Dialetto viareggino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il dialetto viareggino o, più correttamente, vernacolo viareggino, è una lingua vernacolare sottogenere del dialetto lucchese, diffusa a Viareggio, Massarosa e Lido di Camaiore.

Rispetto al dialetto lucchese, presenta peculiarità nella pronuncia, per l'uso di varianti lessicali e di termini ed espressioni proprie, talune di derivazione straniera. La versione parlata nei paesi di Massaciuccoli (comune di Massarosa) e Torre del Lago Puccini (comune di Viareggio) risente di influssi pisani.

A fine XIX secolo ,Viareggio aveva una fiorente marineria, il che ha permesso ai marinai locali, di incontrare lingue diverse e introdurre nella loro lingua alcune espressioni di origine straniere. Inoltre, a causa della lunga storia marinara della città, numerose espressioni e modi di dire, sono di origine marinaresca.

Infine, alcune espressioni tipiche fanno riferimento alle storiche rivalità con le città vicine, specialmente Lucca.

Espressioni[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di parole tipiche[modifica | modifica wikitesto]

  • Abbaccà: saltare
  • Abbaccafossi: persona dalle gambe lunghe (dispregiativo)
  • Abbacchì: demoralizzare
  • Abbiliàssi: rattristirsi, avvilirsi, angosciarsi
  • Abbioccassi: appisolarsi
  • Abboccatìccio: persona di gusti poco raffinati
  • Abboddissi: sdraiarsi, da: bodda (rospo)
  • Abbracchìto: avvilito
  • Accaccarellassi: rannicchiarsi
  • Acchità: agire immediatamente
  • Acciocchito: inebetito, intontito, addormentato
  • Acciottelloràssi: sdraiarsi a prendere il sole, da ciottellora (lucertola)
  • Acciottorà: fare rumore
  • Acciottorume: confusione
  • Acciuccignà: accartocciare, stropiacciare
  • Acculassi: muoversi indietro, sedersi
  • Agganghito: (variante: agghenghito), contratto. (Morire agganghito: morire male, provando rabbia)
  • Aggiaccassi: sdraiarsi
  • Albatrello: scemo
  • Alleccurì: far venire voglia
  • Àmbora: camera
  • Ammattassi: vestirsi in modo eccentrico
  • Anaciàto: ubriaco (d’anice)
  • Aonco: spasmi del vomito
  • Appitonàssi: mangiare troppo
  • Appitoràssi: cedere al sonno
  • Aruciolà: arrotolare, anche in senso figurativo di maltrattare
  • Attopato: voglioso sessualmente o vestito in modo elegante
  • Baàna: donna mal vestita
  • Balloncioro: castagna lessa
  • Bào: (varianti: bao cicco, bao neccio, cicco bao) molto, sia come aggettivo che come esclamazione rafforzativa
  • Bellìoro: ombelico
  • Bòdda: (varianti bòdda caona, bòdda stiacciona): rospo
  • Bòffice: sedere, culo, fortuna
  • Bràalone: persona trasandata
  • Bugnà: brontolare, mugugnare
  • Burbiglione: scarafaggio
  • Càabasso: persona bassa (dispregiativo)
  • Caccarè: persona magra e di bassa statura
  • Caccaro: sporco aggrumato
  • Caciòttoro: grumo
  • Caona: paura
  • Carabòttolo: barattolo di latta
  • Camùciolo: elicriso, figurato: cosa di poco valore
  • Cèa: avanotto di anguilla
  • Coltellaccio: cannolicchio
  • Cómbero: anguria
  • Cotrione: schiena
  • Diàntine: diavoleria
  • Dèlafia: celebre esclamazione. Viarianti: dèlofio, dèlafibbia, dèlanena, dèlanezza, dèlapotta, dèlapottisa, dèlafischia, dèlafistia.
  • Dàmo e dàma: fidanzato e fidanzata
  • Dibisciassi: divincolarsi
  • (Per) Didavero: (per) davvero
  • Diperìde: per ridere
  • Eterno zifòne: termosifone
  • Fiataccina: affanno
  • Filza Rosalba: sequela di parolacce
  • Fiofanne: persona con poca resistenza
  • Fòa: sassaiola
  • Gaima: gabbiano
  • Gallónzoro: pallina di rapini cotti
  • Ganzo/a: amante
  • Gavèdano: persona brutta
  • Ghidona: giostra (termine di origine marinaresca)
  • Giorno: pomeriggio
  • Govòne: rigonfio
  • Grascìno: vigile urbano
  • Grécchio: pensierino, complimento
  • Grìccio: letto disfatto (dispregiativo)
  • Grìmo: affollato
  • Grognolo: pezzo di pane avanzato
  • Ierdilà: Ierilaltro
  • Imboddì: ingrassare
  • Incaccarìssi: indurirsi, seccarsi
  • Inciospà: fare cose maldestramente
  • Ingubbiassi: mangiare esageratamente
  • Intopà: lavorare in modo impreciso
  • Intrabiscolà: (variante: intrabuscolà): confondere, imbrogliare
  • Intrafunà: imbrogliare
  • Inzovànto: parecchio
  • Jolly: jeans
  • Labbrata: schiaffo
  • Lavarone: alghe e legni portati dal mare
  • Lécca: bastonata
  • Leccafìe: persona meticolosa
  • Leccantrùgli: goloso, avido
  • Lecchìno: adulatore ,imbroglione, prepotente,
  • Lecchinata: imbroglio, sopruso
  • Leppioso/a: persona sporca
  • Lézzora: ragnatele di polvere
  • Locco: citrullo
  • Logro: tormento
  • Loppòra: palpebra
  • Lotro: otre
  • Lucca!: esclamazione usata in sostituzione di "merda!" (a causa del secolare rivalità tra le due città)
  • Lucchese: tirchio
  • Lullì (lellì, lorolì): quello lì (quella lì, quelli lì), talvolta con senso dispregiativo
  • Lulloròne: perditempo
  • Luneddiàna: giorno di chiusura per barbieri e calzolai, tradizionalmente il lunedì
  • Madròne: respiro col fischio
  • Malcaàto: persona o cosa sbagliata
  • Mànfano: sedere
  • Maóne: stomaco
  • Margòffa: (variante: margóna) donna bassa e grassa
  • Marugàno: persona maleducata
  • Mattàna: agitazione
  • Méggia: grosso sterco
  • Minonna: scintille prodotte del fuoco
  • Monturàssi: vestirsi bene
  • Mòtta: grande quantità di pesce
  • Muciétta: manciatina
  • Mutàssi: indossare l’abito buono
  • Nena: organo genitale femminile
  • Nenàta: capricci, sciocchezze
  • Nérchia: organo genitale maschile
  • Nicchia: arsella (tellina), organo genitale femminile
  • Nicchio: arsella( tellina)
  • Nìcchise!: per niente!
  • Noaltri: noi
  • Nòe (varianti: nòvve, nòvve-po’): modo per enfatizzare un "no"
  • Nomìcchioro: soprannome
  • Nzovànto: (variante: 'unzovànto) moltissimo
  • Ombrellìno: ragazza di facili costumi
  • Ordinòtte: crepuscolo
  • Órellànno: l’anno scorso
  • Palcheggià: camminare avanti e indietro
  • Palla di lavarone: egagropilo
  • Pallante: cormorano
  • Palle dell’occhi: bulbi oculari, occhi
  • Pallétio: noia
  • Palloccoróso: pieno di grumi, figurato: noioso
  • Pappà: papà
  • Patafióne: ceffone
  • Patàna: stanchezza (termine di origine marinaresca)
  • Péscio-porco: (variante: porco di mare) delfino
  • Pisalanca: altalena
  • Pìtoro: pulcino, (figurativo) stupido
  • Poggiòni: dune
  • Potta: organo genitale femminile
  • Potta di mare: (variante: pottamarina) medusa
  • Póttaione: (variante: Potta di Modena) spaccone, vanesio
  • Pòttalessa: persona lenta
  • Pottàta: spacconata
  • Pretìno: chierichetto
  • Puntone: cazzotto
  • Puttàno: (variante: puttào), sedere (dispregiativo)
  • Rimbamborì: rincretinirsi
  • Ringazzullìssi: (varianti: ringalluzzìssi, ringalluzzorìssi), esaltarsi
  • Riulà: arrotolare, rimboccare
  • Riùla: risvoltino
  • Rufolà: frugare
  • Rumà: mescolare
  • Sarocchìno: mantellina incerata da bambini
  • Sbaroccià: perdere il controllo, sbagliare
  • Sbilurcià: sbirciare
  • Sbrodà: eiaculare
  • Scépe: cespuglio, siepe
  • Scepóne: ammasso
  • Sciabigòtto: scemo
  • Sciograto: elegante, raffinato
  • Sgrendinato/a: persona dall'aspetto disordinato
  • Sbellioràssi: sbellicarsi dalle risate
  • Scaarito/a: smunto/a, esile
  • Sciambràna: chiambrana
  • Sciambrottà: agitare un liquido
  • Sciancato: zoppo
  • Scimmia di mare: egagropilo
  • Sciòa: folla in movimento
  • Scucissi: scomodarsi
  • Séto: odore o sapore cattivo
  • Sgallettorà: stare in mezzo alle donne
  • Sganzà: cambiare partner con facilità
  • Sgrumà: lavare a fondo
  • Spillaccorà: ridurre in brandelli
  • Spillaccherone: sporco
  • Steccurito: rigido
  • Stroncapinétti: persona malaticcia
  • Tamburlàno: oggetto ingombrante e antiquato (dispregiativo)
  • Taràntola: geco
  • Topeggià: aggeggiare
  • Treppià: calpestare
  • Tròccolo: cosa ingombrante
  • Troiaio: cosa o persona ributtante
  • Tronfià: russare
  • Tulloròne/a: sempliciotto/a
  • Úttumia: scheletro
  • Vàgero: girovago
  • Voaltri: voi

Esempi di termini ed espressioni introdotti da altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

  • Abagiù: lampada con paralume, dal francese abat-jour
  • Barcobestia: imbarcazione viareggina, dall'inglese best barc
  • Brècche: catrame, dall’inglese black
  • Ciortone: sgombro, dall'inglese short tuna
  • Debà: icicaleccio, dal francese debat
  • Dropise: mentine, dalle caramelle inglesi drop
  • Grogrè: nastro rigido per rifiniture di abiti, dal francese gros-grain
  • Lingiari: vestiario intimo, dal francese lingerie. Assume anche il significato di cianfrusaglia
  • Sanfasò: come viene, dal francese sans-façon
  • Santiviceturi: qualcosa di prezioso (es: 'un mi rompe 'santiviceturi: non rompermi le palle: Dal termine santificetur (presente nel Padre Nostro in lingua latina)
  • Sciaffé: autista, dal francese chauffeur
  • Tegàme: prostituta, donna di facili costumi, dall'inglese The game: nome di un locale di Livorno aperto durante la Seconda Guerra Mondiale, frequentato da soldati alleati e da prostitute locali
  • Tirabusciò: cavatappi, dal francese tire-bouchon

Esempi di modi di dire[modifica | modifica wikitesto]

Esempio di modi di dire di origine marinaresca[modifica | modifica wikitesto]

  • A’ ccolpi di mare: alle disgrazie
  • Anco la razza è doventata un pescio fino: espressione che indica qualcuno che, senza motivo, si dà arie
  • Andà a ppaiólo: scendere in basso
  • Andà di burìna: (variante: andà di bolina) andare di fretta
  • Andà di poppa: procedere regolarmente
  • Andà di prua: avere fretta
  • Anda’ per i su venti: seguire la propria strada
  • Arcile in carena: mancanza di cibo
  • Au tartana: (variante: au tattana, alò tartana), espressione che indica incredulità e incertezza, come quella del rientro delle lente tartane
  • Avé i vventi al naso: essere arrabbiato
  • Avé l’ancora a picco: essere addormentato
  • Avello nella rena: (variante: nel cuffio) essere finito o esser stato imbrogliato
  • Bòne le cée!: esclamazione rivolta a una persona inutile o poco affidabile
  • Empissi fino al trincarino: mangiare eccessivamente
  • Esse al diàcio: essere al comando
  • Essici maretta: essere presente una situazione tesa
  • Fà l’occhi di triglia: guardare con occhio languido
  • Fà vedé che vento tira: espressione di minaccia
  • Leva’ vòlta: andarsene
  • Malafóra: mari diversi dal Mediterraneo
  • Mangia’ ’l vento a un altro veliero: tallonare (anche figurativamente) qualcuno
  • Mette la pruga al vento: andarsene in fretta
  • Mollà la scotta e la mezzana: andarsene a fine lavoro
  • Naviga’ alla cappa: agire da soli
  • Naviga’ alla scarsa: avere pochi mezzi
  • Occhi a bogamorta: sguardo inespressivo
  • Ormeggia’ in darsena e aspetta’: fermarsi ed aspettare
  • Tirare ’l ghiòne: lavorare duro
  • Randa randa: molto vicino
  • Resta’ ne’ ’ttramagli: rimanere di sasso
  • Resta’ nelle secchìne di Barberìa: rimanere nelle difficoltà
  • Sape’ dove dorme ’l polpo: essere scaltri, sapere come muoversi
  • Stare alle velette: ascoltare attentamente o spiare
  • Troncassi ’n chiglia: affaticarsi
  • Vole’ insegna’ al pescio a nota’: ostentare conoscenza a qualcuno che ne ha di più
  • Uscì fòri dal nicchio: iniziare la pubertà

Esempio di altri modi di dire[modifica | modifica wikitesto]

  • A bischero sciolto: liberamente
  • A buo a buo: appena in tempo
  • A buo céo: a caso
  • A buo punzone: chinati in avanti
  • A pippa di ronzone: alla meglio, a vanvera
  • A urlo d’upo: ssenza controllo
  • A réfenero: in grande quantità
  • Ahibbò!: (variante: ibbò!) espressione che indica disgusto
  • Ahibbò trògliai!: Oh sporcaccioni!
  • Alla barù: a caso
  • Andà (o finì) a gamb'allaria: fallire
  • Andà a svelassi: appartarsi per consumare atti sessuali
  • Andà in chiccabuana: starsene in disparte
  • Arègge ’l mòccolo: Assistere alle effusioni di due persone
  • Avé il tempo addosso: essere stanco
  • Avé le palle a rovescio: essere irritabile
  • Avé le spalle tonde: essere sfaticato, svogliato
  • Avé il coccioro piombato (o impiombato): essere stitici
  • Avella da rovescio: essere irritato, avere una giornata storta
  • Avella nel gubbio: non sopportare qualcosa
  • Avvoàto Cencetti: difensore non richiesto
  • Battesimà il vino: allungare il vino con acqua
  • Bùo strinto: tirchio
  • Bùo spanàto: molto fortunato
  • Bel mi te: espressione affettuosa
  • Bè 'mmi tempi: espressione nostalgica
  • Biascià avemmarie: parlare in modo incomprensibile
  • Bolli’ e mal còce: parlare a vanvera
  • Bonanotte sonatori!: esclamazione che indica una situazione irrecuperabile
  • Buttassi all’imbrao: oziare
  • Buttassi a pallette: sdraiarsi
  • Casca’ l’occhio dal sonno: avere molto sonno
  • C’è da fa’ e da dì: espressione che indica una situazione che richiede molto lavoro
  • Chi ha più ha sei: detto che indica scarsità
  • Chiama e rispondi: indica un tempo lungo
  • Ci core dal giorno alla notte: c’è molta differenza
  • Cimato e un po’ rimesso: espressione che indica una persona scaltra
  • Coda di ziffa: tromba marina
  • Dì il bene: pregare, recitare preghiere
  • Di tràina: di traverso
  • E coda: eccetera
  • En cotti i ’nnicchi e spento ’l foo: riferito a qualcosa di concluso
  • En velli de ’ffagiolini: riferito ai lucchesi (a Lucca c'era una grande produzione di fagioli), ritenuti proverbialmente tirchi
  • Èsse come ’l Pacchini: non buttare via niente
  • Èsse del gatto: trovarsi in una brutta situazione
  • Èsse per le bue: essere malati
  • (o èsse) come vello che ni caò sull'uscio e la mattina la rivoleva: avere faccia tosta
  • Fà comparita: avere un bell'aspetto
  • Fà alle secchiette: visitare un posto assiduamente
  • Fà i gattini: vomitare
  • Fà il Nesci: fare finta di niente
  • Fà il tambào: umiliare, fisicamente o moralmente
  • Fà piglià la via del solco vecchio: dare la fuga
  • Fà scappà ’l miccio: far perdere la pazienza
  • Fà vede’ a che ora fa giorno: darne di santa ragione
  • Fanne più che Cacco: persona che compie azioni poco chiare
  • Fatto e sputato: identico
  • Fii secchi: cose di poco valore
  • Gònfia!: stesso significato di Verga, tintore!
  • In donabbando: con trascuratezza
  • Intende dal bùo come le scimmie: persona che fraintende spesso
  • In tre balletti: velocemente
  • L’arco è di fio: oggetto o situazione poco sicura o incerta
  • Laggiù mamài: molto lontano
  • Lascià a tanti del mese: abbandonare senza preavviso
  • Levà di sentimento: infastidire
  • Lellì (lullì) è le’ (lù) e basta: persona egoista
  • Lellì (lullì) fa la calza a tutti: persona che parla male degli altri
  • Lullì (lellì) coglie i ’ffrutti tagliando l’albero: persona che rovina ogni cosa
  • Lullì (lellì) ’un perde un’acciata: persona svelta e solerte
  • Lullì (lellì) vorebbe soffiassi ’l naso col matone: persona che agisce oltre le proprie possibilità
  • Levà l’anima: importunare
  • Levassi dalle pampine (da ’ccoglioni): togliersi di torno
  • Ma un usa ’l godé vest’anno?: escalamzione che indica noia
  • Menimela Gianna!: esclamazione che indica un qualcosa che tarda ad arrivare
  • Mètte allo scepìno: mettere in difficoltà
  • Mètteci un toppino: troncare una conversazione
  • Mèttisi la via fra le gambe: avviarsi
  • Montà ’l cifutti: irritarsi
  • Muso leto: faccia da delinquente
  • Muso prugno: (variante: muso prugnolo) faccia da schiaffi
  • Nato da 'n cane: offesa rivolta a qualcuno
  • Nasce un bàmboro e va ritto: espressione che indica una lunga attesa
  • Né oca né uccello: indefinito (né carne né pesce)
  • Ni c’ha ditto palèo: è andata male
  • Nientepopòdimenoche: espressione che indica stupore (anche in senso sarcastico)
  • Non fassi soffià ’l naso da nessuno: non aver paura di nessuno
  • Non si rinviene dal naso alla bocca: persona sbadata
  • Occhi affrittellati: occhi assonnati
  • Occhi ’n tralice: occhi strabici
  • Occhio bào: occhi semichiusi
  • Ócchialone: persona che fissa
  • Ohimmèna: (varianti: ohimmè, immè, immena), espressione che indica stanchezza fisica o morale
  • Palle di semola (o sémbola): persona senza carattere,
  • Palma di vell’òmo: uomo terribile
  • Pàparo pàparo: comodo, agiato
  • Passà per occhio: passare inosservato
  • Passino i ’ppisani: aver sonno
  • Pesà ’l tetto in testa: non riuscire a rimanere in casa
  • Potta di Modena: arrogante
  • Potta mié: esclamazione di stupore
  • Portà al Pacchìni: disfarsi di qualcosa
  • Rènde l’anima a Dio: essere in cattive condizioni di salute o eccessivamente magri
  • Rèspice fine: fine assoluta
  • Restà a ganghìna: rimanere sorpresi negativamente
  • Riempissi ’l maone: mangiare molto
  • Salì ’n barbana: ubriacarsi
  • Saltà lo scepìno: concedersi facilmente (dispregiativo)
  • Sbaglià bùo: sbagliare scelta
  • Sei vel che pòi èsse: offesa verso qualcuno
  • Sembrà ’l cavallo del Ciòra che ha cento mali sotto la ’oda: persona in cattivo stato di salute
  • Spende ’l core e l’occhi: sperperare molto
  • Stare in pena: essere scomodi
  • Stiàmpa d’òmo: uomo forte
  • Stiàmpa di figlióla: ragazza formosa
  • Te l’hai a tanganà: espressione volgare per rifiutare qualcosa o mandare a quel paese
  • Testa a sciambràna: testa quadrata (scherzoso)
  • Tra le bisce e le bodde: luogo impervio
  • Trovà ’l pampìno: trovare una soluzione
  • Trovà pposo: darsi una calmata
  • 'Un avé nianco l'occhi per piànge: non avere un soldo
  • ’Un avé tanti lunari: andare subito al cuore delle questioni
  • 'Un bel piglià: un buon affare
  • 'Un ave niànco l'occhi per piange: non avere niente
  • ’Un c’è pitèna: non c'è niente
  • ’Un c’è potta né paradiso: non c'è niente
  • 'Un mangià per 'un caà: essere molto tirchi
  • ’Un perde palata: non perdere occasione
  • ’Un si rivince: non riuscire a risolvere qualcosa
  • Venì al costituisti: implorare
  • Verga, tintore!: esclamazione per un problema che si ripete
  • Zitto e buci: zittisciti

Esempi di proverbi[modifica | modifica wikitesto]

  • A Lucca odor di merda stucca: frase ingiuriosa contro Lucca
  • A Tranquillo ni trombònno la moglie: essere troppo pazienti è svantaggiosi
  • A Viareggio tre cose in abbondanza: acqua, rena e 'gnoranza. Viareggio di tre cose è piéna: acqua, 'gnoranza e rena: detto sull'ignoranza e la povertà dei viareggini d'un tempo
  • A’ ccamaioresi ni traboccò ’l matéo!: i camaioresi sono grezzi (riferito ad un aneddoto locale secondo il quale un viareggino e un camaiorese si sfidarono a chi avrebbe prodotto la maggior deizione all'interno in un matéo, un tipo di cappello, e vinse il secondo)
  • Alla Ro’ ni si bruciò il culo e la camicia no: dicesi di persona molto fortunata
  • Alla sora bona ne l’hanno rosiata i ’ttopi: A fare del bene c’è da rimetterci
  • Ama ’l mare e tiéniti a téra: mantenere il buonsenso e la prudenza
  • Anco alla puce ni viene la tosse: persona misera che si crede di essere importante
  • Aranci e limoni, lucchesi buggeroni: riferito ai turisti che vogliono sembrare più ricchi di quanto in realtà dimostrino di essere
  • Camaioresi sette facce: non ci si può fidare dei camaioresi
  • Chi è stato risparmiato dal mare una volta, ’un ci ritorni: se è andata bene una volta, non tentare nuovamente la sorte
  • Chi giòa è sempre nudo e bruo: chi ha il vizio del gioco è sempre senza soldi
  • Chi guarda a ogni nuvolo ’un pò mai fa’ viaggio: troppa prudenza non va bene
  • Chiuìno catana, germano in padule: meglio un uovo oggi che la gallina domani
  • Chi ’un ha soldi 'un abbi voglie: non si devono avere desidri oltre le proprie possibilità
  • Chi ’un vol balla’ ’un vadi al veglione: non metterti in situazioni che non sei pronto ad affrontare
  • Chi va per sona’ resta sonato: chi va baldanzoso, poi rimane scornato
  • Chi vòl fila’ fila anco co’ uno stecco: a chi ha voglia e determinazione bastano anche pochi mezzi
  • Cresce il còmbero... e secca il gambo!: detto a una persona che invecchiando ingrassa
  • È la legge del menga, chi l’ha in culo se lo tenga: riferito a una regola truffaldina o svantaggiosa
  • En come i ladri di Pisa, di notte rubino assieme e di giorno litighino: persone che litigano spesso ma fanno subito pace
  • Fidati era un bònomo ma Untifidà era megliore: fidarsi è bene, non fidarsi è meglio
  • I discorsi li porta via il vento e le bicilette i livornesi: parlare senza agire non porta a niente
  • Il bòn marinaio si ’onosce dal cattivo tempo: il valore di una persona si vede nel momento di difficoltà
  • Il lucchese è fooso ma prudente: i lucchesi mantengono il controllo
  • Il lucchese 'un mangia per 'un caa: detto che sottolinea la tirchiezza dei lucchesi
  • I ’vvecchi eno ’l senno de ’ggiovani: l’esperienza dei vecchi insegna sempre ai giovani
  • La donna è come l’onda del mare che accarezza la rena e la porta dove vòle le’: la donna con le lusinghe fa fare all'uomo ciò che vuole
  • La fine del marinaio è di morì a tèra: la vecchiaia arriva per tutti
  • Le palanche volavino via prima che inventassero l’aeroplani: i soldi durano sempre troppo poco
  • Montecristo incappucciato, stai nel porto ben legato: se l’isola di Montecristo è coperta dalle nubi, la bufera sta arrivando
  • Padre Piglia sta in convento, padre Dà ’un ci sta dentro: in risposta a chi chiede sempre e non dà mai
  • Per un peccatore affonda la nave: per la colpa di una sola persona ci rimettono tutti
  • Piove, a Lucca la riparino coll’ombrello: presa in giro verso i lucchesi
  • Posapiano un arrivo’ mai: facendo le cose con troppa calma non si raggiungono risultati
  • Quando nevica naviga, quando ha nevicato stai nel porto ben legato: finché nevica il mare è calmo, quando smette diventa grosso
  • Quando ’l mare mùgghia, ogni porto è bòno: durante le difficoltà vanno colte tutte le occasioni
  • Quando la barca balla il mare mùgghia: cogliere le avvisaglie dei problemi che arriveranno
  • Troppi cuochi smerdino la ’ucina: troppe persone su uno stesso problema sono controproducenti
  • Tutti i ’ffiumi corìno a mare: ci sono molti modi per raggiungere un obiettivo
  • Senza lilleri ’un si lallera: senza soldi non si può far niente
  • Viareggio: oggi male, domani pèggio: detto sulle dure condizioni di vita dei viareggini d'un tempo

Autori[modifica | modifica wikitesto]

Tra i principali autori in vernacolo viareggino, figurano Lorenzo Viani ed Egisto Malfatti.

Le canzoni del Carnevale di Viareggio fanno ampio ricorso a espressioni dialettali. Inoltre, durante le celebrazioni del Carnevale di Viareggio, vengono annualmente organizzate rappresentazioni teatrali comiche in dialetto viareggino chiamate Canzonette.

Lorenzo Viani[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lorenzo Viani.
Lorenzo Viani

Lorenzo Viani (Viareggio, 1º novembre 1882Lido di Ostia, 2 novembre 1936) è stato un pittore, incisore, scrittore e poeta italiano. Tra i principali esponenti dell'espressionismo italiano, ha avuto una grande produzione letteraria, con largo ricorso al vernacolo viareggino. In modo affine al verismo di Giovanni Verga, i suoi personaggi appartengono a classi sociali basse e disagiate, e si esprimono in modo realistico.

Egisto Malfatti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Egisto Malfatti.
Egisto Malfatti

Egisto Malfatti (Viareggio, 23 agosto 1914Viareggio, 26 settembre 1997) è stato un poeta, attore teatrale, cantautore e regista italiano.

La sua attività artistica è principalmente legata al Carnevale di Viareggio ed in special modo al suo teatro vernacolare, che nel caso della manifestazione viareggina è chiamato Festa della Canzonetta.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Egidio Vassalle, Vocabolario del vernacolo viareggino, Pezzini editore, 2008, ISBN 9788888522517
  • Egidio Vassalle, Dizionario dei vocaboli di lingua corrente in vernacolo viareggino, Pezzini editore, 2008, ISBN 9788888522531
  • Egidio Vassalle, Dittaggi - tradizioni - filastrocche - nomicchioli ed altre cose dei nostri nonni, Pezzini editore, 2019, ISBN 9788888522913
  • Gianni Iberico, Vocabolario viareggino. viareggino, lingua pesa ma dotta: parole dittaggi, soprannomi, usi e costumi di una Viareggio che non c'è più, Baroni editore, 1993, ISBN 9788885408265
  • Gianni Iberico, a cura di A. Gianni, Vocabolario viareggino, Baroni editore, 2001, ISBN 9788882091910
  • Paola Pieri, Vocabolario del dialetto di Viareggio. Viareggino-italiano Italiano-viareggino, Pezzini editore, 2022, ISBN 9788868473013
  • Quinto Del Carlo, a cura di Ruggero Righini, Il primo vocabolario viareggino, Edizioni Massarosa, 1984
  • Ruggero Righini, Linguaggio Gergo e Lessico: Vocabolario Viareggino, Edizioni Grafic, 1990

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]