Sava (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sava
comune
Sava – Stemma Sava – Bandiera
Piazza san Giovanni centro del paese
Piazza san Giovanni centro del paese
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Provincia Provincia di Taranto-Stemma.png Taranto
Amministrazione
Sindaco Dario Iaia (FLI) dal 21/05/2012
Territorio
Coordinate 40°24′01″N 17°34′00″E / 40.400278°N 17.566667°E40.400278; 17.566667 (Sava)Coordinate: 40°24′01″N 17°34′00″E / 40.400278°N 17.566667°E40.400278; 17.566667 (Sava)
Altitudine 107, m s.l.m.
Superficie 44,57 km²
Abitanti 16 490[1] (31-12-2012)
Densità 369,98 ab./km²
Frazioni Contrada Pasàno, Contrada Trullo Lungo, Contrada Archignano-Torre-Papòi
Comuni confinanti Fragagnano, Francavilla Fontana (BR), Lizzano, Manduria, Maruggio, San Marzano di San Giuseppe, Torricella
Altre informazioni
Cod. postale 74028
Prefisso 099
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 073026
Cod. catastale I467
Targa TA
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti Savesi
Patrono San Giovanni Battista
Giorno festivo 24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sava
Sava
Posizione del comune di Sava all'interno della provincia di Taranto
Posizione del comune di Sava all'interno della provincia di Taranto
Sito istituzionale

Sava è un comune italiano di 16.490[2] abitanti della provincia di Taranto, in Puglia. Situata nell'entroterra salentino, dista circa 11 km dal mar Ionio, ed è nota principalmente per la produzione di vino primitivo e di olio d'oliva.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è situato nel Salento settentrionale, in un'area collinare detta delle Murge Tarantine. L'abitato è posto a circa 107 metri s.l.m., a circa 28 km dal capoluogo di provincia, Taranto. Nell'agro savese verso Manduria ricade in parte il Monte Bagnolo, un modesto rilievo alto 124 m s.l.m., tra i più alti delle Murge Tarantine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Storia del Salento e Storia della Puglia.

Alcuni reperti ritrovati della contrada di Agliano, risalenti al 300 circa a.C., attestano la presenza greca nell'attuale territorio di Sava. Probabilmente si trattava dell'ultimo avamposto tarantino verso il Salento meridionale, popolato dai Messapi. Sul finire del VII secolo d.C., con la spartizione del territorio pugliese tra bizantini e longobardi, lungo il confine venne costruito un limes noto come Paritoni o Limitone dei greci, una muraglia costruita a secco con pietre calcaree di modeste dimensioni. Il Limitone correva dalla costa adriatica a sud di Brindisi sino alla costa ionica: l'attuale territorio di Sava ne risultava attraversato dalla località La Zingara sino al Monte di Magalastro.

Il primo documento rintracciato dagli storici attraverso cui si può risalire alle origini del borgo di Sava, e nel quale si fa menzione dell'esistenza di questo paese, risale al 1417. Si tratta, nello specifico, di un assenso prestato dalla Regina Giovanna II al milite Ciccarello Montefuscolo, per comprare la Baronia di Uggiano con il suo Castello, con il Casale di Erchie, e i feudi di S. Vito e di S. Stefano e altri tenimenti. In questo documento si legge: "... de ipsa Baronia Ogiani sita et posita in provintia terre Idrunti subscriptis finibus designatis videlicet casale et castrum sea fortellitium ogiani cum ipso feudo sancti viti iuxta territorium Mandurini, territorium Casalis Novi, iuxta territorium casalis Balneoli territorium Casalis Save et alios confines" (cit. da Coco, P. "Cenni Storici di Sava", Le, 1915, pag. 64).

Nel 1417 esisteva dunque per certo il Casale di Sava ed era abitato. Risulterà poi disabitato nel 1454 a causa di incursioni e riabitato verso la seconda metà del secolo XV. Sulla base dell'incrocio di questi dati con quelli relativi alla distruzione dei viciniori Casali di Aliano, Pasano e S. Maria di Bagnolo, il Coco fa risalire i primi insediamenti intorno al 1378, anno in cui a causa delle continue scorrerie causate della guerre di secessione tra Angioini ed Aragonesi, gli abitanti dei tre casali citati si rifugiano presso l'antico e semidistrutto centro denominato Castelli per fondare, appunto, Sava.[3]

Sava sorge perciò sulle rovine di un diruto casale denominato Castelli (da non confondere con l'omonima antica area in agro di Manduria: era consuetudine antica infatti indicare con questo termine, dal latino "Castitia", agglomerati abitati). Del Casale Castelli ci forniscono notizie Achille D'Elia attraverso un manoscritto andato perduto ma in parte citato dal Coco, e Pasquale Del Prete nella sua opera "Il Castello federiciano di Uggiano Montefusco" (Archivio Storico Pugliese , a. XXVI, 1973, I - II Bari, Società di Storia Patria per la Puglia), nonché l'Arditi nella sua opera "La corografia fisica e storica della Provincia di Terra d' Otranto", 1879 - pp. 548-549.

Sia il D'Elia che l'Arditi concordano nell'origine antichissima del Casale detto Castelli, a causa del rinvenimento di "monete della vecchia Orra, di Metaponto, ed altre molte primitive rinvenute miste con alcune della Repubblica Tarentina e con quelle romane del basso impero" (D'Elia, cit. da Coco nella nota 3 a pag.58 di "Cenni Storici di Sava" del Coco). Il D'Elia riferisce di una origine "messapica o salentina" dei Castelli a causa delle fondamenta, al suo tempo ancora visibili, "d'epoca evidentemente ciclopica" e di "certi cocci di una tal terraglia pesante come ferro del color della ghisa". Riferisce inoltre di una visita al sito da parte del Prof. Viola direttore del Museo di Taranto nell'agosto 1889 nella quale il Viola attesta l'origine remotissima del sito (D'Elia, cit. da Coco).

Secondo sia la ricostruzione del D'Elia che quella del Del Prete, inoltre, i Castelli erano in comunicazione sotterranea con altri siti: per il D'Elia "con un piccolo fortino sito in contrada Specchiolla e forse anco con quello di Uggiano Montefusco, e di Manduria", e ciò avrebbe provato secondo l'autore che essi rappresentassero "un intero sistema di fortificazioni ai confini dei due regni Messapico e Tarentino" (D'Elia, cit. da Coco, nota 3 a pp. 58-59). Il Del Prete cita a sua volta la comunicazione sotterranea dei Castelli con Uggiano Montefusco e con Pasano.

Tracce dell'antico casale sarebbero riferibili anche al periodo bizantino, e alla antica chiesa basiliana di S. Elia citata dal Lomarire (Lomartire, Giuseppe "Sava nella Storia", Cressati Ed., Taranto, 1975, pp. 15-22). Documentazione fotografica riguardante il pavimento sotterraneo dell'antica cripta di S. Elia è fornita dal Lomarire nella sua opera.

Nel 1520 il feudo di Sava fu ceduto dalla famiglia Mayro di Nardò alla nobile famiglia leccese Prato,che ne resse le sorti fino al 1630.

Nel 1743 Sava ,Aliano e Pasano passarono definitivamente ai Gesuiti con l’assenso di Carlo Borbone Re di Napoli. Nel 1767 fu soppressa la Compagnia di Gesù e il governo locale passò ai commissari regi.

Nel 1798 il nobile tarantino Giuseppe De Sinno acquistò dall'Azienda di Educazione le due masserie di Aliano e Pasano e più tardi molti altri beni, compreso il palazzo baronale con tutte le sue terre e le sue rendite.

Con le leggi eversive della feudalità di epoca napoleonica Sava ottenne l'autonomia comunale. Nel 1806 il comune divenne circondario del Distretto di Taranto,subordinato alla provincia di Terra d'Otranto.Tale suddivisione amministrativa comprendeva il comune di Sava con i borghi aggregati di Torricella e Monacizzo (che nel 1869 passarono a Lizzano), Fragagnano e San Marzano.

Nel 1810 Pietro D’abramo divenne il primo sindaco.

Dopo l'unità d'Italia,la Terra d'Otranto cambiò nome in Provincia di Lecce ed i quattro distretti (Brindisi, Gallipoli, Lecce, Taranto) divennero circondari del Regno d'Italia. Nel corso del XX secolo il territorio della storica provincia venne smembrato. Furono istituite infatti nel 1923 la Provincia di Taranto e nel 1927 quella di Brindisi.

Sava, come i comuni limitrofi, è stata caratterizzata per buona parte del XX secolo da una forte emigrazione verso l'Italia settentrionale ed ,in misura minore, verso l'Europa settentrionale.

Il 19 agosto 1976 un potente tornado colpì la città di Sava e le campagne circostanti, fino ad esaurirsi nei pressi di Manduria; il suo passaggio determinò precipitazioni molto intense e venti di fortissima intensità che causarono ingenti danni.[4][5]

Le ipotesi sull'origine del toponimo "Sava" sono diverse, e talune anche assai disparate. Alcuni lo fanno risalire alle origini del borgo nato tra la fine del XIV e gli inizi del XV secolo sulle rovine del diruto Casale Castelli. Altri rintracciano una origine molto più antica e indicante il perpetrarsi di un nome legato alle vicende dei luoghi e perciò coesistente con "Castelli". Tra i sostenitori della prima ipotesi, l'Arditi fa derivare "Sava" dal termine Soave riferito alle qualità della terra e al clima (Arditi, Corografia fisica e storica della Provincia di Terra d' Otranto, 1879, pag. 549). Il Colella lo riferisce a "Sava, plurale di Sabuum, che ha il significato di detrito arenoso" (Colella, Giovanni "Toponomastica Pugliese", Trani, 1941 p. 460). Il Coco contesta e rigetta diverse ipotesi dopo averle illustrate, e propende per la derivazione dal cognome di una nobile famiglia salernitana di origini romane, la famiglia Sava (Coco P. in "Cenni Storici di Sava", pag. 67). Tra i sostenitori delle origini molto più antiche del toponimo, il Pacelli, in un manoscritto rintracciato e citato dallo stesso Coco, riferisce le origini al termine "sapa" riferita ad una varietà di mosto cotto e ad un popolo tracio-illirico, i Sapei , che secondo il Pacelli (il quale riprende a sua volta dei passi di Plinio) si sarebbe portato da queste parti in antichità e sarebbe legato anche alla produzione di quella bevanda. Il Pichierri riprende e fa anche sua l'ipotesi del Pacelli, correggendo alcune critiche del Coco che a sua volta ha contestato il Pacelli (cfr. Pichierri Gaetano, in "Omaggio a Sava", Del Grifo, LE, pp.234-235). Orazio Desantis riferisce l'origine del nome Sava all' antico suffisso Sabh-Saf matrice di una pluralità di termini e di nomi di popolazioni italiche, riprendendo anche alcuni studi del Devoto. Cita poi il Parlangeli che nei sui studi rintraccia i termini messapici Saba e Sabaziaro (Parlangeli, O. Studi messapici Mi, 1990). Il Desantis ipotizza anche una connessione con la divinità traco-illirica Sabazios riproponendo così una delle ipotesi citate dal Coco e ritenute plausibili dall'erudito francescano ma poi scartate a favore di quella della derivazione dalla famiglia salernitana. A sostegno di queste ipotesi il Desantis cita invece, lo stanziamento di popolazioni tracio-illiriche nel territorio pugliese e ancora, la connessione Sabazios - Sapa - Sapei riallacciandosi così alle ipotesi del Pacelli e del Pichierri ((Desantis, O. "Nuove congetture sul toponimo salentino Sava", in Sava nella storia a cura di Lomartire G., Cressati, Ta, 1975, pp. 94-97).

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Santuario della Madonna di Pasano: Santuario cattolico fondato su un locale culto di origine antichissima (bizantina, come testimonia anche un'icona della Madonna con Bambino conservata al centro dell'altare), più volte riedificato. L'attuale assetto risale ad una ricostruzione del 1712 ma di recente sono stati scoperti i resti di una antica Cripta.
  • Chiesa Madre: costruita tra il XVI e il XVII secolo. La facciata fu rimaneggiata in stile neoclassico nella seconda metà dell'Ottocento. Il campanile, iniziato nel 1782, è in stile tardo barocco. All'interno presenta tre navate.
  • Convento di San Francesco: una grande chiesa ad unica navata e a croce latina, coperta da due cupole differenti tra loro per diametro ed altezza. La parte originaria del luogo di culto fu eretta nel 1882 e fu grandemente ampliata tra il 1936 e il 1951 con molta cura da parte dei Francescani. Per quanto recente essa sia, è una delle chiese più belle del Salento francescano. Le cupole, le pareti superiori e le vele sono impreziosite da affreschi di notevole valore artistico dei pittori Gaetano Bocchetti (1888-1990) e Antonio Valzano.
  • Chiesa dell'Immacolata Vecchia: è una cappella privata in stile tardo barocco. Fu edificata nel 1783 da Michele Melle con permesso di Ferdinando IV di Borbone.
  • Chiesa della Croce
  • Chiesa dei Santi Medici Cosma e Damiano
  • Chiesa della Mater Domini
  • Chiesa della Sacra Famiglia
  • Cappelle votive
  • Cappella dello Schiavo
  • Cappella del Crocifisso (meglio nota come cappella del Cristo di Galatone)

Reperti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Limitone dei Greci: lunghissimo muro di confine tra il territorio magno-greco e quello messapico, che ha suscitato grande interesse a studiosi, storici e archeologi e i cui resti sono ben conservati e visibili nelle adiacenze della contrada di Pasano. Pare che lo stesso santuario di Pasano sorga sulle rovine di un antico luogo di culto pagano, mentre nella contrada di Aliano (che è uno degli altri insediamenti importanti della storia di Sava) esistono a tutt'oggi tracce di templi dedicati a Demetra e Dioniso.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Baronale: sede del municipio dal 1884. Fu fatto erigere da Pompeo Prato tra il 1533 e il 1575 sull'area di una precedente costruzione e in tufo locale. È stato rimaneggiato nel corso del tempo, ma conserva parte delle strutture del Cinquecento e del Seicento, tra le quali il portale bugnato. Nelle fondamenta del palazzo è visitabile un antichissimo frantoio ipogeo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La religione più diffusa è il cattolicesimo. Il comune ricade sotto l'autorità della diocesi di Oria ed è suddiviso nelle tre parrocchie: di San Giovanni Battista (presso la chiesa madre), dei Santi Medici e della Sacra Famiglia, la più recente per erezione.

Dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto savese è una variante del dialetto brindisino o salentino settentrionale,facente parte del gruppo meridionale estremo.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Presso il convento 'San Francesco d'Assisi' è ubicata l'importante biblioteca costituita da un un patrimonio di circa 70.000 titoli (tra volumi ed opuscoli)in gran parte frutto di donazioni private, tra le quali notevoli i fondi:'Marcello Caraccio','Ermelinda Del Prete', 'Antonio Buccoliero', 'Salvatore Dinoi', 'Eredi Cadorin-Calò'; tuttora vengono accolte ed accorpate le biblioteche di conventi dismessi della Provincia Minoritica con i doppioni della 'Fra Roberto Caracciolo' del Fulgenzio di Lecce. Vi è ospitato anche un museo missionario cinese e uno di scienze naturali con una raccolta di minerali, rocce, fossili e animali imbalsamati.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa patronale di San Giovanni Battista: in occasione della festa patronale di san Giovanni Battista, che cade il 24 giugno, si tengono diverse manifestazioni, spaziano dalla musica, Pizzica, all'arte e alla cultura, con varie mostre e incontri il tradizionale "giugno savese". Sempre a giugno si dà inizio al tradizionale torneo di san Giovanni.
  • Festa della Madonna di Pasano: celebrata nella prima domenica di marzo, con il tradizionale pellegrinaggio al santuario che dista 3 km del centro abitato savese.[7]
  • La Tavole di San Giuseppe o in savese "Mattre" (Madie) si svolgono il 19 marzo, è un'antica tradizione in cui, in onore si San Giuseppe si imbandiscono grandi tavolate con piatti tipici. Il 18 marzo giorno prima alla festa per le strade del paese i savesi per usanza accendono "lu fanoì" al santo, per festeggiare la vigilia alla festa con musica, giochi e tanto vino.
  • Calice di stelle: manifestazione enogastronica che si svolge in occasione della pioggia di lacrime di San Lorenzo, durante la quale si possono degustare i prodotti locali, tra cui il Primitivo di Manduria.

Persone legate a Sava[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia savese è prevalentemente agricola, incentrata sui settori vitivinicolo ed oleario. A dispetto dell'espansione urbana degli ultimi decenni, ancor oggi l'agro savese è caratterizzato da annosi vigneti e secolari oliveti. La produzione vinicola è prevalentemente costituita dal 'Primitivo', un vitigno molto antico con cui viene prodotto il cosiddetto 'Primitivo di Manduria', un vino rosso D.O.C. di elevato tenore alcolico.

La produzione e la commercializzazione del vino locale ha ricevuto un nuovo impulso dalla presenza di una vasta zona industriale alle porte del centro abitato.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti della Provincia di Taranto

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Sava è attraversata dalla strada statale 7 ter Salentina, che la collega a Fragagnano e Taranto, verso ovest, e Manduria e Lecce, verso est. È inoltre servita dalle strade provinciali SP53 per Francavilla Fontana, SP86 per San Marzano di San Giuseppe, SP118 per Lizzano e SP129 per Torricella.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Lo Scalo ferroviario savese appartiene alle 'Ferrovie del Sud Est', distante circa Km 5 dal paese. Attualmente il già dismesso Scalo ferroviario savese è in abbandono; ci si serve(recandosi nella vicina Manduria)della tratta Martina Franca-Francavilla Fontana-Manduria-Lecce.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Come è consuetudine nei paesi e nelle città del sud Italia, anche Sava, nelle credenze popolari antiche, detiene alcuni soprannomi. Il primo, che fu il più usato e conosciuto anche dai paesi limitrofi, è quello di fungi e fai (funghi e fave), alludendo alla tipica alimentazione della popolazione savese durante gli anni di guerra; altri erano soliti soprannominare i savesi con il ben più dispregiativo epiteto di zzàppa e ruètulu (zappa e vomere), disprezzando la tipica attività agricola peculiare di una città agricola come Sava.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  3. ^ (cfr. Coco, op. cit., 60-64, e Lucchi, Laura Annalisa "SIUSA - Sistema informativo unificato per le Soprintendenze archivistiche", 2005 http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=prodente&Chiave=12695
  4. ^ Il tornado di Sava del 19 agosto 1976
  5. ^ Descrizione del 19 agosto 1976
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Il Santuario Madonna di Pasano. URL consultato il 16 giugno 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]