Paganesimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la rifondazione delle religioni pagane nell'età moderna e con tempo rane a, vedi Neopaganesimo.

Il termine paganesimo indica quelle religioni, specialmente quelle proprie della Grecia antica e della Roma antica, viste in opposizione al cristianesimo[1]. Il termine, in uso comune, viene utilizzato in ambito scientifico solo nel suo significato storico[1][2].

« Termine usato a indicare le religioni tradizionali dei greci e dei romani in opposizione al cristianesimo. Tali religioni erano infatti sopravvissute soprattutto nei villaggi delle campagne (pagi). Soltanto in questo senso storico il termine è ancora usato nella storia delle religioni.[1] »

Origine e significato storico del termine[modifica | modifica wikitesto]

Il termine paganus iniziò ad essere adottato dai cristiani dell'Impero per riferirsi a tutti i non cristiani, in particolare a coloro che continuavano a rimanere fedeli alle loro tradizioni religiose politeiste, a partire dal IV secolo[3]. Nella terminologia cristiana il suo significato e utilizzo corrisponde al biblico gentile (in ebraico: goy).

Il termine "paganesimo" è introdotto nella lingua italiana a partire dalla metà del XIV secolo[4] e deriva dal termine "pagano" introdotto in questa lingua a partire dalla seconda metà del XII secolo. Il termine "pagano" deriva a sua volta dal latino pagānu(m) dove indica il "civile", il "campagnolo", contrapposto al "militare". Pagānus deriva a sua volta dal termine sempre latino di pāgus (villaggio).

Henri Maurier[5] osserva come tali termini latini, pāgus e pagānus, indichino quei territori, e coloro che li abitano, in opposizione ai centri delle amministrazioni dell'Impero romano e, a differenza di questi ultimi che celebrano il culto imperiale, questi celebrano i culti locali.

Nel lessico cristiano questi termini entrano intorno al 370 quando il cristianesimo è divenuto religione ufficiale e quindi culto dell'impero[5]. Il latino liturgico ignora tuttavia questi termini preferendogli i termini di gens, gentiles, natio o nationes, lasciando pāgus e pagānus all'uso popolare e non "ufficiale" insieme ad altri termini come "infedeli" (latino infedēlis-e) o "idolatri" (latino ecclesiastico ido(lo)lătra[6]) i quali acquisiscono una connotazione peggiorativa[5]. Necessità del latino liturgico è quella di individuare un termine che renda quello greco di ethnicoi ("popoli"), a sua volta traduzione dell'ebraico biblico di goj (pl. gojim), per indicare i popoli diversi da quello ebraico ovvero dal "popolo eletto da Dio", diventato la chiesa di Cristo nell'ambito neotestamentario e quindi cristiano.

Paganesimo e neopaganesimo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Neopaganesimo.

Nel corso del XX secolo sono stati realizzati differenti modi di reinventare le religioni cosiddette "pagane"; tali modalità religiose si sono diffuse soprattutto in Europa e nel Nordamerica[7]. Rispetto a tale contesto sono stati coniati i termini "neopaganesimo" e "paganesimo moderno".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cfr. Paganesimo, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 30 novembre 2016.
  2. ^ Un suo utilizzo più allargato inerisce alla opposizione alle cosiddette "religioni abramatiche", cfr. Matthew D. Rogers, Paganism / Neopaganism, in Kocku von Stuckrad (a cura di), The Brill Dictionary of Religion, vol. 3, Leida-Boston, Brill, 2006, p. 1393 e sgg., ISBN 90-04-12433-0.
    «'Paganism' is a term historically applied to any and all religions outside the Abrahamic traditions of Judaism, Christianity and Islam, and in particular to the polytheistic religions indigenous to Europe».
  3. ^ (EN) Salzman, M. Sághy e M. Testa, R. L. (a cura di), Pagans and Christians in Late Antique Rome: Conflict, Competition, and Coexistence in the Fourth Century, Cambridge, 2015, pp. 119-120, ISBN 978-1-107-11030-4.
  4. ^ Alberto Nocentini. l'Etimologico, versione epub 1.5.0. Firenze, Le Monnier.
  5. ^ a b c (FR) Henri Maurier, Paganesimo, in Paul Poupard e Jacques Vidal (a cura di), Dictionnaire des religions, Parigi, Presses universitaires de France, 1984, ISBN 2-13-037978-8. In italiano: Paul Poupard, Dizionario delle religioni, Milano, Mondadori, 2007, pp. 1365 e sgg., ISBN 978-88-04-56659-5.
  6. ^ Dal greco ecclesiastico eidōlolatrēs (con semplificazione sillabica), composta da eidōlon (falso dio) e da un derivativo di latreúō (adorare).
  7. ^ (EN) Doniger, W. e Eliade, M. (a cura di), Merriam-Webster's Encyclopedia of World Religions, Merriam-Webster, 2000, pp. 794-795, ISBN 0-87779-044-2.
    «Neo-Paganism - any of the several spiritual movements that attempt to revive the ancient polytheistic religions of Europe and the Middle East. Neo-Paganism differs from ritual magic and modern witchcraft by striving to revive authentic pantheons and rituals of ancient cultures, though often in deliberately eclectic and reconstructionist ways, and by a particularly contemplative and celebrative attitude.».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4024001-0