Regione ecclesiastica Lombardia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Regione ecclesiastica Lombardia
Regione ecclesiastica della Chiesa cattolica in Italia
Arcidiocesi metropolitane delle Province ecclesiastiche
Milano (9 suffraganee)
Conferenza episcopale
PresidenteMario Delpini, arcivescovo metropolita di Milano
VicepresidenteFrancesco Beschi, vescovo di Bergamo
Segretario generaleGiuseppe Scotti, presbitero dell'arcidiocesi di Milano
Ecclesiastical region Lombardy in Italy.svg
Parrocchie2.723
Sacerdoti6.976 di cui 5.347 secolari e 1.629 regolari
Diaconi137 permanenti
Abitanti8.612.332
Superficie22.699 km²
Dati dall'Annuario pontificio

La Regione ecclesiastica Lombardia è una delle sedici regioni ecclesiastiche in cui è suddiviso il territorio della Chiesa cattolica in Italia. Si tratta della regione ecclesiastica più popolosa all'interno della Conferenza episcopale italiana, anche se non la più grande (che è invece quella triveneta).

Il territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il suo territorio comprende la maggior parte della regione amministrativa Lombardia, che è in parte minore compresa nelle regioni ecclesiastiche Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna e Triveneto.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa delle diocesi cattoliche della Lombardia.

Questa regione ecclesiastica corrisponde alla sola provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Milano:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa lombarda, una delle più antiche al mondo e risalente al I secolo, cominciò a strutturarsi nel III secolo, ottenendo una precisa fisionomia grazie all'opera di Sant'Ambrogio, il quale estese la sua competenza fino a Coira e lottò contro i culti pagani e ariani.

Rito[modifica | modifica wikitesto]

Nella regione ecclesiastica della Lombardia, il rito ambrosiano è seguito dalla maggior parte delle parrocchie dell'arcidiocesi di Milano, nonché da qualche parrocchia delle diocesi di Bergamo, Lodi, Pavia. Le altre parrocchie seguono il rito romano.

Conferenza episcopale lombarda[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi delegati per i vari settori pastorali[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Agnesi, vescovo ausiliare di Milano, delegato per la pastorale dei migranti;
  • Francesco Beschi, vescovo di Bergamo, delegato per l'evangelizzazione e la cooperazione tra i popoli;
  • Gianmarco Busca, vescovo di Mantova, delegato per le comunicazioni sociali;
  • Roberto Busti, vescovo emerito di Mantova, delegato per il coordinamento degli economi;
  • Oscar Cantoni, vescovo di Como, delegato per la pastorale vocazionale, delegato per i seminari;
  • Erminio De Scalzi, vescovo ausiliare di Milano, delegato per la pastorale carceraria, delegato per la Caritas;
  • Mario Delpini, arcivescovo metropolita di Milano, delegato per la formazione permanente del clero, per i rapporti con il seminario lombardo e col Collegio San Carlo in Roma, delegato per la commissione presbiterale regionale;
  • Vincenzo Di Mauro, arcivescovo-vescovo emerito di Vigevano, delegato per il laicato, delegato per il tempo libero e lo sport;
  • Maurizio Gervasoni, vescovo di Vigevano, delegato per la pastorale giovanile e gli oratori, delegato per la pastorale del lavoro, delegato per la pastorale sociale e la formazione socio-politica;
  • Daniele Gianotti, vescovo di Crema, delegato per la catechesi, delegato per la liturgia;
  • Maurizio Malvestiti, vescovo di Lodi, delegato per l'ecumenismo, delegato GRIS (Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-Religiosa), delegato per le sette, delegato per i problemi legati a nuove religioni;
  • Paolo Martinelli, vescovo ausiliare di Milano, delegato per la vita consacrata, delegato per la pastorale della sanità;
  • Giuseppe Merisi, vescovo emerito di Lodi, delegato per l'osservatorio giuridico legislativo regionale, delegato per il sovvenire al sostegno economico della Chiesa;
  • Antonio Napolioni, vescovo di Cremona, delegato per la famiglia e la vita;
  • Corrado Sanguineti, vescovo di Pavia, delegato per i beni culturali, delegato per il diaconato, delegato per l'edilizia di culto;
  • Luigi Stucchi, vescovo ausiliare di Milano, delegato per Villa Cagnola a Gazzada Schianno;
  • Pierantonio Tremolada, vescovo di Brescia, delegato per la scuola e la pastorale universitaria[2].

Elenco dei Presidenti della Conferenza episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]