Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto brindisino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Dialetto salentino.

« Ah carogna, 'qquai ŝtai? Brutta figghja ti ‘ndrocchja, t'è piaciutu cu mmi lassi alla ‘mpeti fori aaah! Oè...! Ferma, ŝtatti ferma, sa! Ce ddici ca vuè' tti futti puru quiddi to' cicurieddi ca aggiu truvati strata strata, tra suturi e jastimazzi? Lassa 'ddà' lassa...; e di mo' ‘nnanzi va' troviti pani sola, ca ìu, no' ti tau cchjùi mancu acqua, no' ti tau... »
(Catone Tersonio, prime battute di "L'eredità... ti lu nonnu Nicola", commedia mesagnese)
Dialetto brindisino
Brindisinu
Parlato in Italia
Regioni Puglia meridionale, Salento, provincia di Brindisi e provincia di Taranto
Locutori
Totale circa 270.000
Classifica non in top 100
Altre informazioni
Tipo livello subregionale
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Siciliano
    Salentino
     Brindisino
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
(a Brindisi) "Tutti li cristiani ti llu mundu nàscunu lìbbiri e li štiessi pi tignitati e tiritti. Tutti tennu capu e cuscenza e tocca cu ssi ccumpòrtunu comu frati l'unu cu l'atru."
Versioni dialetto salentino.jpg

Il dialetto brindisino o dialetto salentino settentrionale[1] è un dialetto parlato a Brindisi e in molti comuni limitrofi, pur esistendo delle differenze minime tra i vari comuni, la radice resta invariata. Costituisce una variante del salentino.

Diffusione territoriale[modifica | modifica wikitesto]

Provincia di Brindisi Provincia di Taranto

Il brindisino, inoltre, influenza alcuni dialetti del nord leccese e del sud brindisino.

Segni fonetici dialettali[modifica | modifica wikitesto]

Per facilitare la lettura del dialetto, nella scrittura si usano diversi segni fonetici:

  • j = la j, quando è seguita da vocale, si legge i e non è mai accentata, es. jaddìna (gallina); jàbbu (meraviglia, beffa); jàttu (gatto).
  • ẓ = è la z pronunciata forte, anche in alternativa alla doppia z iniziale, es. prendere, afferrare: zzicari ẓiccari, ramoscello secco: zzippu ẓippu.
  • ŝ = indica la pronuncia strascicata del gruppo sc per distinguerla dalla pronuncia asciutta dello stesso gruppo, spesso peraltro la differente pronuncia comporta un significato diverso, es: ŝcamari, che vuol dire "richiamare"(letteralmente, ma viene più comunemente usato per dire "miagolare"), guaire, alla terza persona dell'indicativo presente diventa ŝcama (miagola, la jàtta ŝcama la gatta miagola), mentre scamari, con pronuncia asciutta, equivale in italiano a squamare il pesce e scama è la squama; altro esempio è mbiŝcari mischiare, mentre mbiscari, con pronuncia asciutta, significa incollare.

Differenze dal salentino standard[modifica | modifica wikitesto]

Dal salentino standard si distingue, oltre che per la pronuncia di alcune parole, la caratteristica di trasformare la "e" finale di parola in italiano in "i". Ad esempio:

  • Il mare diventa lu mare in salentino standard e lu mari in brindisino. Il melone diventa lu milune in salentino standard e lu muloni in brindisino.

Il gruppo della doppia ll in italiano, diventa dd in brindisino. Ad esempio:

  • Il Cavallo diventa lu cavaḍḍu in salentino standard e lu cavaddu in brindisino oppure bel ragazzo che in brindisino diventa "Iannu beddu".

Differenze interne[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto brindisino, pur essendo parlato in una vasta area, è diverso da luogo a luogo, da paese a paese. Tuttavia non si può parlare di vere e proprie diversificazioni, ma di accenti diversi.

Ad esempio, nel comune di Manduria il verbo mangiare è espresso con la parola manciàri proprio come a San Vito dei Normanni, pur essendo molto lontani tra loro, ma nei vicini comuni di Maruggio, Avetrana o Lizzano la parola usata è mangiàri proprio come a Brindisi, a pochi chilometri da San Vito dei Normanni.

Nella maggior parte dei comuni la parola quello è espressa con la parola curu, ma in alcune altre zone, la parola diventa quiru ed in altre ancora la parola è totalmente cambiata: cuddu o quiddu.

La parola uovo a Brindisi e dintorni è ovu, ma nella zona di influenza del dialetto di Lecce città (come Manduria), può diventare ueu, o similarmente "Uevu".

La v intervocalica tende a cadere: la parola "uva" può passare dall'ua in manduriano, savese o in dialetto lizzanese, in uva in maruggese; il verbo piovere si può dire chjòiri in alcune zone come Manduria e chjòviri in altre, come Maruggio e Brindisi.

Una grande differenza è da notare: nel brindisino molte parole contengono il suono gghji, che nel tarantino meridionale diventa ji. Es.

  • pìgghja lu pani nel brindisino e in alcune zone del tarantino come Lizzano o Pulsano
  • pìja lu pani nella maggior parte del tarantino

Inoltre dei suoni a nel brindisino diventano o nel tarantino. Es.

  • quedd'atra o quer'atra/quedd'atra nel brindisino
  • quedd'otra o quer'otra/quedd'otra nel tarantino

Un'altra differenza esiste tra la u nel brindisino che diventa i nel tarantino. Es.

  • lu muloni nel brindisino
  • lu miloni nel tarantino eccetto alcuni paesi quali Sava, Manduria, Avetrana, ecc.

Alcune parole cambiano radicalmente; per dire mio padre:

  • ttànuma o ttànema (area brindisino-tarantina settentrionale)
  • sirma o sièrma (area brindisino-tarantina meridionale)

Ma le differenze non finiscono qui; ci sono differenze anche nella coniugazione di molti verbi:

Il Padre nostro nel dialetto brindisino[modifica | modifica wikitesto]

A Brindisi[modifica | modifica wikitesto]

Ttani nueštru
Ttani nueštru
ca štai a 'ncielu
cu eti santificatu lu nomi tua
cu vveni lu regnu tua
cu veni fatta la vuluntati tua
comu a 'ncielu cussini a 'nterra
tandi osci lu pani nueštru ti tutti li ggiurni
e pirdùnindi li piccati nueštri
comu nui li pirdunamu alli tebbituri nueštri
e no ndi 'ndùciri a 'ntantaẓẓiòni
ma llìbbirindi ti lu mali.
E cussi' ssia.

A Manduria[modifica | modifica wikitesto]

Tata nuesciu
Siri nuesciu
ca štai a 'ncielu
cu ssia santificatu lu nomi tua
cu eni lu regnu tua
cu ssia fatta la uluntà tua
comu a 'ncielu cussi' a 'nterra
tanni osci lu pani nuesciu sciurnalieru
e pirdònini li piccati nuesci
comu nui li pirdunamu alli tebbituri nuesci
e no' nni 'nnùciri 'ntintaziòni
ma llìbbirini ti lu mali.
E cussi' ssia.

A Lizzano[modifica | modifica wikitesto]

Tata nueštru
Tata nueštru
ca štani a 'ncielu
cu ssia santificatu lu nomi tua
cu vveni lu regnu tua
cu ssia fatta la uluntà tua
comu a 'ncielu cussi' a 'nterra
tanni osci lu pani nueštru sciurnalieru
e pirdùnini li piccati nueštri
comu nui li pirdunamu alli debbituri nuestri
e no nni 'nnùciri 'ntantaẓẓiòni
ma llìbbirini ti lu mali.
E cussi' ssia.

A San Pancrazio Salentino[modifica | modifica wikitesto]

Siri nuesciu
Siri nuesciu
ca stai a 'ncielu
cu ssia santificatu lu numi tua
cu bbegna lu regnu tua
cu ssia fatta la volontà tua
comu a 'ncielu cussi' a 'nterra
tanni osci lu pani nuesciu quotidianu
e pirdùnini li piccati nuesci
comu nui li pirdunamu alli tebbituri nuesci
e no nni 'nnùciri 'ntantazẓẓioni
ma llìbbirini ti lu mali.
E cussi' ssia.

A Maruggio[modifica | modifica wikitesto]

Siri nuèštru
Siri nuèštru
ca štai a 'ncielu
cu ssia santificatu lu nomi tua
cu vveni lu regnu tua
cu ssia fatta la vuluntà tua
comu a 'ncielu cussì an terra
tanni osci lu pani nuèštru quotidianu
e pirdònini li piccati nuèštri
comu nui li pirdunàmu alli debbitùri nuèštri
e no nni 'nnùciri a 'ntantażżiòni
ma lìbbirini ti lu mali.
E cussi' ssia.

A Monteparano[modifica | modifica wikitesto]

'Ttàni nueštru
ca štè 'ncielu
sia santificàtu lu nomi tua
cu 'vveni lu regnu tua
sia fatta la vuluntà tua
comu 'ncièlu cussì 'ntérra
tanni osci li pani nueštru quotidiànu
e pirdònine li piccàti nuèštri
comu nui li pirdunàmu alli debbitùri nuèštri
e no nni 'nnùciri 'ntantażżiòni
ma lìbbirini ti lu mali.
E cussi'ssia.

Caratteristiche proprie[modifica | modifica wikitesto]

Spesso i verbi all'infinito con accento piano vengono troncati quando non sono legati da un complemento oggetto o altro:

  • andare: sceri/sciri = scè/scì
  • avere: averi/aviri = avè/avì
  • tenere: tineri/tiniri = tinè/tinì
  • mangiare: mangiari/manciari = mangià/mancià

Alcuni verbi che in italiano hanno l'accento piano, si usano in due forme, una che conserva l'accento parossitono, l'altra che lo ritrae di una sillaba:

  • cucire: cusìri/cusèri' o còsiri
  • dormire: turmìri/turmèri, dòrmere/dòrmiri
  • riempire: anchìri/anchièri o ènchiri
  • sentire: sentìri/sintèri o séntiri
  • vedere: vitéri o vètiri

Il verbo ausiliare avere è spesso sostituito dal verbo tenere:

  • anziché "avere fame" si preferisce "tiniri/tineri fami", o anche dal verbo portare "purtari fami".

Come in tutte le varianti del salentino, i verbi intransitivi vogliono l'ausiliare avere, al contrario dell'italiano che vuole il verbo essere

  • quindi "io sono andato a Brindisi" diventa "iu agghiu sciutu a Brindisi o iu aggia/aggiu sciutu a Brindisi.
  • il verbo avere viene anche usato in sostituzione del verbo dovere: "aggia/u (f)fari risu cozzi e patani" significa "devo fare riso patate e cozze(tipico piatto della tradizione brindisina)"

Nomi[modifica | modifica wikitesto]

Plurale dei nomi[modifica | modifica wikitesto]

Il plurale dei nomi si forma solitamente cambiando la desinenza in i.

  • casa: casa, casi
  • palla: palla, palli

Per alcuni altri nomi cambia la radice. Se sono presenti vocali o, diventano u

  • biacco: scursoni, scursuni
  • melone muloni, muluni
  • monte: monti, munti

Ma ci sono molte eccezioni. Molti nomi formano un plurale irregolare, con desinenza in uri (dal neutro latino corpus pl. corpora):

  • trullo: truddu, trodduri
  • buco: bucu o busciu, bocuri
  • gomito: utu, oturi
  • secchio: sicchiu, sècchiuri

Pronomi[modifica | modifica wikitesto]

Pronomi personali soggetto[modifica | modifica wikitesto]

  • iu / ju (arcaico: jui; ancora più antico: juni)
  • tu / tui / tuni/tune
  • iddu (m.), edda (f.)
  • nui
  • vui / ui
  • loru / iddi

Pronomi dimostrativi[modifica | modifica wikitesto]

  • questo: quištu cuštu 'štu
  • questa: questa quista sta
  • questi/queste: quisti sti
  • quello: cuddu quiddu curu quiru ddu
  • quella: quedda quera dda
  • quelli/quelle: quiddi quiri ddi

Aggettivi[modifica | modifica wikitesto]

Comparativo di maggioranza[modifica | modifica wikitesto]

  • 'cchiù + aggettivo

es. Cchiù granni (Più grande)

Eccezioni[modifica | modifica wikitesto]
  • buenu (bene) - megghiu (meglio)

es. Eti megghiu cu faci/fani cussini (È meglio che tu faccia così)

  • mali (male) - pèsciu (peggio)

es. Ci faci/fani/fa cussìni eti pèsciu pi 'ttei

Aggettivi possessivi[modifica | modifica wikitesto]

Maschile Singolare

  • mia
  • tua
  • sua
  • nuestru / nuesciu/nueštru
  • vuestru / vuesciu
  • loru

Femminile Singolare

  • mia/ mea
  • tua/ toa
  • sua/soa
  • nostra / noscia
  • vostra / voscia / oscia/voštra
  • loru

Maschile Plurale

  • mia
  • tua
  • sua
  • nuestri / nuesci/nueštri
  • vuestri / vuesci/vueštri
  • loru

Femminile Plurale

  • mia
  • tua
  • sua
  • nuestri / nuesci/nueštri
  • vuestri / vuesci/nueštri
  • loru

È da ricordare che gli aggettivi sono invariabili per genere nelle persone singolari e nell'ultima persona plurale.

A volte, solo per le parole che indicano parentela, gli aggettivi possessivi al singolare cambiano: non si premettono al nome ma ne diventano parte alla desinenza

  • mio = -ma
  • tuo = -da o -ta
  • suo = -sa

Esempio:

  • tani/attani/siri = padre / tanuma/ttanima/ttanma/sirma/sierma = mio padre / tanuta/ttanita/ttanta/sirda/sierda = tuo padre / tanusa/sirsa/ttansa = suo padre
  • cagnatu/canatu/canate = cognato / cagnatuma/canatuma/canatima/canatma = mio cognato / cagnatuta/canatuta/canatita/canatta = tuo cognato / cagnatusa = suo cognato

Verbi[modifica | modifica wikitesto]

Verbo Essere (Essiri)[modifica | modifica wikitesto]

persona Indicativo presente Imperfetto Perfetto Passato Prossimo
Iu / Ju/Iou so/su / sontu/suntu era fuei/fou aggia statu / aggiu statu/agghiu štato
Tuni / Tui / Tu sinti jeri ha statu/ ha štato
Iddu / Edda/Idda eti/ete / je / è era foi / fuè / fueu je statu / è statu/ è štato
Nui simu erumu fuemmu/fummu amma stati / amu stati/mmu štati/mmu štato
Vui / Ui siti eruvu / erubu/eriti/ervte fuesti ata / atu/avita/aviti stati/aviti štato
Loru / Iddi so/su / sontu/suntu erunu fuerunu / furunu / fuera anna stati / onna stati / annu stati/onu štati/so štati

Verbo Avere (Aviri)[modifica | modifica wikitesto]

persona Indicativo presente Imperfetto Perfetto Passato Prossimo
Iu aggiu / agghiu / aggia aveva / avia ebbi / ibbi / avivi aggia 'vutu / aggiu 'vutu / agghiu 'vutu
Tuni / Tui / Tu ani / ai avivi avisti a 'vutu
Iddu / Edda avi / ave / ai avia aviu je/è 'vvutu
Nui avimu aviumu ebbimu / ebbimu/ avemmu amma 'vutu / ammu 'vutu
Vui / Ui aviti / aiti aviuvu avisti ata/aviti 'vutu/avit'avutu
Loru / Iddi hannu / anna / onnu / aggiunu aviunu ebburu onn'avutu / ann'avutu

Verbo Andare (Sciri)[modifica | modifica wikitesto]

persona Indicativo presente Imperfetto Perfetto Passato Prossimo
Iu vou / vao / au / ou/voco sceva / scia sciu / scivi / scii aggia sciutu / aggiu sciutu / agghiu sciutu
Tuni / Tui / Tu vani / vai / ai/ scivi scisti a sciutu
Iddu / Edda va / vai / ai/vvè sceva / scia sciu / scì/scio è sciutu / je sciutu
Nui sciamu sciumu scemmu ammu sciuti/ammu sciuto / amma sciuti
Vui / Ui sciati/sciate sciuvu /scevvu/ sciupu scevvu / scistupu / scistuvu / scistivu/sciste ata sciuti/avutu sciuti
Loru / Iddi vannu / onnu /annu/vonu sciunu/scevunu scerunu / sciunu / scera anna sciuti / onna sciuti/onu sciuti

Verbo Fare (Fari)[modifica | modifica wikitesto]

persona Indicativo presente Imperfetto Perfetto Passato Prossimo
Iu fazzu facia / faceva figgi/feci/faciu/facivi aggiu fattu /aggia fattu
Tuni / Tui / Tu faci / fani facivi facisti a fattu
Iddu / Edda faci/face facia / faceva feggi/feci je fattu / è fattu
Nui facimu faciumu/facemmu facemmu amu fattu / amu fattu
Vui / Ui faciti faciuvu/facisti/facevvu facistivu / facistuvu/ facisti atu fattu
Loru / Iddi fannu/fàciunu facìunu/facevunu feggira / fecira / feceru/ facera annu fattu/onnu fattu/onu fattu

Verbo Potere (Puteri)[modifica | modifica wikitesto]

persona Indicativo presente Imperfetto Perfetto Passato Prossimo
Iu pozzu putia puezzi aggia/agghiu pututu
Tuni / Tui / Tu puei / puè putivi putisti a pututu
Iddu / Edda pò/pòti putia putetti / potti je pututu / è pututu
Nui putimu putiumu putemmu amma pututu
Vui / Ui putiti putiuvu/ putevvu putiŝtivu / putiŝtuvu ata/aviti pututu
Loru / Iddi ponnu putiunu putera anna /onna/ onu pututu

Gerundio[modifica | modifica wikitesto]

Varia parecchio da zona a zona: nei centri più vicini a Taranto (Pulsano, Leporano, San Giorgio Jonico, Monteparano, Faggiano e Roccaforzata), "io sto dicendo" diventa "Iu ŝtoc'a ddico/u", mentre "io stavo dicendo" diventa "Iu ŝtè ddiceva". Invece già a Fragagnano e Lizzano, la prima frase diventa "iu ŝtè/ŝtà ddicu" e l'altra "iu ŝtè/ŝtà dicìa".

Alcuni verbi coniugati al presente[modifica | modifica wikitesto]

Dormire: Tormiri/Ddormiri

  • ìu tormu/ddormu
  • tui turmi/ddurmi
  • iddu/edda tormi/ddorme
  • nui turmimu/ddurmimu
  • vui turmiti/ddurmite
  • iddi/loru tormunu/ddormunu

Stare: Stari

  • ìu stau/stou/ŝtoco
  • tu stai/stani/ŝtè
  • iddu/edda sta/stai/ste/stei/ŝtè
  • nui stamu
  • vui stati/ŝtate
  • iddi/loru stannu/stonu/ŝtono

Dare: Tari

  • ìu tau/tou/tocu/ddoco
  • tu tai / tani/ddè
  • iddu/edda tai/tà'/de(i)/ddè
  • nui tamu
  • vui tati
  • loru/iddi tannu/tonu

Comprare: Ccattàri

  • ìu ccattu
  • tu ccatti
  • iddu/edda ccatta
  • nui ccattàmu
  • vui ccattàti
  • loru/iddi ccàttunu

Correre: Fùciri

  • ìu fucu/fušciu
  • tui fuci/fuŝci
  • iddu/edda fuci/fuŝci
  • nui fucìmu/fuŝcìmu
  • vui fucìti/fuŝciti
  • loru/iddi fùcunu/fùciunu/fuŝciunu

Dovere: Avìri a/Avèri a

  • ìu aggiu a/agghiu a/aggi'a
  • tui h'a/hai a/à'a
  • iddu/edda avi a/av'a
  • nui amu a/am'a
  • vui atu a/at'a
  • loru/iddi hannu a/hann'a/ànn'a

Morire: Murìri/Murèri

  • ìu mueru/moru
  • tui mueri
  • iddu/edda mori
  • nui murìmu
  • vui murìti
  • loru/iddi muèrunu/mòrunu

Volere: Vulìri/Vulèri

  • ìu vogghiu/voju/ogghiu/oju
  • tui vuei/'uei/vuè'/bbuei/bbuè
  • iddu/edda voli/oli
  • nui vulìmu
  • vui vulìti
  • loru/iddi vòlunu

Entrare: Trasìri/Trasèri

  • ìu trasu
  • tui trasi
  • iddu/edda trasi
  • nui trasìmu
  • vui trasìti
  • loru/iddi tràsunu

Camminare: Caminàri

  • ìu camìnu
  • tui camìni
  • iddu/edda camìna
  • nui caminàmu
  • vui caminàti
  • loru/iddi camìnunu

Trovare: Acchiàri

  • ìu àcchiu
  • tui àcchi
  • iddu/edda àcchia
  • nui acchiàmu/'cchiàmu
  • vui acchiàti/'cchiati
  • loru/iddi àcchiunu

Rompere: Scasciàri/Ròmpiri (derivato dall'italiano)/Scuppari (riferito a cose di vetro)

  • ìu scasciu/rompu/scoppu
  • tui scasci/rumpi/ruempi/scueppi
  • iddu/edda scascia/rompi/scoppa
  • nui scasciàmu/rumpìmu/scuppàmu
  • vui scasciàti/rumpìti/scòppunu
  • loru/iddi scàsciunu/ròmpunu/scòppunu

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Parole di uso comune[modifica | modifica wikitesto]

  • 1: unu
  • 2: toi
  • 3: treti/trete
  • 4: quattru
  • 5: cincu
  • 6: sei
  • 7: setti
  • 8: ottu
  • 9: novi/noi
  • 10: teci/tieci
  • 100: cientu
  • 1.000: milli
  • lunedì: lunitìa
  • martedì: martitìa
  • mercoledì: merculitìa
  • giovedì: sciuvitìa/sciuitìa...
  • venerdì: vinirdiìa
  • sabato: sàbbutu
  • domenica: tumènica, tumenaca, tumenuca
  • gennaio: ginnaju/scinnaru
  • febbraio: firbaru/fibbraju
  • marzo: marzu
  • aprile: aprili/abbrili
  • maggio: maggiu
  • giugno: giugnu
  • luglio: luju
  • agosto: acostu
  • settembre: sittembri
  • ottobre: ottobbri
  • novembre: nuvembri
  • dicembre: ticembri

Altri vocaboli di largo uso[modifica | modifica wikitesto]

  • accendere: 'mpicciari, ampicciari, ppicciari
  • accorgersi: addunarsi/'ddunari-si
  • adesso: moi/moni (cfr. lat. modus)
  • addormentarsi / addormentato (anche fig.): 'ddurmèsciri / 'ddurmisciutu
  • albero: arulu, arvulu, arvuru, a(u)rlu
  • albicocca: liberza, crisommulu (cfr. gr. krysomelon, frutto dorato)
  • alto: jertu, jartu
    • basso: vasciu/bbasciu
  • alzare: azari,azzari
  • andare: sceri/scè, sciri/scì
  • anello: anieddu
  • angolo: cantoni, pizzùlu, anglu (cfr. it. angolo)
  • appunto / apposta / perciò: pusitì(v)u, pusitìa, pirdenni
  • arancia: marangia, marancia
  • avanti: nanzi/annanzi, nanti/annanti
    • dietro: tretu/dretu, retu
    • dentro: intra/intru, 'ntra, nta
    • fuori: fori (usato anche per indicare la campagna, poiché anticamente l'unica occasione per stare fuori casa era quasi ed esclusivamente il lavoro nei campi)
    • di fianco: a 'ncocchi, ti cošti
    • mandarino: marandinu, mandarinu
  • bacio / baciare: vasu / vasari, bbaciu/bbaciari (cfr. it. bacio, baciare)
  • bambino/a: piccinnu/a, mbambinu/mmamminu (rivolto soprattutto a Gesù Bambino, che diventa "lu Mbambinieddu/Mmamminieddu")
  • barattolo (di latta): bbu(v)atta (cfr. fr. boîte)
  • battesimo: bbattesumu, bbattezzu, (v)attiesciu
  • bestemmia / bestemmiare: jaštema, jašt(i)mari
  • bocca: vocca
  • braccio: (v)razzu
  • cadere: catìri, catèri
  • calze: caz(i)etti', quasetti, casietti
  • calzoni: cazi, cazuni, quasuni, casuni
  • cambiare: cangiàri/cangià, canciàri/cangià
  • camminare: caminàri/caminà,
  • capelli: capiddi
  • capitare: ccappàri, ccappà,
  • capriccio: picciu
  • carciofo: scarcioppula/o, scarcioffula
  • carota: pastinaca/paštnac
  • cavallo: cavaddu
  • chi: ci(ni), ci(ne)
  • chinarsi / inclinare: 'ddicà(ri), cuculisciarsi
  • chiodo: centra, cintroni (cfr. gr. kentron)
  • ciliegia: cirasa, girasa (cfr. lat. cerasa)
  • civetta: cuccuvàscia (voce onomatopeica, cfr. alb. cucubaja)
  • cocomero: muloni sarginiscu o sarciniscu, muloni / miloni / mulone all'acqua
  • colore: culori (pl. culuri)
  • coltello: curtieddu
  • comprare: 'ccattà(ri) (cfr. tardo lat. ad captare)
  • comunione: com(m)unioni
  • coprirsi: 'mbucciarsi, ccucciarsi
    • scoprirsi: scummugghicarsi
  • cresima: cresuma
  • cucchiaio (da cucina) e cazzuola: cucchiaru / cucchiara, cazzodda
  • cugino: cursupinu, crussupinu (cfr. lat. consobrinus), cuŝinu, cugginu
  • cuocere / cotto: còciri / cuettu
  • destino: ananca (dalla divinità greca Ἀνάγκη, personificazione del fato), usato però soprattutto per indicare uno sfrenato desiderio di qualcosa, come un capriccio necessario, inevitabile da parte del soggetto in questione (detto "anancato")
  • dente/i: tenti, dienti
    • sdentato: sgangatu
    • (dente) molare: (v)angàli o mola
  • dire: ticiri, tiri
  • disordine: scittìsciu
  • dito: dìgitu, tìscitu
  • domani: crai o cre (cfr. lat. cras)
    • dopodomani: puscrai o piscrai, piscré (cfr. lat. post cras)
    • fra tre giorni: piscriddi
    • tra quattro giorni: piscroddi
  • domani mattina: crammatina, cremmatina
    • dopodomani mattina: piscrammatina, piscremmatina
  • domani sera: crassèra, cressèra
    • dopodomani sera: piscrassèra, piscressèra
  • dove: (a)ddò(ni)
    • lì / là: addà(i), adda(ni)
    • laggiù (in quel posto): (a)dd'amberu, (a)dd'ammeru
    • laggiù (in basso): (a)dd'abbasciu
    • là fuori: addafòri, dda nnanti, dda nnanzi
  • (buona) educazione: 'bbona crianza
    • cattiva educazione: malicrianza
  • fave: fa(v)i
  • focaccia: puddica
  • foglia: fogghia, foja
  • foglia secca: fugghiazza, fujazza
  • forchetta (da cucina) e forcella (da capelli): furcina
  • formaggio: casu (cfr. lat. caseum)
  • fuoco: fuecu
  • fretta: 'mpressa, pressa, persa
  • gallo / gallina: iaddu, iaddina
  • gamba: jamma, anca
  • gengiva: sangìa (pl. sangi(v)i), sancìa
  • ginocchio: scinucchiu (pl. scinocchiuri)
  • gola / golosità: canna (dal gr. kanna, gola)
    • goloso: cannarutu
  • granchio: caùr(r)u, cra(v)uru
    • piccolo granchio, paguro di mare: caurrieddo, cauriella.
  • grandine: cran(d)ini
  • grembiule: sunale
  • grosso: cruessu
  • guardare / guardato: uardari / uardatu, trimèntiri / trimintutu
  • ieri: (a)ieri, iere
    • l'altro ieri: disterza (cfr. lat. dies tertia), 'nnusterza (cfr. lat. nudius tertias, a tre giorni da oggi)
    • tre giorni fa: nnusterzignu
  • innaffiare: 'ddaccuà(ri)
  • legna: gliona (più usato al pl. glioni / lioni) (cfr. tardo lat. ligneona, sup. di ligna, legna), turzu, štozzu
  • legna da ardere: cipponi, stozzi, ašca (pl. aschi) (cfr. lat. astula, pezzi di legno, dim. da as, assis, legno)
  • lampagione o cipollaccio col fiocco (Muscari comosum): lampasciuni o (v)ampasciuni o pampasciuni
  • lavoro / lavorare: fatìa, fatià(ri) (cfr. spagnolo fatigar), ma anche fiatàri per metatesi
  • lenzuaola: ghiascioni, ghiasciuni (cfr. tardo lat. plaiones)
  • lingua: lengua, lenga
  • lucertola (di campagna): lacerta, lucerta, (v)ucerta
    • lucertola (dei muri), tarentola: frascitana
    • lucertola di casa (domestica): carulena
  • lucciola: virmeluci
  • macelleria: uccerìa (cfr. fr. boucherie)
  • maestro (artigiano): mestru, mesciu, meštru
  • maestra (di scuola): mestra, mescia
  • magro: mazzu
  • mano: manu
  • maschio: masculu
    • femmina: femm'na, fimmina
  • melanzana: marangiana, maranciana
  • melone: muloni a ppani
  • mestolo da cucina: cuppinu
  • moglie: mugghieri, mujeri
  • neanche: mancu
  • negozio: nicoziu, putea (cfr. lat. apotheca)
  • nessuno: nisciunu
  • nuvola: nu(v)ula
  • occhio: uecchi(u)
  • oggi: osci (cfr. lat. hodie, con -di- > -sci-)
  • oliva: a(vu)lìa,
  • olio: uegghiu
  • orecchio: recchia
  • orecchiette: ricchitieddi, chiancaredde (ma a Brindisi: stacchioddi)
  • origano: ariènu
  • orzo: uergiu
  • paese: paisi, paisu
  • pancia: panza
  • patata: patana
  • perché: pirce(ni), piccè(ni)
  • pero / a: piru / peru
  • pero selvatico: calapricu (cfr. lat. calapricus)
  • pesciolin0 (marinato), per est. giovane smilzo: franfillicchio, franfullicchio (cfr. fr. franfeluche)
  • piazza: chiazza (cfr. lat. platea, con pl>ch)
  • piede: peti (pl. pieti)
  • pieno: chinu (cfr. lat. plenus, con pl>ch)
    • riempire: ènchiri, anchìri (cfr. lat. ìmplere [e implìre], con pl>ch)
  • pietra, sasso: petra
  • grande pietra, lastra (per pavimenti esterni): chianca (cfr. lat. planca, con pl>ch)
  • piovere: chiò(v)iri (cfr. lat. pluere > tardo lat. plovere, con pl>ch)
  • poco: picca
    • a poco a poco: onz'a onza, a picca a picca
  • porto: portu
  • potare: putà(ri), mmunnà(ri)
  • prendere: pijiari, pigghiari
  • presepe: prisepiu, brisebbiu
  • pulire: pulizzari
  • qualcuno/a: quarchedunu/a (arc. sherchetunu), 'ncununu/a
  • Quaresima: Quaremba o Quaremma (per traslato anche donna brutta o sciatta e priva di buon gusto nel vestire)
  • raccogliere / raccolto (part. pass): ccòjiri / ccuetu, ccògghiri / ccotu
  • ragazzo/a (generico): (v)agnoni/a, uagnone/a
    • ragazza: vagnedda, uagnedda
    • ragazza nubile: vacantìa, signurina
    • bella ragazza: caròsa
    • ragazza da marito, fidanzata: zzita
  • rape: rapicàuli, rabbicàuli, rapi
  • risparmiare: šparagnà(ri)
  • ruota: rota
  • sacerdote: previti, prevte, preti, (fam. papa, spec. se seguito da nome proprio)
  • salita / salire: 'nchianata / 'nchianà(ri)
    • discesa: scinnuta, scinduta, scinnesa
  • saltare: zzompàri, zzumpà(ri),
  • saziare / saziarsi: bbinchià(ri), bbinchiarsi, bbuffarsi, bbuttarsi
  • scarafaggio: malota, 'mbalota, milota (cfr. lat. blatta)
  • scuotere, dare scossoni: šcutulà(ri)
  • sbrigarsi: manišcià(rsi) (cfr. sp. manejar)
  • sedano: acciu (cfr. lat. apium)
  • sedersi: (a)ssittarsi
  • seppellire: pri(c)à(ri), 'mpricà(ri)
  • sognare: sunnà(ri)
  • sopra: sobbra
  • sotto: sotta
  • spegnere: štutà(ri)
  • spensierato: scuscitatu (cfr. lat. ex-cogitatum)
  • sporco (e disordine): sì(v)u (cfr. lat. sebum), mmucatu, mmucitu
  • sporcare: 'nsivà(ri), 'nzivà(ri), mmucari
  • sporcizia: scilisciu, mbucaria, mmucaria, 'mmuscitia (usato anche per le cose di poco valore o vecchie)
  • sposarsi, sposato/a: 'nzurarsi, mmaritarsi, spusari
  • sposato/a: 'nzuratu/a
  • (donna) sposata: 'mmaritata
  • stanchezza: camascia (purtari ('na) camascia: essere sfaticato; cfr. gr. kamneo, mi affatico), fiacca
  • stendere (le membra del corpo): stinnicchiari, stindicchiari
  • stendere (i panni): spanniri, spannre, spandiri
  • strada: strata
  • stupido / instupidire: babbioni, babbari (cfr. lat. babbus, stupido)
  • suonare: sunà(ri)
  • svuotare / versare: vacari, 'ddvvacà(ri)
  • tagliare: tagghià(ri),tajari
  • talvolta, qualche volta: quarche vota, ncuna <v>ota, quarche fiata, ncuna fiata
  • tarantola (ragno della sp. lycosa tarentula): taranta, scarpioni
  • tardare: dimurari (cfr. lat. morari > trado lat. demorari)
  • tartaruga (di mare): cilona, (cfr. gr. kelòne)
  • testa: capu
  • tralci (di vite): sarmienti
  • travasare: sdivacari, 'ddvvacà(ri)
  • trovare (per caso o per necessità): (a)cchià(ri) (cfr. tardo lat. oculare = it. adocchiare)
  • uscire: assèri, assìri
  • uccello: acieddu (cfr. lat. avicellus, dim. da avis, uccello)
  • uovo: ue(v)u, o(v)u, pl. ovi
  • vaso (da fiore): crašta (cfr. lat. gaster > tardo lat. gastra)
  • vaso (da notte): cant(a)ru (cfr. gr. kantharos), catarieddu
  • vedovo/a: cattìu, cattìa (cfr. lat. captivus/a)
  • vendemmiare: (v)indimà(ri), (v)inn(i)mà(ri)
  • vino: mieru (cfr. lat. vinum merum = vino genuino)
  • volere: vulèri, (v)ulìri

Alcune frasi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni vocaboli sono espressi in più maniere dato che il dialetto cambia da paese a paese.

  • Va ppigghia/pija lu pani ti la putea qua all'angulu Va a prendere il pane dal negozio qui all'angolo
  • Va 'ccorchiti Va a coricarti
  • 'Mbucciti/'Ccucciti ca faci friddu Copriti che fa freddo
  • Sciàmundini/Sciàmmini/Sciàmmindini a mari Andiamocene al mare
  • Sta cchiovi assai/motu, è megghiu/meju cu non ci camini cu la machina Sta piovendo molto ed è meglio che non vai con la macchina
  • Muèviti/'Ccùjiti, ca faci assai/motu friddu qua ffori Sbrigati che fa molto freddo qui fuori
  • Ha ccuetu/ccotu li fungi ieri? Hai raccolto i funghi ieri?
  • Quant'acqua ca sta ffaci! Quanta pioggia che sta facendo!
  • Lu pani stai sobbra allu taulu e li rapicauli stannu 'ntra la patella piccenna/piccinna 'ntra lu fricu; toppu ti li scarfi nu picca Il pane è sul tavolo e le rape stanno nella padella piccola nel frigo; poi te le riscaldi un po
  • Osci facia troppu cautu sobbra mmari e m'agghiu/aggia ccuetu/ccotu prestu Oggi faceva troppo caldo al mare e mi sono ritirato presto
  • Mama e ttanuma/sirma/sierma hannu/anna tittu ca ci no vau/vou megghiu/meju alla scola, no mi rricalunu 'ddu libbru Mia madre e mio padre hanno detto che se non vado meglio a scuola, non mi regalano quel libro
  • Ha sciutu alla scola osci? -Noni ca agghiu/aggia statu cu la frevi/frei forti ti ieri a stamatina -Sei andato a scuola oggi? -No perché sono stato colla febbre forte da ieri a stamattina
  • Osci agghia/aggia sciri a Taruntu cu fatìu Oggi devo andare a Taranto per lavorare
  • A Brinnisi stasera è fattu assai/mota nevi A Brindisi stasera ha fatto molta neve
  • Ti l'ha mangiata l'uva ca t'agghiu/aggia nnutta ieri? Hai mangiato l'uva che ti ho portato ieri?
  • Scià/Sci ccugghimu/ccujimu l'aulivi, ca ci spittamu n'atru/otru picca mmarcescunu Andiamo a raccogliere le olive che un altro po marciscono
  • Iu pensu ca n'atru/otru picca s'asa/ozza vientu forti! No vvì ce tiempu! Io penso che tra un po si alzerà vento molto forte! Non vedi che tempo!
  • 'Va ppigghia/pija lu mieru ti lu frantoiu ca 'ndi/nni servi pi tumenaca Va a prendere il vino dal frantoio che ci serve per domenica
  • Ama/Amma sceri/sciri a messa cra' mmatina? Dobbiamo andare a messa domattina?
  • Stativi citti, ca la piccenna/piccinna sta dormi e ci si descita no ppigghia/pija chiù suennu! State zitti che la bambina dorme e se si sveglia non si addormenta più!
  • Ce t'ha mangiatu osci? -Pasta e pasuli pi pprimu, nu picca ti pesci pi sicondu e la frutta. E tu cce t'ha mangiatu? -Che hai mangiato oggi? -Pasta e fagioli per primo, un po' di pesce per secondo e la frutta. E tu che hai mangiato?
  • Ce dici, osci partimu? Che ne dici, oggi partiamo?
  • Tu osci stai assai/motu tristi, ce t'è ccappatu? Ce t'annu tittu? Oggi sei molto triste, che ti è successo? Che ti hanno detto?
  • Do sta sciati? -Sta sciamu a Pusanu 'ddo ziusa -Dove state andando? -Stiamo andando a Pulsano da suo zio
  • Osci av'a/a vinèri/vinì canatuma/cagnatuma ti la Ggirmagna Oggi deve venire mio cognato dalla Germania
  • Ha vistu ieri? S'è crisimatu lu figghiu/fiju ti quedda ti 'ncocchi casa nostra! S'acchia cu li tamu l'aucuri! Hai visto ieri? Si è cresimato il figlio della nostra vicina di casa! Dobbiamo dargli gli auguri!
  • Ce t'ha 'ccuetu/ccotu? O ha continuari ancora assai/motu? Ti sei sbrigato? O dovrai continuare ancora per molto?
  • Nun c'è 'cchiù tiempu, 'ddi cosi li eri avut'a spediri ieri....osci è troppu tardu, no li puè spedì 'cchiu Non c'è più tempo, quelle cose avresti dovuto spedirle ieri....oggi è troppo tardi, non puoi spedirle più
  • Tu si masculu, noni sorda Tu sei uomo, non tua sorella - per sottolineare in maniera ironica le capacità di qualcuno

Alcuni proverbi[modifica | modifica wikitesto]

  • Lu jabbu rriva e la jastema mbisca (con pronuncia asciutta del gruppo "sc") Chi si fa meraviglia o beffe degli altri prima o poi sarà oggetto della meraviglia o delle beffe altrui, e la bestemmia si incolla a chi la proferisce
  • Lu bruttu ngiura, lu mbucatu cagnescia e lu scuncignatu si tai cuscitu Il brutto offende ed ingiuria, lo sporco schifa ed il fannullone si preoccupa (si usa per rimarcare i falsi moralismi)
  • A cci fatìa na sarda, a cci no' fatìa na sarda e mmenza A chi lavora una sarda, a chi non lavora una sarda e mezza (si usa per indicare che spesso che l'alacre viene meno ricompensato rispetto al fannullone)
  • Li jerti sò pì cogghiri li fchi e lli vasci pì fa' li belli ziti Gli alti sono per raccogliere i fichi e i bassi per fare i bei ragazzi
  • Lu Sàntu faci li miraculi e lu tiavulu si fotti li rigali Il Santo fa i miracoli ed il diavolo si frega i regali
  • Crištu tai lu pani a 'ccinca no 'llu ròsica Dio dà il pane a chi non riesce a mangiarlo

Alcuni proverbi sono legati alla meteorologia:

  • Quàndu poni alla Cravàra non c'è ci la ripàra - Quando il cielo è scuro verso la contrada Cravara piove sicuro (dialetto maruggese)

Canzoni popolari[modifica | modifica wikitesto]

Vero e proprio "inno" della città di Brindisi è la canzone di Giovanni Guarino e musicata da Vitale Va cantu pi te (mannaggia lu rimu):

Avi n'ora ca sta spettu
pi cce cosa tu no vieni,
la stà faci pì dispiettu,
ma pirceni, ma pirceni?

A rrenta a rrenta a la banchina
vau vuiandu chianu chianu,
ma sta varca no' camina,
no' mi porta chiù luntanu!

Rit. Mannaggia lu rimu, no' voli cu voia,
stasera di noia mi faci muriri
Ci s'aza lu vientu mi tiru la vela,
mi ssettu e cuntentu va cantu pi tè.

Pi stu mari tutt'argientu
vannu e vennu vapurrini
e li varchi a cientu a cientu
cu' lampioni e cuncirtini.

Vieni vieni bedda mia,
sciamu a Santa Pulinari,
ca nce festa, ncè 'lligria,
vieni nziemi a me a cantari

Rit. Mannaggia lu rimu, ...

Lu strumentu mia è stu cori
ca nisciunu lu ccumpagna,
a gne gioia, a gne dolori
sempri canta e mai si lagna.

Sulu sulu mi cunzumu,
ardu comu nu cipponi,
tuttu fiamma e tuttu fumu
sontu puru sti canzoni

Rit. Mannaggia lu rimu, ...

È da un'ora che sto aspettando
per quale motivo non vieni?
lo stai facendo per dispetto
ma perché, ma perché?

Vicino vicino alla banchina
vado vogando piano piano
ma questa barca non procede
non mi porta più lontano!

Rit. Mannaggia il remo, non vuole vogare
questa serata di noia mi fa morire.
Se si alza il vento sciolgo la vela,
mi siedo e contento vado a cantare per te.

Per questo mare tutto argento
vanno e vengono i vaporetti
e le barche a cento a cento
con lampioni e concertini.

Vieni vieni bella mia
andiamo a Sant'Apollinare[2]
perché lì c'è festa e c'è allegria
vieni insieme a me a cantare.

Rit.

Lo strumento mio è questo cuore
che nessuno l'accompagna
ogni gioia, ogni dolore
sempre canta e mai si lamenta.

Solo solo mi consumo
brucio come un ceppo di vite
tutto fiamma e tutto fumo
sono pure queste canzoni.

Rit.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paola Vecchio - Università di Zurigo
  2. ^ Storica spiaggia di Brindisi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calabrese, A. (1993), The sentential complementation of salentino: a study of a language without infinitival clauses, in A. Belletti (a cura di), Syntactic Theory and the Dialects of Italy, Torino: Rosenberg & Sellier, 28-98.
  • Ledgeway, A. (2004), Il sistema completivo dei dialetti meridionali: la doppia serie di complementatori, in RID, 27, 89-147.
  • Rohlfs, G. (1966-69), Grammatica storica della lingua italiana e dei suoi dialetti, Torino: Einaudi.
  • Sgrilli, P. (a cura di) (1984), Il “Libro di Sydrac” salentino, Pisa: Pacini.
  • Vincent, N. (1997), Complementation, in M. Maiden, M. Parry (a cura di), The Dialects of Italy, London-New York: Routledge, 171-178

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Puglia Portale Puglia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Puglia