Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto valsesiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valsesiano
Valsesian
Parlato inItalia Italia
Stati Uniti Stati Uniti d'America
Argentina Argentina
Brasile Brasile
Parlato inPiemonte Piemonte
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Romanze
  Galloromanze
   Galloitaliche
    Piemontese
     Valsesiano
Codici di classificazione
ISO 639-2roa
ISO 639-3pms (EN)

Il valsesiano (valsesian) è un dialetto[1] appartenente alla lingua piemontese parlato in Valsesia (provincia di Vercelli).

A quasi un secolo dalla sua stesura, il principale testo di riferimento, pubblicato nel 1918, resta la descrizione dello svizzero Teofilo Spoerri, Il dialetto della Valsesia, Rendiconti del reale Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, II, 51, del 1918, pp. 391-409, 683-698, 732-752, ma sono di interesse anche le opere di Federico Tonetti, il particolare il Dizionario del dialetto valsesiano.

Coniugazione dei verbi
[modifica | modifica wikitesto]

  • la prima persona singolare dei verbi termina in consonante: mi i parl (e non i parlo)
  • la seconda persona singolare non termina in –s ma in e/i (ët parle, ët ei)
  • il pronome verbale della seconda persona singolare non è it ma ët (pronunciato at)
  • il pronome verbale della terza persona plurale non è a ma i (lor i parlo)
  • l'ausiliare nei tempi composti è generalmente esse (essere) e non avèj (avere): mi i son parlà (anche se capita di sentire anche: mi j'heu parlà, che suona tuttavia piuttosto arcaico)
  • le desinenze del futuro sono:
i fareu (i farö)
ët farai
a farà
i faroma
i farèi
i faran
  • e desinenze dell'imperfetto per la prima e seconda coniugazione (parlé, voghe) sono:
i parleva (vogheva)
ët parleve
a parleva
i parlevo
i parleve
i parlevo
  • per la terza coniugazione (dormì/dromì) abbiamo:
i dormiva
ët dormive eccetera.
  • la negazione si esprime con mìa o not: I seu mìa e non i seu nen, e Sagrinte not.

Sostantivi[modifica | modifica wikitesto]

Esiti in –cc/gg[modifica | modifica wikitesto]

  • lacc e non làit
  • fregg, femm. frëggia invece di frèid/frèida

Tendenza a ‘chiudere' i sostantivi con una ‘o'
[modifica | modifica wikitesto]

Nei casi seguenti:

  • quadro, sucro invece di quàder, sùcher
  • crussio, pròpio invece di crussi, pròpi
  • formagio invece di formagg

Plurale metafonetico[modifica | modifica wikitesto]

  • man / men (o mèin)
  • grand/grend

Questo tipo di plurale, scomparso in quasi tutto il Piemonte tranne che nei dialetti canavesani e biellesi, è piuttosto arcaico, per quanto ancora usato, soprattutto dai parlanti anziani. Alcune reliquie come an / agn anno / anni e i testi medievali mostrano che in passato era diffuso in tutta l'area piemontese, come per altro nelle altre parlate di tipo gallo-italico, tra le quali il bolognese e quello romagnolo, lo mantengono vigorosamente..

Articoli[modifica | modifica wikitesto]

  • Singolare: ël / la
  • Plurale: ij per maschile e femminile

Sopravvivono le forme arcaiche:

  • o, per il maschile singolare: S'o Sass (toponimo: lett. Sul sasso)
  • ël, per il femminile plurale: ël mate (le ragazze)

Fonetica[modifica | modifica wikitesto]

Il valsesiano ha conservato, assieme alle vallate limitrofe della Valle Sessera, dei suoni rappresentati graficamente con tc e dg, che si trovano in parole come vedgio (vecchio, vej in piemontese comune), petcio (pettine, pento), che non hanno riscontro nel piemontese letterario.
Anche questi suoni sono caduti in disuso nei centri principali, ma nelle località più piccole essere in grado di pronunciarli rappresenta una vera e propria patente di buon valsesiano.

Nel dialetto valsesiano la fonetica particolare dei segni graficamente rappresentati da "tc" e "dg" la troviamo ancora oggi nelle frazioni della città di Varallo Sesia (Parone, Crevola, Locarno) e pure nell'alta Valsesia. La frase, scritta con la grafia semplificata che propone il Movimento Culturale " Comunità Nuova Piemontese" di Vercelli, "quadgiu" (caglio), furmadgiu ( formaggio ) batadgiu ( battacchio ) è ancora oggi la carta di identità degli abitanti delle su citate frazioni. Tuttavia la pronuncia delle vocali risulta più chiusa rispetto al piemontese letterario, a causa dell'influenza che il dialetto valligiano ha subito dalle maggiori affinità culturali e storiche con il novarese e l'ovest lombardo. La Sesia, vecchio confine con la Francia Napoleonica segna marcatamente le differenze fonetiche dialettali, pur rimanendo all'interno dei dialetti piemontesi. Infatti quello del Piemonte Orientale ha un accento più simile al lombardo che non al torinese, più affine invece ai dialetti di Biella e Vercelli.

Tabella comparativa[modifica | modifica wikitesto]

La tabella è redatta in grafia piemontese per i tre dialetti piemontesi e in ortografia milanese classica per i due lombardi. Rappresentano entrambe il parlato.

  • Coniugazioni
Italiano Piemontese letterario
(torinese)
Piemontese orientale
(vercellese/biellese)
Valsesiano
(di Valduggia[2])
Novarese urbano Lombardo occidentale
(milanese)
essere esse esse esse vess vess
io sono mi i son mi i son mi i son mi i son mi son
tu sei ti t'ses ti t'èi ti t'èi ti t'è ti te seet
egli è
ella è
chiel a l'é
chila a l'é
lu/cëll a l'é
lé/cëlla a l'é
cëll a l'é
cëlla a l'é
luu l'é
lee l'é
luu l'é
lee l'é
noi siamo noi i soma noi i soma nui i soma nui soma numm semm
voi siete voi i seve voi i sèi vui i sèi vui i sé vialter siiv
essi sono lor a son lor i son/lor i én lor i én/lor i son lor hinn lor hinn
avere avèj avèj avèighi vegh vegh
io ho mi i l'hai mi i j'heu mi i gh'heu mi gh'heu mi gh'hoo
tu hai ti tl'has ti t'hèi ti ta gh'hèi ti ta gh'hè ti te gh'heet
egli ha
ella ha
chiel a l'ha
chila a l'ha
lu/cëll a l'ha
lé/cëlla a l'ha
cëll al gh'ha
cëlla la gh'ha
luu al gh'ha
lee la gh'ha
lu al gh'ha
lee la gh'ha
noi abbiamo noi i l'oma noi i j'oma nui i gh'oma nui gh'oma nialter gh'emm
voi avete voi i l'eve voi i l'èi vui i gh'èi vui gh'é vialter gh'hiiv
essi hanno lor a l'hann lor i j'han lor i gh'han lor i gh'han lor gh'hann
cantare canté canté canté cantà cantà
io canto mi i canto mi i cant mi i cant mi canti mi canti
tu canti ti it canti ti it canti ti ta canti ti ta canti ti te cantet
egli canta
ella canta
chiel a canta
chila a canta
lu/cëll al canta
lé/cëlla a canta
cëll al canta
cëlla a canta
luu al canta
lee la canta
luu el canta
lee la canta
noi cantiamo noi i cantoma noi i cantoma nui i cantoma nui i cantoma nialter a càntom
voi cantate voi i cante voi i cante vui i cante vui i canté vialter cantiiv
essi cantano lor a canto lor i canto lo i canto lor i càntan lor i cànten
  • Sintassi/morfologia
Italiano Piemontese letterario
(torinese)
Piemontese orientale
(vercellese/biellese)
Valsesiano
(di Valduggia[2])
Novarese urbano Lombardo occidentale
(milanese)
io l'ho mangiata mi i l'hai mangiàla mi i j'heu mangiàla mi i son mangiàla mi l'hoo mangiaa mi l'hoo mangiada
io ero mi i j'era mi i j'era mi i j'era mi s'eva mi s'eri
lui faceva chiel a fasìa lu/cëll al fava/feja cëll al fèiva luu al faseva luu el faseva
i ragazzi Ij matòit Ij matòcc Ij matòit I matocc -
Le donne Le fomne/Ël fomne Ij dòni Ij fombri I doni I donn
Questo non si fa Sossì as fa nen Sochì as fa nen(t) Cioquì as fa not
Cosquì as fa mia
Cos-chì s'fa mia Quest chì se fa minga
Chest chì se fa mia
Cosa fai? Co' t'fas?
Lòn fas-to?
Qué t'fai?
Lòn it fai?
Qué t'fai? Sa te fè? Sa te feet?
  • Fonetica/Lessico
Italiano Piemontese letterario
(torinese)
Piemontese orientale
(vercellese/biellese)
Valsesiano
(di Valduggia[2])
Novarese urbano Lombardo occidentale
(milanese)
buonasera bon-a sèira bon-a sèira bon-a sèira bonna séra bona sera
candela candèila candèila candèila candéla candèla
bere bèive bèive bèive biv biv
questo cost/chëst cost cost cost quest/chest
quello col col col col quell/chell
qualcuno queidun queidun queidun queivun queivun
coltello cotel cotel cortel cortel cortel
una volta na vòta na vòta na vòta na vòlta na voeulta
cazzuola cassòla cassòla cassòla cassòla cassoeula
tutti tuti/tùit tucc tucc tucc tucc
fatto fàit facc facc fai fai
letto lét lecc lecc lett lett
voialtri vojàutri/vojàitr vojacc vujacc/vujàitr vialtar vialter
alto àut àut/jàut àut/jàut alt alt
caldo càud càud càud cald cald
granoturco melia melia melga melgon formenton
scalare rampié rampié rampighé rampigà rampegà
masticare mastié mastié mastighé mastigà mastegà
cuore cheur cheur còr coeur coeur
genero gënner gënner gendro gènar gèner
quadro quàder quàder quadro quàdar quàder
zucchero sùcher sùcher sucro sùcar zùcher
libro lìber lìber libro lìbar lìber
bravo brav ['braw] brav ['braw] brav ['brav] braf brao ['braw]
contare conté cointé cunté cuntà cuntà
aspettare speté specé (speité) specé (speité) spicià spicià
lavorare travajé travajé lauré lavrà lavorà
asino aso aso aso aso àsen
giovane giovo giovo/gióan giovno gióvan gioven
settimana sman-a sman-a sman-a smanna setimana/salmana
cipolla siola siola/sigola sigola scigola scigola
sale sal sal sal saa saa
sole sol sol sol soo soo
madre mare mari mari maa mader
padre pare pari pari paa pader
mestolo cassul cassul cassù cassuu cazzuu
bottiglia bota bota bota botelia botelia
  • Numeri cardinali
Varietà 1 2 3 4 5 8 9 11 17 18
Piemontese di Torino un doi trè quatr sinch eut neuv óndes disset disdeut
Piemontese Biella/Vercelli jun doi trèi quatr sinch jeut neuv óndes disset disdeut
Valsesiano jun dui tri quatro cinch vòt nòv vundes dirset disdòt
Novarese urbano vun duu trii quatar cinch vott noeuf vundas darset disdott
Milanese vun duu trii quater cinch vott noeuf vundes darset disdott
  • Giorni della settimana
Varietà Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica
Piemontese di Torino Lùn-es Màrtes Mërcol Giòbia Vënner Saba Dumìnica
Piemontese Biella/Vercelli Lùn-es Màrtes Mërcol Giòbia Vënner Saba Dumìnica
Valsesiano Lùnes Màrtes Mërclo/Mërco Giòbia Vendri Saba Dumenga

Brano nel dialetto di Varallo[modifica | modifica wikitesto]

I dich duca che 'nt i temp del prim re 'd Cipri, dopo la conquista fatcia dla Tera Santa da Gotifredo di Buglione, l'è capitaa che 'na siora 'd Guascogna 'n pelegrinadgiu l'è naa al Sepulcru e, tornand da là, rivaa 'n Cipri, da vari baloiss la staitcia malament maltrataa. E du ciò chiela lumentandsi senza nciügna consolazion, l'ha pensaa da né porté i sui lumenti al re; ma l'è statci dicc che chiel l'era 'd vita 'nsì bassa e varu 'd bun che, nut soltant al vendicava nut con giustissia i dispressi di ait, ma nu soportava 'n'infinità du cui vilment faitc a chiel; 'd manera che chiunque al gh'eva quaich rüginu con chiel, a sa sfogava fandghi quaich dispressiu o quaich insült. Ciò sentend la fumna, disperaa dla vendeta, tant per sfoghé 'n poo la sua cica, l'ha pensaa 'd vorèi rimproveré la miseria du cul re; e, presentassi piangend dadnanz a chiel, l'ha parlaa paree: "Sior, mì i ven nuta a la tua presenza per vendeta ch'i speitcia 'd l'ingiüria ch'a m'è staitcmi faitcia: ma per veighnu 'na sodisfassion, mì ta pregh da mostrémi comé che tì at soporti culi chi sent chi vennu faitci a ti, perché mì i possa, 'mparand da tì soporté con pazienza la meia; la qual, 'l Signor lu sa, se, podend félu, la regalareia vantee a tì, dal moment ch'at i soporti paree ben"
'L re, figna alora staicc peich e poltron, come ch'a 's disveghieissa da 'n sögn, cominciand da l'ingiüria faitcia a cula fumna, 'ch l'è staitcia fierament vendicaa, l'è diventaa severissimu persecutor da tüicc cui che, contra l'onor dla sua corugna, i essu cometüü quaicoss d'alora 'n pöi.

Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo, 1875, pag. 323

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ a b c Vocabolario di dialetto valduggese

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Brero Camillo, Gramàtica Piemontèisa. Seconda edizione Ij Brandè, Torino 1971.
  • Di Sant'Albino Vittorio, Dizionario Piemontese - Italiano - Latino - Francese. 2 volumi, Carmagnola 1830, ed. anastatica Torino 1965.
  • Levi Attilio, Dizionario Etimologico del dialetto piemontese. Ed. Paravia, 1927, ed. anastatica Torino 1971.
  • Vittorio Dell'Aquila, Appunti di fonetica storica del valsesiano con particolare attenzione al vocalismo nella parlata di Rossa, in: Dell'Aquila Vittorio, Iannàccaro Gabriele, Vai Massimo (eds.) «Féch, cun la o cume fuguus», Alessandria: Dell'Orso, 2010
  • Gaetano Berruto, sezione Piemonte e Valle d'Aosta in Profilo dei dialetti italiani, 1 a cura di Manlio Cortelazzo, Pacini, Pisa 1974.