Dialetto varesotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varesotto o Bosino (Varesòt/Busìn)
Parlato in Italia (Provincia di Varese)
Classifica non nelle prime 100
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Galloromanze
    Galloitaliche
     Lombardo
      Lombardo Occidentale
       Varesotto o Bosino
Distribuzione Insubre.GIF
Distribuzione geografica dell'Insubre

Il dialetto varesotto (detto anche Bosino, o Varesino) è un dialetto appartenente al ramo occidentale della lingua lombarda parlato nella Provincia di Varese.

Correlazione con altri dialetti[modifica | modifica sorgente]

Esso è considerato affine al dialetto milanese, con il quale - pur non confinando direttamente - ha alcune comunanze. Il dialetto attuale risente, secondo le zone, di influssi del comasco (zona di Tradate) e del bustocco (zone di Busto Arsizio e Legnano). Il dialetto varesotto presenta forti comunanze anche con il dialetto verbanese, parlato lungo la sponda occidentale del Lago Maggiore, rappresentando un continuum dialettale con esso. La base linguistica del dialetto varesotto è nel complesso comune ma con innesti ed influenze, più o meno forti, secondo le zone.Molto simile il Ticinese, lingua madre del Canton Ticino della Svizzera italiana

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel periodo romano, il latino è stato deformato dal sostrato celtico, in quanto gli abitanti della zona erano insubri lambrani romanizzati. Nel medioevo ha ricevuto influsso dalle lingue circostanti (superstrato: longobardo, lingue germaniche, celtiche). Poi le dominazioni spagnola, francese e austriaca hanno lasciato notevoli tracce nella lingua. Il francese ha contaminato specialmente il milanese, per la maggiore apertura cittadina, il quale ha a sua volta influenzato i dialetti circostanti. A partire dalla fine dell'Ottocento, tutte le lingue d'Italia hanno ricevuto un piccolo influsso da parte della lingua italiana, a causa della crescente diglossia (compresenza di italiano e lingua locale), causando, nelle generazioni più giovani, delle perdite del lessico originario.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista fonetico il Varesotto è leggermente più duro del milanese e gli articoli e i toponimi si diversificano in base alla zona.

Le vocali

  • ü ö = Vocali miste come nel francese sur e bleu o in varesotto dür e cör
  • â ê î = Vocali allungate, come nel francese frère o in varesotto frâ

L'uso dell'accento circonflesso è frequente nei participi passati (es. fâ - fatto, dî - detto). Ci sono casi particolari come le parole con la vocale mista allungata, per esempio düü dove la vocale dovrebbe essere solo una, ed oltre alla dieresi dovrebbe avere anche l'accento circonflesso.

Le consonanti

  • c = Usata come finale di parola è palatale come in lacc (latte), se seguita da una h è gutturale come in lach (lago) o sacch (sacco).
  • s = Sonora come in casa si distingue da quella aspra, come in sole attraverso il raddoppio; cascina in dialetto diventerà perciò cassina, anche se la s durante la pronuncia sembra più semplice che raddoppiata.

Varie

  • L'accento acuto o grave serve per indicare la vocale chiusa o aperta, per esempio pan póss (pane raffermo) oppure salàm (salame).

Vocaboli[modifica | modifica sorgente]

  • Albicocche = mùgnagh
  • Allora = alùra
  • Altro = òlter / àltar
  • Aprire = vèrdi / vèra
  • Bambino = toso / tusàn
  • Bottiglia = butèglia
  • Bicchiere = bicér
  • Chiave = càf
  • Calze = calzètt
  • Calzoni = calzùn/bragh
  • Ceppo = schük
  • Comodino = cifùn
  • Comprare = cumprà / töö
  • Cornacchia (animale) = scurbàtt (termine spesso utilizzato nel Milanese)
  • Corno di bue = cüdee (quando viene utilizzato come custodia per la cote)
  • Casa = cà
  • Fannullone/Nullafacente = giacalüstra (termine spesso utilizzato nel Milanese insieme a barlafüs,che è la persona che parla a vanvera), simili nel significato anche perdabal e balabiótt
  • Figlio = fioeu
  • Figlia = tusa
  • Figlie = tusànn
  • Fragole = magiuster
  • Fulmine = strelùsc /losna
  • Gallina = ga(l)éna / gaina
  • Grembiule = scusàa
  • Idraulico = trumbè
  • Imbuto = pedriö
  • Lampadina = lampadéna
  • Lucertola = lisuga / lùserta
  • Maiale = purcèl / purscél / poerc
  • Marito/Uomo = öm
  • Mela = pom
  • Mele = pomm
  • Mestolo = cazzüü
  • Mirtillo = lidriün
  • Moglie/Donna = dona
  • Muratore = magüt
  • Nebbia = scighèra
  • Nero = négher
  • Ombra = umbrìa
  • Patate = pomm da tera
  • Pomodoro = tumàt, tumatis al plurale
  • Prato = praà
  • Prezzemolo = erburin
  • Rosso dell'uovo sbattuto = rùsumada
  • Saltare = saltà
  • Sbruffone = pataveérta
  • Sedia = cadrèga
  • Sèssola = cumpastéé
  • Signora= sciùra
  • Tappo di sughero = bisciün/büsciun
  • Tazza = chicchera
  • Tuono = trön
  • Trottola = pirla

Esempi di dialetto varesòtto[modifica | modifica sorgente]

Ta sa regordat? (de Speri Della Chiesa Jemoli)

Ta sa regordat, ra mè Luzzietta,
ra pruma volta ca s'hemm parlaa?
L'eva la festa dra Schiranetta
S'hemm trovaa insemma là in sul segraa.

Gh'evat ra vesta tutta infiorava
par datt ra mœusta t'ho pizzigaa
set vugnua rossa, mi ta vardava
m'het dai 'na s'giaffa, mi l'ho ciappaa.

Ma la tò sciampa l'eva tant bella
che in su ra faccia l'ha mia fai maa.
Ra pâs hemm faia cont la pommella,
pessit, gazzosa, zuccor firaa.

T'ho tœuj dò zòccor con su ra galla
ra mè parolla ti t'het 'ccettaa
(gh'eva de scorta tre vacch in stalla)
e dopo Pasqua sa semm sposaa.

Mò ti set veggia, ra mè Luzzietta
E mi, a fà 'r màrtor sont giò da straa.
Ma quand ca vedi ra Schiranetta
Senti anmò i stréppit da innemoraa!

Ona novella del Boccasc in dialetto varesotto[modifica | modifica sorgente]

Dialetto di Castelletto sopra Ticino (NO)[modifica | modifica sorgente]

Disi donca nea che al teamp dal prim re da Zipar, dòpo che Gottifredo da Bujon l'ava tòj la Terra Santa, allora gh'è capitaa che 'na sciora nòbila d'in Guascogna l'eva naia, coma a fann i pilligrin, a visità 'l Santo Sapolcar. Quand lea l'è 'nii 'ndree e l'è ruvaa a Zipar, gh'è stai di oman gramm ca gh'hann fai di brutt schearz da villan, e lea l'è 'nia tanta danaa che la podeva mia mandàlla giù, e s'eva miss in meant da nà dal re par mett giù quarella e fàss dà soddisfazion. Ma allora gh'hann dii ch'a l'eva tutt fiaa trai via parchè lù l'eva on pòvar baloeuass e bon da fà nagott; che di fugular ca ga favan i alt, sa 'n parla gnanca, ma fin chii a lua tucc i momeant, lù i lassava passà tucc, ch'l'eva pròppri 'na vargogna. In manera che tucc chii ca 'gh l'evan sù com lua par quaicoss, ga 'n favan vuna e 'nscì sfogavan la soa rabbia. Quand l'ha 'vuu sentii cola sciora e l'ha vist ch'l'eva inutil, ca sa podeva fà nagott par fàgghla pagà a chii oman là; allora lea, tant inscì 'ma fà passà 'l magon, l'ha vorzuu nà da col re là com dì e fàggla capìa ca ò'eva pròppri 'na pòvra ciolla. E l'è naia là, s'è miss a piangg e gh'ha dii: "Lù, scior re, mì som mia 'nia chì da lua par fàmm dà soddisfazion da cola figura ca m'hann fai; ma 'nscambi mì 'l preghi d'insegnàmm coma 'l fa mai lua a lassà passà tucc chii fuguar ca mì sinti ca ga fann a lua par podéa 'anca mì 'vè la pascienza, dòpo ch'avarò 'mparaa da lù, da lassà passà anca mì la mea: e 'l sa 'l Signoar comé mì 'gh la dariss a lù par nagott, sa podess, parchè lù i sa mandài giù 'nscì poliat.
Al re, che fin allora s'eva mai diciduu a mòvas e no 'l voreva mai fà nagott, l'ha fai comé col ca dias ca sa disveggia da dormìa, e l'ha comenzaa da la fugura ca ga 'n fai a cola sciora, e si ca 'gh la faia pagà car a chii oman à; e poeua s'è miss a fàgghla a tucc chii che dòpo d'allora an favan 'na quaivuna e ga perdevan l'onoar a la soa corona.
Giovanni Papanti, Parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 315-316

Dialetto di Gallarate e Cassano Magnago(VA)[modifica | modifica sorgente]

Hii da savè che ona voeulta, quand gh'eva mò ol prumm re da Zipri, e che Goffrè da Buglion l'eva guadagnaa in guerra la Terra Santa, gh'è succeduu che ona sciora nòbila d'on paes che ga disen la Guascogna, l'è andai par divozion 'me on pilligrin al Santo Sepolcher, e che tornand indree, quand l'è capitaa a Zipri, certi balossoni gh'hann fai di dasprezzi brutt, tutt comè; e lee, 'sta sciora, par quest piena d'ona tribulazion, e no ghe podeva pròppri passà, la s'è miss in ment da ricorr al re; ma gh'è stai quaichedun che gh'ha dii che la buttava via ol temp e ol fiaa; parchè ol re l'eva on lasagnon senza spirit, che invece de fà giustizia per i òlter, al sa lassava lù mett sott i pee, la piantava; e per quest chi gh'aveva di cruzzi par di tòrt che j'essen fai, ja sfogava cont ol sguargnà ol re. Quella sciora quand, l'ha sintuu inscì, e che l'ha cognossuu che la podeva minga avèggh giustizia, tant per fà passà la soa inversadura, la s'è mittuu in coo da spongg 'sto re da picch: e caragnand l'è andai sù e la gh'ha dii: "Oh scioria, mì vegni minga chì da lù par fà che lù al castiga quij che m'hann fai tanto maa: ma vegni par pragàll da fàmm imprend comè ch'al fa lù a soffrì ol maa, che ma disen che ga fenn a lù. E inscì imparand 'sta sò manera, anca mì pòssa sopportà con pazienza i dasprezzi ch'a m'hann fai e che al sa lù, ol Signor, che se mì podessa ga darav a lù, che ja tòllera inscì polid".
Ol re, che fin allora l'eva stai on lumagon e on poltronasc, comè che in d'on bòtt ghe passass ol cocch, al s'è mittuu a castigà comè on can rabbiaa pruma quij che gh'hann fai i dasprezzi a 'sta dònna, e poeu tucc quij d'allora faven quaicòssa contra i sò legg.
ibidem, pagg. 285-286

Dialetto di Varese[modifica | modifica sorgente]

Disi donca che in di temp dal primm re da Zipri, dòpo che Goffred da Buglion l'ha conquistaa la Terra Santa, è success che ona dònna nòbila dla Guascogna l'ha fai on viagg da divozion al Santo Sepolcar e, in dal tornà indree, rivaa ca l'è stai a Zipri, gh'hann mettuu adòss i man certi canaja e te 'm l'hann disonoraa. Tutta foeura de lee, e no savend come refàss da quell brutt giugh, gh'è vegnuu in ment d'andà a denunzià la còssa al re. Ma quaighedun gh'hann dii che la sarevv stai fadiga buttaa al diavol, perché 'l re l'eva on òmm tant da pòcch, anzi tant da nagòtt, che altar che castigà a terman da legg e da giustizzia i canajad fai ai altar, al sa lassava fà in bocca da tucc, e da pù al ga fava la ricevuda, con tant da viltà da fà restà sòtt qualunque cagon; de moeud che chissisia che 'l gh'avess 'vuu on quai dispiasè, al sa sfogava a fàggh a lù desprezzi e ingiuri d'ògni sòrt; e inscì tutt i balòss ga davan cojonament dor Re magg. Sentend 'sta pòcca nespola, quella sciora, desperada da podè mia ruissìggh a fàggh pagà 'l fio a quij tòcch da còll, inscì tant par ristoràss on poo dor brutt tir ca gh'hann fai, la s'è miss in ment da dàggh ona bònna morduda a quell Guerin Meschin d'on re; e, ditt e fatt, la ghe s'è presentaa e, piangend, la gh'ha cuntaa sù la rava e la fava dor brutt giughett ca gh'hann fai a lee, e poeu la gh'ha dii: "Maestà, mì son mia vegnuu chì par trovà giustizzia e vess vendicaa dla fattura ca m'hann fai, ma solament perché ti ma disat come ti feet a soffrì quij ca senti ca te fann a tì perché, inscì imparand anca mì, pòda mandà giò la mea pinola. Che, sa podess dàggh ona bella ingiottida, la sa 'l Signor quanto volontera te regalress, inscì pien che te seet da bontà e tollerenza!".
Ol re, che fina a quell moment l'ha sempar fai 'l mangia e dòrma, traccata!, coma 'l sa fuss dessedaa allora, l'ha comenzaa dal castigà ma a dover l'ingiuria fai a 'sta dònna, e poeu l'è deventaa 'l pù bravo casciador di canaja, e 'l ga la fava pagà ben cara a chissisia ch'avess mancaa da quell rispett che i suddit hann da portàggh al sò re, al capp dla nazion.
ibidem, pag. 189-190

Dialetto Insubrico di Casorate Sempione (VA)[modifica | modifica sorgente]

Quésta va la vœri própi dì, ógni tànt a trœvi un quéi saputùñ che al ma fa girà un pu i bàl. Ai crédan da vès di gràn sapientùni o inteligentùni e ma dìsan: ma parché che té fai in scì, te duéat fa in scià, sa srìv in sciò, ma dan un gran fastìdi chi critìch chi, mi a sóm nó una persona tàntu istrüia, ma LUR, che i sa crédan tàntu inteligént, parché l'hàn mia fai LUR quél có fai mi? al sarà fai ma, al sarà brüt, ga saràn dénta tanti erùr da scritüra (al só), però mi gó vü ul curàc da fal. Ma piàs quàndu i ma fan dumànd inteligént, magari migliuratìv, ma ricórdan pruèrbi, detti, paról, üsànz e àltar róp, ma supórti nó i baüscia chi parlàn par nagót. Quésta a duévi dìla, a ga l'évi chì in sül gós, scüsém ma ga la féi própi pü. http://www.pierorodonicasoratesempione.it/web_ultimo_24-04_00000d.htm

Dialetto Besnatese[modifica | modifica sorgente]

Il dialetto besnatese s'inserisce, senza notevoli particolarità - eccetto la palatizzazione del gruppo "ct" in "^c"- nel sistema dei dialetti italiani settentrionali, in particolare nel dialetto varesotto e, con alcuni dei quali, partecipa alla caduta delle vocali atone finali, alla semplificazione delle consonanti geminate, alla sonorizzazione delle consonanti sorde latine intervocaliche ed alla palatizzazione dei gruppi "cla" e "gla" (caf=chiave; gànda=ghianda).

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA. VV., Parlate e dialetti della Lombardia. Lessico comparato, Mondadori, Milano 2003.
  • Clemente Merlo, Italia dialettale, n.24 del 1960-61.
  • Glauco Sanga, Dialettologia lombarda, Università di Pavia, Pavia 1984

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]