Mario Delpini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Enrico Delpini
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Mario Enrico Delpini (Milan).svg
Plena est terra gloria eius
Titolo Milano
Incarichi attuali Arcivescovo eletto di Milano
Gran cancelliere della Facoltà teologica dell'Italia settentrionale
Incarichi ricoperti Vescovo titolare di Stefaniaco
Vescovo ausiliare di Milano
Vicario generale di Milano
Segretario generale della Conferenza Episcopale Lombarda
Nato 29 luglio 1951 (65 anni) a Gallarate
Ordinato presbitero 7 giugno 1975 dal cardinale Giovanni Colombo
Nominato vescovo 13 luglio 2007 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo 23 settembre 2007 dal cardinale Dionigi Tettamanzi
Elevato arcivescovo 7 luglio 2017 da papa Francesco

Mario Enrico Delpini (Gallarate, 29 luglio 1951) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 7 luglio 2017 arcivescovo metropolita eletto di Milano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Gallarate, in provincia di Varese ed arcidiocesi di Milano, il 29 luglio 1951, da Antonio e Rosa Delpini, terzo di sei figli. 

Cresce a Jerago con Orago, nella parrocchia san Giorgio di Jerago, frequentando le scuole del paese fino alla quinta elementare. Frequenta le scuole medie e i due anni del ginnasio nella scuola statale di Arona, risiedendo nel Collegio De Filippi.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Entra nel Seminario di Milano nella sede di Venegono Inferiore, nell'ottobre 1967, per frequentare la I liceo classico.

Il 7 giugno 1975 è ordinato presbitero, nel duomo di Milano, dal cardinale Giovanni Colombo.

Dal 1975 al 1987 insegna nel seminario minore dell'arcidiocesi di Milano, prima a Seveso poi a Venegono Inferiore. In questi anni consegue la laurea in lettere presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano con una tesi su La didattica del latino come introduzione alla Esegesi dei classici; la licenza in teologia presso la Facoltà teologica dell'Italia settentrionale con una tesi su La nozione di teologia di Giovanni Pico della Mirandola. Alunno del Pontificio seminario lombardo, frequenta l'Istituto Patristico Augustinianum di Roma, fino ad ottenere il diploma in Scienze Teologiche e Patristiche. Può allora dedicarsi all'insegnamento della lingua greca e della patrologia presso il seminario di Milano, nelle sedi di Seveso e Venegono Inferiore.

Nel 1989 viene nominato rettore del seminario minore di Venegono Inferiore; nel 1993 diventa rettore nel quadriennio teologico; dal 1993 al 2000 è docente della Facoltà teologica dell'Italia settentrionale e presso il seminario arcivescovile nelle sedi di Saronno e poi di Seveso. Dal 2000 al 2006 è rettore maggiore dei seminari di Milano.

Nel 2006 viene nominato vicario episcopale della Zona Pastorale VI di Melegnano, lasciando gli incarichi ricoperti in seminario.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 luglio 2007 papa Benedetto XVI lo nomina vescovo ausiliare di Milano e vescovo titolare di Stefaniaco[1]; riceve l'ordinazione episcopale il 23 settembre dello stesso anno, nella cattedrale di Milano, con il vescovo Franco Giulio Brambilla, dal cardinale Dionigi Tettamanzi, coconsacranti l'arcivescovo Francesco Coccopalmerio (poi cardinale) ed i vescovi Marco Ferrari, Renato Corti (poi cardinale) e Giuseppe Betori (poi arcivescovo e cardinale).

Nell'ambito della Conferenza Episcopale Lombarda ricopre, dal 2007 al 2016, l’incarico di segretario. Nell'ambito della Conferenza Episcopale Italiana è membro della Commissione per il Clero e la Vita Consacrata.

Il 5 aprile 2012, durante la Messa del crisma, il cardinale Angelo Scola rende nota la sua nomina a vicario generale dell'arcidiocesi ambrosiana, avvenuta il 29 giugno successivo. Il 21 settembre 2014 il cardinale Scola lo nomina vicario episcopale per la formazione permanente del clero e responsabile dell'Istituto Sacerdotale Maria Immacolata, che si occupa dei presbiteri del primo quinquennio di ordinazione; succede a monsignor Luigi Stucchi.

Il 7 luglio 2017 papa Francesco lo nomina arcivescovo metropolita di Milano[2]; succede al cardinale Angelo Scola, dimessosi per raggiunti limiti di età. Il 9 settembre prenderà possesso dell'arcidiocesi, mentre farà il suo ingresso il seguente 24 settembre[3].

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Araldica[modifica | modifica wikitesto]

Stemma Descrizione Blasonatura
Coat of arms of Mario Enrico Delpini.svg
Mario Delpini
Vescovo titolare di Stefaniaco
d'oro al pino al naturale cimato di tre colombe, tenuto da un destrochero. Lo scudo, accollato a una croce astile d'oro, posta in palo, è timbrato da un cappello con cordoni e nappe di verde. Le nappe, in numero di dodici, sono disposte sei per parte, in tre ordini di 1, 2, 3. Sotto lo scudo, nella lista svolazzante d'oro, il motto in lettere maiuscole di nero: PLENA EST TERRA GLORIA EIUS.
Template-Metropolitan Archbishop.svg
Mario Delpini
Arcivescovo metropolita eletto di Milano
al capo di Milano; d'oro al pino al naturale cimato di tre colombe, tenuto da un destrochero. Lo scudo, accollato a una croce astile patriarcale d'oro, posta in palo, è timbrato da un cappello con cordoni e nappe di verde. Le nappe, in numero di venti, sono disposte dieci per parte, in quattro ordini di 1, 2, 3, 4. Sotto lo scudo, nella lista svolazzante d'oro, il motto in lettere maiuscole di nero: PLENA EST TERRA GLORIA EIUS.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Accanto alla ricerca scientifica dedicata allo studio della letteratura cristiana antica e alla teologia dei Padri della Chiesa, Mario Delpini è autore di opere finalizzate all'educazione cristiana e vocazionale, in particolare per i giovani; le sue opere sono spesso contraddistinte da uno stile acuto ed ironico.

  • «Sul rapporto delle lettere di Ignazio di Antiochia con il Vangelo di Giovanni», in La Scuola Cattolica 119 (1991) 514-525.
  • (con Silvano Casiraghi) Il contro-contro. Come una lotta l'obbedienza allo spirito di Dio (=Ti ascolto, 4), Torino, Paoline, 1984. ISBN 978-88-215-0704-1
  • Io scelgo la pace. Vignette, pensieri, domande irrequiete per un argomento che scotta (=Vita più, II serie, 19), Cinisello Balsamo, San Paolo Edizioni, 1986. ISBN 978-88-215-1032-8.
  • Caccia al tesoro. Sette incontri vocazionali per ragazzi (=Meeting, 3), Cinisello Balsamo, San Paolo Edizioni, 1987. ISBN 978-88-315-0018-0.
  • (con Angelo De Simone) Da Gerusalemme a Emmaus. Quattordici soste di preghiera per gruppi giovanili (=Insieme, 13), Milano, Edizioni paoline, 1988. ISBN 978-88-315-0088-0
  • Dizionario della vita quotidiana (=Quaderni di parola e comunità, 14), Venegono Inferiore, Seminario di Milano - Comunità di ginnasio e liceo, pref. 1992
  • «La formazione del Pastore verso l'esercizio del Ministero», in La Scuola Cattolica 123 (1995) 513-525.
  • Reverendo che maniere! Piccolo Galateo Pastorale. Appunti affettuosi e scanzonati per preti in cammino verso il terzo millennio (=L'antica fonte, 36), Cinisello Balsamo, San Paolo Edizioni, 1998. ISBN 978-88-215-3591-8; edizione polacca Wielebny, co za maniery!: mały, braterski poradnik dla księży, traduzione di Irena Burchacka, Warszawa, Wydawnictwo Księży Marianów, 1999. ISBN 978-83-711-9248-7.
  • La via del sale. 54 storie per ogni settimana dell'anno (=Serie "Vita comune"), Seveso, Seminario Arcivescovile di Milano, 1998.
  • L'esperienza del diaconato permanente, in «La Scuola Cattolica», 136, 3, luglio-settembre 2008, p. 369-375. ISSN 0036-9810 (WC · ACNP)
  • Con il dovuto rispetto. Frammenti di saggezza all'ombra del campanile (=L'antica fonte), Cinisello Balsamo, San Paolo Edizioni, 2011. ISBN 978-88-215-7071-1
  • E la farfalla volò. 52 storie sorprendenti, Milano, Àncora, 2016. ISBN 978-88-514-1773-4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rinunce e nomine. Nomina di vescovi ausiliari di Milano (Italia), su press.vatican.va, 13 luglio 2007. URL consultato il 7 luglio 2017.
  2. ^ Rinunce e nomine. Rinuncia dell'Arcivescovo Metropolita di Milano (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va, 7 luglio 2017. URL consultato il 7 luglio 2017.
  3. ^ È Delpini il nuovo arcivescovo di Milano. «Qui nessuno si senta straniero», su avvenire.it, 7 luglio 2017. URL consultato il 7 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) David Cheney, Mario Delpini, su Catholic-Hierarchy.org. URL consultato il 7 luglio 2017. Modifica su Wikidata
Predecessore Vescovo titolare di Stefaniaco Successore BishopCoA PioM.svg
Luis Robles Díaz 13 luglio 2007 - 7 luglio 2017 sede vacante
Predecessore Segretario generale della Conferenza Episcopale Lombarda Successore Mitra heráldica.svg
Angelo Mascheroni 2007 - 2016 Giuseppe Scotti
Predecessore Arcivescovo metropolita di Milano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Angelo Scola dal 7 luglio 2017 in carica
Predecessore Gran cancelliere della Facoltà Teologica dell'Italia settentrionale Successore
Angelo Scola dal 7 luglio 2017 in carica
Controllo di autorità VIAF: (EN102028908