Motteggiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Motteggiana
comune
Motteggiana – Stemma Motteggiana – Bandiera
Motteggiana – Veduta
Corte Ghirardina, opera di Luca Fancelli (1470)
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Mantova-Stemma.png Mantova
Amministrazione
SindacoStefano Pelicciardi (lista civica) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°02′N 10°46′E / 45.033333°N 10.766667°E45.033333; 10.766667 (Motteggiana)
Altitudine20 m s.l.m.
Superficie24,79 km²
Abitanti2 422[2] (31-3-2021)
Densità97,7 ab./km²
FrazioniTorricella, Villa Saviola e Sailetto[1]
Comuni confinantiBorgo Virgilio, Pegognaga, San Benedetto Po, Suzzara, Viadana
Altre informazioni
Cod. postale46020
Prefisso0376
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT020037
Cod. catastaleB012
TargaMN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[3]
Cl. climaticazona E, 2 388 GG[4]
Nome abitantimotteggianesi
Patronosan Girolamo
Giorno festivo30 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Motteggiana
Motteggiana
Motteggiana – Mappa
Posizione del comune di Motteggiana nella provincia di Mantova
Sito istituzionale

Motteggiana (Munticìana o Moteciàna in dialetto basso mantovano[5][6]) è un comune italiano di 2 422 abitanti della provincia di Mantova in Lombardia.

Tutto il territorio comunale ha come confine naturale due fiumi: il fiume Po e il canale Zara.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome di Motteggiana deriva dal latino monticula, piccoli dossi.[7] Il nome attuale venne adottato nel 1867 subito dopo la conquista italiana. Fino ad allora il territorio era chiamato "Borgoforte a destra del Po"[8].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ai tempi del Ducato di Mantova, il paese era sottoposto all'amministrazione civile del comune di Borgoforte, seppur facendo parte della circoscrizione giudiziaria dell'Oltrepò mantovano. L'opera riformatrice e standardizzatrice dell'imperatrice Maria Teresa prevedeva tuttavia il superamento di simili divergenze gestionali a favore di un ordinato modello di gerarchia piramidale, e quindi nel 1773 venne decretata la creazione del comune di "Borgoforte a destra del Po" sottoposto in toto al distretto legale di Suzzara.

Nel 1866, il territorio di Motteggiana fu interessato da un evento marginale della Terza guerra d'indipendenza. In quel periodo, gli Austriaci del Regno Lombardo-Veneto, per difendere da Sud la linea Mantova-Verona da un eventuale attacco degli Italiani, avevano costruito quattro forti a cavallo del Po, presso Borgoforte. Di queste fortificazioni, tre erano ubicate a Nord del fiume (Forte di Bocca di Ganda, Forte Rocchetta, sull'argine Po che conduce all'odierna frazione di Scorzarolo e il Forte Centrale, detto Forte di Borgoforte) e una sulla riva destra del Po, il Forte Noyon presso Motteggiana.
Nella seconda fase della guerra, il generale Cialdini pose sotto assedio la “testa di ponte” del Forte di Motteggiana e il 5 luglio iniziò il cannoneggiamento, che si protrasse fino alla notte tra 17 e il 18 luglio, quando gli Austriaci abbandonarono furtivamente il Forte danneggiato e si ritirarono a Mantova. Nel frattempo la guerra si era spostata e proseguiva in Veneto e in Friuli[9].

La parte centrale del Forte austriaco di Motteggiana, è visibile ancora oggi; nel 1873 fu usato come “rampa di accesso” all'argine del Po, dalla nuova ferrovia Modena-Suzzara-Mantova.[10] Nel 1887, presso l'incrocio di Sailetto, fu eretto un monumento (tuttora presente) per ricordare questo episodio, quasi dimenticato, del Risorgimento italiano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Motteggiana - Statuto; Sailetto viene definita "borgata".
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2021 (dato provvisorio).
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 433, ISBN 88-11-30500-4.
  6. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  7. ^ Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.
  8. ^ [1]
  9. ^ La campagna del 1866 in Italia.
  10. ^ Forte Noyeau - Motteggiana, su fortificazioni.net.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Motteggiana si gemella in Israele, in http://gazzettadimantova.gelocal.it. URL consultato il 5 agosto 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato Bonaglia, Mantova, paese che vai..., Mantova, 1985. ISBN non esistente.
  • Pierino Pelati, Acque, terre e borghi del territorio mantovano. Saggio di toponomastica, Asola, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN125681496 · GND (DE4707980-0
Mantova Portale Mantova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Mantova