Dialetto cremonese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cremonese
Cremunées
Parlato inItalia Italia
RegioniLombardia Lombardia (Provincia di Cremona con l'esclusione del Cremasco, della circoscrizione di Soresina e del Casalasco)
Locutori
Totalemeno di 90.000
Tassonomia
FilogenesiIndoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-occidentali
    Occidentali
     Galloiberiche
      Galloromanze
       Galloitaliche
        Lombardo
Statuto ufficiale
Ufficiale in-
Regolato danessuna regolazione ufficiale
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Töti j òm i nas lìber e precìis in dignità e dirìti. I g’àa còo e cuscièensa e i g’àa de cumpurtàase jön cu’ chèl àalter tama se i ghès d’éser fradéi.
Mappa Dialetti lombardi.svg

Distribuzione geografica dettagliata dei dialetti del lombardo. Legenda: L01 - lombardo occidentale; L02 - lombardo orientale; L03 - lombardo meridionale; L04 - lombardo alpino

Il cremonese (cremunées) è un dialetto appartenente al gruppo gallo-italico, parlato in alcuni comuni dell'area centrale della provincia di Cremona. La sua classificazione è controversa poiché alcuni lo reputano un dialetto emiliano mentre altri lo reputano lombardo: infatti, come altre parlate della zona quali il piacentino, il mantovano e il pavese-vogherese, ha caratteristiche proprie di entrambe le lingue, sebbene questi tre ultimi dialetti siano classificati con certezza come appartenenti alla lingua emiliano-romagnola. È probabile che il cremonese sia una varietà transitoria tra le due lingue; è da notare che comunque il dialetto cremonese obiettivamente presenta inflessioni emiliane molto tenui rispetto, ad esempio, al già citato mantovano (classificato infatti tra i dialetti emiliani). Nel suo Saggio sui dialetti gallo italici del 1853 Bernardino Biondelli lo classificava come varietà dialettale appartenente al gruppo orientale della lingua lombarda, specificando tuttavia una netta distinzione dal bergamasco che porterebbe a considerarlo come un'ibridazione tra le parlate emiliane, lombardo orientali e lombardo occidentali più che un dialetto originale. Esistono due varianti di dialetto cremonese: il dialetto cittadino (detto piatòon) e il dialetto del contado (detto arioso o rustico).

Ortografia e pronuncia[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristica peculiare della pronuncia del dialetto cremonese è la vastissima presenza di vocali lunghe, che conferisce alla parlata cremonese la tipica cadenza cantilenante.
Le convenzioni ortografiche qui esposte sono tratte da quelle segnalate dal Comitato promotore di studi di dialettologia, storia e folklore cremonese.

Vocali[modifica | modifica wikitesto]

A differenza dell'italiano, che dispone di sette vocali, il cremonese ne presenta nove, ovvero le stesse dell'italiano con l'aggiunta di due: ö, ü. Le vocali e e o risentono della qualità vocalica (possono cioè essere, come si dice comunemente, "chiuse" o "aperte"), viene perciò indicato l'accento grafico opportuno se la vocale è tonica. Le altre vocali presentano invece, se toniche, sempre l'accento grafico grave, come in italiano. Le vocali lunghe sono sempre toniche. L'accento tonico è sempre indicato graficamente nei polisillabi (tranne che sulle lettere ö e ü). Le vocali lunghe si indicano raddoppiando la vocale e l'accento grafico è posto sulla prima di esse.

Alcuni vocaboli del cremonese subiscono il fenomeno della sincope, cioè prevedono la caduta delle vocali non accentate (es. stemàana per "settimana", oppure létra per "lettera"); il fenomeno però è trascurabile, se paragonato ai dialetti emilani dove la sincope nelle parole è presente assai più frequentemente.

Di seguito l'elenco delle vocali:

  • a come in italiano (andàa: andare)
  • è e aperta (pulèer: pollaio)
  • é e chiusa (fradél: fratello)
  • i come in italiano (finìi: finire)
  • ò o aperta (bòon: buono)
  • ó o chiusa (fióol: ragazzo)
  • u come in italiano (pùl: pollo)
  • ö come nel francese "eu", tedesco "ö" (nisöön: nessuno)
  • ü come nel francese "u", tedesco "ü" (paüüra: paura)


Nel panorama dei suoni vocalici del cremonese va osservata anche la presenza della prostesi, ovvero l'inserimento di una vocale (che non sarebbe presente nel lessema "normale") ogni qualvolta si vengano a creare cacofonie nella pronuncia, ovvero condizioni fonologicamente "scomode". In cremonese, queste situazioni sono tipicamente gli accostamenti di parole terminanti in consonante immediatamente seguite da parole che iniziano con s/z (vedi sotto) + altre consonanti, creando così, di fatto, una sequenza del tipo [consonante 1 - consonante 2 - consonante 3] a cavallo di due parole. Le vocali che si producono per risolvere la cacofonia e la difficoltà di pronuncia sono la "i" e la "e" (solitamente aperta [ɛ]; per essere distinte da quelle normali qui saranno raffigurate con una dieresi: ë, ï). Un esempio in cui interviene questo fenomeno fonologico può essere quello in cui si abbia l'articolo determinativo maschile singolare el (il) seguito, poniamo, da scartusìin (finocchio). Si avrebbe el scartusìin, con difficoltà di pronuncia della sequenza l-s-c. La prostesi si manifesta con la comparsa di una e [ɛ] all'inizio del sostantivo, generando perciò el ëscartusìin. Pur più pronunciabile, questa forma non è comunque presente nel parlato cremonese, in quanto all'aggiunta della vocale prostetica si ha contemporaneamente la caduta (aferesi) della e dell'articolo determinativo. Riassumendo il processo:

  1. giustapposizione di elementi che comportano cacofonia: el + scartusìin
  2. comparsa di una vocale prostetica che risolve la difficoltà di pronuncia: el ëscartusìin
  3. aferesi della vocale subito precedente: 'l ëscartusìin

Lo stesso fenomeno può presentarsi più volte di seguito se si verificano di nuovo le medesime condizioni. Per esempio el + scartusìin + zbjöt (scondito) dà come forma effettivamente pronunciata 'l ëscartusìin ëzbjöt (il finocchio scondito). Invece in forme quali g'òo durmìit + stanòt (ho dormito stanotte) si interpone una ï, con l'ottenimento di g'òo durmìit ïstanòt. Va comunque segnalato che ïstanòt e ïstamatìna (stanotte e stamattina) esistono anche come forme lessicalizzate a fianco delle "forme base" senza ï.

Nota: talvolta, nel parlato, si verifica un'elisione dell'ultima vocale di una parola se questa è seguita da un gruppo consonantico che porta alle condizioni sopra descritte. Usando lo stesso esempio, si avrebbe dunque una forma finale del tipo e' scartusìin. Il fenomeno è differente dalla prostesi, ma il risultato nella pronuncia è uguale.

Semivocali[modifica | modifica wikitesto]

  • i, j come la i semivocalica italiana, indicata con j in posizione intervocalica (es. ja, ja) oppure quando indica l'articolo determinativo maschile plurale seguito da parola iniziante per vocale (es. j àazen), indicata con i negli altri casi. La grafia in quest'ultimo caso non necessita di apostrofo, in quanto non vi è apocope.
  • u come la u semivocalica italiana

Consonanti[modifica | modifica wikitesto]

Quasi tutte le consonanti in cremonese hanno lo stesso suono che in italiano, vengono perciò qua riportate solo le differenze e le convenzioni ortografiche.

  • c indica due suoni, come in italiano: le convenzioni sono le stesse. Inoltre c seguita da ö o da ü segue la convenzione seguente: e : c velare, "dura"; ciö e ciü: c palatale, "morbida". c in fine di parola è palatale, se velare è indicata con ch.
  • s [s] indica il suono della s italiana sorda (sasso, suono);
  • z [z] indica il suono della s italiana sonora (rosa, casa)
  • non esistono in cremonese i suoni della z [ts], [dz] italiana (pizza, mezzo, zozzo)
  • l'apostrofo indica:
    • aferesi, esempio: 'n da en (articolo indeterminativo maschile)
    • apocope, esempio: l' da la (clitico femminile, terza persona singolare)
  • non esistono in dialetto cremonese consonanti doppie

Esempi di cremonese[modifica | modifica wikitesto]

Numeri:

  • Jön
  • Dùu (m.)/ dò (f.)
  • Trìi (m.)/ trè (f.)
  • Quàter
  • Cìinch (ch a fine parola si pronuncia [k])
  • Sées/séez
  • Sèt
  • Vòt/òt
  • Nóof
  • Dées
  • Jöndes/Öndes
  • Dùdes
  • Trèedes
  • Quatòordes
  • Quìindes
  • Sèedes
  • Dér-sèt
  • Déz-d'òt
  • Déz-nóof
  • Vìint

Mesi dell'anno

  • Genàar
  • Febràar
  • Màars
  • Aprìil
  • Mac (la c a fine parola è [ʧ])
  • Giögn
  • Löi
  • Agùst
  • Setèember
  • Utùber
  • Nuèember
  • Dicèember

Giorni della settimana

  • Lünedé/Lünesdé
  • Martedé
  • Merculdé/Merculedé
  • Giuedé
  • Venerdé
  • Sàbet
  • Dumènica

Colori

  • Nero: néegher
  • Bianco: biàanch
  • Blu: blö
  • Giallo: giàalt/giàald/gial
  • Rosso: rùs/vermél
  • Verde: véert
  • Viola: viòola
  • Arancione: aranciòon
  • Rosa: ròoza

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Lonati, Gazaboi. Poesie in dialetto cremonese. Rist. Cremonabooks, Cremona: 2004.
  • Giorgio Rossini, Capitoli di morfologia e sintassi del dialetto cremonese. La Nuova Italia, Firenze: 1975, pp. XVI-212 (LXXVI)