Porta Romana bella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porta Romana bella
Artista
Autore/iignoto
GenereCanzone popolare
Esecuzioni notevoliGiorgio Gaber, Walter Valdi, Gabriella Ferri, Nanni Svampa
DataXIX secolo
Anonimo (info file)
Porta Romana bella — Versione strumentale per sintetizzatore

Porta Romana bella è una canzone popolare milanese risalente al XIX secolo[senza fonte], legata al mondo della microcriminalità di Milano, la cosiddetta Ligera.

Porta Romana e il carcere di San Vittore[modifica | modifica wikitesto]

La Porta Romana sorge al centro di piazza Medaglie d'Oro, allo sbocco dell'omonimo corso; è una delle sei principali porte di Milano, all'interno dei bastioni. In passato, Porta Romana identificava inoltre uno dei sei storici sestieri in cui era suddivisa la città meneghina: proprio a quest'ultimo - e non alla Porta da cui esso prende il nome – fa riferimento la canzone. Più volte viene citata via Filangieri - la quale, peraltro, non apparteneva a tale sestiere. Al numero 2 dell'omonima piazza sorge il Carcere di San Vittore, inaugurato nel 1872[senza fonte]. I riferimenti al carcere – e alla vita, alle ansie ad esso legati – sono numerosi ed evidenti in tutta la canzone (“In via Filangieri gh'è una campana: ‘gni volta che la sona l'è ‘na cundana. […] O luna che rischiari le quattro mura: rischiara la mia cella che'è tanto scura”).

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

'Porta Romana bella' è una delle più celebri canzoni popolari del repertorio milanese; tra gli altri, l'hanno eseguita artisti come Giorgio Gaber, Walter Valdi, Gabriella Ferri e Nanni Svampa[1]. Di quest'ultimo artista ne esistono svariate registrazioni; poiché tale brano è associato agli ambienti della ‘mala’ milanese, essa compare nel terzo volume della sua antologia sulla canzone lombarda, edito nel 1970 col sottotitolo "La mala e l'osteria". Un video del 1977 riprende tre importanti artisti come Roberto Vecchioni, Francesco Guccini e Lucio Dalla eseguire ‘Porta Romana bella’ al tavolo dell'osteria "Da Vito" a Bologna. Il testo di 'Porta Romana bella', come spesso accade per le canzoni popolari, ha subito numerose varianti; quella che segue è una delle versioni più spesso eseguite.

Del testo, data la natura popolare, esistono svariate versioni, che talvolta variano unicamente per l'uso del dialetto, o per alcune strofe differenti.[2]

Il testo più noto[2][modifica | modifica wikitesto]

Porta Romana bella, porta Romana,

ci stan le ragazzine che te la danno,

ci stan le ragazzine che te la danno:

prima la buonasera e poi la mano.

"E gettami giù la giacca ed il coltello

che voglio vendicare il mio fratello,

e voglio vendicare il mio fratello,

e gettami giù la giacca ed il coltello.

La via a San Vittore l'è tuta sasi,

l'ho fatta l'altra sera a pugni e schiaffi,

l'ho fatta l'altra sera a pugni e schiaffi.

la via a San Vittore l'è tuta sasi.

La via Filangeri l'è un gran serraglio,

la bestia più feroce l'è 'l commissario,

la bestia più feroce l'è 'l commissario,

la via Filangeri l'è un gran serraglio.

In via Filangeri ghé una campana:

'gni volta che la sona l'è 'na cundana,

'gni volta che la sona l'è 'na cundana,

in via Filangeri ghé una campana.

Prima faceva il ladro e poi la spia,

e adesso è delegato di Polizia,

e adesso è delegato di Polizia,

prima faceva il ladro e poi la spia.

O luna che rischiari le quattro mura

rischiara la mia cella ch'è tanto scura,

rischiara la mia cella ch'è tetra e nera:

la gioventù più bella morì in galera.

O luna, luna, luna che fai la spia

bacia la donna d'altri, ma non la mia.

Amore, amore, amore, amore un corno,

di giorno mangio e bevo, di notte dormo.

Ci sono tre parole in fondo al cuore:

la gioventù, la mamma ed il primo amore.

La gioventù la passa, la mamma muore

e restet cume un pirla col primo amore."

Porta Romana bella, porta Romana,

ci stan le ragazzine che te la danno,

ci stan le ragazzine che te la danno:

prima la buonasera e poi la mano...

Alternativa[3][modifica | modifica wikitesto]

Porta Romana bella Porta Romana

Ci stan le ragazzine che te la danno

Ci stan le ragazzine che te la danno

Prima la buona sera e poi la mano.

E gettami giù la giacca ed il coltello

Che voglio vendicare il mio fratello

La via San Vittore l'è tutta a sassi

L'ho fatta l'altra sera a pugni e schiaffi

In via dei Filangeri gh'è 'na campana

'Ogni vòlta che la sòna l'è ona condanna

La via dei Filangeri l'è un gran serraglio

La bestia più feroce l'è il commissario

Prima faceva il ladro e poi la spia

E adesso è delegato di polizia

E sette e sette e sette fanno ventuno

Arriva la volante e non c'è nessuno

A fatto più battaglie la tua sottana

Che tutta la marina Americana

A perso più battaglie il tuo reggipetto

Che il general Cadorna a Caporetto

An fatto più battaglie le tue mutandine

Che tutti I giapponesi alle filippine

O luna che rischiari le quattro mura

Rischiara la mia cella ch'è tanto scura

Rischiara la mia cella ch'è tetra e nera

La gioventù più bella morì in galera

O luna luna luna che fai la spia

Bacia la donna d'altri ma non la mia

Amore amore amore, amore un corno

Di giorno mangio e bevo, di notte dormo.

Olimpia Olimpia mi ate me tradiset

Te disett che te vegnett e pho' te pisett

Ci sono tre parole in fondo al cuore

La gioventù, la mamma e il primo amore

La gioventù la passa, la mamma muore

Te restet come on pirla col primo amore

Porta Romana bella Porta Romana

Ci stan le ragazzine che te la danno

Ci stan le ragazzine che te la danno

Prima la buona sera e poi la mano

Esiste una rara versione riadattata dedicata al bandito Ezio Barbieri a cui è stata aggiunta la seguente strofa:

"la banda di Barbieri era attrezzata

faceva le rapine a mano armata

sette e sette e sette fanno ventuno

arriva la volante e non c'è più nessuno"

La versione di Giorgio Gaber è completamente diversa

"Porta romana bella porta romana e' gia' passato un anno da quella sera un bacio dato in fretta sotto un portone porta romana bella porta romana in un cortile largo e fatto a sassi io fischio tu t'affacci alla ringhiera poi scendi e il pomeriggio è tutto nostro in giro per i prati fino a sera m' han detto che sei andata ad abitare in un quartiere nuovo più elegante ti sei sposata è giusto e regolare da me lo so non t'aspettavi niente passa un ciclista e canta la voce si allontana porta romana bella porta"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Canzoni contro la guerra - Porta Romana bella
  2. ^ a b Canzoni contro la guerra: anonimo - Porta Romana bella, su antiwarsongs.org. URL consultato il 22 aprile 2022.
  3. ^ Nanni Svampa Porta Romana bella, su google.com. URL consultato il 22 aprile 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]