Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dialetto carpigiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Dialetto modenese.

Dialetto carpigiano
carpsân
Parlato inItalia
Regionicomuni di Carpi, Novi di Modena, San Prospero, Bastiglia e Campogalliano
Locutori
Totale~60.000
Tassonomia
FilogenesiIndoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Italo-occidentali
    Occidentali
     Galloiberiche
      Galloromanze
       Galloitaliche
        Emiliano-romagnolo
         Dialetto emiliano
          Emiliano centrale
           Dialetto modenese
            Dialetto carpigiano
Codici di classificazione
ISO 639-2roa

Il dialetto Carpigiano[1] è una varietà della lingua Emiliano-Romagnola e, più specificatamente, del dialetto Modenese. È parlato, con qualche sotto-variante, nelle località della bassa pianura a ovest del fiume Panaro, ossia nel circondario di Carpi. È ancora molto diffuso nelle campagne novesi, dove assume un'importanza significativa.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il Carpigiano è più simile al Modenese rispetto al Mirandolese, in particolar modo per quanto riguarda il vocalismo, decisamente evoluto rispetto a quello originario del Latino Volgare:

  • la A lunga palatalizza: mèr, sèl, andèr (mare, sale, andare); tale passaggio non si verifica in contesto nasale: funtana, can, bagn (fontana, cane, bagno)
  • c'è l'apertura di e-o brevi in [ɛ - ɔ]: pèss, strètta, ròtt, biònnd (pesce, stretta, rotto, biondo)
  • ci sono i dittonghi antenasali [ɛi - ɔu]: bèin, vèint, mòunt, pasiòun (bene, vento, monte, passione)

Tra le principali differenze rispetto al Modenese si possono annoverare:

  • l'assenza di dittongazione nelle terminazioni -in, -un, -ina, -una: galina, lin, luna anziché galèina, lèin, låuna (gallina, lino, luna)
  • la presenza della più comune vocale [ɔ] al posto della [ʌ] Modenese: ròss, dònna, a cgnòss anziché råss, dånna, a cgnåss (rosso, donna, conosco)
  • il mancato abbassamento di [i-u] brevi: dritt, tutt anziché drétt, tótt (dritto, tutto)
  • il passaggio [θ>s]: sèinsa, mèrs anziché sèinza, mèrz (senza, marzo)
  • la perdita del passato remoto

Ortografia[modifica | modifica wikitesto]

Vocali[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti i dialetti emiliani, il carpigiano presenta molte più vocali rispetto all'italiano. Non esiste una convenzione che ne regoli la scrittura, le vocali lunghe sono segnalate dall'accento circonflesso (^), che ne allunga la durata. Nel dialetto scritto, le vocali non accentate si leggono come in italiano.

  • à - come in italiano (es. àqua, acqua)
  • â - a lunga (es. fât, fatto)
  • è - come in italiano (es. Chèrp, Carpi)
  • é - come in italiano (es. méno, meno)
  • ê - e lunga (aperta: es. andê, andato; o chiusa: es. drê, dietro)
  • ì - come in italiano (es. gnìnta, niente)
  • î - ì lunga (es vlîv, volete)
  • ò - come in italiano (es nòm, nome)
  • ó - come l'italiano forse (es. fóren, forno)
  • ô - o lunga (aperta: es. piôc', pidocchio; o chiusa: es. fiôl, figlio)
  • ù - come in italiano (es. tùt, tutto )
  • û - ù lunga (es. chersû, cresciuto)

Consonanti[modifica | modifica wikitesto]

In linea di massima si usano tutte le consonanti adoperate in italiano, con la stessa grafia, seppure con qualche modifica.

A fine parola:

  • c' come la c di cera (es. fnòc'', finocchio)
  • ch come la c di cane (es. pórch, maiale)
  • g' come la g di gelato (es. mâg'', maggio)
  • gh come la g di gatto (es. côgh, cuoco)

La j assume il compito della i intervocalica, come nell'italiano cuoio. Tuttavia, per analogia fonetica può essere sostituita dalla vocale î.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Trasposizione del Padre Nostro:

Pèder noster
ch' et sî in dal ciêl
ch'a sia bendètt al tô nòm.
Ch'a vèggna al tô règn,
ch'a vèggna fât quel te vô.
acsè in ciêl, acsè in tèra.
Das incô al noster pân quotidiàn,
e scanžela i nòster débit
cmè nuèter a i scanžlòmm ai nòster debitôr.
E an purtères brisa in tentasiòun,
ma tìnes luntân dal mêl.
Amen.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesie in dialetto carpigiano, Argia Montorsi, 1982.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]