Monale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monale
comune
Monale – Stemma Monale – Bandiera
Monale – Veduta
Panorama
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Asti-Stemma.png Asti
Amministrazione
SindacoSergio Magnetti (lista civica Monale che cambia) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate44°56′19″N 8°04′25″E / 44.938611°N 8.073611°E44.938611; 8.073611 (Monale)Coordinate: 44°56′19″N 8°04′25″E / 44.938611°N 8.073611°E44.938611; 8.073611 (Monale)
Altitudine200 m s.l.m.
Superficie9,11 km²
Abitanti1 011[1] (30-11-2017)
Densità110,98 ab./km²
FrazioniSalesina, San Carlo, Valle Brina, Roja
Comuni confinantiAsti, Baldichieri d'Asti, Castellero, Cinaglio, Cortandone, Maretto, Villafranca d'Asti
Altre informazioni
Cod. postale14013
Prefisso0141
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT005067
Cod. catastaleF323
TargaAT
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona E, 2 681 GG[2]
Nome abitantimonalesi
Patronosanta Caterina d'Alessandria
Giorno festivo25 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Monale
Monale
Monale – Mappa
Mappa di localizzazione del comune di Monale nella provincia di Asti
Sito istituzionale

Monale (Monal o Monà in piemontese) è un comune italiano di 1.014 abitanti della provincia di Asti, in Piemonte.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La torre della Bastita
  • Castello Scarampi, inserito nel sistema dei "Castelli Aperti" del Basso Piemonte: edificato sul bric San Giovanni nel 1161, è stato restaurato nel XX secolo a cura dei conti Gani
  • Parrocchiale di Santa Caterina d'Egitto : di antiche origini, nel 1678 venne ampliata e dotata di un campanile
  • Chiesa di Santa Maria del Fonte : risalente al secolo XIV, fu in passato sede della parrocchia di Monale. Nel XVII secolo venne ampliata, e svolge oggi la funzione di chiesa cimiteriale
  • La Bastita : si presenta oggi in forma di edificio seicentesco che sovrasta il paese. Risale agli inizi del Trecento, quando venne edificato come rustico fortino in legno, ed assunse poi gradualmente le caratteristiche di un castello

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 1º gennaio 2013 la popolazione straniera residente era di 72 persone che rappresentano il 7.1% dell'intera popolazione residente. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione straniera residente erano:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 giugno 1985 25 maggio 1990 Giuseppe Bolla lista civica Sindaco [4]
25 maggio 1990 24 aprile 1995 Giuseppe Bolla Democrazia Cristiana Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Giuseppe Bolla centro Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Giuseppe Bolla lista civica Sindaco [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Battista Felice Veglio lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 25 maggio 2014 Sergio Magnetti lista civica: Monale che cambia Sindaco [4]
26 maggio 2014 in carica Sergio Magnetti lista civica: Monale che cambia Sindaco [4][5]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte della comunità collinare Valtriversa.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/
  5. ^ Comune di Monale, La Repubblica; risultati on-line su www.repubblica.it (consultato nel giugno 2014)
  6. ^ Cazouls D'Herault: Gemellaggio

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233900556
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte