Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto sammarinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa della diffusione della lingua emiliano-romagnola: nelle zone in rosa chiaro è presente l'emiliano e in quelle colorate di rosa scuro è presente il romagnolo, mentre in quelle rosa-bianco sono presenti i "dialetti di confine".
Dialetto sammarinese
sanmarinêṡ / sammarinoiṡ
Parlato in San Marino San Marino
Regioni San Marino San Marino
Locutori
Totale 27.730
Classifica Non in top 100
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-occidentali
    Occidentali
     Galloiberiche
      Galloromanze
       Galloitaliche
        Romagnolo
          Dialetto sammarinese
Statuto ufficiale
Ufficiale in -
Regolato da nessuna regolazione ufficiale
Codici di classificazione
ISO 639-2 roa
Glottolog samm1243 (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Tot j essèri umèn i nàs lébri e cumpagn in dignità e dirét. Lou i è dutid ad rasoun e ad cuscinza e i à da operè, ognun ti cunfrunt at ch'j ilt, sa sentimint ad fratelènza.

Il dialetto sammarinese è un dialetto della lingua romagnola parlato nella Repubblica di San Marino dall'83% degli abitanti[1]. Il sammarinese è un dialetto intermedio tra quello di Rimini e quelli della Valmarecchia e di Urbino.[2] Il dialetto di Serravalle è molto simile a quello di Rimini, a differenza del resto dei dialetti sammarinesi.
Gli scrittori principali in dialetto sammarinese sono stati Pietro Rossi nell'Ottocento e Nino Lombardi, Marino Rossi e Giuseppe Macina.

Nomi dei castelli in sammarinese[modifica | modifica wikitesto]

Acquaviva: Aquaviva Borgo Maggiore: E Bórgh

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

sono andata a prendere un paio di scarpe a Dogana: so andeda a to un per ad scherpi ma la Dughena / a so andè a tò un pera ad scherpi ma la Dughena
cosa fai?: cus chet fè?, cust fè?, cus èll che t'fè?
vieni qui: vin a che, vin i che
ci vediamo più tardi: ac videm più tèrd, a s videm pio terd
non fare così: nu fa csé, nu fa i sé
vado a dormire: a vag a durmì
abito a San Marino: a stag a San Maroin
non sai fare niente: tu n si bun da fè gnint, tun sè fè gnint
non puoi fare sempre come ti pare: tu n pù fe sempri cum cut per ma té, t'u n pò fè sempri cum ch'u t pèr ma te
io posso: i a pòs, ji a poss
guarda bene: guèrda bèin, guerda ben
non capisci: tu n capés, tu n capéss
(EML)

« Sa l'eria tevda ch'porta inscìm l'avril
us ved al pavaiòli a svulazé
che in gir ti chemp al va cumé a purté
l'augùrie più gradid e più gentil. »

(IT)

« Con l'aria tiepida che porta insieme l'aprile
si vedono le farfalle svolazzare
che in giro nei campi vanno come a portare
l'augurio più gradito e più gentile. »

(Nino Lombardi, GIURNÈDA D'AVRIL - GIORNATA D'APRILE)

Una nuvela del Bucasc[modifica | modifica wikitesto]

Donca a degh che a' temp d'e prim re 'd Cipre, dop fat la conquesta dla Tera Sänta da Gotifred 'd Buglion, è sucess ch'una gentildona 'd Guascogna l'andò a m'e Sepolcre in pelegrinagg, e a t'e turnä, ariväda ch'la fu a Cipre, la fu vilanament ultragiäda da di omne sceleräd. Lia, dulendsne 'd 'sta cosa, disperäda, la pensò d'andä a ricora da 'e re; ma u 'j fu det da qualch d'un ch'la perdria la fadiga, perché lù l'era d'una vita acsè sgraziäda, e tänt da poch, che non sol u 'n puniva con giustizia gl'ingiuri fati am i ältr, ma änzie e sustneva da vigliach tuta cla gran massa ch'i 'j ne feva m'a lù: tänt che chiunque l'avess avud con lù dla stezza, u 's sfugäva con fäj del bujarii e del birichinädi. La dona, sentend 'sta cosa, disperand d'otnè vendeta, per consuläss un poch de su disgust, la 's mis in testa 'd vlè stuzzigä la cujonagin 'd ché re; e, andäda da lù piangend, la 'j dess: "'E mi signor, i an vengh da té per dmandä vendeta dl'ingiuria ch'm'è städ fata ma, per mi sodisfazion, at pregh che 't m'insegna com t'fè a sufrì tut cl'ingiuri ch'a so ch'u 't ven fat, perché i a possa da té imparä a supurtä la mia con pazienza, e u 'l sa 'e Signor se i al psess fä, che volontier at la regalaria, perché a vegh t'hè 'e cor bon da suportäli"
'E re, städ fin da ché mument gnurgnon e pigre, com ch'u 's fuss proprie svigiäd alora, cmenzand con vendicä ben ben l'ingiuria fata am 'sta dona, el dventò un persecutor acanid 'd tut quii che da ché mument in pò i avess cumess qualcosa contra l'unor dla su curona.
Giovanni Papanti, Parlari italiani in Certaldo, 1875, pagg. 626-627

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ San Marino, sul sito de L'aménagement linguistique dans le monde
  2. ^ San Marino, sul sito de L'aménagement linguistique dans le monde; sui riscontri dialettologici vedi "RID, Rivista italiana di dialettologia, Scuola, società, territorio" (Edizione 1, Cooperativa libraria universitaria ed. Bologna, 1987, p.405) e "Atti e memorie della Regia deputazione di storia patria per le provincie di Romagna" (Stab. tip. di G. Monti, 1886, p.418)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]