Dialetto fassano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fassano
Fascian
Parlato inItalia Italia
Parlato inTrentino Trentino (Val di Fassa)
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 Lingue italiche
  Lingue romanze
   Lingue italo-occidentali
    Lingue romanze occidentali
     Lingue gallo-iberiche
      Lingue galloromanze
       Lingue gallo-retiche
        Lingue retoromanze
         Lingua ladina
Statuto ufficiale
Regolato daUfficio per la pianificazione della lingua ladina
Centro Culturale Ladino Majon di Fascegn
Codici di classificazione
Glottologfass1244 (EN)
Estratto in lingua
Pare nosc che te es sun ciel, sie fat sent to inom, fa che vegne to regn, to voler sie semper respetà, tant sun ciel che su la tera.

Il dialetto fassano[1] (fascian) è una variante della lingua ladina appartenente al gruppo reto-romanzo della famiglia delle lingue indoeuropee.

In val di Fassa circa il 75-90% degli abitanti è di madrelingua ladina (dati censimento Istat 2001). L'Istitut Cultural Ladin "Majon di Fascegn" è l'ente cofondato da padre Frumenzio Ghetta che ha il compito di preservare e far conoscere la lingua e la cultura ladino-fassana. Questo ente ha sede a Vigo di Fassa ed ospita spesso mostre legate alle tradizioni fassane, che si affiancano al permanente Museo ladino di Fassa.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto fassano viene parlato in Val di Fassa con tre varianti:[2]

Il cazèt è caratterizzato dalla pronuncia più dura e chiusa delle parole, mentre solitamente le altre due varianti sostituiscono la è aperta con la lettera a o il dittongo ia.[2]

Italiano Moenàt Brach Cazèt
casa ciasa ciasa cèsa
carnevale carnavàl carnasciàl carnascèr
fragola fraa fraa ampieria
gonna cianta gabana rocia
io giö gio ge
madre mare mare mère


Esempio[modifica | modifica wikitesto]

Un estratto del Padre Nostro:

Pare nosc che te es sun ciel,
sie fat sent to inom,
fa che vegne to regn,
to voler sie semper respetà,
tant sun ciel che su la tera.

Traduzione: Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Gli animali/La besties[modifica | modifica wikitesto]

  • gallina/gialina(es) (la)
  • tacchino/paita(es) (la)
  • oca/aucia(es) (l')
  • maiale/porcel(porcìe) (l/i)
  • mucca/vacia(es) (la)
  • vitello/vedel(vedìe) (l/i)
  • pecora/feida(es) (la)
  • cavallo/ciaval(ciavai) (l/i)
  • lepre/gever(-vres) (l/i)
  • marmotta/montagnola(es) (la)
  • camoscio/ciamorc(es) (l/i)
  • anatra/ànerla(es) (l')
  • stambecco/bech(es) (l/i)

Le piante e i cespugli/La piantes e i ciuscons[modifica | modifica wikitesto]

  • abete/pec(es) (l/i)
  • pino/pin(s) (l/i)
  • larice/lèrsc(lèrjes) (l/i)
  • cirmolo/zirm(es) (l/i)
  • pino mugo/baranchie(s) (l/i)
  • rododendro/zondra(es) (la)
  • ginepro/jeneiver(-vres) (l/i)
  • mirtillo rosso/garneta(es) (la)
  • mirtillo nero/cialveisa(es) (la)
  • lampone/ampomola(es) (la)
  • fragola/ampieria(-ries) (la)
  • ribes/èjia(es) (la)

La frutta/I fruc[modifica | modifica wikitesto]

  • mela/pom(es) (l/i)
  • pera/peir(es) (l/i)
  • ciliegia/ciarejia(jes) (la)
  • pinolo/broudol(broudoi) (l/i)
  • arancia/pomaranc(es) (l/i)
  • pesca/persc(-jes) (l/i)
  • noce/nousc(-jes) (la)
  • prugna/brugna(es) (la)
  • susina/sonjin(s) (l/i)

I fiori/I fiores[modifica | modifica wikitesto]

  • genziana/schiop(es) (l/i)
  • genziana gialla/anzièna(es) (la)
  • botton d'oro/cuch(es) (l/i)
  • giglio rosso/àzola(es) (l')
  • stella alpina/steila(es) da mont (la)
  • iris/gladia(es) (la)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ a b Il fassano: tre varianti per una lingua, in Val di Fassa. Mi piace!, Azienda per il turismo della Val di Fassa, pp. 32-33.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Heilmann, Aspetti e problemi grafici del ladino fassano considerazioni socio-linguistiche, Firenze, Istituto di studi per l'Alto Adige, 1984, SBN IT\ICCU\UBO\2533785.
  • Luigi heilmann, La parlata di Moena nei suoi rapporti con Fiemme e Fassa: saggio fonetico e fonematico, Bologna, Zanichelli, 1955, SBN IT\ICCU\RAV\0288163.
Dizionari
  • DILF: Dizionario italiano-ladino fassano con indice ladino-italiano / Dizionèr talian-ladin fascian con indesc ladin-talian, Vigo di Fassa, Istituto culturale ladino / Istitut Cultural Ladin, 2013, SBN IT\ICCU\UBO\4045138.
  • Giuseppe Dell'Antonio, Vocabolario ladino moenese-italiano, Grop de Moena dell'Union di ladins di Fassa e Moena, circa 1980, SBN IT\ICCU\MIL\0509908.
  • Massimiliano Mazzel, Dizionario ladino fassano-italiano con le varianti in Brach, Cazet, Moenese, 1968-1969, SBN IT\ICCU\PUV\0990796.
  • Massimiliano Mazzel, Dizionario ladino fassano (cazet)-italiano, con indice italiano-ladino, Vigo di Fassa, Istituto culturale ladino, 1983, SBN IT\ICCU\BVE\0607003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]