto]

La città di Manduria, ricca di secoli di storia, accolse I'arrivo dei primi salesiani Il 28 ottobre 1956. L'opera ebbe origine in seguito ad una convenzione fra I'arciprete Mons. Luigi Neglia e l'ispettore salesiano don Luigi Pilotto. Era ardente desiderio di mons. Neglia avere in Manduria una congregazione religiosa che si occupasse della gioventù. Egli stesso salesiano nel cuore aveva già realizzato le "Opere parrocchiali", un complesso di locali e di cortili nella zona storica della città.

Offrendosene l'occasione, nel desiderio di fare del bene alla sua gente, specialmente ai fanciulli e ai giovani e, trovando generosa corrispondenza in Giambattista Arnò, Mons. Neglia fondò il "Villaggio del fanciullo", dedicato a San Gregorio Magno, Santo patrono di Manduria. Il primo lavoro dei salesiani fu I'avviamento dell'Oratorio che, in breve tempo, fu frequentato quotidianamente da molti ragazzi affascinati dalle novità dello stile salesiano. Intanto sorgevano anche due scuole di " arti e mestieri: quella di sartoria e quella al calzoleria; sorgeva pure l'internato per accogliere ragazzi inviati da vari Enti di Assistenza. Nel 1962 venne avanzata dalla Curia vescovile l'idea di affidare ai salesiani una nuova parrocchia in Manduria.

Due anni dopo nel 1964 ci fu solennemente l'erezione e l'inaugurazione della parrocchia "S. Giovanni Bosco" nel giorno della festa dell'Immacolata. Nello stesso anno giunsero le suore Figlie di Maria Ausiliatrice per prendersi cura dell'oratorio femminile e per fornire aiuto all'opera. In seguito, annesso all'Oratorio, fu costruito il salone-teatro che permise la realizzazione di vari spettacoli e manifestazioni. Col passare degli anni, la Casa di Manduria si rivelò adatta, data anche la vicinanza al mare, per colonie estive e campi scuola. Così, negli anni che vanno dal 1963 al 1969 essa vide radunarsi tra le sue mura tanti giovani provenienti dalle varie Case del lspettoria per partecipare ai corsi per "animatori di Oratorio" La colonia al mare si ripete fino al 1979, in seguito essa non ebbe più luogo, ma da allora, ogni anno, si sono svolti nella Piazza di San Pietro in Bevagna incontri per i giovani e giochi di animazione estiva. Intorno al 1973 iniziarono i lavori per una nuova chiesa parrocchiale, consacrata il 29 gennaio 1978 da S.E. Mons. Salvatore De Giorgi, Vescovo di Oria. La parrocchia "San Giovanni Bosco" è la più ampia e popolosa della città, dovendo offrire le sue cure pastorali a più di 10000 abitanti.

Il retroterra socioculturale in cui opera si presenta vasto e variegato da cui emergono anche casi di privazione economica e di emarginazione sociale situata in un vasto quartiere di periferia che ha avuto uno sviluppo edile veloce e precario. La popolazione in genere, pur vivendo una tradizione religiosa popolare, stenta a dialogare e a creare un clima di "comunità ecclesiale". Negli ultimi anni si è registrato un incremento demografico a causa dello sviluppo territoriale del quartiere, divenuto tra l'altro anche la piccola "città degli studi" di Manduria, ospitando la scuola elementare "Don Bosco", la suola media "Enrico Fermi", il liceo classico "Francesco De Sanctis", l'istituto tecnico commerciale e per geometri "Luigi Einaudi", la sezione di Manduria dell'Istituto professionale di Stato per l'agricoltura" e infine si sta ultimando la costruzione della nuova sede del Liceo scientifico. C'è un numero consistente di famiglie "a rischio" che vive di espedienti non sempre "legali". Nei riguardi dei ragazzi di queste famiglie si sta tentando un'opera di recupero educativo attraverso il doposcuola e le attività formative e ricreative del nostro oratorio.

Attività e servizio apostolico

L'opera che i salesiani hanno svolto nella città di Manduria sino a settembre 2012 si esprimeva fondamentalmente in due settori pastorali: la Parrocchia con la variegata pastorale degli adulti, la catechesi sacramentale e l'animazione delle tradizioni religiose popolari. L'oratorio-centro giovanile con il movimento di gruppi giovanili e le molteplici attività e iniziative giovanili.

Dal 2012 i Salesiani hanno lasciato Manduria e la parrocchia è stata affidata alla cura pastorale di sacerdoti diocesani. La comunità ha continuato il suo cammino conservando la ricchezza del carisma salesiano e rafforzando l'appartenenza alla Chiesa Diocesana, favorendo nuove prospettive pastorali, attraverso l'istituzione dei gruppi famiglia, un percorso di catechesi per genitori e ragazzi insieme, una maggiore unità nelle varie attività tra la comunità parrocchiale e l'oratorio, l'istituzione e l'affiliazione all'ANSPI, dell'oratorio A.S.D. Don Bosco con la riorganizzazione di tutti i settori sportivi (Calcio e Basket) e dei gruppi formativi per fasce di età, oltre a un gruppo di giovani animatori. Si sono valorizzate dal punto di vista spirituale e comunitario le feste di Maria Ausiliatrice e S. Giovanni Bosco ed è stata introdotta come espressione dell'impegno della parrocchia e dell'oratorio la "Notte del Villaggio", evento di spettacolo, musica, e arte. Dal mese di luglio 2014 l'intero complesso parrocchiale è passato di proprietà dell'Ente parrocchia San Giovanni Bosco - Diocesi di Oria.

Il 31 gennaio 2017, in occasione dei festeggiamenti in onore a San Giovanni Bosco, la chiesa che fu eretta fra il 1973 e il 1978 è stata definitivamente chiusa a causa delle sue pessime condizioni strutturali. Dopo appena 39 anni la struttura in cemento armato, insieme ai locali parrocchiali, verranno demoliti per dar posto ad un nuovo Plesso Parrocchiale.

Altre chiese[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di sant'Antonio
  • Chiesa di San Michele Arcangelo (XVI secolo)
  • Chiesa di Sant'Antonio (XX secolo)
  • Chiesa della Purificazione
  • Chiesa dello Spirito Santo
  • Chiesa della Madonna del Rosario (XVIII secolo)
  • Chiesa di San Giuseppe
  • Chiesa di San Cosimo (XVIII secolo)
  • Chiesa di San Leonardo
  • Chiesa del Sacro Cuore (XIX secolo)
  • Chiesa di Santa Maria del Bagnolo (XIV secolo)
  • Chiesa di San Pietro in Bevagna (XV secolo)
  • Chiesa e convento di San Francesco (XVII secolo)
  • Chiesa e convento di Santa Chiara (XIX secolo)

Calvario[modifica | modifica wikitesto]

Calvario

È un monumento realizzato nella seconda metà del XIX secolo dal laico professor Giuseppe Renato Greco. Si tratta di una rappresentazione di alcune scene della Passione di Cristo, unica nel suo genere perché realizzata con un gran numero di conchiglie e cocci di ceramica di varie epoche e colori. Il Calvario si trova in via Maruggio 8, nei pressi di piazza Vittorio Emanuele II. Fu proposto nel 1839 da cinque sacerdoti liguorini a ricordo di quando, durante la Quaresima, questi tennero prediche nei luoghi di culto della città. Inizialmente fu elevato un monticello di pietre e terra sul quale furono impiantate cinque grandi croci, ma col tempo i manduriani si resero conto che il monumento era troppo spoglio. Per questo venne incaricato Giuseppe Renato Greco dall'arciprete Marco Gatti. Scelse, quindi, un metodo semplice raccogliendo di casa in casa vecchie stoviglie, ma di valore perché costituisce una testimonianza della produzione ceramica di Manduria e Laterza, per poi usarle come tessere di mosaico, in modo da abbellire il monumento con i colori invetriati delle maioliche.[11]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Imperiali-Filotico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Palazzo Imperiali-Filotico.
Palazzo Imperiali-Filotico a Manduria

Sui ruderi del castello medievale fu concepita una nuova residenza principesca da don Michele III Imperiali, feudatario di Casalnuovo nel 1717 come elemento fondamentale di un importante piano di rinnovamento urbanistico della città. Il palazzo è concepito secondo lo schema classico della dimora urbana, a pianta quadrata e isolato sui quattro lati: per lo stile severo ed austero risultano evidenti le caratteristiche di unicità nel panorama del tardo barocco salentino, dal quale esso si discosta decisamente. Interessanti appaiono, invece, le analogie con esempi tardomanieristici romani a cavallo tra XVII e XVIII secolo. L'unica concessione al gusto rococò del tempo è costituita dalla lunga balconata in ferro lavorato "a petto d'oca".

Ex convento dei padri scolopi[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio in oggetto occupa uno dei lati della Piazza Giuseppe Garibaldi, piazza principale a pianta trianfolare della Città di Manduria. Originariamente esso era sorto come convento dei Padri Scolopi, con il nome di “Collegium Scholarum Piarum”, a seguito di una donazione del 1681 di un sacerdote di estrazione nobiliare, don Giacomo Antonio Carrozzo (1620-1682). Tale sacerdote, dopo una serie di colloqui con il provinciale di Napoli Tommaso Simone, decide di donare tutti i sui beni all’Ordine degli Scolopi, con la condizione per quest’ultimo di aprire un collegio di istruzione. I beni donati dal Carrozzo ammontano, tra mobili e stabili, a 10.000 ducati. A ricordo del benefattore Giacomo Antonio Carrozzo, i padri Scolopi fecero scolpire, su uno spigolo della facciata e sulla volta dell’androne del collegio, lo stemma della famiglia Carrozzo alias Contissa (ceppo generazionale Erchie (BR) e Galatone (LE)) rappresentato da un leone su due zampe che sorregge una spada, lo stesso nel mezzo delle due metà di una ruota da carro, il tutto al di sotto di tre stelle ad otto punte come è indicato nel Librone Magno. Il sito scelto per l’abitazione dei Padri è “il meglio della terra”, e non manca di un ampio giardino”abondante di acque perfettissime”. A seguito di alcune liti tra ordini religiosi, l’opera di costruzione fu ritardata di diversi anni. Il convento iniziato nel 1696, intervenendo su fabbricati preesistenti del donatore, terminò solo nel 1745, come si legge da una pietra incastonata tra le altre del portico che circonda il chiostro. La chiesa era terminata qualche anno prima (1741). Il progetto del complesso si deve a di Fratel Vito di S. Giovanni, operario degli Scolopi, ed i disegni originari sono ancora conservati nell’archivio generale delle Scuole Pie a S. Pantaleo (Roma). Il collegio rimase ai Padri Scolopi fino al 1818, per passare successivamente al Collegio delle Scuole Pie di Francavilla Fontana. Successivamente, a seguito del R.D. 7/7/1866 che stabiliva che tutti i beni degli enti religiosi soppressi passassero al demanio dello stato, la Città di Manduria se lo aggiudicò tramite asta pubblica nel 1878 per trasferirvi gli uffici comunali ed altri servizi pubblici, tra cui per un certo periodo le scuole maschili e femminili. Il convento fu inizialmente adattato al nuovo uso con un intervento su progetto dell’ing. Eugenio M. Schiavoni del 1879, conservato ancora nell’archivio comunale di Manduria. Un successivo intervento, realizzato su progetto dell’ingegnere comunale Ferdinando De Grassi nel 1882, riguardò la modifica dell’ingreso principale e la realizzazione dello scalone monumentale che collega i due piani della fabbrica. Un ulteriore progetto fu redatto, a seguito del decesso del progettista originario, dall’ing. Nicola Schiavoni Tafuri, e successivamente probabilmente dal summenzionato ingegnere comunale, anche se non sono stati conservati documenti in proposito. Un'ulteriore modifica importante è soprattutto quella del fronte principale. Un ulteriore incarico tendente alla realizzazione della sala consigliare fu affidato dall’ing. Ignazio Bernardini nel 1889, non è noto se lo stesso è stato realizzato in toto o in parte. Nel 1895 il complesso divenne “Palatium Civitatis” con il riconoscimento al Comune di Manduria del titolo di Città il 14 febbraio 1895.

Altre architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Porta Napoli
Torre dell'orologio
  • Palazzo Giannuzzi
  • Palazzo Bianchetti
  • Palazzo Imperiali-Filotico
  • Palazzo Cagnazzi (XIX secolo)
  • Palazzo Pasanisi (XIX secolo)
  • Palazzo Pasanisi-Gaetani (XIV e XVIII secolo)
  • Palazzo Dimitri (XVI secolo)
  • Palazzo Schiavoni (XIX secolo)
  • Palazzo Briganti (XVIII secolo)
  • Masseria Scorcola
  • Masseria Abate
  • Masseria Bagnolo
  • Masseria Campo dei Fiori
  • Masseria Filicchie
  • Masseria Marchese
  • Masseria Marina
  • Masseria Ponsignore
  • Masseria Scalella
  • Masseria Specchiarica
  • Masseria Surii

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre, sono presenti anche bunker costruiti durante la seconda guerra mondiale dai soldati italiani e tedeschi per avvistare eventuali sbarchi nemici

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Necropoli messapica

Nell'area a nord-est della città (a ridosso della chiesa di Sant'Antonio) si trova il Parco archeologico delle Mura messapiche,[12] frutto di scavi che hanno portato alla luce la più grande necropoli messapica mai scoperta (circa 2.500 tombe),[13] assieme ad ampi tratti delle tre cerchie murarie (costruite con grandi blocchi di pietra incastrati tra di loro) che fortificavano la città in periodo messapico, il Fonte Pliniano e la chiesa di san Pietro Mandurino. Altra area di rilevante interesse archeologico è quella de "Li Castelli", abbandonata a se stessa, tra Manduria e San Pietro in Bevagna.

Fonte Pliniano[modifica | modifica wikitesto]

Fonte Pliniano 2.jpg

Nell'area archeologica, immediatamente a sud del convento di Sant'Antonio, sorge il Fonte Pliniano. Risale quasi certamente all'epoca messapica ed è situato nei pressi dell'antico abitato (messapico anch'esso), a poca distanza dalle mura; prende il nome da Plinio il Vecchio, che descrisse il fonte nella sua Historia Naturalis. È una grande caverna naturale di 18 metri di diametro e 8 metri d'altezza, accessibile da una scala a due rampe, con 20 gradini, scavata anticamente nella roccia. Nella volta si apre un lucernario quadrato, parzialmente costituito da grandi blocchi usati in periodo messapico; il punto da cui filtra la luce presenta un muro circolare di accurata fattura (rifacimento successivo di epoca imprecisata). Il fatto più sorprendente, però, è che proprio in quel punto vi mette le radici un mandorlo.[14] All'interno della grotta c'è una vasca, cinta anch'essa da un muro rotondo, dove tuttora scorre l'acqua proveniente dal fonte, dalla stessa sorgente sotterranea che Plinio descrisse con molto stupore: l'acqua, infatti, mantiene sempre costante il suo livello, anche quando veniva anticamente usata per ogni uso dai manduriani. Ciò avviene perché il pavimento della caverna è posto al livello della falda, e quindi l'acqua filtra attraverso la roccia e mantiene il livello inalterato. Il fonte pliniano fu usato dai Messapi come un luogo di culto, dedicato probabilmente ad una divinità delle acque.[15] Plinio il Vecchio (II, 226) afferma testualmente: in Sallentino iuxta oppidum Manduriam lacus, ad margines plenus, neque exhaustis aquis minuitur neque infusis augetur.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Boschi Cuturi e Rosamarina[modifica | modifica wikitesto]

Area naturale protetta (individuata il 1997), comprende macchia mediterranea. I boschi Cuturi e Rosamarina sono distese di querce miste a pini e a macchia mediterranea di mirto, mortella, lanterno, pero mandorlino (calaprico, pirascinu), corbezzolo. Tra le piante e i frutti eduli di prato e di macchia abbiamo: i corbezzoli, i mirti, i prugnoli, i sorbi, il ginepro ecc. Tra le erbe aromatiche: il finocchio selvatico, la menta, il timo, il rosmarino, la salvia, l'origano. Gli animali esistenti - nonostante le gravi alterazioni ambientali provocate dall'uomo - sono: il riccio, il rospo, la lepre, la volpe, la rana, la lucertola, il ramarro, l'orbettino, la donnola, il topo campagnolo, la mosca olearia. Tra gli uccelli troviamo: l'allodola, il tordo, il falco, il barbagianni, la civetta, l'anatra. Gli animali domestici sono ovini, caprini, bovini, suini, equini.

Duna costiera e Palude del Conte[modifica | modifica wikitesto]

Area Naturale Protetta (individuata nel 1997), comprende una zona umida retrodunale nella fascia costiera compresa nei comuni di Manduria, Avetrana e Porto Cesareo (Le).

Area Naturale Protetta Palude Del Conte

Saline e dune di Torre Colimena[modifica | modifica wikitesto]

salina dei monaci - area protetta

Area Naturale Protetta (individuata nel 1997), comprende la zona costiera con salina artificiale (Salina dei Monaci).

Torre Colimena[modifica | modifica wikitesto]

Località marina sorta attorno all'omonima torre di avvistamento. La zona costiera con dune e salina artificiale è stata individuata dal 1997 come Area naturale protetta.[16]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[17]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2018 nel territorio comunale si registravano 1 039[18] stranieri residenti, pari circa al 3,35% della popolazione totale residente.

Si riportano le nazionalità più rappresentate:

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto manduriano è una variante del salentino parlata esclusivamente nel territorio del comune di Manduria. È classificato come facente parte del dialetto salentino settentrionale e perciò è molto influenzato dal dialetto brindisino, ma ha anche notevoli affinità con il dialetto leccese.[19] Alcuni esempi dell'influenza leccese nel dialetto cittadino sono: la preferenza di b al posto di v (anche se questa tende proprio a non essere pronunciata),come anche ad Avetrana, la trasformazione del gruppo -str- tipicamente brindisino al gruppo - sc-: noscia, nuesciu, musciari (mostrare), masciu/mesciu (maestro), ecc...

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Gli abitanti di Manduria, vengono da tempo denominati Manciacani (mangia cani), la più antica testimonianza di questa pratica è contenuta in un libro dello scrittore e viaggiatore britannico Henry Swinburne, che visitò la città tra il 1777 e il 1780[20]. Altro soprannome dato ai manduriani è Sona Campani cioè "suonatori di campane" per via delle molte chiese e quindi torri campanarie presenti in città, e Senza Filaru, letteralmente "senza filare di vigneto" in quanto molti dei contadini lavoravano le terre dei latifondisti e non proprie.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Radio e televisione[modifica | modifica wikitesto]

Ha sede a Manduria, Rete Uno Network emittente delle province di Taranto e Brindisi. Dal 1987 la radio trasmette sui 92.100 MHz e in streaming. Ogni domenica l'emittente trasmette in diretta le radiocronache delle partite di calcio del Manduria Sport.[21]

Altra emittente radio manduriana è Radio Rama, la quale trasmette sui 96.5 MHz e 99.00 MHz ed in streaming live.[22]

Negli anni '70 un imprenditore di Manduria, Carmelo Quaranta, fondò qui una delle prime radio e televisioni libere d'Italia, RTM - Radio Tele Manduria[23],

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

I giornali locali più noti sono: La Voce di Manduria[24], Manduria Oggi[25], CiakSocial[26], Casalnuovo il Giornale di Manduria[27] e l'Accademia dei Culacchi[28] (Satira Locale).

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Molto attivo nella cittadina, il movimento musicale che ha origine negli anni '60 quando, nel teatro Candeloro, si teneva il famoso "Festival dei Messapi" che richiamava artisti di fama nazionale (e non solo) tra i quali ricordiamo Pippo Baudo, Iva Zanicchi, Ornella Vanoni, Mia Martini, Loredana Bertè. Dagli anni '90 si è imposto sulla scena musicale cittadina e in tutto il Salento il gruppo degli Ota Ota noto per le parodie in dialetto manduriano di brani famosi. Oltre a numerosi gruppi di musica popolare salentina, da segnalare anche il gruppo dei Cantacunti, compagnia di cantastorie.[29]

Merita una citazione anche l'accademia culturale e musicale Artilibrio,[30] a cui afferiscono il rinomato Coro Polifonico "Alma Gaudia"[31] e il Piccolo Coro "La Banda di Bambù",[32] fondato nel 2004 e con all'attivo il disco "Una musica che fa.. (Rugginenti Editore, Milano, 2008).[33]

Fiera pessima[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione, le sue origini risalirebbero al periodo tra il XIV e XV secolo, quando la regina di Napoli Giovanna II d’Angiò (1371-1435), ne avrebbe accordato lo svolgimento tra il primo ed il quindicesimo giorno del mese di ogni anno.

La prima documentazione scritta, tuttavia, risale ad un Regio Decreto datato 1742, con il quale la data di conclusione fu anticipata al 12 marzo, per il ricorso dei comuni di Lecce e di Ostuni, che tenevano le loro fiere il 15 marzo. Un altro decreto datato 1832, posticipò la data di inizio al 9 marzo (come attestato da un manifesto dell’epoca custodito presso la biblioteca comunale di Manduria.), per poi stabilirsi definitivamente al 7 marzo dell’epoca moderna.

La denominazione di Fiera Pessima è da far risalire invece agli inizi del XIX secolo (come attestato dai documenti ufficiali custoditi presso l’archivio comunale di Manduria), e varie sono le ipotesi avanzate dagli studiosi di tradizioni locali per motivare questa denominazione: la più verosimile ed accettata appare quella legata alle condizioni meteorologiche, non di rado inclementi durante il periodo di svolgimento della manifestazione, meno attendibile è invece quella riferita agli esigui guadagni ottenuti dai mercanti, anche a causa delle avversità atmosferiche.

Un’altra ipotesi, riferita dal sacerdote manduriano Don Tommaso Quero nel 1939, farebbe risalire tale denominazione al lamento di Giacobbe cantato in latino, ascoltato dai visitatori di ritorno dalla fiera nella chiesa di San Gregorio, quando la terza domenica di Quaresima coincideva con il periodo espositivo: «Fera pessima devoravit filium meum Joseph» (che tradotto in italiano significa: «Una belva feroce ha divorato mio figlio Giuseppe»)

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni storiche[modifica | modifica wikitesto]

Quartieri Centro[modifica | modifica wikitesto]

  • Quartiere cittu-cittu (1.150 ab.);
  • Barci (4.346 ab.);
  • Barco (3.892 ab.);
  • Santa Gemma ex Napoli piccolo (3.795 ab.);
  • Giannuzzi (2.446 ab.);
  • Sant'Antonio (4.564 ab.);
  • Sice (2.867 ab.);
  • Campo Dei Fiori (1.893 ab.);
  • La Creta (2.376 ab.);
  • Zona Industriale;
  • Zona Matera;
  • Quartiere Don Bosco (circa 9.000 ab.).

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le frazioni principali del comune di Manduria sono Uggiano Montefusco, Campo dei Messapi, San Pietro in Bevagna, Specchiarica e Torre Colimena.

Queste sono molto differenti tra di loro poiché mentre Uggiano Montefusco è una località di residenza, San Pietro in Bevagna e Torre Colimena sono delle località balneari, importanti per l'economia del comune.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Economia della Puglia.

L'economia di Manduria è basata per la maggior parte sull'agricoltura ed in particolare sulla produzione del vino Primitivo di Manduria DOP (Primitivo di Manduria DOC e Primitivo di Manduria dolce naturale DOCG) dell'olio DOP; Il Pomodorino di Manduria; Il Carosello di Manduria. Il Primitivo, prodotto solo in questa zona, famoso in tutta Italia, viene anche esportato in California, che, per il clima simile, produce del vino con caratteristiche molto vicine.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

I collegamenti stradali principali sono rappresentati da:

Collegamenti della Provincia di Taranto

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Stazione ferroviaria di Manduria

La città ha una stazione ferroviaria posta sulla linea Martina Franca - Lecce delle Ferrovie del Sud Est con collegamenti verso tutte le località servite dalla linea jonica e salentina.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

La città fino pochi anni dopo la seconda guerra mondiale disponeva di un vero e proprio aeroporto militare, utilizzato negli anni a seguire solo per esercitazioni. Nel 2011 lo Stato Italiano seleziona questa area come principale per allestire una tendopoli da destinare a Centro di Prima Accoglienza e Smistamento per i profughi Libici e Tunisini, sbarcati in gran numero a Lampedusa, poi trasferiti appunto dapprima a Manduria.

Adiacente la zona demaniale è presente dal 1984 l'aviosuperficie di Manduria denominata "Aerotre", scalo avioturistico, Aero Club federato e scuola di volo.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

La Sogin (SITA) garantisce un servizio di trasporto pubblico urbano all'interno della città stessa per tutti i quartieri. Inoltre garantisce il collegamento della città con altre città di notevole importanza, quali la capitale Roma, ma anche Torino e Firenze.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 dicembre 1994 30 luglio 2001 Gregorio Pecoraro PDS / DS Sindaco
30 luglio 2001 28 maggio 2002 Paola Galeone Commissario
28 maggio 2002 11 novembre 2004 Antonio Calò FI Sindaco
11 novembre 2004 5 aprile 2005 Paola Galeone Commissario
5 aprile 2005 21 ottobre 2009 Francesco Massaro DS / PD Sindaco
21 ottobre 2009 30 marzo 2010 Giovanni D'Onofrio Commissario
30 marzo 2010 16 marzo 2012 Paolo Tommasino PdL Sindaco
16 marzo 2012 11 giugno 2013 Aldo Lombardo Commissario
11 giugno 2013 20 settembre 2017 Roberto Leonardo Massafra lista civica Sindaco
20 settembre 2017 27 aprile 2018 Francesca Adelaide Garufi Commissario
27 aprile 2018 5 ottobre 2020 Luigi Cagnazzo
Vittorio Saladino
Luigi Scipioni
Commissione
straordinaria
[34]
5 ottobre 2020 in carica Gregorio Pecoraro M5S Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

A Manduria il calcio è rappresentato dall'Unione Giovanile Manduria Sport e dall'ASD Don Bosco Manduria, militanti rispettivamente, per la stagione 2019-2020, nel Girone B della Promozione Puglia[35] e nel Girone B della Prima Categoria Pugliese[36].

Basket[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti anche quattro società di basket:

  • la Società Vis Nova Messapica Basket Manduria, fondata dall'ex giocatore del San Severo Ignazio Dinoi e allenata dall'ex giocatrice del San Pietro Vernotico Claudia Giangrande, che attualmente vanta solo un settore giovanile, ma che ha militato per anni in serie d,
  • l'ASD Real Basket Manduria una società in ascesa, composta dalla sola prima squadra che da quest'anno milita nel campionato di promozione pugliese,
  • la "DOGS Basket Manduria" una società di recente costituzione, nata dalla volontà di alcuni ragazzi. Nata nel 2016, partecipa al suo primo anno nel campionato Open CSI della provincia di Taranto classificandosi al secondo posto.
  • l'ASD Thunderstruck Manduria nata nel 2015, ha partecipato a due campionati CSI e dal 2017 parteciperà al campionato SENIOR ACSI.[senza fonte]

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Stadio comunale "Nino Dimitri"[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio comunale "Nino Dimitri" è stato inaugurato il 10 giugno 2001 ed intitolato alla memoria dell'omonimo presidente. Lo stadio può ospitare 1000 spettatori ed è strutturato in: Tribuna centrale ovest, Tribuna laterale, Gradinata scoperta, Parterre, Gradinata est, Tribuna stampa. L'impianto è utilizzato dalle due società calcistiche locali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2019.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  3. ^ Diodoro, XVI, 63.
  4. ^ Tito Livio "Dalla fondazione di Roma", libro XXVII, cap. 15
  5. ^ La chiesa di san Francesco d'Assisi - Manduria, su itriabarocco.net.
  6. ^ La chiesa della ss. Croce - Manduria, su itriabarocco.net.
  7. ^ La chiesa del Carmine - Manduria, su itriabarocco.net.
  8. ^ Chiesa e cripta di San Pietro mandurino - Manduria, su itriabarocco.net.
  9. ^ La chiesa di Santa Maria di Costantinopoli - Manduria, su itriabarocco.net.
  10. ^ La chiesa dei Passionisti - Manduria, su itriabarocco.net.
  11. ^ Calvario - Manduria, su itriabarocco.net.
  12. ^ Sito del Parco archeologico di Manduria, su parcoarcheologico-manduria.it. URL consultato il 9 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2011).
  13. ^ Parco dei Messapi: infestato da erbacce e senza indicazioni. Ora rischia la chiusura, in Corriere della Sera. URL consultato il 9 giugno 2010.
  14. ^ L'albero si trova sul fonte da molti secoli, e la sua sopravvivenza sulle rocce, così come anche il costante livello delle acque del fonte, sono un mistero.
  15. ^ Taranto turismo, su tarantoturismo.it. URL consultato il 21 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2009).
  16. ^ Aree naturali della provincia di Taranto Archiviato il 28 settembre 2013 in Internet Archive.
  17. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  18. ^ demo.istat.it, http://demo.istat.it/str2018/index.html.
  19. ^ Pietro Brunetti, Vocabolario essenziale, pratico e illustrato del dialetto manduriano, Manduria, Barbieri editore, 2002 ISBN 88-86187-81-5
  20. ^ (EN) Henry Swinburne, Travels in the Two Sicilies ...: In the Years 1777, 1778, 1779, and 1780, vol. 2, Londra, J. Nichols, 1790, pp. 36-40.
  21. ^ Rete Uno Network Archiviato il 12 marzo 2014 in Internet Archive.
  22. ^ Radio Rama Archiviato il 28 luglio 2014 in Internet Archive.
  23. ^ Chi siamo | RTM web, in RTM web. URL consultato il 14 novembre 2016.
  24. ^ Sito ufficiale de "La Voce di Manduria", su lavocedimanduria.it.
  25. ^ Sito ufficiale di "Manduria Oggi", su manduriaoggi.it.
  26. ^ News, su Ciaksocial.com. URL consultato il 12 luglio 2018.
  27. ^ Sito ufficiale di "Casalnuovo, il giornale di Manduria", su casalnuovoilgiornale.it.
  28. ^ Sito ufficiale della "Accademia dei Culacchi", su accademiadeiculacchi.net.
  29. ^ Canzoni contro la guerra - Cantacunti, su www.antiwarsongs.org. URL consultato il 14 novembre 2016.
  30. ^ https://www.facebook.com/ArtilibrioManduria?fref=ts
  31. ^ https://www.facebook.com/almagaudia
  32. ^ https://www.facebook.com/labanda.dibambu?fref=ts
  33. ^ Alessandra Rovati, Rugginenti Editore | Una musica che fa..., su www.rugginenti.it. URL consultato il 14 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2015).
  34. ^ Gestione commissariale per infiltrazioni mafiose con [h http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2018-05-18&atto.codiceRedazionale=18A03397&elenco30giorni=false Decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 2018].
  35. ^ Scheda squadra Manduria Sport - Tuttocampo.it, su www.tuttocampo.it. URL consultato il 24 novembre 2019.
  36. ^ Scheda squadra Don Bosco Manduria - Tuttocampo.it, su www.tuttocampo.it. URL consultato il 24 novembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

[1]Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138974453 · WorldCat Identities (ENlccn-n85366745
Taranto Portale Taranto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Taranto
  1. ^ Fiera Pessima - Il futuro ha radici antiche, su Fiera Pessima. URL consultato il 17 febbraio 2020.