Ori di Taranto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Orecchino in oro, fine IV secolo a.C.

Gli ori di Taranto sono una collezione museale di gioielli tra cui anelli, orecchini, bracciali, corona e consistono in preziosi monili di epoca ellenistica e romana. Si inseriscono nella categoria di oggetti di lusso che fanno parte della storia di un popolo e di una comunità, come preziosa testimonianza storica e come sintesi della famosa lavorazione dell'oro in età ellenistica e romana. I concetti di lavorazione orafa, manualità e preziosità dei materiali, rendono questa collezione museale unica nel suo genere. [1][2]. Sono custoditi nel Museo archeologico nazionale di Taranto, il MARTA.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I gioielli, custoditi nella sezione dedicata all'arte orafa in età ellenistica del Museo nazionale archeologico di Taranto, costituiscono un'importante testimonianza di come la lavorazione dei metalli preziosi, e in particolare dell'oro, fosse una delle attività più apprezzate nella famosa città della Magna Grecia tra il IV e il I secolo a.C.

Le principali tecniche di lavorazione erano quelle di martellatura, cesellatura, filigrana e granulazione.

Fra i pezzi in esposizione nella "Sala degli ori", si segnalano i gioielli appartenuti ad alcuni corredi funerari, tra i quali si notano:

  • "Diadema da Canosa (Bari) in oro e pietre dure" con decorazione a motivi floreali;
  • "Orecchino a navicella" con lavorazione in filigrana;
  • "Orecchini a testa di leone";
  • "Schiaccianoci";
  • "Teca in argento da Canosa (Bari) " a forma di conchiglia.

Negli anni ottanta gli ori furono esposti con enorme successo di pubblico in una mostra itinerante tenutasi a Milano, Parigi, Amburgo e Tokyo.

Tale mostra suscitò però anche polemiche per la sparizione di un orecchino d'oro, avvenuta in circostanze mai chiarite[3].

Gli ori e l'Esposizione Mondiale Universale[modifica | modifica wikitesto]

Il lusso che gli ori rappresentano è spesso portato a modello di esclusività come un vero e proprio "brand italia". Per questo motivo ben 80 pezzi della collezione sono stati esposti ad EXPO Shanghai nel 2010 e 5 pezzi destinati al Padiglione Italia per EXPO Milano nel 2015[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ettore M. De Juliis, Gli ori di Taranto in età ellenistica, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1984.
  • Cosimo D'Angela, Gli ori bizantini del Museo archeologico di Taranto, Taranto, Scorpione Editrice, 1989.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]