Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto basso mantovano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dialetto basso mantovano
Parlato in Italia
Regioni Provincia di Mantova
Locutori
Totale ~70 mila
Tassonomia
Filogenesi Indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-occidentali
    Occidentali
     Galloiberiche
      Galloromanze
       Galloitaliche
        Emiliano-Romagnolo
         Emiliano
          Dialetto basso mantovano
Codici di classificazione
ISO 639-2 roa
ISO 639-3 eml (EN)

Il dialetto basso mantovano[1] (dialét bàss mantuàn o dialét bàss mantfàn), è un dialetto di tipo gallo-italico della lingua emiliano-romagnola, parlato nei comuni dell'Oltrepò mantovano: Suzzara, Motteggiana, Pegognaga, Gonzaga, Moglia, San Benedetto Po, Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Giovanni del Dosso, Schivenoglia, Quingentole, Pieve di Coriano, Villa Poma, Poggio Rusco, Revere, Borgofranco sul Po, Carbonara di Po, Magnacavallo, Sermide e Felonica.

La sua natura è marcatamente emiliana, a differenza del mantovano cittadino che, pur appartenendo anch'esso al gruppo emiliano, è influenzato dalla lingua lombarda e dal dialetto alto mantovano. Il basso mantovano viene indubbiamente classificato come dialetto emiliano sia dai linguisti moderni che anche nel passato già a partire da Bernardino Biondelli nell'opera "Saggio sui dialetti gallo-italici" del 1853.[2][3] La provincia di Mantova è divisa in tre grossi gruppi dialettali: il dialetto mantovano puro (parlato a Mantova città e nella fascia centrale della provincia, appartenente all'Emiliano ma di transizione con il dialetto veronese ed il dialetto alto mantovano), il dialetto alto mantovano (di natura prevalentemente lombardo orientale ma con evidenti influssi del mantovano cittadino, parlato nell'Alto Mantovano, ossia la zona settentrionale della provincia di Mantova), ed il dialetto basso mantovano (di natura emiliana pura, di transizione con il ferrarese, il mirandolese ed il guastallese, parlato nella zona meridionale della provincia, per l'appunto nell'Oltrepò mantovano).

Il dialetto dell'Oltrepò mantovano costituisce una diglossia tra i dialetti emiliani, molto simile in particolare a quelli parlati nella Bassa Modenese e Reggiana, e il dialetto mantovano, soprattutto per quanto riguarda la fonetica. Nasce dalla fusione del guastallese, del mantovano cittadino, del ferrarese e del dialetto mirandolese. Infatti, appartiene all'area dialettale del basso mantovano anche il dialetto di alcuni comuni della Bassa Reggiana (Guastalla, Luzzara e Reggiolo). Nei comuni sul confine modenese (Poggio Rusco in primis) si può notare una lieve influenza della provincia vicina e un lieve rafforzamento dei tipici suoni chiusi "Ö" e "Ü"; abbastanza evidente è l'influenza del dialetto ferrarese sui comuni confinanti con tale provincia, (Sermide e soprattutto Felonica), dove il mantovano perde i suoi caratteristici suoni chiusi (Ö e Ü).

Il dialetto basso mantovano mantiene la a come nel Mantovano e nel Ferrarese, dissonando così nell'accento e nella forma dai dialetti emiliani centrali. La lettera z non esiste, sempre sostituita dalla lettera s, dolce o aspra; risulta assente (così come nel ferrarese e nella bassa reggiana) la palatalizzazione della vocale latina tonica a e si antepone l'articolo determinativo ai soli nomi femminili.(es.: nisün e semnar per nessuno e seminare).

Del resto, se aspetti sintattici e morfologici si presentano con una certa unità, la fonetica è invece lo spazio di un accentuato polimorfismo, di una diversificazione locale che a volte suscita l'impressione di una atomizzazione. Pur nei confini più stretti vi è perciò una varietà veramente notevolissima e vi sono isole a sé stanti, con caratteristiche tutte proprie, varianti di termini, di espressioni e di pronuncia di medesime parole proprie di singole località.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua emiliana, Dialetto mirandolese, Dialetto mantovano e Dialetto alto mantovano.

Esempi di dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Proverbi[modifica | modifica wikitesto]

Suzzara[modifica | modifica wikitesto]

  • Pötòst che gnint, l'è mèi pötòst.
  • Quand al cavalér al s'imbròia, al padrùn al s'desbròia.
  • I Mantoàn, quèl ch'i fa mìa incö i la fa dmàn.

Ona novella del Boccasc[modifica | modifica wikitesto]

Dialetto di Poggio Rusco[modifica | modifica wikitesto]

Av dìgh dónca che ind i témp dal prim rè ad Cìpri, dòp che Gofrè ad Bügliòn l'ha avü vint Tèra Sànta, è sücedü che una zentildóna ad Guascógna l'è andàda in pelegrinàcc al Sepùlcar, e quand l'è turnàda da 'd là, arivàda ch'la fü a Cìpri, da chi óm ch'an g'ha cör, da vilàn la fü insültàda. Lé, tüta duluràda sènsa nesün ch'la cunsulès, lamentàndas la pansè d'andàr dal rè a dar zò la sò denünsia; ma 'gh fü dét da alcün ch'la gh'andarè per gnènt, perché l'éra tant al gran balòs e pòch ad bòn che, invéze ad far giüstìsia ai àltar, quand lór i éra ufés, l'éra tant vil ch'l'an supurtàva tànte d'insolènse per sua màrsa vargógna, e tüt quèi gh'avévan di dispiazér, i sa sfugàvan col fàragh ün quàlch insült o svergugnàral. La pòvra dóna, sènsa sperànsa 'd far vandèta, per cunsulàras ün pòch dla sò nòia, la s'è decìza 'd volér musgàr la mizéria dal rè; e, pianzènd, la gh'è andàda davànti e la g'ha dit: "Car al mè siór, mì an vègn mìnga a la tò prezènsa parchè mì am aspèta che tì a fàsi vandèta dl'ingiüria ch'm'è stàda fàta ma, in cumpèns ad quèla, at prégh che at m'insègni cóme at sufrìsi quèle che a sò ch'i 't fa, parchè imparànd da tì, mì a pòsa supurtàr la méa, che lü, al nòstar Siór, al sa se mì a podès far, luntéra at la darìa, parchè tì 't sè bòn ad purtàran ün mücc".
Al rè, che fin d'alùra l'éra stà tard e pégar, cóm sa 'l sa 's füs dasmisià, l'incuminzè da l'ingiüria fàta a 'sta dóna, che con tüt la ràbia al l'ha vendicàda, ad ésar ün rigurùs parsecütór ad tüt quèi che cóntra l'unór dla sò curóna i avès fat quèl in séguit.
ibidem, pagg. 268-269

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ "Saggio sui dialetti Gallo-italici" di B. Biondelli
  3. ^ PARLATE E DIALETTI DELLA LOMBARDIA

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • L. Giovetti, A. Facchini, F. Ferrari, C. Quarenghi, Scrìvar e lésar in dialet, Sometti editore, 1979.
  • AA. VV., Parlate e dialetti della Lombardia. Lessico comparato.
  • Ottavio Lurati, La lombardia, in I dialetti italiani. Storia struttura uso, a cura di Manlio Cortelazzo et alii, Torino,

UTET, 2002.

  • Vittore Colorni, Il territorio mantovano nel Sacro Romano Impero. Periodo comitale e periodo comunale, Milano, Giuffrè, 1959.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]