Pegognaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pegognaga
comune
Pegognaga – Stemma
Pegognaga – Veduta
Pieve Matildica intitolata a San Lorenzo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Mantova-Stemma.png Mantova
Amministrazione
SindacoMatteo Zilocchi (lista civica) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°00′N 10°51′E / 45°N 10.85°E45; 10.85 (Pegognaga)
Altitudine22 m s.l.m.
Superficie46,57 km²
Abitanti6 886[2] (31-3-2021)
Densità147,86 ab./km²
FrazioniGalvagnina, Polesine, Sacca[1]
Comuni confinantiGonzaga, Moglia, Motteggiana, San Benedetto Po, Suzzara
Altre informazioni
Cod. postale46020
Prefisso0376
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT020039
Cod. catastaleG417
TargaMN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[3]
Cl. climaticazona E, 2 411 GG[4]
Nome abitantipegognaghesi
Patronosan Lorenzo
Giorno festivo10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pegognaga
Pegognaga
Pegognaga – Mappa
Posizione del comune di Pegognaga nella provincia di Mantova
Sito istituzionale
Parco San Lorenzo

Pegognaga (Pigugnàga in dialetto basso mantovano[5]) è un comune italiano di 6 886 abitanti della provincia di Mantova in Lombardia. Il centro abitato è attraversato in zona nord dal 45º parallelo, la linea equidistante fra il Polo nord e l'Equatore.

Pegognaga è stata gravemente colpita dal terremoto che nel 2012 ha devastato l'Emilia Romagna. Trovandosi tra gli 8 e i 14 chilometri dall'epicentro, situato tra Cavezzo e Mirandola, è stato uno dei paesi più colpiti dal sisma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriverebbe, secondo alcuni, dal latino Pecunius, nome di un patrizio romano il quale, nel I secolo d.C. avrebbe fondato qui un piccolo villaggio agricolo. Secondo un'altra interpretazione esso sarebbe invece da collegare al termine pecunia, che in latino significa denaro, ricchezza, in riferimento alle terre del luogo in grado di offrire raccolti redditizi.

Nel periodo compreso tra il I e il IV secolo d.C. il centro, che a quell'epoca possedeva le caratteristiche tipiche di un villaggio agricolo romano, assunse il nome di Flexum. Con l'inizio delle invasioni barbariche venne distrutto e abbandonato, scomparendo dalla storia per lungo tempo.

Nell'820 cominciarono a registrarsi nuovi insediamenti e nell'877 comparve la corte Pigugnaria, denominazione che andrà gradualmente modificandosi nei secoli sino a divenire l'attuale Pegognaga.

All'inizio dell'XI secolo essa passò sotto il dominio di Matilde di Canossa, la quale cercò di dare al piccolo paese una propria fisionomia attraverso nuove opere edilizie.

Durante i due secoli successivi la località fu contesa dai Comuni di Reggio Emilia e Mantova, con un conflitto che si concluse con un accordo di amministrazione in politico condominio tra le due province, firmato proprio a Pegognaga nel 1257.

Successivamente la comunità entrò a far parte dei possedimenti del Comune di Gonzaga, sotto la cui reggenza visse uno dei periodi più floridi della sua storia.

I principali insediamenti agricoli, una decina di corti sparse, tuttora esistenti, sono databili a partire dal 1500, mentre solo nel 1907 terminò la millenaria opera di bonifica che trasformò il terreno paludoso in uno dei più fertili della Val Padana.

Il Comune di Pegognaga venne istituito con Regio Decreto il 5 novembre 1876.

Nel 2016 il Comune di Pegognaga ed il Comune di Motteggiana creano un'unione di servizi chiamata "Terre di Zara e Po".

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è stato approvato dal Consiglio comunale il 28 dicembre 2012 e concesso con Decreto del presidente della Repubblica il 13 giugno 2013.[6]

«Di cielo, al dio Po, in forma di uomo vecchio, assiso e riposante, posto a sinistra con il corpo in profilo volto a destra, di carnagione, barbuto e capelluto di argento, i fianchi cinti dal drappo di rosso, il braccio destro impugnante un remo d’oro con la pala all’ingiù, il braccio sinistro poggiato sulla bocca dell’anfora, coricata, d’argento; il dio Po e l’anfora caricanti la collina di verde, uscente dai fianchi e digradante in banda, essa collina cimata a destra da due pioppi di verde e caricata, attiguo le estremità inferiori del Dio, dal rocchio di colonna scanalata, di argento, munito del capitello dorico, con la scritta PADO PATRI incisa in lettere maiuscole di nero sull'abaco; essa collina fondata sulla massa d’acqua, di azzurro, sgorgante dalla bocca dell’anfora, uscente dai fianchi, fondata in punta. Ornamenti esteriori da Comune.»

(D.P.R. 13 giugno 2013[7])

Il disegno dello stemma rievoca la origini romane e lo stretto rapporto del territorio con il fiume, con il capitello dorico che reca sull'abaco la dedica al "padre Po" (Pado Patri) personificato dall'uomo barbuto sdraiato che versa l'acqua del fiume da un'anfora, mentre il remo da barca richiama la vocazione al trasporto fluviale, elemento fondamentale per la comunità pegognaghese. I due pioppi sullo sfondo riproducono il tipico paesaggio padano.[8]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Lorenzo: fu edificata dalla contessa Matilde di Canossa verso il 1082, pochi anni dopo l'ampliamento del Polirone. Lo schema architettonico rivela la sua natura romanica nella struttura degli absidi. Fu rimaneggiata nella prima metà del Novecento e arricchita da due navate laterali, e funge da famedio per i caduti della Grande Guerra. Il terremoto del maggio 2012 ne ha danneggiato la facciata, che è stata messa in sicurezza in quanto rischiava di staccarsi dal corpo della chiesa.
  • Chiesa parrocchiale dell'Assunta: edificata nel 1952-55 in luogo della seicentesca parrocchiale di San Giorgio, si presentava di stile neoromanico e d'imponenti proporzioni (60 metri di lunghezza per 30 di larghezza al transetto). Della vecchia chiesa rimanevano i confessionali lignei oltre alle 5 campane dell'antico campanile che avrebbero dovuto essere alloggiate su una torre mai realizzata che era nel progetto del prof. Candiani, autore della chiesa. L'altare maggiore fu invece venduto alla parrocchia di Rivalta sul Mincio. Dopo il sisma del 2012 la chiesa dell'Assunta, gravemente danneggiata, è stata demolita per un tempio probabilmente più piccolo e con minor dispendio di riscaldamento, visto che sussisteva questo problema; l'edificio religioso, non avendo ancora 70 anni, non era vincolato come bene culturale.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

  • Area archeologica di San Lorenzo: l'area di età romana (II secolo a.C. - IV secolo d.C.) occupa sette ettari di un più vasto parco (54 ettari complessivi). Vi sono stati rinvenuti diversi reperti che sono conservati presso il locale museo archeologico.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito
1999-2009 Marco Carra centrosinistra
2009-2019 Dimitri Melli centrosinistra
2019-2024 Matteo Zilocchi lista civica

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La località è servita dalla stazione di Pegognaga posta sulla linea Suzzara-Ferrara e servita da treni regionali espletati da TPER. Nel comune è presente l'omonimo casello autostradale dell'autostrada A22, che collega Modena con il Brennero.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Pegognaga - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  6. ^ Lo stemma del Comune di Pegognaga, su comune.pegognaga.mn.it, Comune di Pegognaga. URL consultato il 7 novembre 2020.
  7. ^ Emblema del Comune di Pegognaga (Mantova), su presidenza.governo.it, Governo Italiano, Ufficio Onorificenze e Araldica, 2013. URL consultato il 7 novembre 2020.
  8. ^ Vittorio Negrelli, Pegognaga, il “padre Po” nel nuovo stemma comunale, in Gazzetta di Mantova, 2 gennaio 2013. URL consultato il 7 novembre 2020.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato Bonaglia, Mantova, paese che vai..., Mantova, 1985. ISBN non esistente.
  • Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  • Sistema Po Matilde http://www.terredimatilde.it/. .
  • Giuseppe Sissa, Storia di Pegognaga, Mantova, 1980.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN146422445
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia