Basilica cattedrale di Oria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Basilica cattedrale di Oria
Oria Basilica Cattedrale.jpg
Visione d'insieme della basilica cattedrale di Oria
Stato Italia Italia
Regione Puglia Puglia
Località Oria
Religione Cattolica
Titolare Maria
Diocesi Oria
Stile architettonico Barocco
Inizio costruzione XVIII secolo (Su preesistente edificio medievale)

Coordinate: 40°29′51.72″N 17°38′31.92″E / 40.4977°N 17.6422°E40.4977; 17.6422

La basilica cattedrale di Oria, dedicata a Maria Santissima Assunta in Cielo, è la maggiore e più importante chiesa della diocesi di Oria.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La forma attuale della basilica cattedrale la si deve al vescovo Castrese Scaja, che nel 1750 fece demolire la precedente chiesa medievale in stile romanico (pericolante a causa di un terremoto avvenuto il 20 febbraio 1743) facendo costruire la nuova cattedrale di gusto barocco[1].

Durante l'edificazione della nuova cattedrale barocca, progettata dall'architetto Giustino Lombardi, per finanziare il nuovo progetto due colonne di marmo verde dell'antica cattedrale romanica furono acquistate per 8000 ducati dal re di Napoli per abbellire la cappella della Reggia di Caserta.

La cattedrale oritana, per volere di papa Giovanni Paolo II, nel 1992 ha ottenuto il riconoscimento di basilica minore[1][2].

Di particolare interesse risulta la "cripta delle mummie" sottostante all'edificio, un oratorio cinquecentesco sulle cui pareti sono state ricavate nicchie che contengono i cadaveri mummificati di confratelli dell'Arciconfraternita della Morte[1].

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Particolare della facciata della Basilica Cattedrale di Oria. In alto lo stemma cittadino
La cupola

La facciata è in carparo locale. A sinistra si erge la torre dell'orologio e, dietro, quella campanaria. Il tutto è poi dominato dalla superba cupola rivestita da mattonelle policrome. La pianta, a croce latina, è ripartita in tre navate. Per la forte somiglianza con la Basilica di San Pietro in Vaticano è soprannominata "la San Pietro in piccolo".

Nei sotterranei della basilica sono inoltre visibili resti della preesistente città messapica, e di una cisterna romana; qui sono inoltre state rinvenute alcune tombe.

Interni[modifica | modifica wikitesto]

All'interno sono presenti numerosi dipinti di gran pregio che vanno dal XVI secolo fino al XXI secolo. La grande pala, dal titolo L'Assunzione della Beata Vergine Maria al Cielo (larghezza 4mt - altezza 5mt), posta sull'altare maggiore in data 29 agosto 2005 in occasione dell'inizio del ministero episcopale di mons. Michele Castoro, è ad opera dell'artista Salvatore Torretti.

Sono inoltre presenti pregiati marmi e stucchi, 4 candelabri in bronzo, e di particolar pregio sono diverse artistiche statue quali quelle dei santi medici di scuola veneziana e quella del protettore san Barsanofio di scuola napoletana.

Nei sotterranei sono inoltre presenti oltre che i già citati resti della città messapica e romana i resti architettonici della precedente chiesa medievale. Inoltre nei sotterranei vi sono le mummie di 11 confratelli che un tempo furono soldati che hanno combattuto a Otranto contro i Saraceni.

Nell'area ai piedi del presbiterio sono presenti ulteriori sotterranei dove sono sepolti alcuni vescovi di Oria. Nella basilica cattedrale sono inoltre presenti varie importanti reliquie tra cui alcune dei santi medici e il braccio del patrono san Barsanofio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Oria - la Basilica Cattedrale, su Carpe Diem Oria.it, 22.04.2012. URL consultato l'11.04.2015.
  2. ^ (EN) Catholic.org Basilicas in Italy

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]