Congregazione dei vescovi e regolari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Congregazione dei vescovi e regolari
Congregatio episcoporum et regularium
Emblem of the Holy See usual.svg
Eretto 1601 da papa Clemente VIII
Soppresso 29 giugno 1908 da papa Pio X
Successori Congregazione Concistoriale e Congregazione dei religiosi
Santa Sede · Chiesa cattolica
I dicasteri della Curia romana

La Congregazione dei vescovi e regolari, in latino Congregatio episcoporum et regularium, era un organismo della Curia romana, oggi soppresso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Congregazione dei vescovi e regolari nasce nel 1601 con papa Clemente VIII che unì due precedenti dicasteri della Curia romana:

  • la Congregatio super consultationibus episcoporum (Congregazione sulla consultazione dei vescovi), fondata da papa Gregorio XIII nel 1576;
  • e la Congregatio super consultationibus regularium (Congregazione sulla consultazione dei regolari), voluta da papa Sisto V nel 1586.

Le due istituzioni furono confermate nella costituzione Immensa Aeterni Dei con la quale Sisto V, il 22 gennaio 1588, riformava la Curia papale. A partire dal 1593 esse ebbero un unico prefetto e nel 1601 i documenti pontifici segnalano il loro accorpamento, senza un atto formale in proposito, sotto il nome di Congregatio negotiis et consultationibus Episcoporum et Regularium praeposita, nota in seguito con il nome di Congregatio episcoporum et regularium.

Nel Settecento e nell'Ottocento sorsero conflitti di competenza con altri due dicasteri romani, la Congregazione della disciplina dei regolari, istituita nel 1698, e la Congregazione sullo stato degli ordini regolari, creata nel 1846. Nel 1856 papa Pio IX decise che da quel momento i prefetti della Congregazione dei vescovi e regolari assumessero anche l'incarico di prefetti della Congregazione della disciplina dei regolari. Nel 1906 le Congregazioni della disciplina dei regolari e sullo stato degli ordini regolari furono soppresse e le loro competenze affidate alla Congregazione dei vescovi e regolari; a quest'ultima furono inoltre assegnate in esclusiva le competenze sui seminari.[1]

La Congregazione fu soppressa da papa Pio X con la Sapienti consilio del 29 giugno 1908. Le competenze relative ai vescovi e ai seminari passarono alla Congregazione Concistoriale, quelle relative ai religiosi alla nuova Congregazione dei religiosi[1].

Cronotassi dei prefetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Motu proprio Ministrorum institutio, 16 gennaio 2013.
  2. ^ Dalla biografia nel: Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 57 (2001).
  3. ^ Dal sito requiem-projekt.de.
  4. ^ Già pro-prefetto della medesima Congregazione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]