Dialetto astigiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Astigiano
Astësan
Parlato inItalia
Regioniprovincia di Asti
Locutori
Totale~
Tassonomia
FilogenesiIndoeuropee
 Romanze
  Galloromanze
   Galloitaliche
    Piemontese
Statuto ufficiale
Ufficiale in-
Regolato danessuna regolazione ufficiale
Codici di classificazione
ISO 639-2roa

L'astigiano (astesan) è un dialetto piemontese orientale o basso piemontese, viene parlato ad Asti e provincia.[1]

Nella Langa astigiana (Roccaverano, Bubbio) viene invece parlato il dialetto langarolo mentre andando verso Alessandria una variante dell'alessandrino.

L'Astigiano, come del resto le altre varietà regionali, nell'ultimo secolo è andato italianizzandosi: in particolare si nota la sostituzione di alcuni vocaboli, come ad esempio: zìo, zìa (zio, zia) al posto di barba o magna. Tuttavia non vanno confusi tali fenomeni con la presenza di tipi lessicali diversi dal modello torinese e piuttosto orientati verso modelli lombardi o liguri.

Influenze esterne nei borghi della città[modifica | modifica wikitesto]

In alcuni studi comparsi negli sessanta e settanta del XX secolo, ad opera di Socco, Poggi e Borello, emerse che il dialetto astigiano, all'interno della città presentava ancora un'ulteriore suddivisione nei quartieri a seconda della sistemazione geografica di questi in rapporto con il circondario della città.

Il quartiere senz'altro più conservativo era quello del Borgo Tanaro, collocato nella zona meridionale della città: esso manteneva ancora molti vocaboli monferrini come il bocin (vitello), eva (acqua), lacé (mungere), sufranìn (fiammifero).[2]

Un'altra zona caratteristica era quella della Torretta, nei pressi di corso Torino a Nord-Ovest con influenze simili alla parlata di San Damiano e Baldichieri d'Asti e qualche contaminazione torinese: per esempio polé (pollaio) al posto del più arcaico giuch.

Nella zona meridionale, nel Borgo san Rocco, le influenze dialettali erano simili ai vicini paesi di Isola d'Asti, Montegrosso d'Asti e Revigliasco ed il borgo formava anche un nucleo compatto con il dialetto di Asti centro.[3]

Una considerazione a parte meritava infine il Borgo San Pietro, posizionato nella zona est della città: la parlata presentava già molti vocaboli innovatori e molte "italianizzazioni".

Negli ultimi decenni, il dialetto astigiano, come per quasi tutti gli altri dialetti piemontesi è ormai scarsamente utilizzato, rimpiazzato dall'italiano.

Si osserva ancora una certo utilizzo del dialetto dalla popolazione dei paesi della provincia.

Scrittori e poeti[modifica | modifica wikitesto]

Giovan Giorgio Alione (Asti, ca. 1460-1470 – Asti, 1529) è stato uno dei più arguti e giocondi poeti rinascimentali del Piemonte. Le sue opere più importanti, le Farse, sono state scritte in dialetto astigiano.[4]

Vittorio Alfieri (Asti, 16 gennaio 1749Firenze, 8 ottobre 1803), non dimenticò mai le sue origini, con quel «misto di ferocia e generosità, che non si potrà mai capire da chi non ha esperienza dei costumi e del sangue piemontese». Scrisse due sonetti (gli unici) in dialetto piemontese datati aprile e giugno 1783.

Angelo Brofferio (Castelnuovo Calcea, 6 dicembre 1802Locarno, 25 maggio 1866) fortemente legato alla cultura piemontese, scrisse moltissime canzoni in dialetto, soprattutto legate al concetto di Patria Italiana e di indipendenza dallo straniero; alcune di esse furono interpretate da Gipo Farassino nell'album Guarda che bianca lun-a, del 1974.

Proverbi[modifica | modifica wikitesto]

Cosach a son coj d'Ast, largh ed boca strèit ed man.
Sono cosacchi quelli di Asti, larghi di bocca e stretti di mano (chiacchieroni ma avari).
Coj 'd San Damian tiro la pera e scondon la man.
Quelli di San Damiano tirano la pietra e nascondono la mano.
Fa 'd pat ciàir e parla pòch
Fa' i patti chiari e parla poco.
Mostrè ai gat a rampignè
Insegnare ai gatti come arrampicarsi.
L'han mangiaje fin-a le braje.
Gli hanno portato via anche i pantaloni.
Chi a pissa ciàir s'anfot di médich.
Chi piscia chiaro se ne frega dei medici.
A l'ha sempi freid ai pè.
Ha sempre freddo ai piedi.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo musicale dei Farinei d'la brigna, nato nel 1986, canta anche in dialetto astigiano. Il loro pezzo più famoso è rimasto certamente "La mè Panda a perd i tòch" (La mia Panda perde i pezzi), parodia della canzone "La mia banda suona il rock" di Fossati. È anche da citare la canzone di Paolo Conte Sijmadicandhapajiee, che vuol dire siamo dei cani da pagliaio.

Toponimi[modifica | modifica wikitesto]

Nome italiano Nome in astigiano Nome in koiné
Asti Ast Ast
Nizza Monferrato Nissa Nissa
Canelli Canej Canej
Casorzo Casörs Casors
Costigliole d'Asti Costiòli Costiòle
Incisa Scapaccino Ansisa Ansisa
Villanova d'Asti Vilaneuva Vilaneuva
Cocconato Cocnà Coconà
Portacomaro Portacomè Portacomé
Cinaglio Sinaj
Villafranca d'Asti Vilafranca Vilafranca
Maretto Maret Marej
Roatto Ruat Ruat
Monale Monà Monal
San Damiano d'Asti San Damian San Damian
Penango Pnangh Pnangh
Cortandone Cortandon Cortandon
Montafia Montafìa Montafìa
Montemagno Montmagn Montmagn
Castelnuovo Belbo Castaunov Berb Castelneuv Belb
Castelnuovo Calcea Castaunov Brisò Castelneuv Brusà

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Borello E. Alcune note sui dialetti di Asti. Asti, Il Platano, Anno I numer 2, marzo - Aprile 1976
  2. ^ Borello E. Alcune note sui dialetti di Asti. Asti, Il Platano, Anno I numer 2, marzo - Aprile 1976, pag 7.
  3. ^ Poggi M., Corrispondenze tra il dialetto di Asti e le parlate del suo contado, tesi di laurea in dialettologia, Torino 1970 - 1971, relatore prof. C. Grassi
  4. ^ Cotronei B., Le farse di G.G.Alione, poeta astigiano della fine del secolo XV. Reggio Calabria 1889, pag 15.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Borello E. Alcune note sui dialetti di Asti. Asti, Il Platano, Anno I numer 2, marzo - Aprile 1976
  • Brero Camillo, Gramàtica Piemontèisa. Seconda edizione Ij Brandè, Torino 1971.
  • Di Sant'Albino Vittorio, Dizionario Piemontese - Italiano - Latino - Francese. 2 volumi, Carmagnola 1830, ed. anastatica Torino 1965.
  • Levi Attilio, Dizionario Etimologico del dialetto piemontese. Ed. Paravia, 1927, ed. anastatica Torino 1971.
  • Musso Gian Carlo, Gramàtica Astësan-a. Riflesso 2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]