Crispiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Crispiano
comune
Crispiano – Stemma Crispiano – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione Puglia-Stemma it.png Puglia
Provincia Provincia di Taranto-Stemma.png Taranto
Amministrazione
Sindaco Ippolito Vito Egidio (PdL) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate 40°36′N 17°14′E / 40.6°N 17.233333°E40.6; 17.233333 (Crispiano)Coordinate: 40°36′N 17°14′E / 40.6°N 17.233333°E40.6; 17.233333 (Crispiano)
Altitudine 232 m s.l.m.
Superficie 112,3 km²
Abitanti 13 749[1] (28-2-2017)
Densità 122,43 ab./km²
Frazioni San Simone
Comuni confinanti Grottaglie, Martina Franca, Massafra, Montemesola, Statte
Altre informazioni
Cod. postale 74012
Prefisso 099
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 073004
Cod. catastale D171
Targa TA
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti crispianesi
Patrono santa Maria della Neve
Giorno festivo 5 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Crispiano
Crispiano
Crispiano – Mappa
Posizione del comune di Crispiano all'interno della provincia di Taranto
Sito istituzionale

Crispiano (Crespiène in apulo-barese) è un comune italiano di 13.749 abitanti della provincia di Taranto, in Puglia.

Sebbene il moderno centro abitato si sia sviluppato agli inizi dell'Ottocento, l'area è abitata fin dal secondo millennio a.C.[2].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Crispiano si trova al centro di una serie di colline, le più note sono: il monte della Gravina (204 m), il monte dell'Angelo (242 m), il monte Specchia (211 m) e il monte Calvello (228 m). Le cime più alte si trovano al confine con il territorio di Martina Franca. Si tratta del monte Scorace (276 m), del monte Papa Ciro (385 m), del monte Trazzonara (425 m). Crispiano è situato geograficamente a nord di Taranto e dista dal capoluogo circa 16 km.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima del territorio comunale è tipicamente mediterraneo, con inverni miti ed estati aride.

Tabulando e analizzando i dati ufficiali degli Annali Idrografici della Puglia relativi agli anni dal 1952 al 1982,[3] si ottengono le seguenti osservazioni.

Precipitazioni[modifica | modifica wikitesto]

In primavera e soprattutto in estate non ci sono abbondanti precipitazioni, anzi in estate sono assenti o rade; in autunno e in inverno sono frequenti.

In primavera, le precipitazioni medie sono di 45,2 mm. Nel dettaglio, le precipitazioni mensili sono le seguenti: per marzo, media 64,5 mm, massima 171,4 mm, minima 6,0 mm; per aprile, media 35,8 mm, massima 36,6 mm, minima 0,2 mm; per maggio, media 35,5 mm, massima 96,4 mm, minima 4,6 mm.

In estate, le precipitazioni medie sono di 25,3 mm. Nel dettaglio, le precipitazioni mensili sono le seguenti: per giugno, media 25,1 mm, massima 88,2 mm, minima 0 mm; per luglio, media 27,7 mm, massima 123,2 mm, minima 0 mm; per agosto, media 23,1 mm, massima 88,8 mm, minima 0 mm.

In autunno, le precipitazioni medie sono di 58,5 mm. Nel dettaglio, le precipitazioni mensili sono le seguenti: per settembre, media 38,1 mm, massima 63,6 mm, minima 0,1 mm; per ottobre, media 59,1 mm, massima 193,8 mm, minima 1,2 mm; per novembre, media 78,3 mm, massima 290,0 mm, minima 4,8 mm.

In inverno, le precipitazioni medie sono di 65,5 mm. Nel dettaglio, le precipitazioni mensili sono le seguenti: per dicembre, media 66,1 mm, massima 147,2 mm, minima 15,3 mm; per gennaio, media 68,0 mm, massima 169,8 mm, minima 8,0 mm; per febbraio, media 62,5 mm, massima 112,4 mm, minima 0,2 mm.

Temperature[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione primaverile ed estiva le temperature sono molto alte, come nei mesi di luglio e agosto; nella stagione autunnale e invernale le temperature sono molto miti.

In primavera, la temperatura media è di 13,7 °C. Nel dettaglio, le temperature mensili sono le seguenti: per marzo, media 10,3 °C, massima 24,9 °C, minima -5,0 °C; per aprile, media 13,0 °C, massima 28,7 °C, minima 0,1 °C; per maggio, media 17,8 °C, massima 33,4 °C, minima 0 °C.

In estate, la temperatura media è di 23,9 °C. Nel dettaglio, le temperature mensili sono le seguenti: per giugno, media 22,2 °C, massima 39,2 °C, minima 7,6 °C; per luglio, media 24,8 °C, massima 39,6 °C, minima 11,5 °C; per agosto, media 23,1 °C, massima 39,2 °C, minima 10,4 °C.

In autunno, la temperatura media è di 16,8 °C. Nel dettaglio, le temperature mensili sono le seguenti: per settembre, media 21,3 °C, massima 36,4 °C, minima 7,9 °C; per ottobre, media 16,7 °C, massima 32,9 °C, minima 1,6 °C; per novembre, media 12,6 °C, massima 23,5 °C, minima -1,8 °C.

In inverno, la temperatura media è di 15,6 °C. Nel dettaglio, le temperature mensili sono le seguenti: per dicembre, media 9,2 °C, massima 21,0 °C, minima -2,9 °C; per gennaio, media 7,7 °C, massima 17,8 °C, minima -5,6 °C; per febbraio, media 8,2 °C, massima 24,5 °C, minima -4,9 °C.

Fattori climatici

Il clima di Crispiano è determinato da diversi fattori climatici che sono: la latitudine, l'altitudine, le correnti marine, la distanza dal mare, la presenza di catene montuose.

Latitudine: Crispiano è a 40° 60' N, si trova cioè in una zona intermedia tra l'Equatore e il Polo Nord; fa sia caldo, sia freddo.

Correnti marine: le correnti provenienti da sud-est portano fino alle coste di Taranto molta umidità, che provocano molte precipitazioni nella provincia e quindi a Crispiano.

Altitudine: Il territorio di Crispiano si trova in una zona collinare, la sua altitudine varia da zona a zona con una minima di 108 m e con una massima di 460 m sul livello del mare. La città di Crispiano si trova a circa 243 m sul livello del mare. La temperatura è determinata dall'altitudine, infatti ogni 100 m che ci si innalza sopra il livello del mare la temperatura diminuisce di circa 0,5 °C. Perciò la temperatura di Crispiano è mediamente inferiore di circa 1-2 °C rispetto a quella di Taranto che si trova sul livello del mare. Di conseguenza, rispetto al capoluogo, Crispiano in estate è poco più calda di giorno e fresca di sera, ma in inverno è più fredda.

Catene montuose: Le Murge sono un altopiano che influenza il clima crispianese rendendolo più mite. Esse d'inverno proteggono Crispiano dalle precipitazioni provenienti da nord e dai venti settentrionali più freschi o freddi e d'estate contribuiscono a rendere più fresche le temperature a causa dell'altitudine e dei boschi circostanti.

Distanza dei mari: Un luogo più è distante dal mare, più è umido. Crispiano dista dal Mar Ionio 15 km, quindi rispetto a Taranto è più umida e più piovosa. Inoltre, il mare restituisce più calore a Taranto e meno a Crispiano, quindi le escursioni termiche sono maggiori rispetto a Taranto.

Crispiano Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 9,9 11,0 12,7 16,4 19,9 24,7 26,9 28,2 24,3 19,7 14,9 11,4 10,8 16,3 26,6 19,6 18,3
T. min. mediaC) 4,8 4,2 7,1 10,7 14,8 19,8 23,0 21,2 18,8 12,9 10,5 7,1 5,4 10,9 21,3 14,1 12,9
Precipitazioni (mm) 68,5 62,5 64,5 35,8 35,5 25,1 27,5 23,1 38,1 59,1 78,3 66,1 197,1 135,8 75,7 175,5 584,1
Umidità relativa media (%) 77,8 76,6 75,4 72,9 70,2 65,7 61,8 63,6 70,0 76,0 78,9 78,9 77,8 72,8 63,7 75,0 72,3

Il seguente climogramma rappresenta i dati rielaborati dagli Annali Idrografici della Puglia relativi agli anni dal 1952 al 1982.

senza cornice

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni studiosi attribuiscono il nome ai santi Crispo e Crispiniano. Altri a una matrona romana Crispinilla o a un tal Crispius (raffigurato nello stemma del comune). Un recente studio[5] fa derivare il nome da 'callis plana', ossia 'tratturo pianeggiante'.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Originariamente piccolo insediamento messapico invaso dagli Spartani di Taranto[6] e successivamente sottomessa dai Romani.

Durante il Medioevo i casali che hanno dato origine a Crispiano, come anche quelli di Martina Franca, Grottaglie e Villa Castelli erano compresi nel territorio del principato di Taranto. Crispiano fu invasa dai Saraceni del X secolo, fu proprietà degli Altavilla nell'XI secolo ed infine acquistata nel XIV secolo della famiglia Antoglietta.

Nel XVIII secolo il territorio crispianese è caratterizzato da insediamenti a macchia di leopardo che sorgevano nei dintorni delle numerose masserie[7]

All'inizio dell'Ottocento le campagne crispianesi furono rifugio del Prete Brigante don Ciro Annicchiarico[8] all'interno della complessa dinamica di lotta tra brigantaggio e masserie fortificate.

Nel 1919 ottiene l'autonomia da Taranto, diventando comune autonomo. Prima era una frazione di Taranto.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

L'Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore di Crispiano, è attivamente impegnato nella realizzazione del Progetto Russia: esso infatti è gemellato con l'Istituto Professionale per la Ristorazione N° 26 di Mosca.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Nel Comune è presente il Museo della Civiltà Contadina, ubicato nell'antica torre della Masseria Lupoli, che si articola in nove sale tematiche.[10] Nella Masseria è stato girato quasi interamente il film Ci vediamo domani del 2013, di Andrea Zaccariello, con Enrico Brignano.[11]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Il "Carnevale del Brigantino", si svolge ogni anno nei primi giorni di luglio.

"Festa d'Estate",Spettacolo,Moda,Musica ed Arte in fiera si svolge dal 2008 ogni ultima domenica di Agosto.

Il agosto è festa patronale della Madonna della Neve.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

l'elemento prevalente dell'economia di crispiano è l'allevamento, florida è l'agricoltura basata sull'Olivo. Sono presenti aziende agrituristiche e piccole aziende artigianali per la produzione di Olio di oliva.

Crispiano è chiamata anche "La città delle 100 masserie" per la presenza di numerose masserie nel territorio.

A rappresentanza del territorio delle Cento Masserie, ha sede in Crispiano il Consorzio delle Cento Masserie.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti con la Provincia di Taranto

Strade[modifica | modifica wikitesto]

I collegamenti stradali principali sono rappresentati da (vedi):

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 novembre 1919 5 marzo 1920 Pasquale Mancini Commissario Prefettizio
6 marzo 1920 24 novembre 1920 Pasquale Mappa Commissario Prefettizio [12]
25 novembre 1920 31 gennaio 1927 Pasquale Mancini Sindaco
1º febbraio 1927 28 marzo 1927 Ferdinando Abbate Commissario
29 marzo 1927 23 aprile 1927 Giovanni Caroli Commissario
24 aprile 1927 28 febbraio 1935 Raffaele Tancorra Podestà
12 marzo 1928 24 marzo 1928 Giuseppe Simonetti Podestà [13]
1º marzo 1935 1º febbraio 1937 Carlo Cacace Podestà
2 febbraio 1937 31 agosto 1938 Giovanni Semeraro Commissario
1º settembre 1938 4 dicembre 1943 Michele Palazzo Podestà
5 dicembre 1943 3 luglio 1944 Vitantonio Luccarelli Commissario
4 luglio 1944 30 settembre 1945 Giuseppe Cesario Sindaco
1º ottobre 1945 2 marzo 1946 Carlo Santucci Commissario
3 marzo 1946 30 marzo 1946 Francesco Fumarola Commissario
31 marzo 1946 13 giugno 1956 Aldo Cervo Sindaco
14 giugno 1956 15 gennaio 1965 Donato Luccarelli Sindaco
16 gennaio 1965 15 settembre 1970 Giuseppe Giacovazzi Sindaco
16 settembre 1970 9 settembre 1971 Nicola De Mari Commissario
6 luglio 1971 9 settembre 1971 Corrado Allegretta Sub-Commissario [14]
10 settembre 1971 3 febbraio 1975 Vitantonio Pizzigallo Sindaco
4 febbraio 1975 9 settembre 1975 Emanuele Villani Commissario
10 settembre 1975 2 agosto 1978 Giuseppe Giacovazzi Sindaco
3 agosto 1978 28 dicembre 1978 Ermanno Bruno Commissario
29 dicembre 1978 8 ottobre 1981 Vito Palmisano Sindaco
9 ottobre 1981 12 gennaio 1982 Tommaso Blonda Commissario
13 gennaio 1982 21 giugno 1984 Vito Palmisano Sindaco
22 giugno 1984 5 novembre 1984 Lucio De Carlo Commissario
6 novembre 1984 26 settembre 1986 Giuseppe Pietro Scialpi Sindaco
27 novembre 1986 9 gennaio 1987 Paolo Gentilucci Commissario
10 gennaio 1987 20 agosto 1992 Giuseppe Pietro Scialpi Sindaco
21 agosto 1992 30 novembre 1992 Vito Palmisano Sindaco
1º dicembre 1992 11 aprile 1994 Antonio Magazzino Sindaco
7 dicembre 1994 29 novembre 1998 Francesco Paolo Liuzzi Forza Italia Sindaco
29 novembre 1998 31 maggio 2003 Francesco Paolo Liuzzi Forza Italia Sindaco
31 maggio 2003 13 aprile 2008 Giuseppe Laddomada L'Ulivo Sindaco
13 aprile 2008 26 maggio 2013 Giuseppe Laddomada Partito Democratico Sindaco
26 maggio 2013 in carica Vito Egidio Ippolito Lista civica di centrodestra Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Crispiano è gemellata con:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune ha sede la società di calcio USD Crispiano, affiliata al Vicenza Calcio[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Quintino Quagliati Deposito sepolcrale con vasi preistorici in Crispiano presso Taranto, 1921, Roma, Tipografia della R. Accademia Nazionale dei Lincei.
  3. ^ Annali Idrologici, Parte prima, protezionecivile.puglia.it. URL consultato il 12 giugno 2016.
  4. ^ Pagina con le classificazioni climatiche dei vari comuni italiani [collegamento interrotto]
  5. ^ G. Sonnante, Gravine e tratturi, pascoli e campi di Crispiano: letteratura, economia, storia, Antonio Dellisanti Editore, Massafra, 2013.
  6. ^ come testimoniato dai reperti dell'area archeologica
  7. ^ Aa.Vv., Le cento masserie di Crispiano, Mottola, 1988
  8. ^ R.Quaranta, la vera storia di Don Ciro Annichiarico, Edizioni del Grifo, Lecce, 2005
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Museo della Civiltà Contadina
  11. ^ Scheda del film
  12. ^ Commissario per lo scopo di organizzare la prima elezione Amministrativa Comunale.
  13. ^ Sostituzione per 12 giorni per malattia del podestà Raffaele Tancorra.
  14. ^ Sostituzione per malattia del Commissario De Mari.
  15. ^ Progetto "Vicenza Academy", Vicenza Calcio. URL consultato il 27 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2013).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN241882428