El Biscella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
El Biscella
Veduta della Porta Ticinese, Milano, vista dal corso San Gottardo verso il centro.jpg
Porta Ticinese, a Milano, citata come "Porta Cinès" nella canzone.
ArtistaGiovanni D'Anzi
Autore/iGiovanni D'Anzi, Alfredo Bracchi
GenereCanzone popolare
Stiledialettale milanese
Edito daMelody Fonola
Esecuzioni notevoliNanni Svampa
Data1969
Durata02:20
Note[1]

El Biscella è una canzone milanese scritta da Giovanni D'Anzi e Alfredo Bracchi.[2]

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Biscella è una parola milanese che significa "ricciuto"[3] (deriva da bisc, cioè "riccio"), una specie di bulletto che cerca di intimorire la gente, ma che i modi goffi e i costumi stravaganti rendono un soggetto più comico che pericoloso.

La canzone narra appunto di questo "Biscella" di Porta Ticinese che si reca alle feste e tutti, alle sue spalle, ridono dei suoi abiti ridicoli e il suo modo di ballare un po' impacciato.[4]

La rima trovata nel finale fra "paisàn" e "sindic de San Culumbàn" non è casuale, perché fa riferimento al manicomio sito proprio a San Colombano al Lambro in quegli anni.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ El Biscella 20 10 1969, su canzoneitaliana.it. URL consultato il 23 ottobre 2021.
  2. ^ Le canzoni a Milano tra il 1918 e il 1950 (PDF), su anticacredenzasantambrogiomilano.org. URL consultato il 28 agosto 2021.
  3. ^ Ilaria Maria Preti, Cosa significa Biscella? Lo saprai al Bar Domm, su cronacaossona.com, 28 dicembre 2017. URL consultato il 28 agosto 2021.
  4. ^ Oliviero Spada, Nostalgia de Milan per il teatro della memoria, su milanofree.it. URL consultato il 1º settembre 2021.
  5. ^ San Colombano al Lambro. Manicomio, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 29 ottobre 2021.