Dialetto goriziano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il dialetto goriziano è una variante della lingua veneta utilizzato principalmente a Gorizia città e nei suoi dintorni.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La variante della lingua veneta che si parla oggi in città è di derivazione dialetto bisiaco; nel secondo dopoguerra a seguito dell'esodo istriano-dalmata è iniziato l'uso del dialetto istroveneto. Questi due dialetti si sono affiancati all'autoctono friulano goriziano e lo sloveno, quest'ultimo parlato nelle frazioni a nord e ovest della città. Sia la lingua friulana che la lingua slovena sono abitualmente parlate a Gorizia, soprattutto in alcuni rioni; per la lingua friulana, oltre ad alcuni rioni di Gorizia città, ricordiamo la frazione di Lucinico interamente friulanofona e dalla forte identità friulana[senza fonte].

Gorizia, ai sensi dell'art. 2 della L. 482/99 (tutela minoranze linguistiche), si è ufficialmente dichiarata città a presenza linguistica friulana e slovena.[1]. Tutti i cartelli stradali della provincia di Gorizia sono bi/trilingui: "italiano-friulano" e "italiano-friulano-sloveno"

Il friulano utilizzato da secoli dalla popolazione di Gorizia assieme allo sloveno, ha apportato diversi vocaboli nel dialetto veneto goriziano.

Il dialetto goriziano ha rappresentato, fin dalla sua apparizione in città, all'inizio del XX secolo, la parlata dei simpatizzanti dell'italianità di Gorizia e in generale del nazionalismo italiano, in contrapposizione ai parlanti friulano e sloveno espressione delle due secolari culture autoctone di Gorizia che coesistevano in epoca asburgica.[senza fonte]

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di frasi in veneto goriziano (si noti come sia quasi del tutto identico al triestino)[senza fonte]:

  • el gaveva l'ufficio visavi' de mi ("lui aveva l'ufficio di fronte al mio")
  • ciò che zima che xe oggi ("che freddo che fa oggi")
  • te ga tacado il sparget che go de cusinar? ("hai acceso il fornello che devo cucinare?")
  • ciò quel li xe proprio un mona! ("quello li è proprio uno stupidino!")

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LEGGE 482/99 – TUTELA MINORANZE LINGUISTICHE: 1) MINORANZA LINGUISTICA FRIULANA - COMUNI IN PROVINCIA DI GORIZIA DI LINGUA FRIULANA: Capriva del Friuli, Cormons, Dolegna del Collio, Farra d'Isonzo, "Gorizia", Gradisca d'Isonzo, Mariano del Friuli, Medea, Monfalcone, Moraro, Mossa, Romans d'Isonzo, Sagrado, San Lorenzo Isontino, Villesse, [1] 2) MINORANZA LINGUISTICA SLOVENA - COMUNI DI LINGUA SLOVENA IN PROVINCIA DI GORIZIA: "Gorizia", Cormons, Doberdò del Lago, Monfalcone, Ronchi dei Legionari, San Floriano del Collio, Savogna d'Isonzo e Sagrado]