Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto napoletano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando le varietà italiane meridionali delle lingue romanze, vedi dialetti italiani meridionali.
Napoletano
Napulitano
Parlato in Italia Italia
Regioni Campania Campania
Locutori
Totale 2 500 000[senza fonte]
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-occidentali
    Dialetti italiani meridionali
     Napoletano
Codici di classificazione
ISO 639-2 nap
ISO 639-3 nap (EN)
Glottolog napo1241 (EN)
Linguasphere 51-AAA-rb
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Tutte ll'uommene nascene libbere e cu eguale dignità e deritte; tenene raggione e cuscienza e hann'a operà ll'uno cu ll'ate cu nu spirite 'e fratellanza.
Neapolitan languages-it.svg

Giovan Battista Pellegrini, La Carta dei Dialetti d'Italia: il dialetto napoletano è indicato come IVb.

Il dialetto napoletano (napulitano) è una variante diatopica del gruppo italiano meridionale (diasistema individuato dalla classificazione ISO 639-3 attraverso il codice nap e che Ethnologue definisce "lingua napoletano-calabrese"[1]) delle lingue romanze parlata a Napoli e in aree della Campania non molto distanti dal capoluogo.

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Lessico[modifica | modifica wikitesto]

Il napoletano ha avuto un'evoluzione nel corso dei secoli, prendendo a prestito lemmi provenienti da varie lingue: oltre che dall'italiano, dalla lingua spagnola, dalla lingua araba, dalla lingua inglese, ma anche dal greco antico e ovviamente dal latino, idioma da cui deriva.

La tabella che segue offre un confronto tra alcuni termini napoletani e alcuni stranieri simili tra loro per suono e significato: la similitudine non prova tuttavia un rapporto di derivazione, dal momento che in molti casi la parola napoletana ha relazioni provate con i dialetti vicini o con il latino medievale: l'affinità con la lingua straniera può essere quindi una coincidenza o un effetto della comune derivazione dal latino di entrambe le varietà linguistiche.

Lemma napoletano Lemma italiano standard Lemma straniero Lingua straniera di riferimento
Abbàscio giù abajo / a baix (pron. a bash) / abaixo / en bas spagnolo / catalano / portoghese / francese
Ajére ieri ayer / hier spagnolo / francese
Ammuïna chiasso, che infastidisce amohinar / amoïnar spagnolo / catalano
Arrassusia[2] lontano sia!, non sia mai! 1* arah/arasa = lontano + sit = sia

(più probabile)

arabo + latino
2* abrasum sit = sia cancellato (meno probabile) latino
Auciéllo uccello avicellum latino
Blé blu bleu francese
Blecco asfalto per isolamenti black inglese
Buàtta barattolo boîte francese
Buttéglia bottiglia bouteille francese
Caccavella pentola caccabellum latino tardo
Caiola (cajola) gabbia caveola (dim. di cavea) / cage latino / francese
Càntero/cantaro vaso da notte khantaros greco antico
Canzo tempo chance francese (Per traslazione semantica: chance - possibilità, occasione; es. damme 'o canzo, dammi il tempo)
Capaddozio caposquadra capataz spagnolo
Cape 'e zì Viciénzo nullatenente caput sine census latino
Cerasa ciliegia cerasum / cerise latino / francese
Crianza educazione creencia / criança / créance spagnolo / portoghese / francese
Crisommola (cresommola) albicocca χρυσοῦν μῆλον (chrysoun melon = frutto d'oro) greco
Cucchiàra cucchiaio cuchara / cochlearia spagnolo / latino
Curreja cinta correa / corrigia spagnolo / latino
Drincà o Trincà bere alcolici, ubriacarsi trinquer / trinkan francese / antico alto tedesco
Fenèsta finestra fenêtre (fenestre) / fenestra francese (antico francese) / latino
Folche adattamento di "folk" folk inglese
Gengomma o cingomma gomma da masticare chewing-gum inglese
Ginzo adattamento di "jeans" jeans inglese americano
Guallara ernia wadara arabo
Guappo bullo, prepotente guapo spagnolo
Intrasatta improvviso intras acta latino
Lacerta lucertola lacerta/ae latino
Lassàre (lassa') lasciare laxare / laisser latino / francese
Mammá mamma mamá spagnolo
Manana mattina mañana spagnolo
Mesàle tovaglia da tavolo misalion / mesa (tavolo) / mensa (tavolo, pasto, altare) greco antico / spagnolo / latino
Micciariéllo fiammifero mechero spagnolo
Mola dente (molare) mola latino
Morra mucchio, gran numero morra spagnolo
Muccaturo (moccaturo, maccaturo) fazzoletto mocador / mouchoir catalano / francese
Mustacce baffi moustákion / moustache greco bizantino[3] / francese
Nenna bambina nena spagnolo
Ninno bambino niño spagnolo
Nìppulo capezzolo nipple inglese
Pàccaro schiaffo "πᾶς" tutto e "χείρ" mano greco antico
Papéle Papéle lentamente oppure chiaramente παπος con raddoppiamento del sintagma (lento lento, sciolto sciolto) greco antico
Papiéllo documento papel / papier spagnolo / francese
Pastenaca carota pastinaca latino
Peliénto sciatto peliento spagnolo
Pesòne affitto, pigione pesionem / pension latino volgare / francese
Petàccia straccio da cucina pittacium / pedazo latino / spagnola
Petrusino (petrosino) prezzemolo petroselinon greco antico
Pica pene picha spagnolo
Piglià père prendere fuoco πῦρ (fuoco) greco antico
Polla pene polla spagnolo
Pressa fretta pressare latino
Puteca (poteca) bottega, negozio apotheca / ἀποθήκη (apothèke) / boutique latino / greco / francese
Ràggia rabbia rage francese
Rammàggio danno dommage francese
Riggiòla mattonella rajola catalano
Rilòrgio orologio reloj / rellotge / horologium / ὡρολόγιον spagnolo / catalano / latino / greco
Sarvietta tovagliolo serviette / servilleta francese / spagnolo
Sciuscià lustrascarpe shoe-shine inglese
Sechenenza cosa di basso valore/qualità second hand (seconda mano) inglese
Semmàna settimana semana / semaine spagnolo / francese
Sguarràre (sguarrà) divaricare, squarciare desgarrar spagnolo
Sparadrappo cerotto esparadrapo /
sparadrap /
esparadrap
spagnolo / francese /
catalano
Sparagno risparmio sparanjan / épargne (espargne) germanico[4] / francese (antico francese)
Tamarro zotico al-tamar (mercante di datteri) arabo
Tavúto bara ataúd / taüt / تَابُوت (tābūt) spagnolo / catalano / arabo
Tècchete prendi, eccoti take it inglese
Tèsta vaso (da fiori) testa latino
Tirabbusciò cavatappi tire-bouchon francese
Zéngaro zingaro atsínganoi greco bizantino[5]
Zimmaro caprone χιμμάρος (chimmàros) greco

Dizionari[modifica | modifica wikitesto]

Canzone in napoletano[modifica | modifica wikitesto]

Celebre in tutto il mondo è la canzone napoletana, che non solo è strettamente legata agli stereotipi più diffusi della cultura italiana negli Stati Uniti e nei paesi di cultura anglosassone, ma ha anche imposto slang e parole internazionali, come 'O sole mio, 'O surdato 'nnammurato o Funiculì funiculà.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Napoletano-Calabrese, ethnologue.com. URL consultato il 12 agosto 2014.
  2. ^ DIZIONARIO NAPULITANO / Parole e detti della settimana: Da Arrassusia a Sfruculià (dedicato a chi non sa stare al posto suo), in Identità Insorgenti. URL consultato il 17 novembre 2016.
  3. ^ http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=mustacchio
  4. ^ http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=sparagnare
  5. ^ http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=zingaro
  6. ^ Il Dizionario etimologico storico napoletano, in treccani.it. URL consultato il 17-01-2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bertolucci-Pizzorusso V., La supplica di Guiraut Riquier e la risposta di Alfonso X di Castiglia in Studi mediolatini e volgari, vol. XIV, 1966, pp. 11-132.
  • Bronzini P., La poesia popolare, Edizioni dell'Ateneo, Roma 1956.
  • De Bartholomaeis (a cura di), Rime giullaresche e popolari d'Italia, Zanichelli, Bologna 1926, pp. 12-20.
  • Achille della Ragione, "Il napoletano è una lingua non un dialetto", in Napoletanità: arte, miti e riti a Napoli, pag.132 - 136, 1º tomo, Napoli 2012
  • De Sanctis F., Storia della letteratura italiana.
  • Aurelio Fierro, Grammatica della Lingua Napoletana ( prefazione di Antonio Ghirelli ), Rusconi editore, Milano 1989
  • Gabero G., Ranzini G. (a cura di), Fiabe della tradizione italiana, Arnoldo Mondadori. ISBN 88-247-0148-5
  • Adam Ledgeway, Grammatica diacronica del napoletano, Vol. 350 di Beihefte zur Zeitschrift für romanische Philologie, Max Niemeyer Verlag, 2009 ISBN 978-3-484-97128-8.
  • Loporcaro, Michele, Profilo linguistico dei dialetti italiani, Nuova edizione, Roma-Bari, Editori Laterza, 2009, ISBN 978-88-593-0006-9.
  • Pellegrini G. B., La Carta dei Dialetti d'Italia, Pisa: Pacini editore, 1977.
  • Rabanus Maurus (arcivescovo di Magonza), De Universo: Codex Casinensis, Archivio dell'Abbazia di Montecassino, pagg. 1, 321, 457, 520, 629.
  • Vitale, Giovanni. Dialetto Napoletano. Manuale di scrittura e di dizione, Edizioni Scientifiche Italiane, 2009
  • Zuccagni-Orlandini A., Raccolta di dialetti italiani con illustrazioni etnologiche, tip. Tofani 1864.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]