Dialetto lucerino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Dialetti della Puglia.

Lucerino
Lucèrìne
Parlato in Italia Italia
Parlato in Puglia Puglia
Tassonomia
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue italiche
  Lingue romanze
   Dialetti italiani meridionali
    Dialetti dauno-appenninici
     Lucerino
Estratto in lingua
"I figghje quanne i crissce te sò figghje, quanne sò cressciúte te sò parinde, quanne se nzorene te sò ninde"
Dialetto lucerino.JPG
Dove è parlato il lucerino

Il lucerino è un dialetto parlato nell'antica città di Lucera. Rientra nei dialetti pugliesi settentrionali (dauno-appenninici), a loro volta parte dei dialetti italiani meridionali. È una variante della lingua napoletana e si differenzia dal dialetto foggiano e dagli altri parlati del Tavoliere, dal dialetto garganico e dai dialetto apulo-barese, con i quali presenta delle affinità.[1] Di probabile derivazione greco-latina, il lucerino ha affinità con l'arabo, il francese, lo spagnolo e il tedesco.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Storia di Lucera.

Il dialetto lucerino ha origini antichissime, come del resto Lucera, che da città dauna diviene Colonia di diritto Latino e in seguito Municipio Romano e capoluogo di Apulia et Calabria. Lucera mantiene il suo ruolo centrale nella Daunia anche nel periodo medievale, in particolare nel XII secolo, con Federico II di Svevia che la trasforma in una città araba. Tornata cristiana con gli Angioini, è sede della Dogana delle Pecore e Capoluogo di Capitanata e del Contado del Molise fino al 1806. Tutti questi cambiamenti furono decisivi per lo sviluppo del dialetto lucerino, in particolare il periodo arabo che ha lasciato una notevole impronta nel parlato cittadino, basti pensare alla forma ja tuttora usata.

Esempi linguistici[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito alcuni esempi del dialetto lucerino:

  • Mammalucche, usato per indicare una persona goffa, sciocca, sottomessa. Deriva dall'arabo mamluk (posseduto, schiavo).[3]
  • Alià, usato per indicare l'atto di sbadigliare per fame o per sonno. Originariamente dal latino halitus, poi dallo spagnolo alear.[4]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto lucerino rientra nei dialetti dauno-appenninici (IIIa) nel sistema dei dialetti italiani meridionali

Il lucerino è stato utilizzato da diversi poeti locali. Si elencano alcune pubblicazioni.

  • Cusareddhe pajesane, Lucera, Scepi, 1933
  • Enrico Venditti, Poesie in dialetto lucerino, Lucera, Catapano, 1965
  • Enrico Venditti, Giuvanne e Frangische, Lucera, 1971
  • Enrico Venditti, U cacc’ e mitte, Lucera, 1972
  • Enrico Venditti, A tramute, Lucera, 1974
  • Enrico Venditti, Tantannarrète, Lucera, 1977
  • Costantino Catapano, Na zènn d lucerin, Lucera, Catapano, 1980, rist. 2004
  • Lella Chiarella, A ruchele d’u Castille, Lucera, Orion, 1980
  • Enrico Venditti, Lucerine ’mbocacciucce, Lucera, 1980
  • Lella Chiarella, I trascurze mammanonne, Lucera, Catapano, 1984
  • Enrico Venditti, U mègghie poste, Lucera, 1987
  • Pasquale Zolla, U munn’è fatt’a pesature, Lucera, Catapano, 1988

Teatro e Musica[modifica | modifica wikitesto]

Dagli ultimi decenni degli anni Novanta, un ruolo importante nella trasmissione del dialetto lucerino è svolto del Gruppo teatrale "Amici dell'Arte" [5], guidato da Germano Benincaso dal 1969. Il gruppo ha portato in scena numerose commedie con adattamenti in vernacolo lucerino, e opere inedite realizzata dal Benincaso. La prima opera data alle stampe è Ze Necole (Lucera, Catapano, 1975).

Nel 1993 il gruppo ha pubblicato anche il cd ..E sò' Lucere ancòre. Arie - stornelli e canti lucerini, con una serie di canti in dialetto lucerino, testi di Germano Benincaso, musiche di Pasquale Ieluzzi e voce di Michele Ieluzzi. [6]

  • CD:
  1. Stornelli lucerini (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  2. Na vote a l'anne (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  3. A santocchie (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  4. Serenate a matetine (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  5. Ricordi di donna (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  6. Prime e mo' (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  7. Serena te a rusina mije (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  8. Quann 'a gatt 'nge sta'... (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  9. I serenata napoletana (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  10. Ipezzuttare (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  11. U passaguaje (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  12. La bella di mamma (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  13. Stornelli pugliesi (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  14. Steve 'na vote (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  15. U scazzamurill (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)
  16. ...e so' Lucera ancore (testo: Germano Benincaso – musica: Pasquale Ieluzzi)

Di seguito la prima strofa di Stornelli lucerini e la relativa traduzione in italiano:

(LUCERINO)

« Teneme nu Castille
sop' a na bèlla coppe;
d'abbasce l'è guardà
pecchè 'nze pò 'nghianà.
Po' stace ' Anfitèatre,
pèrò si vin'a sere,
tu nenn u puje truva
pecchè luce 'nge ne stà.
Rit. Lariulì, lariulà;
lariulì, lariulì, là, là. »

(IT)

« Abbiamo un Castello
sopra un bel colle;
dal basso lo devi guardare
perché non si può salire
Poi c'è l'Anfiteatro,
però se vieni la sera,
tu non lo puoi trovare
perché luce non ce n'è.
Rit. Lariulì, lariulà;
lariulì, lariulì, là, là. »

(da: Stornelli Lucerini[7])

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Piccolo, Il dialetto di Lucera (Foggia). Lucera, 1939
  • Enrico Venditti, Ciacianella. Vicende e personaggi della vecchia Lucera, Lucera, Catapano, 1969
  • Lella Chiarella-Mimmo D'Agruma, Proverbi lucerini, motti e modi di dire, Lucera, Edistampa, 1981
  • Dionisio Morlacco, Chi campa véde. Profili di popolani, Lucera, Catapano, 1987
  • Michele Urrasio, Enrico Venditti, Lucera, Catapano, 1989
  • Pasquale Zolla, Nucére, pajése de Sanda Marrije, Lucera, Edistampa, 1991
  • Lella Chiarella-Mimmo D'Agruma, U farnale. Arguzia ironia estro nel dialetto di Lucera, Lucera, Edistampa, 1991
  • Le parole della memoria. Antologia della poesia dialettale della Daunia, Lucera, 1992
  • Dionisio Morlacco, Bazar Tripoli. Noterelle di costume, Lucera, Catapano, 1994
  • Romano Petroianni, U murare. Interiezioni, locuzioni ed espressioni in dialetto lucerino, Lucera, Scepi, 2004
  • Romano Petroianni, Na defreschate de cape, Lucera, 2007
  • Enrico Venditti, Cifre di memoria. Poesie e saggi per la cultura e la storia (a cura di Giuseppe Trincucci), Foggia, Litostampa, 2009
  • Poveri ma felici. Lucera di una volta nei racconti di Vincenzo Palumbo (a cura di Massimiliano Monaco), Lucera, Catapano, 2013
  • Dionisio Morlacco, Dizionario del dialetto di Lucera, Lucera, 2015
  • Lino Zicca-Lino Montanaro, Bar De Chiara. Storie da bar: un album di ricordi, di fatti, di fantasie, di aneddoti e di personaggi, Lucera, Catapano, 2016
  • Aldo Pedicino, Terra mia. Grammatica, poesia e modi di dire in dialetto lucerino (a cura di Massimiliano Monaco), Lucera, 2016

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]