Giovanni Carlo Bovio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giovanni Carlo Bovio
arcivescovo della Chiesa cattolica
 
Incarichi ricoperti
 
Nato5 gennaio 1522 a Brindisi
Nominato vescovo10 dicembre 1546 da papa Paolo III
Consacrato vescovo27 marzo 1558 dall'arcivescovo Francesco Aleandro
Elevato arcivescovo21 giugno 1564 da papa Pio IV
Decedutosettembre 1570 a Ostuni
 

Giovanni Carlo Bovio (Brindisi, 5 gennaio 1522Ostuni, settembre 1570) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Nacque a Brindisi da Andrea nobile bolognese e da Giulia Fornari, brindisina.

Fu mandato a Bologna presso i parenti per frequentare quella università. Laureatosi nell'uno e l'altro diritto, andò a Roma dove abbracciò lo stato ecclesiastico e si dedicò allo studio della teologia e delle lingue classiche e orientali.

Tradusse dal greco al latino le Constitutiones Apostolicae di san Clemente Romano e la Orazione panegirica di San Teodoro di san Gregorio di Nissa.

Fu arcidiacono della cattedrale di Monopoli; il 10 dicembre 1546 venne nominato vescovo coadiutore di Ostuni, succedendo alla cattedra come vescovo eletto quattro anni dopo, alla rinuncia del predecessore. Il 27 marzo del 1558 ricevette la consacrazione episcopale dalle mani dell'arcivescovo Francesco Aleandro, arcivescovo di Brindisi e Oria, co-consacranti i vescovi Nicola Angelo Olivieri, vescovo di Acerno, e Ottaviano Preconio, allora vescovo di Monopoli. Nel 1562 era a Trento in occasione dei lavori del Concilio. Il 21 giugno 1564 fu nominato arcivescovo di Brindisi e Oria. Compì la prima sacra visita dell'arcidiocesi (1565) e diede disposizioni per ristabilire la morale la disciplina nel clero. Nel 1566 chiamò i Cappuccini in Brindisi nel 1568 i Riformati. Edificò a Oria un nuovo palazzo vescovile e vi dimorò.

Morì a Ostuni e fu sepolto a Oria. Il letterato Quinto Mario Corrado gli compose questo epitaffio:

IOANNEM CAROLUM BOVIUM DE SANGUINE CLARUM
VIRTUTIS PAUPERTATIS LITERAEQUE PATRONUM
BRUNDUSIUM GENUIT, NUTRIT BONONIA DOCTA
OSTUNIUM RAPUIT, TUMULO NUNC URIA CONDIT

Genealogia episcopale

[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN15123238 · ISNI (EN0000 0000 6130 8958 · SBN RMLV020600 · BAV 495/28053 · CERL cnp01117270 · LCCN (ENno2018051687 · GND (DE119627507 · BNE (ESXX5502093 (data)