Fernando Filoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fernando Filoni
cardinale di Santa Romana Chiesa
Card. Fernando Filoni in Taiwan.jpg
Il cardinale Filoni il 1º marzo 2019
Coat of arms of Fernando Filoni.svg
Lumen Gentium Christus
 
TitoloCardinale vescovo di Nostra Signora di Coromoto in San Giovanni di Dio (dal 2018)
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato15 aprile 1946 (73 anni) a Manduria
Ordinato presbitero3 luglio 1970 dal vescovo Antonio Rosario Mennonna
Nominato arcivescovo17 gennaio 2001 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo19 marzo 2001 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale18 febbraio 2012 da papa Benedetto XVI
 

«Sono certo che sarai per le comunità cristiane sparse in quelle terre un messaggero di pace e di speranza.»

(Papa Giovanni Paolo II, il 19 marzo 2001, in occasione della sua ordinazione episcopale)

Fernando Filoni (Manduria, 15 aprile 1946) è un cardinale e arcivescovo cattolico italiano, dal 10 maggio 2011 prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Manduria, in provincia di Taranto e diocesi di Oria, il 15 aprile 1946, da Salvatore e Severina Baglivo, originari di Galatone, in provincia di Lecce e diocesi di Nardò-Gallipoli, ma trasferitisi a causa dell'attività lavorativa del padre.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Frequenta le scuole medie a Galatone e gli studi ginnasiali presso il seminario vescovile di Nardò, quelli filosofici nel Pontificio Seminario Regionale Pugliese "Pio XI" di Molfetta, conduce gli studi teologici a Viterbo.

Il 3 luglio 1970 è ordinato presbitero, nella collegiata dell'Assunta di Galatone, dal vescovo Antonio Rosario Mennonna.

Dopo l'ordinazione frequenta la Pontificia Università Lateranense a Roma, dove ottiene la laurea in diritto canonico, e l'Università "La Sapienza", dove ottiene la laurea in filosofia. Presso l'allora Università "Pro Deo" consegue il diploma in scienze e tecniche dell'opinione pubblica, specializzandosi in giornalismo. Per nove anni è vicario parrocchiale a San Tito ed insegna presso i licei classici "Vivona" e "Socrate".

Terminati gli studi, il cardinale Ugo Poletti gli propone di entrare nella Pontificia accademia ecclesiastica; nel frattempo è nominato canonico della collegiata di Galatone. Il 3 aprile 1981 entra nel servizio diplomatico della Santa Sede e viene inviato nello Sri Lanka. Trasferito in Iran nel 1983, dal 1985 si occupa delle organizzazioni internazionali presso la Segreteria di Stato della Santa Sede. Dal 1989 al 1992 è in Brasile, in seguito è inviato ufficialmente nelle Filippine, ma in realtà opera a Hong Kong, dove la Santa Sede aveva aperto una missione di studio per i rapporti con la Cina.

Conosce l'inglese, il francese, lo spagnolo e il portoghese.

Ministero episcopale e cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Nunzio apostolico in Giordania ed Iraq[modifica | modifica wikitesto]

Mons. Filoni riceve la cittadinanza onoraria del comune di Galatone.

Il 17 gennaio 2001 papa Giovanni Paolo II lo nomina arcivescovo titolare di Volturno e nunzio apostolico in Giordania ed Iraq[1]; succede a Giuseppe Lazzarotto, precedentemente nominato nunzio apostolico in Irlanda. Il 19 marzo successivo riceve l'ordinazione episcopale, nella basilica di San Pietro in Vaticano, per imposizione delle mani dello stesso pontefice, coconsacranti i cardinali Angelo Sodano e Giovanni Battista Re.

Durante la guerra in Iraq non abbandona il paese dilaniato dalle bombe, affrontando quotidiani rischi personali; testimonia più volte la vicinanza della Chiesa cattolica alle popolazioni martoriate e in maniera critica il dissenso di papa Giovanni Paolo II nei confronti delle potenze belligeranti.

Nunzio apostolico nelle Filippine[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 febbraio 2006 papa Benedetto XVI lo trasferisce alla nunziatura apostolica nelle Filippine[2]; succede ad Antonio Franco, precedentemente nominato nunzio apostolico in Israele e a Cipro e delegato apostolico a Gerusalemme e in Palestina.

Sostituto per gli affari generali della Segreteria di Stato[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 giugno 2007 è nominato sostituto per gli affari generali della Segreteria di Stato della Santa Sede da papa Benedetto XVI[3]; succede a Leonardo Sandri, nominato prefetto della Congregazione per le Chiese orientali.

Prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 maggio 2011 papa Benedetto XVI lo nomina prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli[4]; succede al cardinale Ivan Dias, dimessosi per raggiunti limiti di età. Ricoprendo questo incarico, è inoltre gran cancelliere della Pontificia università urbaniana e presidente della Commissione interdicasteriale per i religiosi consacrati.

Nel concistoro del 18 febbraio 2012 papa Benedetto XVI lo crea cardinale diacono di Nostra Signora di Coromoto in San Giovanni di Dio; il 26 febbraio successivo prende possesso della diaconia.

Il 12 e il 13 marzo partecipa come cardinale elettore al conclave del 2013, che porta all'elezione di papa Francesco.

Nel 2014 è inviato da papa Francesco in Iraq, a causa della grave situazione venutasi a creare a seguito della proclamazione dello Stato Islamico dell'Iraq e del Levante specie per le popolazioni cristiane che vivono nella regione[5].

Il 26 giugno 2018 lo stesso papa Francesco, derogando ai canoni 350 §§ 1-2 e 352 §§ 2-3 del Codice di diritto canonico, lo eleva all'ordine dei cardinali vescovi, con effetto dal 28 giugno successivo[6].

È membro della Congregazione per la dottrina della fede, della Congregazione per le Chiese orientali, della Congregazione per l'educazione cattolica, della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, del Pontificio consiglio per i testi legislativi e del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 4 ottobre 2008[7]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella di Romania (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella di Romania (Romania)
— 2008[9]
Gran croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 11 maggio 2010

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dio e l'alterità nel pensiero di Emmanuel Levinas (1979),
  • La morale come filosofia della vita in Socrate (1981),
  • Dalla Diocesi di Babilonia dei Latini e Delegazione Apostolica di Mesopotamia, Kurdistan e Armenia Minore alla Nunziatura Apostolica in Iraq, pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana (2006);
  • La Chiesa nella terra d'Abramo. Dalla diocesi di Babilonia dei latini alla nunziatura apostolica in Iraq, pubblicato dalla Bur Biblioteca Univ. Rizzoli (SAGGI) (2008);
  • La Chiesa in Iraq – Storia, sviluppo e missione, dagli inizi ai nostri giorni, pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana. (2015).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine. Nomina del Nunzio Apostolico in Giordania e in Iraq, su press.vatican.va, 17 gennaio 2001. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  2. ^ Rinunce e nomine. Nomina del Nunzio Apostolico nelle Filippine, su press.vatican.va, 25 febbraio 2006. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  3. ^ Rinunce e nomine. Nomina del Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato, su press.vatican.va, 9 giugno 2007. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  4. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia del Prefetto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli e nomina del nuovo Prefetto, su press.vatican.va, 10 maggio 2011. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  5. ^ Iraq: Papa affida a cardinale Filoni messaggio di pace e aiuti, agi.it, Data pubblicazione 10-08-2014. URL consultato il 15-08-2014 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2014).
  6. ^ Rescriptum ex audientia SS.MI: Rescritto del Santo Padre con cui ha deciso di cooptare nell'Ordine dei Vescovi, equiparandoli in tutto e per tutto ai Cardinali insigniti del titolo di una Chiesa suburbicaria, i Cardinali Parolin, Sandri, Ouellet e Filoni, su press.vatican.va, 26 giugno 2018. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  7. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  8. ^ Cittadinanza onoraria a Mons. Fernando Filoni, Città di Galatone, 2 maggio 2006. URL consultato il 2 febbraio 2019.
  9. ^ Tabella degli insigniti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

- (versione epub)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN78798798 · ISNI (EN0000 0000 7851 4715 · LCCN (ENno2010082270 · GND (DE1073315452 · BNF (FRcb159383808 (data) · BAV ADV12215510