Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto catanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Catanese
Catanisi
Parlato inItalia Italia
RegioniFlag of Sicily.svg Sicilia
(Provincia di Catania)
Locutori
Totalequasi 1'000'000 in provincia di Catania
ClassificaNon nei primi 100
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Siciliano
    Siciliano Orientale non metafonetico
     Catanese
Statuto ufficiale
Regolato danessuna regolazione ufficiale
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Tutti i cristiani nàsciunu líbbiri e a stissa manèra ri l'auttri ppi dignità e diritti. Ognunu c'javi u sò ciriveḍḍu pp' araggiunari e anu a càmpari l'unu ccu l'auttru comu su fussunu fràti râ stissa mattri.
Dialetti italiani meridionali estremi.svg

Il catanese (ʾu catanìsi) è un dialetto orientale della lingua siciliana parlato nella città di Catania e nella quasi totalità delle aree della sua provincia.

Lessico[modifica | modifica wikitesto]

  • abbissàri mettere in ordine, sistemare, aggiustare
  • abbuzzàrisi pomiciare, fare petting
  • accattàri comprare
  • acchianàri salire
  • acchiappàrisi litigare
  • àccia sedano
  • addubbàrisi riempirsi, saziarsi
  • aḍḍumàri accendere
  • aḍḍumàrisi arrabbiarsi o eccitarsi
  • addummiscìrisi addormentarsi
  • affucàrisi strozzarsi
  • affruntàrisi vergognarsi
  • àgghiu aglio
  • alìvu oliva
  • allèggiu piano (avv.)
  • allippàrisi attaccarsi o appendersi. Fig. pop. pomiciare
  • ammàtula inutilmente
  • ammizzigghiàtu/a vezzeggiato/a. Anche viziato/a (soprattutto bambino/a)
  • ammuccàri mangiare, inghiottire
  • ammucciàrisi nascondersi
  • ammugghiàri avvolgere
  • ammuttàri spingere
  • anciòva acciuga
  • appizzàri rovinare, guastare. Anche perdere (soldi)
  • arìcchia orecchio
  • arricugghìrisi rincasare
  • arrinèsciri riuscire
  • arripuḍḍùtu parvenu
  • arrìriri ridere
  • arrumazzàrisi cadere ruzzolando
  • arrusbigghiàrisi svegliarsi
  • arrùsti e mància cibo direttamente dal barbecue. Anche invito a mangiare cibo in tal modo
  • aspittàri aspettare
  • astutàri spegnere
  • attruppicàri inciampare
  • auttàrisi stufarsi
  • caccarazza gazza
  • cacòcciulu/a carciofo. Fig. persona vanagloriosa
  • cajòrdu/a persona particolarmente rozza e sporca (anche fig.)
  • calàri calare, far scendere. Anche provenire da
  • calàrisi mangiare avidamente, inghiottire molto
  • calacàusi arachidi tostate
  • càlia ceci abbrustoliti
  • caliàrisi marinare (la scuola), bigiare
  • cammìsa camicia
  • càni cane
  • canciàri cambiare
  • carùsu/a ragazzo/a
  • casciòlu cassetto
  • càusi pantaloni
  • chìḍḍi quelli/e
  • chìḍḍu/a quello/a
  • chianchèri macellaio
  • chiànciri piangere
  • chicchimìḍḍu punto sulla testa da cui dipartono i capelli
  • chìnu/a pieno/a
  • ciàmma fiamma
  • ciàtu fiato. Fig. amore, tesoro
  • ciàuru profumo
  • cìciri ceci
  • cirenga cernia
  • cirivèḍḍu cervello
  • cittròlu cetriolo. Fig. citrullo
  • ciùri fiore
  • ci(u)ciulèna sesamo
  • cipùḍḍa cipolla
  • ciùscia gioco fatto con le figurine Panini, che consiste nel soffiare un mucchio di queste messe a terra per farne rivoltare il più alto numero possibile e così vincerle
  • còri cuore
  • crastùni lumache di terra grandi e verdi
  • craùnchiu brufolo
  • cùccu gufo. Fig. iettatore
  • cucìnu/a cugino/a
  • cummigghiàri coprire, nascondere
  • cummògghiu coperchio. Fig. copertura
  • cunuttàri confortare, consolare
  • fastùchi pistacchi
  • fàvi fave
  • fètu puzza
  • fìgghiu figlio
  • fòcu fuoco
  • fògghia foglia
  • fràti fratello
  • fùiri fuggire
  • giùmmu nappa
  • giùvini garzone, commesso/a
  • ìḍḍi loro
  • ìḍḍu/a lui/lei
  • ìnchiri riempire
  • irisìnni andarsene
  • ittàri gettare. Anche vomitare
  • jaḍḍìna gallina
  • jàḍḍu gallo. Fig. farfallone
  • jànga dente molare
  • jangàta ceffone, schiaffo
  • jàncu bianco
  • jàttu gatto
  • jènneru genero
  • io
  • jucàri giocare
  • jùnciri aggiungere o anche arrivare
  • lèggiu/a vuoto/a
  • lìsciu/a insipido. Fig. svogliato/a o che fa lo/a stupido/a
  • llìccu/a goloso/a
  • malùra penuria. Fig. crisi
  • mammoriànu/a tamarro/a, bifolco/a
  • marìtu marito
  • màttri madre
  • mbàre amico, compagno
  • mbajàrisi scontrarsi o trascinare in seguito a uno scontro
  • mènnula mandorla. Anche amigdala, ghiandola pituitaria
  • mpagghiazzàri stropicciare
  • mpicàri appiccicare, incollare
  • mugghièri moglie
  • mulinciàna melanzana
  • mulùni anguria
  • muschìtti mosche, moscerini
  • ncagghiàri prendere, colpire. Anche incontrare, riuscire a trovare
  • nìcu/a piccolo/a (di età)
  • nipùti nipote
  • nìuru nero
  • nòra nuora
  • nsunnàrisi sognare
  • ntappàri sbattere
  • ntuppàri tappare. Anche essere stitico
  • ntuppatèḍḍi lumache marroni di terra
  • nuàttri noi
  • nucìḍḍi noccioline
  • nzichitànza in continuazione, senza sosta
  • nzittàri indovinare
  • nzunzàri sporcare di unto
  • nzuraḍḍi cernia
  • òcchiu occhio
  • ògghiu olio
  • òria brezza
  • pagghiàzzu straccio, strofinaccio, canovaccio
  • pagghiòlu/a persona solitamente adulta che ha atteggiamenti (soprattutto nel gioco) infantili
  • palumma piccione, colombo
  • papàgnu pugno in testa che parte dall'alto
  • parèḍḍa padella
  • parràri parlare
  • parrìnu prete, sacerdote
  • passulùni fico secco. Fig. persona impassibile
  • patàti patate
  • pàttri padre
  • pattròzzu padrino (di battesimo e cresima)
  • pìcciu malocchio
  • pigghiàri prendere
  • pignàta pentola, pignatta
  • pìla lavandino o lavello in cui anticamente si lavavano i panni sporchi e i neonati
  • puḍḍicìnu pulcino
  • puḍḍisìnu prezzemolo
  • pulizziàri pulire
  • pummaròru pomodoro
  • putìa bottega
  • pùppu polpo. Fig. omosessuale maschile
  • pusèdda piselli
  • quariàri riscaldare (detto di cibi)
  • rànnula grandine
  • rènti denti
  • ròmmiri dormire
  • rulòggiu orologio
  • sapìri sapere/aver sapore
  • sapùri sapore
  • scìnniri scendere
  • sancèli sanguinaccio (di maiale o di bue)
  • sbindàri prendere in giro, rendere ridicolo/a. Anche avariare (detto di bevande)
  • scaffa buca o piccola voragine
  • scantàrisi spaventarsi
  • scapputtarisìlla evitare astutamente oneri o impegni ritenuti gravosi
  • sciḍḍicàri scivolare (detto di persone su una superficie)
  • scummigghiàri scoprire
  • scunchiurùtu sconclusionato. Fig. stupido
  • sgavitàri evitare (detto di spese, fatiche, problemi)
  • sghìcciu schizzo, getto d'acqua
  • sghiḍḍàri scivolare (detto di parti del corpo o cose su superfici unte)
  • sghizzàri scherzare
  • sgrùsciu rumore
  • sìccia seppia
  • sòru sorella
  • spacchiamèntu (volg.) vanto, il vantarsi
  • spacchiarisìlla (volg.) vantarsi, mostrarsi tracotante o arrogante
  • spàcchiu (volg.) secrezione genitale. Fig. vanto, arroganza, spocchia
  • spaddàri consumare
  • sparagnàri risparmiare. Anche evitare fatica
  • spèddiri terminare (di quantità), esaurirsi
  • spicàri staccare
  • squaràri cuocere in acqua bollente
  • squararisìlla intuire qualcosa
  • stujàri asciugare
  • stuppàri stappare. Anche non essere più stitico
  • sùggi topo
  • sùli sole
  • susìrisi alzarsi
  • suttamùssu cazzotto, montante
  • tabbutu cassa da morto
  • taddirita farfallino, papillon
  • taljàri guardare
  • tappjàri sporcare con impronte o ditate
  • tìntu/a cattivo/a, di cattiva sorte
  • ttràsiri entrare
  • ttravàgghiu lavoro
  • ttriàca fagioli
  • ttri cancèḍḍi Fig. il Cimitero monumentale comunale di Catania
  • tu tu
  • tùccu/a turco/a. Fig. uomo/donna di colore
  • tumbulùni sberla, schiaffo forte
  • tunnu/a rotondo/a
  • tunnìna tonno
  • turrùni torrone
  • tuvàgghia tovaglia. Anche telo o asciugamani
  • ùcca bocca
  • ùgghiri bollire
  • unghiári gonfiare
  • urèḍḍa budella
  • ùzza borsa
  • vaccarèḍḍi lumache di terra di grande o media dimensione
  • vaddàrisi guardarsi
  • vàḍḍira ernia
  • vaḍḍùni torrente
  • vastàsu/a maleducato/a
  • vastùni bastone
  • vàvva barba
  • vavvèri barbiere
  • vìli pigro/a, svogliato/a
  • vìnniri vendere
  • vuàttri voi
  • zammù anice
  • zampalèu zanzara
  • zampìrru persona dai modi rozzi
  • zaùddu/a cafone/a, rozzo/a, tamarro/a
  • zazzamìta geco
  • zinèffa riloga
  • zìtu/a fidanzato/a
  • zùzzu gelatina di maiale

Espressioni e modi di dire[modifica | modifica wikitesto]

  • CITTADINI! SEMU TUTTI DEVOTI TUTTI!!

(Cittadini! Siamo tutti devoti tutti!. Espressione usata durante la festa di Sant'Agata per esprimere la propria devozione alla Santa patrona).

  • ABBISSATI SEMU!

(Siamo messi bene! Iron. significa esattamente il contrario).

  • OGNI LASSATA È PIDDUTA

(Ogni lasciata è persa. Infatti le occasioni bisogna saperle cogliere al volo, quando si presentano. Ciò che si rifiuta oggi, forse non sarà più possibile averlo domani).

  • ATTÀCCHITI I LANNI o ARRICÒGGHITI I PUPI

(Váttene e non ti far vedere più)

  • AVIRI U CULU CHINU

(Possedere/avere molto e non saperlo apprezzare ed utilizzare o snobbarlo).

  • JANCU È U SALI

(Bianco è il sale. Non c'è via d'uscita).

  • MUZZICARISI A LINGUA

(Mordersi la lingua o struggersi l'anima per aver rinunciato ad intraprendere un'azione che avrebbe potuto avere successo. Equivale anche, a pentirsi per aver detto qualcosa che sarebbe stato meglio non dire)

  • UNNI MI CHIOVI, MI SCIḌḌICA

(Dove mi succedono sfortune, me ne frego).

  • CHISTA È A ZITA E CU A VOLI S'A MARITA.

(Questa è la fidanzata e chi la vuole se la sposa. La situazione purtroppo è questa e dobbiamo fare buon viso a cattivo gioco).

  • T'IMMUCCHI QUATTRU

(Ti vanti o sei soddisfatto/a inutilmente di aver ragione).

  • NN'A FATTU FIMMI!?/ CCHI FIMMI A FATTU!?

(Ma chi ti credi di essere!?).

  • UNN'A GGHIRI JENNU!?

(Ma dove vai/devi andare!? Lascia perdere/stare).

  • UORA I POTTUNU! o RUMANI A STISSA!

(Li stanno portando! o Domani alla stessa ora! Iron. significa Campa cavallo)

Esempi di lingua scritta[modifica | modifica wikitesto]

U Patrinostru[modifica | modifica wikitesto]

(Il Padre Nostro)

Patri nostru ca si no cielu,
si santificassi u to nomu,
vinissi u to regnu,
si facissi a to vuluntà
comu no cielu, accussì na terra.
runini uoggi u nostru pani r'ogni gnionnu,
e pidduna i nostri piccati
comu nuattri piddunamu e' nostri piccaturi.
e non ni lassari cascari ne' tintazzioni
ma allibbirini ro mali.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]