Dialetti dell'area metapontina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Dialetti lucani.

Dialetti dell'area metapontina (dë' Metapòndë)
Parlato inItalia Basilicata, in parte della Provincia di Matera)
Locutori
Totalecirca 86.000 ab.
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-meridionali
    Dialetti dell'area metapontina

I dialetti dell'area metapontina fanno parte dei dialetti lucani e sono diffusi in una vasta zona della provincia di Matera relativa alla piana di Metaponto, che ha come confini fonetici ad est la Valle del Bradano e, ad ovest, il confine con la regione Calabria. Fanno parte del dialetto materano ma se ne differenziano sia per fonetica che per sviluppo. Difatti, mentre il primo può essere inquadrato nel gruppo pugliese, e quindi segue lo sviluppo del ceppo apulo, il secondo è ascrivibile al gruppo dei dialetti prettamente lucani.[1]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

La lingua originaria di gran parte della Lucania era quella italica di ceppo osco-umbro dei lucani, alla quale si sovrappose, nelle aree costiere della regione (come è la piana di Metaponto), quella greca antica parlata nelle polis della Magna Grecia. A questi idiomi, che costituiranno il sostrato linguistico della regione, si sovrapporrà, a partire dal III secolo a.C., una ulteriore lingua italica, in questo caso di ceppo latino-falisco: il latino; il quale segnerà per sempre il divenire linguistico di tutta l'area. A partire dal latino volgare parlato in zona durante il Medioevo si svilupperanno i vari dialetti lucani, appartenenti, a loro volta, alla più ampia continuità delle lingue italo-romanze, ed al diasistema dei dialettali meridionali intermedi.

L'antica Lucania aveva come confine orientale il fiume Bradano, e ad occidente arrivava fino alla città di Sibari. Difatti, oltrepassata la Valle del Bradano, sono maggiormente percepibili certe differenze fonetiche, che invece si attenuano oltrepassando il confine calabrese.[2] È un dialetto "cantato", poiché caratterizzato da una fonetica tendente spesso alla cantilena, questa caratteristica è propria anche di altri dialetti italiani con influenze di adstrato greco-bizantine.[3]

Di sotto alcuni esempi di derivazione di sostantivi[4]:

Derivazione Dialetto Italiano Etimologia
Greco calànchë frana, burrone dal greco χαιἀω
Greco carùsë taglio di capelli dal greco χείϱω
Latino àccë sedano dal latino apium
Latino addummurrà indulgiare, ritardare dal latino ad-dimorari
Latino crà domani dal latino cras
Latino fòrë fuori, in campagna dal latino foris
Francese iànghë dente, molare dal francese ganges
Spagnolo zòchë fune, corda dallo spagnolo soga

Va anche menzionato che il dialetto metapontino è stato largamente influenzato dai dialetti campani fino alla fine del Regno di Napoli, mentre, a partire dal secondo dopoguerra, il medesimo dialetto ha subito ulteriori e maggiori influenze della lingua italiana e dei dialetti abruzzesi.[4].

Lessico[modifica | modifica wikitesto]

Una costante di questo dialetto, d'altronde come quasi tutti i dialetti meridionali intermedi, è la metafonia, e cioè l'alterazione di una vocale sotto l'influenza di un'altra. Un'altra costante è quella relativa al fenomeno dello scevà, ossia la caratteristica linguistica facente sì che le vocali finali di una parola, quando non accentate, siano mute.[2].

Il prospetto che segue (Avolio, 1995) mette a confronto vocaboli napoletani, lucani centro-settentrionali e abruzzesi adriatici, con l'intento di mostrare la sostanziale unità lessicale dell'area meridionale intermedia. In questa unità si colloca anche il dialetto metapontino, infatti nella seguente tabella si fa il confronto di alcuni termini:[5]

Italiano Napoletano Lucano Abruzzese Metapontino
accendere appiccià appëccià appiccià appeccià
adesso
albero chiànda chiànde piànde chiàndë
anche pùre pùre pùre pùrë
avere tené tené tené tené
bene bbùono bbònë bbónë bbùonë
cieco cecàto cëcàtë cëcàtë cëcàtë
cimitero cambusàndo cambësàndë cambësàndë cambesàndë
comprare accattà accattà accattà accattà
donna fémmena fémmënë fémmene fémmenë
dove addó addò/dova/andò addó/dova/addòve addòvë
duro tuósto tùste/tòstë tòšte tùostë
fabbro ferràro fërràrë fêrràrë ferràrë
gamba còsse còssë còssë còssë
gregge mórre mórrë/masèllë mòrre mórrë/mesèllë
impiccato mbìse mbìsë mbìsë appìsë
lavorare faticà faticà/fatià fatià fatià/fatëcà
maggiore chiù ggruósse chiù ggrànne/jërànnë chiù ggròsse chiù ggruòssë
magro sìcco sìcchë sécche sìcchë
mio fratello fràteme fràteme fràteme fràtemë
neanche mànghe mànghe mànghe mànghë
nessuno nisciùno nisciùne/niçiùnë/nesciùnë niçiùne nisciùnë
patate patàna patànë patànë patànë
prendere piglià piglià/pijì/pijè/pià pià piglià/pijà
risparmiare šparagnà sparagnà sparagnà sparagnà
saltare zumbà zumbà zumbà zumbà
scherzare pazzià pazzià pazzià pazzià
scotta còce còce cóce còsçë
seduto assettàte assettàte assettàte assettàtë
so (verbo) sàcce sàcce sàcce sàccë
topo sórice sórece/sùrcë/sórcë sórece súrcë, sciuàrgë

I numeri[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riportati alcuni esempi di numeri[4] il numero due viene detto diversamente in base alle zone:

1 iunë
2 dò/duië
3 tre
4 quattë
5 cinghë
6 seë
7 settë
8 ottë
9 novë
10 descë
11 ùnescë
12 dùdëscë
13 trìdëscë
14 quattòdëscë
15 quìnëscë
16 sìdëscë
17 decësséttë
18 desciòttë
19 decënnòvë
20 vìndë
21 vëndùnë
22 vëndëdùie
23 vëndëtrè
24 vëndëquàttë
25 vëndëcìnghë
26 véndëseië
27 vëndëséttë
28 vëndòtte
29 vëndënòvë
30 tréndë
40 quaràndë
50 cënguàndë
60 sëssàndë
70 sëttàndë
80 uttàndë
90 nuvàndë
100 cìendë
200 do/ducìendë
300 trecìendë
400 quattcìendë
500 cinghëcìendë
1000 millë
2000 domilë/dumilë
1,000,000 nu mëgliònë
1,000,000,000 nu mëgliàrdë

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

I comuni in cui si parla sono:

È riscontrabile anche un'enclave del dialetto metapontino nell'entroterra materano, infatti nella città di Stigliano, posta a mille metri di altitudine e distante 50 km dalla Piana di Metaponto, si parla lo stesso dialetto dei comuni sopracitati.

Mentre, c'è anche da dire, che a Tursi c'è una diversità fonetica dovuta soprattutto alla trasformazione della vocale a in e all'interno delle parole e per la terminazione per s di molte altre parole.

Artisti e gruppi musicali dialettali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M. Melillo Atlante fonetico lucano 1955 Roma
  2. ^ a b R. Bigalke Dizionario dialettale della Basilicata 1980 Winter Universitatsverlong Heidelberg
  3. ^ G. Devoto, G. Giacomelli I dialetti delle regioni d'Italia 1972 Firenze
  4. ^ a b c D. D'Angella Storia di Camarda e di Bernalda 1983 Centro studi Gymnasium Pisticci
  5. ^ F. Avolio Bommèsprə. Profilo linguistico dell'Italia centro-meridionale 1995 Gerni San Severo

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Fonti e bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Avolio, Bommèsprə. Profilo linguistico dell'Italia centro-meridionale, San Severo, Gerni, 1995, ISBN 88-85077-33-1.
  • P. Russo, Dizionario fonetico-morfologico del vernacolo bernaldese, Matera, BGM, 200.
  • R. Bigalke, Dizionario dialettale della Basilicata, Heidelberg, Winter Universitatsverlong, 1980, ISBN 3-533-02923-9.
  • D. D'Angella, Storia di Camarda e di Bernalda, Pisticci, Centro studi Gymnasium, 1983.
  • D. D'Angella, Saggio storico sulla città di Pisticci, Pisticci, IMD Lucana, 1978.
  • D. D'Angella, Vocabolario del dialetto pisticcese, Pisticci, Centro studi Gymnasium, 1996.
  • G. Devoto, G. Giacomelli, I dialetti delle regioni d'Italia, Firenze, 1972.
  • M. Melillo, Atlante fonetico lucano, Roma, 1955.
  • Giovan Battista Mancarella, Rocco Campese, Ricerche linguistiche a Tursi, Lecce, Università degli Studi di Lecce, 1989.
  • Giovan Battista Mancarella, Rocco Campese, Lessico dialettale di Tursi, Edizioni del Grifo, 1994, ISBN 978-88-7261-079-4.